UK, telefonare dal carcere costa caro

Rappresentati da alcune associazioni di consumatori, i detenuti dei penitenziari del Regno Unito lamentano il problema del caro-telefono: chiamare i propri familiari dal carcere costa sette volte di pi¨ che da un telefono pubblico

Roma - C'è chi si lamenta della bolletta telefonica per le chiamate effettuate da casa. E c'è chi non è comunque contento dei costi che sostiene per chiamare casa da fuori. Questo vale anche nel Regno Unito, la cui Authority TLC - l'Ofcom - negli ultimi tempi sta ricevendo molte lamentele da un particolare gruppo di utenti: i detenuti.

Accade infatti che nel reame di Elisabetta II, alcune associazioni di consumatori abbiano rivolto al regolatore britannico un esposto ufficiale in cui si sottolineano gli elevatissimi costi sostenuti dai detenuti delle case di pena per le chiamate telefoniche. Nel reclamo si legge che una chiamata della durata di trenta minuti destinata ad un'utenza fissa, ed effettuata da un telefono messo a disposizione dei detenuti, costa oltre sette volte di più di una telefonata da un telefono pubblico.

Le tariffe applicate da BT (in Inghilterra e Galles) e Siemens in Scozia, secondo le associazioni, sarebbero così proibitive che circa il 50% delle telefonate dei reclusi dura meno di tre minuti. I tre gruppi di difesa del consumo, sostenuti dal Prison Reform Trust (PRT), chiedono dunque un congruo ribasso dei costi applicati su questa tipologia di traffico telefonico, che generano un business ingiustificato: Philip Cullum, responsabile del National Consumer Council, osserva: "Siamo molto preoccupati per questo genere di mercato. Il fatto che gli utenti in questo caso siano detenuti, non significa che debbano pagare oltremisura per utilizzare il telefono".
Juliet Lyon, direttrice del PRT, conferma l'importanza della questione: "╚ noto che, per i reclusi che mantengono i contatti con le proprie famiglie, si riduce il rischio di ripetere il reato o - in casi più gravi - di episodi di auto-lesionismo e suicidi. ╚ nell'interesse di tutti dare ai detenuti la possibilità di chiamare i propri cari, tariffe proibitive possono tradursi in profitto per pochi, ma non contribuiscono certo ad una società più sicura", conclude Lyon.