Tutte le reti mobili (o quasi) in un solo chip

Qualcomm ha lanciato quello che definisce il primo chip per telefoni cellulari in grado di integrare il supporto ai due maggiori standard al mondo di reti mobili: GSM e CDMA

San Diego (USA) - L'evoluzione tecnologica ci ha ormai abituati alla progressiva integrazione, in unità di spazio sempre più piccole, di un crescente numero di funzionalità che prima richiedevano più chip dedicati. Questo fenomeno è particolarmente importante nel settore mobile, dove ad un numero inferiore di chip equivalgono a dimensioni più piccole dei dispositivi e ad inferiori consumi energetici.

E' con questi obiettivi che Qualcomm ha lanciato un chip, denominato MSM6300, che integra il supporto ai due maggiori standard di reti cellulari: CDMA e GSM, rispettivamente gli standard dominanti negli Stati Uniti e in Europa. L'azienda sostiene che la sua è la prima soluzione a singolo chip capace di includere il supporto ai due maggiori standard per la telefonia mobile, incluso il GPRS, oggi utilizzati nel 90% delle reti wireless mondiali.

Qualcomm ha spiegato che l'MSM6300 consentirà ai produttori di costruire telefoni cellulari cosiddetti "dual-mode" più piccoli degli attuali e più economici: questi due fattori potrebbero anche spingere, secondo alcuni analisti, il supporto integrato delle reti CDMA e GSM verso il mercato di massa.
Qualcomm produce anche un altro chip dual-mode, l'MSM6200, che integra il supporto alle reti GSM/GPRS e UMTS.
1 Commenti alla Notizia Tutte le reti mobili (o quasi) in un solo chip
Ordina