Esposte le email dei clienti di una e-banca

Accade ad un celebre istituto di credito americano che attribuisce ad un errore umano l'imperdonabile accadimento. Imbarazzo presso la Bank of the West. Talvolta capita

Roma - La banca è una di quelle istituzioni che sulla sicurezza e la gestione della sicurezza costruisce la propria immagine. Quando si viene alle banche online, poi, la capacità di sapersi dotare di apparati innovativi e sicuri diviene decisiva per vincere la naturale diffidenza degli utenti. Ma ogni sforzo può venire vanificato da un "errore umano".

Proprio di errore umano parlano in queste ore gli imbarazzati responsabili dell'istituto Bank of the West, istituto responsabile per aver esposto online gli indirizzi email di migliaia dei propri clienti.

La causa, oltre ad una leggerezza imperdonabile, è da ricercarsi nell'assenza di un sistema di gestione automatico della messaggistica della banca. Ed è così accaduto che lunedì Bank of the West abbia avvertito i propri clienti online che il prossimo weekend i sistemi sarebbero stati sospesi per consentire alcuni aggiornamenti. Uno di questi avvertimenti era un'email che nel campo "To" ("A:") elencava in chiaro la bellezza di più di 3.300 indirizzi email di altrettanti clienti.
In una nota, l'istituto di credito ha sottolineato: "Siamo profondamente spiacenti che a causa di un errore umano il vostro indirizzo email non sia stato nascosto. Abbiamo attivato le necessarie procedure per assicurarci che in futuro non succeda di nuovo".

Va detto che tra errori umani, attacchi di cracker o guasti di sistema incidenti di questo tipo accadono spesso. Uno dei maggiori, che si ricordano in queste ore sulle cronache, è quello accaduto ad Amazon.com a marzo 2001. Anche in quell'occasione non bastò l'imbarazzo a salvare la situazione...
TAG: sicurezza
2 Commenti alla Notizia Esposte le email dei clienti di una e-banca
Ordina
  • Un giorno, allo sportello di un grosso istituto di credito italiano, mi sono accorto di avere a 20cm dal mio naso un bel pacco di fogli con indicate in bella vista username/password dei clienti per accedere ai servizi online dell'istituto....
    Se si pensa che con quei codici e' possibile vedere estratti conto, fare bonifici, investire in borsa, ecc...
    Lo feci notare all'impiegato che penso' bene di minimizzare la gravita' della cosa della cosa e risolvere coprendo con un foglietto....

    Se prima avevo una mezza idea di accedere al mio conto via internet adesso mi e' completamente passata.....
    non+autenticato


  • - Scritto da: Jack
    > Un giorno, allo sportello di un grosso
    > istituto di credito italiano, mi sono
    > accorto di avere a 20cm dal mio naso un bel
    > pacco di fogli con indicate in bella vista
    > username/password dei clienti per accedere
    > ai servizi online dell'istituto....
    > Se si pensa che con quei codici e' possibile
    > vedere estratti conto, fare bonifici,
    > investire in borsa, ecc...
    > Lo feci notare all'impiegato che penso' bene
    > di minimizzare la gravita' della cosa della
    > cosa e risolvere coprendo con un
    > foglietto....
    >
    > Se prima avevo una mezza idea di accedere al
    > mio conto via internet adesso mi e'
    > completamente passata.....

    ...e poi ci si lamenta dell' impennata di frodi informatiche. Sta pur certo che non utilizzerò mai c/c on line.
    non+autenticato