Microsoft Hyper-V atterra sul mercato

Con quasi due mesi di anticipo rispetto al previsto, ieri Microsoft ha reso disponibile la versione finale di Hyper-V, il proprio software di virtualizzazione scaricabile come aggiornamento gratuito per Windows Server 2008

Milano - Il mercato della virtualizzazione è ormai vicino al boom, e Microsoft ha fretta di capitalizzare i grossi investimenti effettuati nel progetto Viridian, oggi noto col nome commerciale Hyper-V. Non sorprende pertanto che Hyper-V sia uno dei pochi prodotti del big di Redmond ad arrivare puntuale con la sua scaletta, anzi, persino in anticipo: atteso per agosto, ossia 180 giorni dopo il lancio di Windows Server 2008, la versione finale di Hyper-V è già qui, pronta per essere scaricata gratuitamente dal Web.

Con Hyper-V, Microsoft tenterà di insidiare la leadership di VMware, già presente sul mercato server da sette anni, e competere con società come Citrix e Virtual Iron. BigM si troverà anche a fronteggiare vecchie rivali come Oracle e Sun, che proprio di recente hanno lanciato soluzioni di virtualizzazione di classe enterprise - Oracle VM e Sun xVM - entrambe basate sull'hypervisor open source Xen.

Con il rilascio della RTM di Hyper-V, la tecnologia di virtualizzazione di Microsoft è pronta per essere utilizzata all'interno degli ambienti di produzione. L'interesse degli utenti verso questa soluzione, che si integra completamente con Windows Server 2008, non sembra mancare: secondo i dati che Microsoft ha comunicato a Punto Informatico, le versioni preliminari pubbliche di Hyper-V sono state scaricate oltre un milione e mezzo di volte, e le aziende che hanno già utilizzato il software su sistemi produttivi sono circa 250.
Microsoft ha già utilizzato Hyper-V per virtualizzare una parte dei server che ospitano i siti di TechNet e MSDN, due network che, secondo l'azienda, registrano rispettivamente un milione e tre milioni di hit al giorno di media. Nei prossimi giorni BigM conta di migrare su Hyper-V anche il 50% del proprio sito istituzionale, Microsoft.com, accreditato di 38 milioni di hit al giorno.



Hyper-V può girare esclusivamente sulla versione a 64 bit di Windows Server 2008, e come sistemi operativi guest supporta ufficialmente Windows (XP, Vista e Server) e SUSE Linux Enterprise Server 10. L'elenco più dettagliato è riportato in questo post di TechNet Italia, dove si trovano anche i link ad alcuni strumenti che possono aiutare a implementare e gestire un ambiente virtualizzato basato su Hyper-V. ╚ inoltre possibile scaricare da qui un documento in italiano che illustra l'architettura di Hyper-V.

Matteo MilleIntervistato da Punto Informatico, Matteo Mille, direttore della divisione Server & Tools di Microsoft Italia, ha dichiarato che Hyper-V offre almeno tre vantaggi chiave rispetto ai suoi più diretti concorrenti: costi più bassi, maggiore interoperabilità con le soluzioni di terze parti, e approccio integrato.

Secondo Mille, i costi iniziali di una soluzione di virtualizzazione "completa", ossia comprendente Hyper-V e la famiglia di tool System Center, sono fino ad un terzo più bassi rispetto a quelli delle soluzioni concorrenti. E ciò fornendo performance a queste pari o superiori.

Per quanto riguarda l'interoperabilità, il dirigente di Microsoft ha spiegato che Hyper-V è integrabile e interoperabile con i prodotti di virtualizzazione di Citrix, incluso XenServer, e che System Center Virtual Machine Manager, il gestore di macchine virtuali che BigM rilascerà nella seconda metà dell'anno, potrà essere utilizzato anche per gestire VMware ESX e Virtual Infrastructure 3.

11 Commenti alla Notizia Microsoft Hyper-V atterra sul mercato
Ordina