Gaia Bottà

RIAA restituirà oltre 100mila dollari

E' salato il conto presentato all'industria della musica dalla madre accusata di pirateria ma assolta dai giudici. Tanya Andersen continuerà a lottare

Roma - Tanya Andersen, combattiva madre accusata dall'industria della musica di essere una infida piratessa, assolta lo scorso anno aveva presentato a RIAA un conto di 300mila dollari: questo, hanno sostenuto i legali della donna, il valore delle prestazioni fornite dagli avvocati che hanno difeso la sua innocenza.

Tanya AndersenFallito l'accordo extragiudiziale con cui l'industria dei contenuti mira a pacificare questo genere di questioni, impossibilitata a dimostrare che Andersen avesse trafficato in file musicali a mezzo Kazaa, RIAA ha tentato di ridimensionare la nota spese di Andersen: non può chiedere più di 30mila dollari, rivendicavano gli avvocati delle etichette di fronte al giudice James A. Redden.

Il magistrato ha fatto i conti: RIAA dovrà mettere mano al portafogli e restituire ad Andersen 107mila dollari e qualche spicciolo.
Sarà probabilmente denaro con cui Andersen alimenterà la crociata legale che sta conducendo contro l'industria della musica: accusa RIAA di costituire un'associazione a delinquere dedita a seminare il terrore sferrando contro onesti cittadini procedimenti legali ingiustificati. (G.B)

(fonte immagine)
4 Commenti alla Notizia RIAA restituirà oltre 100mila dollari
Ordina