USA, č Google la pių apprezzata

BigG in cima alle chart, con Microsoft precipitata al 10mo posto

Roma - Nuovi sondaggi tra gli statunitensi, compresi i dipendenti delle grandi corporation USA, indicano che l'azienda più apprezzata e che sarebbe la favorita per molti lavoratori è Google. BigG ha conquistato la vetta di questa singolare classifica, che ha invece relegato la rivale nel comparto web, Microsoft, al 10mo posto.

Google in testaStando alla nuova ricerca sul "Reputation Quotient" di Harris Interactive, di Google viene apprezzato il modo in cui i suoi lavoratori sono trattati, la cura per l'ambiente di lavoro ma anche l'attenzione rivolta ai temi dell'ambiente.

Microsoft, che fino all'anno scorso deteneva la palma della classifica, è ora scesa al 10mo posto. Molto peggio di lei hanno fatto le compagnie aeree, sempre meno appealing per gli statunitensi.
Il sondaggio è stato effettuato in due "ondate" su un totale di circa 30mila americani.
4 Commenti alla Notizia USA, č Google la pių apprezzata
Ordina
  • Secondo me l'appetibilità di una azienda per un lavoratore è direttamente proporzionale alla capacità dell'azienda di generare altissimi margini.

    Infatti quando ci sono altissimi margini c'è la possibilità di creare quei "commodity goods", quei benefits che un lavoratore apprezza.

    diciamo che forse queste classifiche segnano anche un po' la percezione di un declino o di una crescita da parte del grande pubblico rispetto alle aziende.
    non+autenticato
  • Ti parlo da dentro uno dei più grandi gruppi bancari italiani.
    Parliamo di banche, di usurai, di coloro che hanno soldi a palate anche in virtù della riserva frazionaria e di inciuci con governi, politici e istituzioni.

    Le banche sono le più ricche, ma anche le più tirchie. Gli ambienti di lavoro non sono competitivi, sono uguali alle caserme dell'addestramento reclute, con i caporali anziani che ti fanno angherie, nessuna collaborazione, ognuno cura il proprio orticello.

    La paura costante che domani viene uno più bravo e si prende il tuo posto fa fare a questi signori cose come darti informazioni false, perfino pisciare sul manico dello scopino in bagno per far dispetto ai colleghi che lo toccheranno.

    L'hardware è vecchio, regnano sovrane le grandi aziende che vengono a vendere merda di sistemi operativi e carrozzoni di ferro sovrapprezzati, e i commerciali che comprano tutto da quelle aziende ma il minimo indispensabile nei budget viene dedicato alle risorse umane. Anzi aumenta il controllo interno, con telecamere ovunque, e tornelli da cui sei obbligato a passare usando la tua tessera microchippata per poter tracciare continuamente i tuoi spostamenti tra le varie aree dell'edificio, soprattutto la mensa e il tempo che impieghi per mangiare. Per motivi di sicurezza dirai tu? Si ma poi tutte le macchine hanno le stesse password di root divise per ambienti e il file che le contiene tutte è facile da trovare e ha anch'esso la mirabolante password pippo o nome dell'azienda.

    Nessun aggiornamento se non pianificato, nessuna innovazione.
    L'introduzione di Linux usato esattamente come un qualsiasi sistema operativo commerciale pagandone l'assistenza al manutentore (Red Hat, Novell) e l'introduzione delle macchine virtruali VmWare al solo scopo di installarci gli onnipresenti Windows 2000 Server per poterli riavviare da remoto invece che mandare continuamente qualcuno a premere il tastino quando si bloccano per l'ennesima volta in una settimana.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Ti parlo da dentro uno dei più grandi gruppi
    > bancari
    > italiani.[CUT]

    che per caso lavori in UBI Banca?

    che mi pare di riconoscere cose già viste...
  • - Scritto da: iRoby
    > Ti parlo da dentro uno dei più grandi gruppi
    > bancari
    > italiani.

    Ecco sì appunto...volevo aggiungere al mio commento che spesso e volentieri la percezione è da fuori... magari quando si entra, si cambia subito ideaSorride

    Fermo restando che l'italietta non si smentisce mai... anche se i casi di eccellenza esistono anche da noi.
    non+autenticato