Gaia Bottà

Raffiche di brevetti contro i patent troll

I big hanno deciso la svolta: fare razzia di proprietà intellettuali per lasciare in brache di tela i troll. Giurano che non faranno lo stesso, invece, per gli sviluppatori. Non c'è che da sperarci

Roma - Si affideranno ad avvocati che batteranno il mondo della tecnologia, che esploreranno lo scenario IT statunitense alla ricerca di invenzioni distillate in brevetti depositati presso lo US Patent Office. Undici colossi della information technology faranno scudo dietro ad una coalizione ben foraggiata, si difenderanno dai cosiddetti patent troll battendoli sul tempo nell'avventarsi sui brevetti che potrebbero essere impugnati contro di loro.

A partecipare, rivela il Wall Street Journal, saranno pesi massimi del mondo dell'IT: persone informate dei fatti assicurano che Verizon, Google, Cisco, HP e Ericsson faranno convergere dobloni e fiducia in Allied Security Trust, coalizione che li metterà al sicuro dalle aziende che operano a cavallo tra rivendicazioni legali e tecnologia per sfilare denari alle aziende più solide rivendicando brevetti a destra e sinistra, i patent troll appunto.

Il patent trolling è un business che frutta: complici le leggi statunitensi, Coalition for Patent Fairness assicura che sono più che triplicati dal 1990 ad oggi i processi che vertono sulla paternità di idee e innovazioni. I procedimenti dei patent troll sono spesso basati sull'individuazione di brevetti depositati che si sovrappongano alle innovazioni delle grandi aziende: acquistatine i diritti, quei brevetti vengono scagliati contro i colossi dell'IT per spillar loro denari.
Allied Security Trust si improvviserà patent troll, ma a solo scopo difensivo, assicura il Journal: in cambio di 250mila dollari per entrare a far parte del club, in cambio di versamenti di 5 milioni di dollari che vadano a rimpinguare il fondo della coalizione, le aziende che parteciperanno potranno contare su frotte di avvocati incaricati di esaminare quanto di nuovo c'è sul mercato e di assicurarsi i diritti sulle innovazioni che potrebbero sovrapporsi alle loro. In questo caso si procederà alla campagna acquisti per cercare di accaparrarsi i diritti sull'invenzione prima che vi si avventi il patent troll.

Una volta completato l'acquisto, le aziende che convergeranno in Allied Security Trust si assicureranno una licenza non esclusiva sulla tecnologia in questione e procederanno alla rivendita del brevetto. "Non sarà uno strumento offensivo - assicura Brian Hinman, CEO del Trust nonché a capo della divisione dedicata alla proprietà intellettuale di IBM - Le aziende non intendono lucrare su queste transazioni".

A fronte di un cartello che potrebbe fagocitare il patrimonio di proprietà intellettuale di piccole aziende e gruppuscoli con ottime idee, la reazione della rete appare tiepida. C'è chi suggerisce che l'alleanza, con qualsiasi scopo venga imbracciato il suo potenziale, non è che un segno delle falle che affliggono il sistema statunitense dei brevetti.

Gaia Bottà
12 Commenti alla Notizia Raffiche di brevetti contro i patent troll
Ordina
  • Io farei in modo che una società senza scopo di lucro, finanziata da tutte le multinazionali, gli stati e pure la gente comune se vuole, comprasse i brevetti e li dia in uso gratuito a tutti, non solo a quelli dell'alleanza, così nessuno potrà in futuro arrogarsi il diritto a registrare un brevetto o dire che una determinata cosa è sua
    Oppure eliminiamo i brevetti che è la stessa cosa.. la conoscenza e l'avanzamento tecnologico e culturale è un patrimonio comune dell'umanità non solo di chi brevetta qualcosa per primo
    Wolf01
    3342
  • Mah, brevettare un prodotto - ovvero un oggetto - per un tempo ragionevole è giustissimo. Non funziona invece brevettare le idee o i concetti astratti.
    non+autenticato
  • Non capisco dove vedi che sia giusto...
    Cioè capisco il dovere a riconoscere la ricerca e lo sviluppo dell'idea alla società che l'ha realizzata, però non vedo il perchè nessun'altra società può avere la stessa idea e commercializzarla senza dover pagare per avere la licenza di sfruttare il brevetto... sempre che la concedano

    Se invento un reattore nucleare a stato solido del formato di una pila AA che non produce radiazioni e non inquina, e permette il funzionamento illimitato ai dispositivi che ne fanno uso
    Quindi brevetto questa idea
    Se poi un'altra azienda stava lavorando ad una pila atomica del formato 9V (quelle rettangolari con i 2 poli in alto) e riuscisse a terminare la realizzazione il giorno dopo il quale ho brevettato la mia pila
    Secondo te, dovrei essere veramente avvantaggiato io perchè l'ho brevettata per primo sotto il concetto "pila atomica", oppure dovrebbe essere avvantaggiato il mondo perchè potrebbe usare non 1 modello, ma ben 2 modelli senza contare il fatto che altre aziende potranno sviluppare altre idee affini e creare o migliorare altre pile atomiche?


    I brevetti sono solamente un vantaggio di un'azienda rispetto alla società di cui fa parte, nessuno al di fuori di chi intasca i soldi ne trarrà mai un vero vantaggio
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Wolf01

    > Se invento un reattore nucleare a stato solido
    > del formato di una pila AA che non produce
    > radiazioni e non inquina, e permette il
    > funzionamento illimitato ai dispositivi che ne
    > fanno
    > uso
    > Quindi brevetto questa idea

    E` proprio li` il punto.
    E` sbagliato brevettare l'idea, ma e` giustissimo brevettare il modo di costruire questa centrale.
    Quindi se l'altra azienda deposita il brevetto che spiega per filo e per segno come si costruisce questa pila, tu dovrai pagare il loro brevetto per usarla.

    Che poi la durata di brevetti e copyright vada abbassata a un massimo di 5-10 anni, soprattutto per le innovazioni tecnologiche, siamo d'accordo. E le opere dell'ingegno (libri, quadri, ecc.) fino alla morte dell'autore, non dopo 75 o 100 anni.

    Bye.
    Shu
    1232
  • Ti verrebbe impedito a suon di cause legali miliardarie. Non sono mica stupidi, sai, hanno coperto ogni possibilità.
    non+autenticato
  • Fino a quando non scoppiera' la bolla speculativa dei brevetti, e scopriranno che i brevetti comprati a caro prezzo non valgono piu' un cavolo di niente.
  • se gli altri sono patent troll...

    beh allora cosa sono Verizon, Google, Cisco, HP, Ericsson, Nokia, M$, IBM, SUN, ..., ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc.???
    patent shame (vergogna)???

    ce ne vuole di faccia tosta...
    non+autenticato
  • - Scritto da: CCC
    > se gli altri sono patent troll...
    >
    > beh allora cosa sono Verizon, Google, Cisco, HP,
    > Ericsson, Nokia, M$, IBM, SUN, ..., ecc. ecc.
    > ecc. ecc. ecc.
    > ecc.???
    > patent shame (vergogna)???
    >
    > ce ne vuole di faccia tosta...

    I patent troll sono i benefattori dell'umanità...
    non+autenticato
  • Gaia... non cadere anche tu nel tentativo trappola di voler lanciare nuovi stili... quello dei "dobloni" era giustamente falito... ti prego, non riportarlo in vita...

    Davide
  • - Scritto da: davide73
    > Gaia... non cadere anche tu nel tentativo
    > trappola di voler lanciare nuovi stili... quello
    > dei "dobloni" era giustamente falito... ti prego,
    > non riportarlo in
    > vita...
    >
    > Davide

    Si sa per caso quando torneranno di moda i sesterzi?
    Gran bel tormentone A bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • > Si sa per caso quando torneranno di moda i
    > sesterzi?


    no, per ora vado dritto !
    non+autenticato
  • - Scritto da: davide73
    > Gaia... non cadere anche tu nel tentativo
    > trappola di voler lanciare nuovi stili... quello
    > dei "dobloni" era giustamente falito... ti prego,
    > non riportarlo in
    > vita...

    tranquilli... di questi passo (e per fortuna!) fra un po' si torna al BARATTO! evviva!
    non+autenticato