L'Umbria sarÓ coperta dal WiMax

La regione siglerÓ oggi un accordo con AriaDSL per sviluppare la copertura della regione con il broad band wireless

Roma - C'è aria di WiMax in Umbria: le istituzioni vogliono vedere la regione dotata di accesso a banda larga su Internet nell'intero territorio. Un obiettivo che comincerà a concretizzarsi oggi, con un accordo che la Regione Umbra stipulerà con AriaDSL.

Sale dunque alla ribalta l'operatore che nella gara per le licenze WiMax dalla sua posizione di outsider si era trasformato in asso pigliatutto: AriaDSL ha infatti deciso affiancarsi alla regione per un progetto che è finalizzato a coprire l'intero territorio umbro con la tecnologia wireless.

L'intesa sarà siglata oggi a Palazzo Donini a Perugia. I firmatari della lettera d'intenti che costituirà, di fatto, la posa della prima pietra del progetto, saranno la presidente della Regione Maria Rita Lorenzetti e Davidi Gilo, presidente di AriaDSL e azionista di riferimento dell'azienda attraverso il fondo Gilo Ventures II L.P..
L'evento vedrà la presenza dell'assessore regionale alle Infrastrutture tecnologiche Lamberto Bottini e dell'amministratore delegato di AriaDSL Mario Citelli, e sarà l'occasione per esporre finalità e programmi del progetto, per snocciolare numeri sugli investimenti e sui livelli occupazionali che si potranno raggiungere.
4 Commenti alla Notizia L'Umbria sarÓ coperta dal WiMax
Ordina
  • ...dimenticavo.

    Il valore aggiunto di cui parli, ha un senso quando è spendibile (quindi fruibile) non quando è teorico (quindi non spendibile). Sono certo che non è stato ben interpretato quanto avevo scritto prima...

    A presto
    Antonio Grillo

    website: http://www.antoniogrillo.it

    blog: http://antoniogrillo.wordpress.com
    non+autenticato
  • Ottime iniziative ma...
    una volta costruite le "autostrade" cosa vedremo sfrecciare?

    Sevizi scarsamente usabili, disastrosamente accessibili.

    Risultato? Pochi potranno usifruirne, senza il ROI sperato.

    Soluzione? Aumentare la cultura dell'usabilità e dell'accessibilità in chi progetta ed in chi amministra

    http://antoniogrillo.wordpress.com
    htp://www.antoniogrillo.it
    non+autenticato
  • - Scritto da: Antonio Grillo
    > Ottime iniziative ma...
    > una volta costruite le "autostrade" cosa vedremo
    > sfrecciare?
    >
    > Sevizi scarsamente usabili, disastrosamente
    > accessibili. (...)

    tu hai seri problemi.. continui a scrivere questa cosa sul forum, non realizzando che "l'autostrada" separata dai contennuti è un plusvalore. che si sta inseguendo da tempo, in italia, tra l'altro. Cercando per es di estrapolare l'accesso al network di telecom (l'incumbent) dagli altri. Si parla costantemente di neutralita' della rete ecc.. e tu ti preccupi del fatto che non ci saranno servizi? Pensiamo a costruire un autostrada di qualita', separata dai contenuti. E quelli verranno da soli......
    non+autenticato
  • Perdonami,

    probabile tu non abbia colto l'intento del mio post.

    Non ho mai detto che ho preoccupazione affinche non ci siano servizi, bensì sono preoccupato per la non usabilità e accessibilità della ricchezza dei servizi.

    La provocazione era la seguente (magari ora sarò più chiaro)
    Che allarghiamo a far ele strade se quello che ci passa non è facile da usare e non è accessibile a tutti?
    non+autenticato