Atari: rimuovete quelle recensioni

La casa sarebbe partita lancia in resta contro quei siti che hanno pubblicato recensioni di Alone in the Dark prima dell'uscita. I legali dell'azienda vorrebbero la rimozione dei testi. Che peraltro stroncano il game

Roma - Circola rapidamente, gonfiandosi di ora in ora, la notizia di un'azione legale che Atari, storico marchio del mondo videoludico, starebbe conducendo contro alcuni siti web. Sarebbero colpevoli, stando a quanto riportato da siti di settore, di aver pubblicato recensioni di giochi non ancora usciti sul mercato utilizzando software pirata non autorizzato, e dunque falsando i risultati.

la copertina del giocoApparentemente, Atari ritiene che qualcuno di coloro che ha pubblicato quelle recensioni, peraltro spesso negative, lo abbia fatto violando gli accordi di riservatezza assunti con l'azienda. Atari minaccerebbe dunque un'offensiva legale contro tutti quei siti, di varia nazionalità, che hanno pubblicato review di uno dei titoli di punta della casa.

Ad annunciare di essere oggetto dell'azione dei legali Atari era stato già nei giorni scorsi il sito tedesco 4players.de, secondo cui l'offensiva sarebbe da leggere come una reazione al fatto che le recensioni di Alone in the Dark, il titolo della casa, non siano positive. Il sito afferma che i legali di Atari avrebbero scritto anche per affermare che la copia usata per i test non può che essere una copia scaricata illegalmente, in quanto la copia da recensire non era stata inviata dall'azienda al sito nei tempi per quella recensione poi pubblicata. Un'accusa che il sito respinge, sostenendo che da anni, come altri player del settore, riesce spesso a farsi consegnare in anticipo dai dealer copie di giochi di imminente uscita. Il sito ha peraltro deciso di non rimuovere la propria recensione.
Ci sono poi siti che ci vanno giù pesante nel ricostruire l'accaduto, rispedendo peraltro al mittente qualsiasi accusa. Come Gamer.nl, ad esempio. Fa sapere che non più di un'ora dopo la pubblicazione della recensione, "Atari ha chiamato chiedendo che la rimuovessimo, sostenendo che vi era un embargo fino a venerdì. Ma la nostra copia da recensire ci era stata inviata da Atari stessa, non è una copia pirata. E ci hanno detto esplicitamente che avrebbero consentito la pubblicazione prima dell'embargo solo a recensioni che fornissero un alto punteggio" (al gioco, ndr.).

Situazioni del tutto simili sono state riportate da altri siti, come Gamer.no, che ha pubblicato una recensione tutt'altro che favorevole.

Al momento Atari, controllata da Infogrames, non ha smentito né confermato l'accaduto.
39 Commenti alla Notizia Atari: rimuovete quelle recensioni
Ordina
  • C'e' poco da girarci su.
    1) Avete spedito voi la copia non mirata ? (Cosa perfettamente dimostrabile).

    2) Il gioco fa effettivamente schifo e avete ricevuto pareri negativi da tutti ? Se lavorate con il cu*o non capisco perchè la colpa dovrebbe essere di altri se non vostra.

    3) Odio gli intrallazzi. Che vuol dire che la recensione va fatta solo con voti alti ?!?!?!?! Infami e bugiardi. Le riviste che leggiamo vengono pagate apposta per la loro capacita' di essere superpartes durante una recensione.
    Se venissi a sapere che le corrompete o le minacciate non solo FAREI IO causa a voi, ma pure alla testata che ha ricevuto pressioni/mazzette per trarmi in inganno e spendere dei soldi che non avrei speso.

    Se vengo a sapere che e' vero che Atari si comporta così o che qualche testata è consenziente a queste porcate state pur certi che pubblichero' una bella nozia sul mio BLOG dove dichiarerò sulla base di sentenze o prove veritiere che SIETE DEGLI INFAMI.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 giugno 2008 12.44
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: uranux

    > 3) [...]
    > Se venissi a sapere che le corrompete o le
    > minacciate non solo FAREI IO causa a voi, ma pure
    > alla testata che ha ricevuto pressioni/mazzette
    > per trarmi in inganno e spendere dei soldi che
    > non avrei
    > speso.


    Indipendentemente dal comportamento di ATARI in questo caso,
    praticamete tutte le riviste di OGNI SETTORE vivono di pubblicità. Non si chiama corruzione, ma semplicemente scambio di favori o cmq il sistema di lavoro in campo di informazione:

    Io metto la pubblicità sul tuo giornale, e tu pubblichi un articolo favorevole su un mio prodotto (o addirittura pubblichi un articolo SCRITTO DIRETTAMENTE dal produttore o associato del caso).

    Sto parlando x esperienza personale, quindi prendete sempre con le pinze articoli di riviste di settore che decantano qualità incredibili di questo o quel prodotto (sopratutto se a fianco o nelle pag. successive si trova la pubblicità della stessa azienda!!)

    In qualche misura le riviste online possono considerarsi + libere (non dovendo far conto con i costi di stampa e distribuzione, resi etc...) ma è sempre bene informarsi sulla reputazione della rivista / autore...
    non+autenticato
  • Io penso solo al lustro di articoli con voti tipo 75 che ho letto sui vari fifa...
  • Approvo in pieno.
    Da ora in poi terrò fede a controllo di questo tipo.
  • Mi era venuto il dubbio, visto che su una nota testata del settore ogni volta la sequenza era:

    Voto Alto al gioco, pubblicità del gioco dopo due pagine.
    E ogni volta, dopo l'acquisto, io avrei dato un voto più basso...

    Al che il sospetto mi è venuto legittimo...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 giugno 2008 16.24
    -----------------------------------------------------------
  • Il giorno dopo per qualche strana ragione un incendio in sala server distruggerà solo quello che contiene il tuo blog più un secondo eventuale con i backup
  • - Scritto da: uranux
    > Se vengo a sapere che e' vero che Atari si
    > comporta così o che qualche testata è
    > consenziente a queste porcate state pur certi che
    > pubblichero' una bella nozia sul mio BLOG dove
    > dichiarerò sulla base di sentenze o prove
    > veritiere che SIETE DEGLI
    > INFAMI.

    Caspita, alla Atari non ci dormiranno la notte davanti a questa minaccia...
    non+autenticato
  • Era un esempio per assurdo ....
    Del resto qui in italia non si è mai sentito parlare di Class Action ... altrimenti.
  • semplice cartina di tornasole...

    cerca tutte le recensioni di alone in the dark e segna tutte le riviste che gli danno voti alti, aggiungici anche la data di pubblicazione della recensione e ti fai un'idea dell'intrallazzo che puo' permettersi un'azienda come quella.Sorride

    Beh poi fai altrettanto con altre case... e hai un bel matricione di mentitori a pagamento... ma perche' lamentarsi.. siamo tutti consapevoli delle intenzioni delle pubblicita' politiche o non, devo darti l'impressione di darti quello che cerchi... non devono firmare con il sangue che lo faranno...Sorride

    Bello... si potrebbe fare un sito con tutte le recensioni dove le voti:
    1) bella
    2) ottima
    3) magnifica
    4) bugiardi
    5) ladri
    6) bastardi
    7) non lo comprero' mai dopo aver letto quello che avete scritto.
    8) cavoli ho comperato il gioco prima di leggere la vostra recensione.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 giugno 2008 13.47
    -----------------------------------------------------------
  • Ovvero:
    se ne parlate bene, potete pubblicare per primi, magari pure in anticipo.
    Se ne parlate male, dovete aspettare che vi autorizziamo (ovviamente ben dopo che i leccacu*isti avranno pubblicato lo scoop)
    Peccato che c'è una cosa chiamata libertà di parola... almeno finché il ns. amato governo non ce la toglie "per il nostro bene"
    Funz
    12989
  • - Scritto da: Funz
    > Ovvero:
    > se ne parlate bene, potete pubblicare per primi,
    > magari pure in
    > anticipo.
    > Se ne parlate male, dovete aspettare che vi
    > autorizziamo (ovviamente ben dopo che i
    > leccacu*isti avranno pubblicato lo
    > scoop)
    > Peccato che c'è una cosa chiamata libertà di
    > parola... almeno finché il ns. amato governo non
    > ce la toglie "per il nostro
    > bene"

    You had committed thoughtcrime.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ministry of Love

    > You had committed thoughtcrime.

    I can haz cheezbrgrz.
    non+autenticato
  • parafrasando i sommi poeti:
    E questo è stato fatto nel segno dell'amore
    perché l'amore è importante,
    l'amore è un qualcosa di essenziale,
    sembra che nella Atari non ci sia
    e invece dopo c'è,
    tu dici: "Ma l'amore nella Atari non c'è".
    No, guardando bene
    lo trovi in ogni piccolo particolare.
    non+autenticato
  • Sei sicuro che il sommo poeta non si chiami Elio ?

    Atari, dispensa amore.
    Atari è l'amore.
    Infatti ce lo vuol mettere in culo con tanto, ma tanto, tanto, tanto amore.

    Alone in the Ass
  • Ho giocato alla versione definitiva del gioco per Xbox360 in un totem allestito in occasione del festival del videogioco a Milano.
    L'unica cosa da incubo sono la telecamera e i controlli.
    Una vera sofferenza anche solo andare avanti senza incontrare nemici.

    Atari non vuole la rimozione delle recensioni perché uscite in anticipo, ma peché il gioco viene inevitabilmente stroncato.
    E loro affidavano al brand una probabilità di resurrezione di una barca che invece va a fondo rapidamente.
    non+autenticato
  • E' vero, il gioco è una vera porcheria. La versione per PC è ancora peggio di quella per 360.
    non+autenticato
  • Occhio che adesso la Atari denuncia pure voi AHAHAH
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > E loro affidavano al brand una probabilità di
    > resurrezione di una barca che invece va a fondo
    > rapidamente.

    Dopo quella m&rd@ di Neverwinter nights 2 (noiosissimo e così pieno di bug che a 2 anni dall'uscita e almeno 10 patch non sono ancora riuscito a finirlo causa crash) avrebbero fatto meglio a dedicarsi alla vita nei campi.
    non+autenticato
  • .. Questa frase non è solo il titolo del gioco ma anche come atari vuole che il possibile aquirente arrivi dinnanzi al gioco stesso; solo e senza delle recensioni obbiettive che lo consiglino e che lo aiutino a capire se il gioco in questione è o meno una "ciofeca".

    Inoltre non vedo a che pro comportarsi così con i siti che si occupano delle recensioni, dato che prendendo questa linea d'azione porteranno pubblicità a tali recensioni invitando più utenti a leggerle, cosa che dati i contenuti delle suddette recensioni, atari certo non vuole.

    Posto ciò, non credo che vi giocherò in quanto l'ambientazione urbana toglie a mio parere il fascino di questo adventure horror, senza contare che da ciò che ho visto, il gioco sembra essere diventato un semplice sparatutto d'azione; non ho letto le recensioni e potrei sbagliarmi, comunque tale è il mio parere.
  • E non è un caso che non abbiano fatto uscire la demo!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andrea
    > E non è un caso che non abbiano fatto uscire la
    > demo!!

    Eheh stavo per scriverlo io A bocca aperta
    non+autenticato
  • ...che le riviste che ricevono i giochi da testare, DEVONO per forza fornire sempre risultati positivi, affossando qualsiasi spirito critico.
    Non basta che la cosa era risaputa ma non si diceva, oramai la regola è andarci diretti con i messaggi intimidatori...
  • Mah! Io ho letto la recesione di IGN che non credo proprio abbia a che fare con download di copie illegali.
    Non sono molto contenti nemmeno loro.
    La cosa mi delude molto...perchè mi sebrava promettente come gioco. Le critiche più pesanti poi sono proprio a livello di game design...il che è davvero grave per un gioco di quella portata.

    Sfido io che Atari non sia contenta. Chissà quanti milioni è costato quel gioco...Anche se alla fine penso che una buona fetta di persone lo prenderà ugualmente.
    non+autenticato
  • Ma Atari al suo interno non aveva nessuno abbastanza sveglio da capire che stava sfornando una porcheria ?
    Forse avrebbe potuto fare come nei Simpson dove tenevano una squadra di bambini a provare il gioco e fornire dei pareri.
    Mi pare abbastanza evidente che dietro a questo gioco non c'è nessun progetto serio oltre allo sfruttamento commerciale di un marchio ad alto richiamo
  • "non sono contenti"???

    IGN ha stroncato il gioco con un 3,5 su 10!! Tra i voti più bassi che abbia mai dato!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andrea
    > "non sono contenti"???
    >
    > IGN ha stroncato il gioco con un 3,5 su 10!! Tra
    > i voti più bassi che abbia mai
    > dato!

    Beh, però nessun gioco raggiungerà mai i livelli di "Big Rigs: Over the Road Racing", la cosa più assurda mai prodotta!!!

    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino
    > - Scritto da: Andrea
    > > "non sono contenti"???
    > >
    > > IGN ha stroncato il gioco con un 3,5 su 10!! Tra
    > > i voti più bassi che abbia mai
    > > dato!
    >
    > Beh, però nessun gioco raggiungerà mai i livelli
    > di "Big Rigs: Over the Road Racing", la cosa più
    > assurda mai
    > prodotta!!!
    >
    > http://www.youtube.com/watch?v=mB1zWEhgrLs
    DelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDeluso
    è... imbarazzante!
  • no ma dai, mica esiste veramente? non è che è qualche demo di un engine grafico senza collisioni etc?
    perchè se riescono a vendere qualcosa del genere allora io dovrei essere ricco con i miei giochi fatti con gamemaker
    è assolutamente imbarazzante
    Wolf01
    3342
  • Guarda... Da uno che "era nel campo" ti posso dire che la cosa funziona così per quasi tutte le recensioni.
    Dai voti "reali"? Bene, la roba ti arriva con 2/3 settimane di ritardo sulla concorrenza, non avrai la nostra pubblicità, non verrai invitato alle nostre conferenze... ben presto la voce di diffonderà tra i produttori e la tua rivista/il tuo sito saranno sempre in ritardo sulla concorrenza. Quindi, per essere stato onesto, i tuoi lettori ti abbandoneranno perché pubblichi roba "vecchia".

    Sei disponibile? Beh, allora ti mandiamo le anteprime con il corriere espresso, no, non restituirle, tienile. Poi... C'è una conferenza sul lago XY, dura un paio di giorni, a spese nostre... Porta pure la moglie, i figli, l'amante... Paghiamo noi. Però ci dai un mezzo punto in più, eh? Si, quel navigatore GPS appena uscito è da provare, tienilo, qui ne abbiamo tanti... Già che ci siamo... Se il punteggio è proprio alto... Magari un paio di pagine di pubblicità te le compriamo, ok?

    Ricordo che, spesso, la pubblicazione nei CD delle demo (specialmente di giochi) non era un problema della redazione ma si trattava di accordi commerciali. Spesso "saltavano" belle demo a favore di demo o versioni precedenti di roba inguardabile solo perché dietro c'erano pagine di pubblicità.
    Non si salva nemmeno l'hardware... L'ultima scena a cui ho assistito è stata di una direttrice che litigava con il suo superiore perché aveva osato pubblicare una prova comparativa di CPU e uno dei produttori coinvolti (di grande fama ma in perdita in quella comparativa) aveva chiamato l'editore che ha chiamato il responsabile del settore che ha chiamato lei...

    Insomma: NON crede alle recensioni o agli articoli "redazionali". Oggi c'è la possibilità di provare prima di comprare: FATELO.

    (Per inciso... La direttrice in questione ha tenuto duro e sta tenendo ancora duro. Io ho lasciato la carta stampata perché c'è un limite a tutto e l'avevo superato. Però, in 15 anni, mi son divertito tantissimo.)
    non+autenticato
  • Insomma, si può dedurre abbastanza facilmente che le riviste che danno dei voti credibili, i giochi se li comprano di tasca loro, se li fanno dare dal negozio sotto casa, se li scaricano dal mulo.
  • contenuto non disponibile
  • Quello si chiama giudizio degli utenti, è in qualche modo slegato (o verrà taroccato anch'esso ?)