Samba 3.2 sposa la GPL3

Il famoso software open source, robusto ponte tra il mondo Windows e quello Linux/Unix, arriva nella sua prima release ad abbracciare la giovane licenza GPL3

Roma - Il famoso server open source per la condivisione e la stampa di file, Samba, è giunto alla nuova major release 3.2, la prima ad abbracciare la licenza GPL3.

Il passaggio dalla versione 2 alla versione 3 della GPL era stato annunciato dal Samba Team esattamente un anno fa, e giustificato con la volontà di migliorare la compatibilità di Samba con le altre licenze aperte e semplificarne l'adozione a livello globale.

Per consentire a utenti e sviluppatori di distinguere quali versioni sono rilasciate sotto GPL3, gli sviluppatori di Samba hanno deciso di rinominare la versione 3.0.26 del loro software 3.2.0: a partire da questa versione, tutte le release di Samba adotteranno la GPL3. Il codice alla base delle versioni 3.0.x resta invece sotto GPL2.
Passando alle novità tecniche, Samba 3.2 introduce il supporto ai file server clustered, supporta ufficialmente i client con Windows Vista SP1 e Windows Server 2008, estende il protocollo CIFS/SMB di Microsoft aggiungendovi la cifratura dei dati trasferiti via rete, dichiara piena conformità a IPv6, semplifica la configurazione del server per i produttori di appliance, e riduce le richieste di memoria. Queste e altre novità vengono illustrate più in dettaglio nel comunicato ufficiale.

Samba 3.2.0 può essere scaricato da qui o da uno dei mirror elencati in questa pagina. Lo scorso mese è stata rilasciata la versione alpha 4 di Samba 4.0.0, disponibile qui.

Samba è considerato uno dei progetti open source più importanti in assoluto, e questo grazie alla sua capacità di gettare un ponte tra Linux, Unix, Mac OS X e Windows. Rilasciato nell'ormai lontano 1992, oggi Samba permette di interagire con client o server Windows nello stesso modo di un file e print server Microsoft, agendo da Primary Domain Controller (PDC) o come Backup Domain Controller; può inoltre far parte di un dominio Active Directory.
30 Commenti alla Notizia Samba 3.2 sposa la GPL3
Ordina
  • La GPL v3 influenzerà anche il fatto che samba è integrato anche in OS X?
    non+autenticato
  • Peccato che Mac OS X usa un Samba di oltre 2 anni fa, super bacato e che non permette la comunicazione a 1000Mbit tra il mio PC e il Mac.
    Sì, qualcuno molto abile puòà prendersi i sorgenti, compilarli, configurare il tutto in OSX sostituendo il nuovo samba a quello originale... preferisco andare a 100Mbit.

    Certo che alla Apple potrebbero svegliarsi...
    non+autenticato
  • Penso che il non aggiornamento delle versioni di samba dipenda proprio dalla GPL2 che era "troppo restrittiva",
    del tipo se inserisci un software GPL2 in OSX tutto OSX
    diventa GPL2 (free).
    non+autenticato
  • Non è esatto: il codice di Samba è di Samba... se lo inserisci in Mac OS X come applicazione a parte non accade nulla, MacOS dovrebbe passare a GPLv2 solo se il codice di Samba fosse presente all'interno di quello di qualche componente di MacOS.
    non+autenticato
  • Ma macos come tutti i sistemi evoluti prevede proprio per ragioni di design e prestazioni, un'integrazione tra applicazioni e componenti altrimenti come puoi vedere i risultati sono quelli che sono.

    A scuola insegnano che la via più breve tra due punti è una retta.
    Con il software gpl è un serpente con un numero indefinito di snodi.
  • - Scritto da: 0verture
    > Ma macos come tutti i sistemi evoluti prevede
    > proprio per ragioni di design e prestazioni,
    > un'integrazione tra applicazioni e componenti
    > altrimenti come puoi vedere i risultati sono
    > quelli che
    > sono.
    >
    > A scuola insegnano che la via più breve tra due
    > punti è una retta.
    >
    > Con il software gpl è un serpente con un numero
    > indefinito di
    > snodi.

    Solo per i furboni che fanno gli equilibrismi tra free software e software proprietario. Cylon
  • Furboni... loro scrivono un os completo e perchè aggiungono tre righe sotto gpl dovrebbero aprire il culo a stallman ?
    Anche quello è uno dei tanti esempi del famoso fanatismo che tiene sempre indietro linux
  • Probabilmente se fossero solo 3 righe avrebbero potuto scriversele loro invece di usare software GPL...

    In realtà è che in Apple vogliono fare i furbetti, riutilizzando quanta più possibile roba "a gratis" dando indietro il meno possibile e mantenendo il resto proprietario. Questo non è sicuramente una cosa etica (sebbene sia legale).

    Il problema non è la GPL (che funziona bene per quelli che fanno le cose onestamente, vedi Red Hat, Ubuntu, Novell, ...) ma la Apple che vuole risparmiare il più possibile evitando di contribuire come sarebbe lecito aspettarsi da un'azienda che fattura milioni di $$$.
    non+autenticato
  • Non è per niente vero.
    Qui si deve lottare per creare dei ponti di comunicazione tra mondi diversi non degli universi separati. Se Stallman non è capace di capire questo allora non è quel gran genio che crede d'essere.
  • - Scritto da: 0verture
    > Non è per niente vero.
    > Qui si deve lottare per creare dei ponti di
    > comunicazione tra mondi diversi non degli
    > universi separati. Se Stallman non è capace di
    > capire questo allora non è quel gran genio che
    > crede d'essere.

    Abbiamo un vero esperto nel mettere i bastori tra le ruote e alimentare l'incomunicabilita' : http://natonelbronx.wordpress.com/2007/03/10/stori.../
    krane
    22544
  • - Scritto da: orlangio
    > Penso che il non aggiornamento delle versioni di
    > samba dipenda proprio dalla GPL2 che era "troppo
    > restrittiva",
    > del tipo se inserisci un software GPL2 in OSX
    > tutto OSX diventa GPL2 (free).

    Adesso che hai letto l'articolo anche tu sei sotto GPL3
    krane
    22544
  • > Certo che alla Apple potrebbero svegliarsi...

    Ci sarà da ridere ora che passano a GPL3.
    non+autenticato
  • Se non ricordo male, la GPLv3 impedisce a Novell (e di conseguenza openSuse?) di distribuire SAMBA per via degli accordi stipulati con Microsoft.

    All'epoca dello stipulamento il team di Samba era stipendiato proprio da Novell e fu causa del licenziamento in massa di tutto il team.

    andranno avanti con la versione sotto GPLv2 e forkeranno?
    non+autenticato
  • Si presume di si.
    non+autenticato
  • No. Includeranno l'implementazione CIFS di Microsoft in modo da ottenere un'interoperabilità completa e supportata anche da Microsoft.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lorem Ipsum
    > Se non ricordo male, la GPLv3 impedisce a Novell
    > (e di conseguenza openSuse?) di distribuire SAMBA
    > per via degli accordi stipulati con
    > Microsoft.
    >
    Dico solo che gli sta bene, a fare patti col diavolo...
    Funz
    13032
  • - Scritto da: Lorem Ipsum
    > andranno avanti con la versione sotto GPLv2 e
    > forkeranno?

    OpenSuse cmq non è legata a quegli accordi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: kuger
    > - Scritto da: Lorem Ipsum
    > > andranno avanti con la versione sotto GPLv2 e
    > > forkeranno?
    >
    > OpenSuse cmq non è legata a quegli accordi.

    Infatti. OpenSuse è un progetto portato avanti dalla comunità di utenti e Novell non dovrebbe avere voce in capitolo sul software integrato nella distro.
    Certo, se parliamo di Novell Suse Enterprise, quella è tutta un'altra storia...
    non+autenticato
  • - Scritto da: LoL
    > - Scritto da: kuger
    > > - Scritto da: Lorem Ipsum
    > > > andranno avanti con la versione sotto GPLv2 e
    > > > forkeranno?
    > >
    > > OpenSuse cmq non è legata a quegli accordi.
    >
    > Infatti. OpenSuse è un progetto portato avanti
    > dalla comunità di utenti e Novell non dovrebbe
    > avere voce in capitolo sul software integrato
    > nella
    > distro.
    > Certo, se parliamo di Novell Suse Enterprise,
    > quella è tutta un'altra
    > storia...

    Magari openSuse non risentira' degli accordi che Novell ha stretto con Microsoft, ma sul fatto che non abbia voce in capitolo ti sbagli, chi prende le decisioni in openSuse sono impiegati Novell, come Andreas Jaeger (openSuse project manager). Parte dei soldi frutto dell'accordo con Microsoft sono stati riversati in openSuse, sotto forma di sviluppatori ( http://www.linux.com/articles/58701 ).

    ...eppoi, basterebbe leggere il messaggio di benvenuto sul sito openSuse per rendersi conto che openSuse e' "proprieta'" Novell

    http://en.opensuse.org/Welcome_to_openSUSE.org
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lorem Ipsum
    > Se non ricordo male, la GPLv3 impedisce a Novell
    > (e di conseguenza openSuse?) di distribuire SAMBA
    > per via degli accordi stipulati con
    > Microsoft.

    bella libertà che è sta GPL!

    >
    > All'epoca dello stipulamento il team di Samba era
    > stipendiato proprio da Novell e fu causa del
    > licenziamento in massa di tutto il
    > team.

    e chi ti ha detto questa stronzata

    samba è un freesoftware creato dalla comunità di tutto il mondo che lavora a tempo libero

    o fai freesoftware o lavori per un'azienda, scegli

    voi ipnotizzati da stallman vorreste invece la botte piena e la moglie ubriaca

    >
    > andranno avanti con la versione sotto GPLv2 e
    > forkeranno?

    che tristezza questo mondo GPL
    non+autenticato
  • > che tristezza questo mondo GPL

    che tristezza questo tentativo di trollata!!!A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: aux
    > - Scritto da: Lorem Ipsum
    > > Se non ricordo male, la GPLv3 impedisce a Novell
    > > (e di conseguenza openSuse?) di distribuire
    > SAMBA
    > > per via degli accordi stipulati con
    > > Microsoft.
    >
    > bella libertà che è sta GPL!
    >

    In realtà non glielo vieta, Samba può entrare a fare parte di Suse, ma se lo facesse Microsoft non potrebbe rivalersi contro nessun utilizzatore di Suse...
    In ogni caso mi pare che Microsoft sia stata obbligata con una sentenza tempo fa a fornire la documentazione SMB per la compatibilità con prodotti terzi, quindi non vedo perchè ora Novell non debba includerlo...
  • - Scritto da: aux

    > > All'epoca dello stipulamento il team di Samba
    > era
    > > stipendiato proprio da Novell e fu causa del
    > > licenziamento in massa di tutto il
    > > team.
    >
    > e chi ti ha detto questa stronzata
    >
    > samba è un freesoftware creato dalla comunità di
    > tutto il mondo che lavora a tempo
    > libero


    http://www.linux-watch.com/news/NS8333917561.html

    giusto, scusa, solo il leader di Samba ha abbandonato Novell dopo l'accordo con Microsoft


    > > andranno avanti con la versione sotto GPLv2 e
    > > forkeranno?
    >
    > che tristezza questo mondo GPL

    A me fanno tristezza le aziende come Novell, che fanno accordi con Microsoft
    non+autenticato