markvp

Stampa, ché m'hanno squarciato una gamba

Con sostanziosi finanziamenti alle spalle, procedono gli studi di medicina rigenerativa. Pistole e stampanti per cicatrizzare ferite e ricostruire organi di fortuna

Roma - L'Istituto per la Medicina Rigenerativa delle Forze Armate statunitensi ha ufficialmente investito 250 milioni di dollari in un arco di cinque anni. La mira? La più eclatante è una particolare pistola che spari speciali cellule staminali su una ferita e la faccia guarire nell'arco di poche ore. Intuitivo che, estendendo il concetto, a questa possibilità se ne aggiungono infinite altre.

L'interesse dei militari su tali tecnologie - reso pubblico già da qualche mese - è lapalissiano: fare in modo che un militare, ferito in modo anche serio ma non troppo invalidante, possa guarire il prima possibile, quasi da solo, possibilmente senza alcun intervento medico e in totale sicurezza. Una mira piuttosto ardimentosa, ma comprensibile se si pensa alle menti che la concepiscono: essendo una tecnica in grado di far risparmiare vite umane, tempo e denaro, si farebbe - e si fa - di tutto per cercare di perfezionarla e renderla usabile sul campo.

Idee come questa possono suonare un po' trekkiane e suscitare ilare scetticismo, ma si tratta di pura realtà: 30 istituti di ricerca consorziati collaborano per far divenire tangibile questo proposito, con un complesso di attività e un lavorìo che spaziano da una disciplina all'altra e fanno tesoro delle esperienze di tutti.
Non c'è nessuna intenzione di fermarsi alla "riparazione di ferite". Per le lesioni agli organi, Anthony Atala - ingegnere dell'istituto di ricerca militare e della Wake Forest University - sta migliorando una stampante inkjet già capace di ricreare un organo rudimentale on demand. L'apparecchio impiegherà cartucce riempite con cellule di vario genere di tessuti, un mix di sostanze attivatrici di crescita e speciali elementi nutrienti, per "stampare" gli organi livello su livello. Al momento, la stampante sarebbe riuscita a riprodurre in modo rudimentale strutture anche complesse, come il cuore di un ratto.

Nell'arco dei prossimi cinque anni - la durata del finanziamento del Pentagono - Atala spera di poter stampare direttamente su una ferita aperta, anche profonda, il tessuto necessario a farla guarire. Queste cellule, chiamate cheratinociti, vengono estratte dal paziente stesso e stimolano naturalmente la guarigione.

Innegabili i risvolti che questa tecnica porterebbe in molti altri campi: c'è chi l'ha già battezzata Pelle Spray da comprare in drogheria, ma sarebbe una benedizione anche per discipline come la chirurgia estetica, per la ricostruzione di parti del corpo amputate, per la "sostituzione" di tessuti affetti da qualche patologia seria e, a questo punto, chi più ne ha più ne metta. Insomma, tutto lascia pensare che la molteplicità di interessi in orbita intorno al progetto sospinga, sfruttando la forza trainante dell'interesse militare, l'evoluzione di questa disciplina a vantaggio dell'intera comunità umana.

Marco Valerio Principato

(fonte immagini)
24 Commenti alla Notizia Stampa, ché m'hanno squarciato una gamba
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)