Enrico Giancipoli

I games su PC? Boom del mercato

Kevin Unangst di Games for Windows - divisione Microsoft - non crede affatto ad un declino del mercato dei videogame per PC. Anzi, dice, è un settore che sta crescendo. Grazie a Microsoft. Naturalmente

Roma - "S'è fatto un gran parlare della presunta morte dei videogame sul PC e sul declino del PC, ma questo è assolutamente falso. Il mercato non sta né morendo né declinando, anzi sta crescendo, sta crescendo esponenzialmente ed io penso che stia crescendo anche più velocemente di tutto il resto del mercato". Sono ottimistiche, quasi profetiche, le parole di Kevin Unangst, Senior Global Director di Games for Windows.

Kevin UnangstAnche Punto Informatico aveva toccato l'argomento in un articolo di fine gennaio in cui si analizzavano i dati di vendita dei videogame su console e su PC. Il risultato? Dei quasi 19 miliardi di dollari ricavati dalle vendite al dettaglio di videogame nel Nordamerica rilevati dal NPD Group, solo 900 milioni provenivano da giochi per PC. Dettaglio non banale: i dati non erano comprensivi delle vendite digitali ma solo di quelle al dettaglio.

Che i videogiocatori per PC non abbiano molto per cui stare tranquilli lo sottolineano le scelte di alcune software house di non sviluppare giochi per PC preferendo le console, non ultima LucasArts che rilascerà Star Wars: The Force Unleashed nel settembre di quest'anno per Nintendo Wii, Xbox 360, Playstation 2, Playstation 3, Playstation Portable, Nintendo DS e N-Gage, ma non per PC. Una scelta che ha fatto indiavolare i fan che hanno riempito di petizioni il web.
Secondo qualcuno il problema è la pirateria, più diffusa su PC che su console forse per la più semplice accessibilità ai contenuti illegali. Parola di Micheal Fitch, che a marzo era parso allibito: "All'inizio non ci credevo. Sembrava un dato troppo elevato. Poi ho visto che Bioshock stava vendendo su console 5 volte più che sul mercato PC. E Call Of Duty 4 stava vendendo con un rapporto 10 a 1. E non credo proprio ci sia una differenza così grande nel numero di persone che li hanno realmente giocati su console e PC, piuttosto una grande differenza nel numero di persone che li hanno pagati".

Ad ogni modo i dati di Kevin Unangst sembrano dire altro: 11.3 miliardi di dollari per le vendite del mercato mondiale di videogame per PC, contro i 14 miliardi del mercato mondiale di tutte le console. E secondo DFC Intelligence, il mercato del PC crescerà del 73% nel periodo che porta al 2013.

Per Unangst è grazie a Microsoft che il mercato dei videogame per PC sopravvive: "Negli anni passati abbiamo investito milioni di dollari a doppia cifra nelle vendite al dettaglio in USA. Ma chi altro l'ha fatto? Microsoft ha speso quei soldi, abbiamo stipulato accordi con i venditori al dettaglio per creare aree brandizzate dedicate ai videogame su PC. Nessun altro stava facendo qualcosa del genere. Noi di Microsoft abbiamo speso in pubblicità sia negli States che in Europa per promuovere anche titoli di cui non abbiamo ricavi diretti".

Enrico "Fr4nk" Giancipoli
131 Commenti alla Notizia I games su PC? Boom del mercato
Ordina
  • qualcuno mi sa dire che cosa sono gli I-Games della Apple?
    non+autenticato
  • Che al di la di tutti i discorsi e i pragoni tra Consolle e Personal Computer, il divertimento va inteso come soggettivo.

    Le due architetture, anche in virtù dei mezzi che mettono a disposizione per l'iterazione, offrono un divertimento diverso.
    Qualsiasi commento personale su cosa sia bello, brutto, a me piace, a me non piace diventa superfluo.

    Se io mi diverto di piu' a giocare a SOLID piuttosto che ai tanti altri titoli che possono tranquillamente dare IL MASSIMO su console, compro una console e mi ci diverto.
    Se invece preferisco i giochi di strategia in tempo reale e o gli MMORPG studiati appositamente per la cooperazione e per i quali e' espressamente richieto l'uso di un mouse e di una tastiera propendero' per il computer.

    Cosa e' meglio ?
    Cosa e' peggio ?

    Dipende da cosa ci piace o da cosa preferiamo.

    Tornando al tema del mercato le variabili da considerare sono altre. Normalmente una persona non compra un computer per giocare agli stessi titolo che ci sono su Consolle.
    Sarebbe scemo.
    Normalmente l'utente che gioca ANCHE a quei titoli usa il pc per una miriade di altre cose.

    Cose che putroppo coincidono ahime' ... e anche se nessuno lo dice, con il concetto di pirateria. E' brutto dirlo ma è la verità in fin dei conti.

    La domanda corretta non e' come mai il mercato dei giochi su PC va male.
    Ma piuttosto è: Come mai alcune aziende muoiono tentando di sfornare software per PC ?

    1. Perche' operano solo conversioni di titoli originariamente fatti per Consolle. Non hanno un gran mercato.

    2. Perche' quei giochi, conversioni o meno che siano, fanno schifo.

    Ora che ti aspetti ... che uno spenda dei soldi per stare al passo con le richieste hardware di un PC solo per giocare ad una CAGATA che gia' nessuno su consolle si filava ?
    E se anche il gioco valesse ... se si trattasse di una conversione, se ho gia' la consolle lo prendo per consolle ... FINE.

    L'unica isola felice che rimane in piedi ATTIRANDO MILIONI DI GIOCATORI PER ANNI, e' quella fetta di giochi online chiamati MMORPG che devasta qualsiasi altra concorrenza in termini di adesione e longevita'.
    Poco importa se qualcuno non li apprezza. I fatti sono questi.

    Purtroppo pero' ... le case di software che producono software a questi livelli sono poche e già le conoscete.
  • Un ultima cosa .. Nilok tu scrivi sempre ottimi interventi, ma stavolta non sono d'accordo. Le consolle non solo non spariranno .. ma continueranno ad evolversi assomigliando sempre piu' ai PC.
    Basta fare un'analisi per vedere come via via le architetture si stiano avvicinando.
    Il divertimento Online è il MASSIMO divertimento concepibile. Le consolle piano piano ci sono arrivate.
    Guarda poi la WII ... non avendo nemmeno un hardware a livello dei suoi diretti concorrenti attira un sacco di persone che si divertono un casino.

    Quando le consolle uniranno l'Online a evoluzioni tecnologiche come quella della WII o a cio' che vedremo nei prossim 10 anni ... altro che sparireSorride

    PS: Non ricordo chi fosse che aveva detto che i giochi per PC non erano strategici in tempo reale.

    In uno dei tornei italiani di WC3, Cafone dei SOL .. campione italiano di Strategia RTS, ha effettuato con l'uso della tastiera e del mouse una media di circa 250 AZIONI al minuto ...
    Il tutto comprendeva lo spionaggio sulla base avversaria.
    Il micraggio di ognuna delle singole unità costruite.
    L'utilizzo delle abilita' di ognuna delle singole unità costruite.
    La continuazione della produzione nella propria base.
    I combattimenti.

    Questa e' strategia ... all'ennesima potenza
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 luglio 2008 17.12
    -----------------------------------------------------------
  • Personalmente trovo che le console alla lunga (e neppure troppo) vinceranno a mani basse.
    I motivi sono molteplici:

    - Uniformità nei risultati ottenuti dai software.
    Un hardware, un software, un risultato di prestazioni identico. Basta con "io ho la scheda video più potente", "io raffreddo ad azoto liquido e overclokko a 12.000 mhz" ecc. ecc. Basta sbattimenti. Accendo la console e gioco.

    - Alta fruibilità.
    Non ho bisogno di conoscienze informatiche di alcun tipo. Accendo e gioco

    - Recente penetrazione (in corso) degli schermi ldc/plasma e impianti HT nelle case
    La gente è affascinata dalla possibilità di giocare a GT5 seduta in poltrona su uno schermo 50'' full hd e inj dolby digital 5.1, c'è poco da fare, il PC questo non lo offre (o meglio, certo che lo offre, ma è difficile trovare un PC al centro del sistema di intrattenimento domestico, è molto più facile trovare una console).

    Il PC rimarrà nelle case. Per usare il mulo, per scaricarsi le iso da usare poi sulle console. Ma il PC come macchina da gioco non ha un futuro, IMHO.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 1977
    > Personalmente trovo che le console alla lunga (e
    > neppure troppo) vinceranno a mani
    > basse.
    > I motivi sono molteplici:
    >
    > - Uniformità nei risultati ottenuti dai software.
    > Un hardware, un software, un risultato di
    > prestazioni identico. Basta con "io ho la scheda
    > video più potente", "io raffreddo ad azoto
    > liquido e overclokko a 12.000 mhz" ecc. ecc.
    > Basta sbattimenti. Accendo la console e
    > gioco.
    >
    > - Alta fruibilità.
    > Non ho bisogno di conoscienze informatiche di
    > alcun tipo. Accendo e
    > gioco
    >
    > - Recente penetrazione (in corso) degli schermi
    > ldc/plasma e impianti HT nelle
    > case
    > La gente è affascinata dalla possibilità di
    > giocare a GT5 seduta in poltrona su uno schermo
    > 50'' full hd e inj dolby digital 5.1, c'è poco da
    > fare, il PC questo non lo offre (o meglio, certo
    > che lo offre, ma è difficile trovare un PC al
    > centro del sistema di intrattenimento domestico,
    > è molto più facile trovare una
    > console).
    >
    > Il PC rimarrà nelle case. Per usare il mulo, per
    > scaricarsi le iso da usare poi sulle console. Ma
    > il PC come macchina da gioco non ha un futuro,
    > IMHO.


    niente sbattimenti? se ti compri i giochi originali certamente. ripeto questa antinomia non esiste. le console sono computer. l'amiga 500 era una console o un computer?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gix
    > questa antinomia non
    > esiste. le console sono computer. l'amiga 500 era
    > una console o un
    > computer?

    l'amiga era un computer programmabile... chi voleva poteva creare degli homebrew o programmi anche non strettamente luduci, senza pagare nulla alla commodore, se non erro...
    le console di oggi, partendo dalla prima nintendo, tengono lontani gli sviluppatori amatoriali, e distribuiscono gli sdk ufficiali solo a chi paga le royalities, quindi non le vedo come computer perchè alla fine non sono programmabili dall'utente finale...
    non+autenticato
  • - Scritto da: LoL
    > - Scritto da: Gix
    > > questa antinomia non
    > > esiste. le console sono computer. l'amiga 500
    > era
    > > una console o un
    > > computer?
    >
    > l'amiga era un computer programmabile... chi
    > voleva poteva creare degli homebrew o programmi
    > anche non strettamente luduci, senza pagare nulla
    > alla commodore, se non
    > erro...
    > le console di oggi, partendo dalla prima
    > nintendo, tengono lontani gli sviluppatori
    > amatoriali, e distribuiscono gli sdk ufficiali
    > solo a chi paga le royalities, quindi non le vedo
    > come computer perchè alla fine non sono
    > programmabili dall'utente
    > finale...


    sicuramente da questo punto di vista hai ragione. ma se man mano che passa il tempo con la console posso navigare, scrivere un documento, guardare un film, per l'utonto medio qual è la differenza con un pc?
    non+autenticato
  • Ma perchè invece di fare proclami sensazionalistici non vi dedicate a dare un parere obiettivo ?

    Il PC e la consolle che non hanno un futuro ?Sorride
    Il PC non sparira' ne dall'ambito ludico ne ovviamente dal resto.
    La consolle non smettera' di esistere .. anzi si evolvera' e sfruttera' un casino di innovazioni negli anni.
  • Mentre rispondevo ad un post poco fa, mi è tornata in mente una mail che avevo scritto ad alcuni amici tempo fa, dopo aver visto una cosa su internet...credo conosciate tutti Guitar Hero, videogioco creato sia per console (PS2, PS3, Xbox360) che per PC (tra l'altro su quest'ultimo ha richieste ESOSE per ciò che fa il gioco). Non darò punti a favore per le console o per i PC, perchè ci rientrano tutti questi sistemi...poco più sopra in un post ho scritto che il primo PC l'ho acquistato nel 1992...e prima? Prima io sono cresciuto con il mitico Commodore64, che ho tutt'ora a casa con qualche migliaio di giochi, e sul quale ho imparato a programmare in BASIC.

    La PS3 come hardware ha "solo" 256 MB XDR di RAM e 256 MB DDR3 di memoria video e un processore a oltre 3 GHz.

    Il C64, invece, aveva queste caratteristiche:

    CPU a 0,985 MHz (per la versione PAL)
    Scheda video a 16 colori, risoluzione di 320x200
    Audio a 3 canali, 8 ottave, 4 forme d'onda
    64 KB di RAM, di cui solo 38 KB dedicate a far girare i programmi utenti

    La CPU del commodore è 3326 volte più lenta di quella della PS3, ha 4096 volte meno RAM (totale)...eppure qualcuno è riuscito a fare LE STESSE COSE che fa un sistema odierno...

    http://www.toniwestbrook.com/shredz64

    Cosa dovremmo quindi aspettarci dalle console e dai PC odierni? E' davvero necessario sfornare serie intere di schede video ogni 6 mesi/1 anno, con la pretesa di essere "più performanti", o è semplicemente una questione di marketing? Secondo me è l'ultima ipotesi, non penso che le schede video odierne siano sfruttate al 100% delle loro possibilità (d'altronde l'overcloking esiste da sempre, ma non so quanto sia "over")...e visto ciò che sono riusciti a fare sul C64, in questo discorso rientrano non solo le schede video, ma anche i vari GB di RAM, i GHz delle CPU, e così via...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Elvandar
    > Mentre rispondevo ad un post poco fa, mi è
    > tornata in mente una mail che avevo scritto ad
    > alcuni amici tempo fa, dopo aver visto una cosa
    > su internet...credo conosciate tutti Guitar Hero,
    > videogioco creato sia per console (PS2, PS3,
    > Xbox360) che per PC (tra l'altro su quest'ultimo
    > ha richieste ESOSE per ciò che fa il gioco). Non
    > darò punti a favore per le console o per i PC,
    > perchè ci rientrano tutti questi sistemi...poco
    > più sopra in un post ho scritto che il primo PC
    > l'ho acquistato nel 1992...e prima? Prima io sono
    > cresciuto con il mitico Commodore64, che ho
    > tutt'ora a casa con qualche migliaio di giochi, e
    > sul quale ho imparato a programmare in
    > BASIC.
    >
    > La PS3 come hardware ha "solo" 256 MB XDR di RAM
    > e 256 MB DDR3 di memoria video e un processore a
    > oltre 3
    > GHz.
    >
    > Il C64, invece, aveva queste caratteristiche:
    >
    > CPU a 0,985 MHz (per la versione PAL)
    > Scheda video a 16 colori, risoluzione di 320x200
    > Audio a 3 canali, 8 ottave, 4 forme d'onda
    > 64 KB di RAM, di cui solo 38 KB dedicate a far
    > girare i programmi
    > utenti
    >
    > La CPU del commodore è 3326 volte più lenta di
    > quella della PS3, ha 4096 volte meno RAM
    > (totale)...eppure qualcuno è riuscito a fare LE
    > STESSE COSE che fa un sistema
    > odierno...
    >
    > http://www.toniwestbrook.com/shredz64
    >
    > Cosa dovremmo quindi aspettarci dalle console e
    > dai PC odierni? E' davvero necessario sfornare
    > serie intere di schede video ogni 6 mesi/1 anno,
    > con la pretesa di essere "più performanti", o è
    > semplicemente una questione di marketing? Secondo
    > me è l'ultima ipotesi, non penso che le schede
    > video odierne siano sfruttate al 100% delle loro
    > possibilità (d'altronde l'overcloking esiste da
    > sempre, ma non so quanto sia "over")...e visto
    > ciò che sono riusciti a fare sul C64, in questo
    > discorso rientrano non solo le schede video, ma
    > anche i vari GB di RAM, i GHz delle CPU, e così
    > via...

    Anche io ho avuto dal 1981 un C64 con turbo tape e poi il disk drive da 640 blocchi (170 Kb). Però onestamente devo dire che le cose non stanno esattamente come dici tu:
    1. La grafica e l'audio non sono certo lontanamente paragonabili, nonostante l'uso intelligente delle scarse risorse video, gli sprite del commodore 64 soffrivano di diverse limitazioni sia per il numero di colori visualizzabili direttamente che per la risoluzione che per il numero massimo di sprite gestibili. (N.B. comunque era anni luce superiore alla CGA che ancora imperversava a fine anni 80)
    2. La memoria disponibile era veramente poca, tanto poca che i programmi migliori per poter girare in memoria richiedevano l'esclusione dell'interprete basic.

    Ciò non toglie che il senso di quello che dici è vero, oggi con pc dotati di 2 Gb di Ram processori multicore a 3 Ghz HD da 1 Tb, schede video con 512 Mb di ram a bordo ci si potrebbe aspettare una ottimizzazione un pò più decente. Cavolo quando vedo certi programmini scritti in visul basic che per girare hanno bisogno di 30 Mb di DLL, mi girano proprio i cosidetti!
    Certo che con il C64 problemi di virus era proprio impossibile averne, voglio vedere dove trovavano lo spazio per girare!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    >
    > Anche io ho avuto dal 1981 un C64 con turbo tape
    > e poi il disk drive da 640 blocchi (170 Kb). Però
    > onestamente devo dire che le cose non stanno
    > esattamente come dici
    > tu:
    > 1. La grafica e l'audio non sono certo
    > lontanamente paragonabili, nonostante l'uso
    > intelligente delle scarse risorse video, gli
    > sprite del commodore 64 soffrivano di diverse
    > limitazioni sia per il numero di colori
    > visualizzabili direttamente che per la
    > risoluzione che per il numero massimo di sprite
    > gestibili. (N.B. comunque era anni luce superiore
    > alla CGA che ancora imperversava a fine anni
    > 80)
    > 2. La memoria disponibile era veramente poca,
    > tanto poca che i programmi migliori per poter
    > girare in memoria richiedevano l'esclusione
    > dell'interprete
    > basic.
    >
    > Ciò non toglie che il senso di quello che dici è
    > vero, oggi con pc dotati di 2 Gb di Ram
    > processori multicore a 3 Ghz HD da 1 Tb, schede
    > video con 512 Mb di ram a bordo ci si potrebbe
    > aspettare una ottimizzazione un pò più decente.
    > Cavolo quando vedo certi programmini scritti in
    > visul basic che per girare hanno bisogno di 30 Mb
    > di DLL, mi girano proprio i
    > cosidetti!
    > Certo che con il C64 problemi di virus era
    > proprio impossibile averne, voglio vedere dove
    > trovavano lo spazio per
    > girare!

    Sì, era proprio questo il senso del mio post: sicuramente il C64 aveva grandi limitazioni come quelle che hai elencato (anche se per l'epoca è stato una rivoluzione), ma in quasi 30 anni di evoluzione mi aspetterei che con i sistemi odierni si facessero cose molto più performanti e snelle (dal punto di vista delle risorse richieste) di quanto vedo, soprattutto con la potenza delle unità di calcolo rispetto al passato. Probabilmente però, vista appunto la grande disponibilità di risorse, i programmatori sono i primi a dire "tanto abbiamo ram a volontà!" e non ottimizzano neppure dove potrebbero farlo, a meno di non trovarsi poi in situazioni disastrove...(vedi ad esempio Paint.NET, dove vedo un "the improvement is generally between 3x and 1000x." in un changelogA bocca aperta)
    Un po' forse c'è anche di mezzo lo spirito del firmwarista nei miei discorsi, ma lavoro abitualmente con microprocessori da 60 kb di memoria codice e pochi kb di RAM, e scrivere codice ottimizzato è un mustSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Elvandar
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > >
    > > Anche io ho avuto dal 1981 un C64 con turbo tape
    > > e poi il disk drive da 640 blocchi (170 Kb).
    > Però
    > > onestamente devo dire che le cose non stanno
    > > esattamente come dici
    > > tu:
    > > 1. La grafica e l'audio non sono certo
    > > lontanamente paragonabili, nonostante l'uso
    > > intelligente delle scarse risorse video, gli
    > > sprite del commodore 64 soffrivano di diverse
    > > limitazioni sia per il numero di colori
    > > visualizzabili direttamente che per la
    > > risoluzione che per il numero massimo di sprite
    > > gestibili. (N.B. comunque era anni luce
    > superiore
    > > alla CGA che ancora imperversava a fine anni
    > > 80)
    > > 2. La memoria disponibile era veramente poca,
    > > tanto poca che i programmi migliori per poter
    > > girare in memoria richiedevano l'esclusione
    > > dell'interprete
    > > basic.
    > >
    > > Ciò non toglie che il senso di quello che dici è
    > > vero, oggi con pc dotati di 2 Gb di Ram
    > > processori multicore a 3 Ghz HD da 1 Tb, schede
    > > video con 512 Mb di ram a bordo ci si potrebbe
    > > aspettare una ottimizzazione un pò più decente.
    > > Cavolo quando vedo certi programmini scritti in
    > > visul basic che per girare hanno bisogno di 30
    > Mb
    > > di DLL, mi girano proprio i
    > > cosidetti!
    > > Certo che con il C64 problemi di virus era
    > > proprio impossibile averne, voglio vedere dove
    > > trovavano lo spazio per
    > > girare!
    >
    > Sì, era proprio questo il senso del mio post:
    > sicuramente il C64 aveva grandi limitazioni come
    > quelle che hai elencato (anche se per l'epoca è
    > stato una rivoluzione), ma in quasi 30 anni di
    > evoluzione mi aspetterei che con i sistemi
    > odierni si facessero cose molto più performanti e
    > snelle (dal punto di vista delle risorse
    > richieste) di quanto vedo, soprattutto con la
    > potenza delle unità di calcolo rispetto al
    > passato. Probabilmente però, vista appunto la
    > grande disponibilità di risorse, i programmatori
    > sono i primi a dire "tanto abbiamo ram a
    > volontà!" e non ottimizzano neppure dove
    > potrebbero farlo, a meno di non trovarsi poi in
    > situazioni disastrove...(vedi ad esempio
    > Paint.NET, dove vedo un "the improvement is
    > generally between 3x and 1000x." in un changelog
    >A bocca aperta)
    > Un po' forse c'è anche di mezzo lo spirito del
    > firmwarista nei miei discorsi, ma lavoro
    > abitualmente con microprocessori da 60 kb di
    > memoria codice e pochi kb di RAM, e scrivere
    > codice ottimizzato è un must
    >Sorride


    Hai proprio ragione!
  • > Certo che con il C64 problemi di virus era
    > proprio impossibile averne

    sbagli, ne esistono pochi ma esistono
    http://hitmen.c02.at/files/docs/c64/C64_Virus_List...

    > voglio vedere dove
    > trovavano lo spazio per
    > girare!

    Solitamente si installavano nella RAM del drive, ma non e' troppo difficile su C64 creare l'equivalente di un TSR: si devia il vettore di interrupt, si riloca il programma in una zona di memoria non accedibile normalmente dal basic (la RAM nascosta sotto la ROM ad esempio) e fino al prossimo spegnimento ogni disco inserito sara' infettato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: dario calen
    > > Certo che con il C64 problemi di virus era
    > > proprio impossibile averne
    >
    > sbagli, ne esistono pochi ma esistono
    > http://hitmen.c02.at/files/docs/c64/C64_Virus_List
    >
    > > voglio vedere dove
    > > trovavano lo spazio per
    > > girare!
    >
    > Solitamente si installavano nella RAM del drive,
    > ma non e' troppo difficile su C64 creare
    > l'equivalente di un TSR: si devia il vettore di
    > interrupt, si riloca il programma in una zona di
    > memoria non accedibile normalmente dal basic (la
    > RAM nascosta sotto la ROM ad esempio) e fino al
    > prossimo spegnimento ogni disco inserito sara'
    > infettato.


    Incredibile, in 10 anni di utilizzo mai avuto un virus, forse sti virus non erano poi così aggressivi, anche perchè (io almeno) i floppy normalmente li tenevo protetti da scrittura, quindi l'eventuale virus rimaneva confinato a quell'unico supporto!
  • "All'inizio non ci credevo. Sembrava un dato troppo elevato. Poi ho visto che Bioshock stava vendendo su console 5 volte più che sul mercato PC. E Call Of Duty 4 stava vendendo con un rapporto 10 a 1. E non credo proprio ci sia una differenza così grande nel numero di persone che li hanno realmente giocati su console e PC, piuttosto una grande differenza nel numero di persone che li hanno pagati"
    Quanto di più falso...
    Da anni io e i miei amici ci siamo convertiti alle console per giocare
    Perchè? Perchè sei sicuro che compri un gioco, lo metti nel lettore e parte, non devi stare ad avviare windows, non devi installare il gioco, non devi infrangere le prot.. ehm (tanto basta una modifica alla console e stai ancora prima che sul pc a warezzare)
    Semplicemente le console sono fatte apposta per giocare, il pc lo si usa per altro, documenti, programmazione, grafica...
    Negli ultimi tempi (circa 2 anni) abbiamo comprato in 3:
    3 XBox360 (1 a testa)
    1 WII
    2 PS3
    3 PSP (1 a testa)
    3 NintendoDS (1 a testa)
    1 PC (tanto per rinnovare quello più vecchio)

    Totale dei giochi comprati:
    50 circa per XBox360 (da dividere in 3)
    18 per WII
    10 circa per PS3
    18 circa per PSP (da dividere in 3) io ne ho solo 3 (perchè ho warezzato alla grande copiando quelli dei miei amici (e non menatemelo, tanto fareste altrettanto)), il resto se lo dividono gli altri 2
    30 per Nintendo DS (da dividere in 2, perchè 2 DS li ho io)
    3 Giochi per pc <- ma che strano?
    E no, non abbiamo scaricato giochi per pc, neanche uno
    E chissà come mai tanta gente sta facendo così perchè è quello che traspare da quanto resta sugli scaffali dei supermercati, quelli per pc lunghi 1 km e stracolmi di roba, quelli per console 3 metri striminziti e mezzi vuoti
    E inoltre col passaparola e la banda larga, quasi tutti quelli con cui giro si sono presi una console per giocare online tra loro senza diventare deficienti a star dietro ad un pc che un giorno va e il giorno dopo no perchè è pieno di virus
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Wolf01
    >
    > [CUT]
    > E chissà come mai tanta gente sta facendo così
    > perchè è quello che traspare da quanto resta
    > sugli scaffali dei supermercati, quelli per pc
    > lunghi 1 km e stracolmi di roba, quelli per
    > console 3 metri striminziti e mezzi
    > vuoti
    > E inoltre col passaparola e la banda larga, quasi
    > tutti quelli con cui giro si sono presi una
    > console per giocare online tra loro senza
    > diventare deficienti a star dietro ad un pc che
    > un giorno va e il giorno dopo no perchè è pieno
    > di
    > virus

    Mi trovi perfettamente d'accordoSorride E aggiungo: ci sono anche tante catene di negozi che prendono indietro giochi usati (gamestop, blockbuster, ...), ma molte volte mi è capitato di vedere anche cartelli con su scritto "non si ritirano giochi per PC"...sarà un caso? O sarà perchè i giochi per PC vendono molto meno di quelli per console?
    non+autenticato
  • Bravo, mi era sfuggito, effettivamente da GameStop, EBGames o come si chiama adesso non prendono indietro i giochi per pc
    Perchè:
    1) Potrebbe essere come hai detto tu
    2) E' colpa delle protezioni e degli account, finchè collegano un account ad un seriale il gioco viene abbinato ad una sola persona che non può più rivenderlo se non cedendo pure account, password e dati vari (e dubito che succeda)
    3) Effettivamente i giochi per pc costano molto meno di quelli per console, e non avrebbero un buon margine per poterteli rivendere come usati
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Wolf01
    > "All'inizio non ci credevo. Sembrava un dato
    > troppo elevato. Poi ho visto che Bioshock stava
    > vendendo su console 5 volte più che sul mercato
    > PC. E Call Of Duty 4 stava vendendo con un
    > rapporto 10 a 1. E non credo proprio ci sia una
    > differenza così grande nel numero di persone che
    > li hanno realmente giocati su console e PC,
    > piuttosto una grande differenza nel numero di
    > persone che li hanno
    > pagati"
    > Quanto di più falso...
    > Da anni io e i miei amici ci siamo convertiti
    > alle console per
    > giocare
    > Perchè? Perchè sei sicuro che compri un gioco, lo
    > metti nel lettore e parte, non devi stare ad
    > avviare windows, non devi installare il gioco,
    > non devi infrangere le prot.. ehm (tanto basta
    > una modifica alla console e stai ancora prima che
    > sul pc a
    > warezzare)
    > Semplicemente le console sono fatte apposta per
    > giocare, il pc lo si usa per altro, documenti,
    > programmazione,
    > grafica...
    > Negli ultimi tempi (circa 2 anni) abbiamo
    > comprato in
    > 3:
    > 3 XBox360 (1 a testa)
    > 1 WII
    > 2 PS3
    > 3 PSP (1 a testa)
    > 3 NintendoDS (1 a testa)
    > 1 PC (tanto per rinnovare quello più vecchio)
    >
    > Totale dei giochi comprati:
    > 50 circa per XBox360 (da dividere in 3)
    > 18 per WII
    > 10 circa per PS3
    > 18 circa per PSP (da dividere in 3) io ne ho solo
    > 3 (perchè ho warezzato alla grande copiando
    > quelli dei miei amici (e non menatemelo, tanto
    > fareste altrettanto)), il resto se lo dividono
    > gli altri
    > 2
    > 30 per Nintendo DS (da dividere in 2, perchè 2 DS
    > li ho
    > io)
    > 3 Giochi per pc <- ma che strano?
    > E no, non abbiamo scaricato giochi per pc,
    > neanche
    > uno
    > E chissà come mai tanta gente sta facendo così
    > perchè è quello che traspare da quanto resta
    > sugli scaffali dei supermercati, quelli per pc
    > lunghi 1 km e stracolmi di roba, quelli per
    > console 3 metri striminziti e mezzi
    > vuoti
    > E inoltre col passaparola e la banda larga, quasi
    > tutti quelli con cui giro si sono presi una
    > console per giocare online tra loro senza
    > diventare deficienti a star dietro ad un pc che
    > un giorno va e il giorno dopo no perchè è pieno
    > di
    > virus


    dipende dal fatto che è più difficile crakkare. la gente vuole le cose facili. ma se andiamo a vedere a chi gioca col pc e chi con le console stravincono i pc. anche togliendo i giochini come scacchi o campo minato, parlando di videogiochi current gen.
    non+autenticato
  • Il problema di base e' dato dal fatto che non si riesce a capire che il divertimento dato dal PC non e' della stessa natura di quello dato dalle console.

    Vuoi per strumenti, vuoi per l'approccio che si ha per le due architetture, pur ammettendo che con le console in divertimento è immediato, non sono paragonabili.

    Certo esistono i game crossover e talvolta le conversioni però giochi come WOW dove li vedrai su console ?
    Giochi come Diablo o Starcraft li vedrai mai su console senza tastiera ?

    Sono due approcci molto diversi.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)