Alfonso Maruccia

Banda larga? C'è pure chi ci sputa sopra

Ma chi l'ha detto che il problema è la disponibilità? La nuova rilevazione Pew negli States parla di assenza di interesse. A molti bastano pochi Kbps. Il commento di Vint Cerf

Roma - Ma chi la vuole la banda larga? Chi? Se lo chiedono in tanti, tutti coloro che le ultime rilevazioni negli Stati Uniti danno come felici per il loro vecchio modem su semplice doppino di rame, beati per poter andare sani e lontani. Una rilevazione che è anche rivelazione, almeno per quelle iniziative come Internet for Everyone pensate appunto per portare l'acqua digitale agli assetati di banda passante. Assetati che, parrebbe, non sono poi così tanti al di là dell'Atlantico.

Su questo indaga un nuovo studio di Pew Internet & American Life Project, secondo cui il vero problema della banda larga made in USA non è tanto la sua scarsa disponibilità complessiva, quanto il fatto che chi già si connette a Internet in dial-up proprio non senta l'esigenza di un'esperienza di rete migliore.

Intervistando telefonicamente un campione di 2.251 cittadini adulti, l'istituto PIALP - che è lo stesso che ha rilevato in passato la cosiddetta superiore consapevolezza tecnologica del popolo statunitense - ha scoperto che, statisticamente parlando, soltanto il 14% degli utenti di dial-up si limitano a questo tipo di connessione perché impossibilitati ad accedere a connettività in broadband.
Nel restante 76% dei dial-up-convinti, il 35% dice di non voler passare a una connettività superiore per via dei costi, il 19% non ha alcuno stimolo o motivazione specifica per fare un upgrade e il restante ha fornito altre ragioni non meglio indicate.

Spingere per l'adozione della banda larga non è dunque solo o soltanto assicurarne la disponibilità, quanto invece l'approntare "un processo che faccia sentire le persone più coinvolte con la società dell'informazione e dimostri loro che vale la pena fare questo investimento in termini di tempo e denaro", secondo le parole dell'autore dello studio John Horrigan.

Pew ha nondimeno evidenziato che la percentuale di utenza meglio disposta verso la banda larga aumenta nelle aree rurali del paese, dove il 40% dei netizen in dial-up - in confronto all'11% delle aree suburbane e al 3% delle zone di città - sfrutterebbe la broadband qualora questa fosse disponibile.

Un'opinione sulla questione la propone anche Vinton Cerf, decano della Rete e co-inventore del protocollo TCP/IP alla base delle comunicazioni telematiche, secondo cui il disinteresse dipende dalla scarsa consapevolezza degli utenti nei confronti dei vantaggi di una maggiore velocità. "Il mio interesse per la videoconferenza - cita a esempio Cerf - è aumentato drammaticamente quando tutti i membri della famiglia hanno acquistato dei MacBook Pro con cam integrata".

Nel complesso, secondo le stime di Pew il 55% degli americani adulti è attualmente connesso a Internet in banda larga, contro il 47% rilevato nel 2007. Il 10% dei cittadini è ancora limitato alle connessioni in dial-up, mentre il resto della cittadinanza che non può accedere alla rete è limitato principalmente dalle condizioni economiche.

Alfonso Maruccia
61 Commenti alla Notizia Banda larga? C'è pure chi ci sputa sopra
Ordina
  • Eccellente!

    la mia esclamazione è provocatoria ma...ribadisco ECCELLENTE!

    La banda larga non è la panacea per tutti i mali.
    ( http://antoniogrillo.wordpress.com/2008/05/21/digi.../ )


    Nonostante sia strumento utile per veicolare servizi importanti, credo che prima di ciò bisognerebeb tener conto d'altro.

    la diffusione di Internet non passa solo per la larghezza di banda, bensì per l'usabilità e l'accessibilità dei servizi che veicolano sulla Rete. A cosa serve una banda larga se quello che scorre su essa è accessibile a pochi, molti dei quali riescono con gran fatica?

    Appare opportuno, assieme alla necessità di allargar ela banda, pensare a rendere accessibili ed usabili i servizi della Rete, in modo da abborciare in modo significativo il "digital-divide".
  • Ad un "vecchio" internauta (diciamo cosi'), ormai piazzato sulla rete da ben 17 anni (la mia prima connessione a 9600 bits per secondo risale alla ormai remota estate del 1991) questo thread che discute sull'uso della banda larga fa veramente uno strano effetto.

    La mia prima connessione SLIP casalinga (1993), MSDOS + packet driver, ad un server AIX (il dialetto UNIX della IBM) avveniva utilizzando un modem a 2400 bauds che qualche volta si connetteva (cavetti di rame e lavatrice permettendo) a 1200 bauds. Prima era solo TELIX e ZModem, sempre a 1200 bits a secondo Occhiolino ...

    Attraverso questa "scassatissima" linea di comunicazione, a suo tempo, e' stato tirato su il dominio di una Universita' e scaricato dalla rete (e ricompilato) tutto il disponibile. Ma erano altri tempi Occhiolino ...

    Invece ora ... in ufficio godo di una connessione da 30Mbits ed a casa di uno stupendo link ADSL da 7Mbits in download e 400Kbits in upload.

    Per me, personalmente, malgrado i miei over 50, e' il "paradiso" (sebbene la banda non sia mai "abbastanza"). Posso trasferire quello che voglio dove voglio, con tempi, nella maggior parte dei casi, piu' che ragionevoli (se fossero piu' bassi sarebbe meglio, ovviamente).

    Riesco sempre ad immaginare "nuovi" modi per utilizzare la banda a mia disposizione, pur non avendo nessun interesse per i contenuti multimediali (non ascolto musica, ne' ora ne' quando ero piu' giovane e non scarico "filmini" da YouTube).

    Il mio interesse e' sempre stato ed e' tuttora rivolto al contenuto "informativo" della rete e ... diciamo la verita' ... i contenuti multimediali contengono tanti bits, ma pochissima informazione ... provate a concepire un brano musicale che faccia venire in mente una "mela" a chi lo ascolta e capirete Occhiolino ...

    E' per questo che il thread mi fa uno strano effetto: un utente "evoluto" dovrebbe essere in grado sempre e comunque di "saturare" qualunque link a prescindere dal mezzo utilizzato per "contenere" l'informazione.

    La rete e' un oracolo che conosce tutte le risposte nella mia visione personale.

    Il limite risiede sempre e comunque in chi gli pone le domande ... Occhiolino.

    A me questo modello basta per comprendere "a cosa serva la banda larga".

    Basta solo a me?

    Orfheo.
  • > La rete e' un oracolo che conosce tutte le
    > risposte nella mia visione personale.
    >
    >
    > Il limite risiede sempre e comunque in chi gli
    > pone le domande ...
    > Occhiolino.
    >
    > A me questo modello basta per comprendere "a cosa
    > serva la banda
    > larga".
    >
    > Basta solo a me?
    >
    > Orfheo.

    Visto che la butti tanto sul filosofico, a 50 anni credi davvero che la scienza e la tecnica possono dare tutte le risposte al bisogno di Assoluto dell'uomo?
    Riparliamone tra altri 50 anni.
  • Fra 50 anni ... ne avremo sicuramente occasione ...

    Orfheo.
  • ...di qualche anno fa, in casa (famiglia tra l'altro molto benestante) non aveva neanche un computer ne' notebook ne' palmari.. sì, aveva 18 anni e aveva sempre vissuto senza computer (non chiedetemi come abbia potuto sopravvivere così a lungo).
    Ci sono rimasto O_O quando l'ho saputo e ovviamente dopo neanche un anno che stava con me aveva già un PC+ADSL.. lol
    non+autenticato
  • La mia morosa invece l'ho incontrata 8 mesi fa.
    Ha un computer della prima guerra mondiale e si collega solo per scaricare la posta.
    Ha 23 anni ...

    Sono scelte .... pero' non capisco chi prende queste situazioni come esempio.
    La mia ragazza è palesemente una alla quale internet non interessa nulla. Infatti quando le faccio una domanda su molti argomenti (sui quali io leggo e mi documento con un click) lei non sa nulla e deve prendere l'enciclopedia.
  • Se consideri che c'è gente che non legge neanche i giornali.. che gente!
    non+autenticato
  • Ah ma per carità la mia non voleva essere affato denigrazione. Semplicemente si tratta di scelte.
  • L'ignoranza non può mai essere considerata una scelta.
    non+autenticato
  • Non mi riferivo alla scelta di non sapere ...
    Ma a quella di non avere la necessità di fare uso del computer.
  • > ...di qualche anno fa, in casa (famiglia tra
    > l'altro molto benestante) non aveva neanche un
    > computer ne' notebook ne' palmari.. sì, aveva 18
    > anni e aveva sempre vissuto senza computer (non
    > chiedetemi come abbia potuto sopravvivere così a
    > lungo).

    scopava ?
  • LOOOOOOOOOOOOOOL
    non+autenticato
  • - Scritto da: 0verture
    > scopava ?

    Già lo volevo già chiedere io ma mi sembrava indiscreto
    non+autenticato
  • Si certo, tutto interessante. Parlare con percentuali alla mano permette sempre di sprecarci su qualche parolina e magari un articolo. Ma all'atto pratico che cosa si sta dicendo ? Che la maggioranza degli utenti internet si lega all'utilizzo della rete con una normale connessine dial-up a 56k ?

    Non credo che la situazione in italia sia diversa da quella che si descrive in america. La maggior parte delle persone non si collega ad internet e se lo fa è per questioni di tipo marginale.
    In italia poi uno studio di questo tipo rivelerebbe che su 2250 persone il 65% sarebbe sopra i 45 anni !

    Trovandoci a cavallo di un passaggio tecnologico (10 anni fa internet la usavano pochissimi e la banda larga non era che un abbozzo) non si puo' considerare un campione a tuttto tondo. Andrebbero escluse le persone che superano i 50 anni. A loro nel 95% dei casi internet interessa relativamente. In alcuni casi, puoi immaginare che lo usino per la posta di lavoro o per qualche servizio accessorio.
    Se invece intervistaste un campione di età compresa tra i 15 e i 40-45 anni scoprireste che probabilmente la banda larga la usa almeno il 70% degli intervistati e la connessione a 56K è mantenuta solo da chi, per scelta personale, non passa tempo davanti al computer.

    Che mi rappresenta questo articolo ? L'apoteosi dell'inutilita' ?
    Andiamo ... come dovrei giocare io a World of Warcraft con 56k ?
    Quanto ci metterei a spedire un file di lavoro da 25 Mega con un 56k ? E se dovessi scaricarmi l'ultima versione di antivirus Kaspersky dal sito ufficiale (comprando solo la licenza) dovrei accettare di aspettare 6 ore !?!?!?!?
    Nero Burning Rom pesa non so quanti mega. Il sito ti permette il download del pacchetto software e si paga solo la licenza tramite carta di credito. Quanto dovrei aspettare per scaricarlo tutto ? 3 giorni ?!?!?!?!?

    Ma che e' successo al QI ? E' precipitato nel giro di qualche giorno ? Sembra che da questo articolo in america si sia predisposto un ritorno a 20 anni fa: "Rifiutiamo la tecnologia, viva il Newage, viva la vita in campagna, meno stress per tutti !!!"

    Avanti il prossimo va ...
  • - Scritto da: uranux
    > Che mi rappresenta questo articolo ? L'apoteosi
    > dell'inutilita'
    > ?

    E adesso vediamo che cosa mi rappresenta il tuo post...

    > Andiamo ... come dovrei giocare io a World of
    > Warcraft con 56k ?

    Infatti WoW e' la killer application di internet, vero.
    Fermo restando che si puo' giocare benissimo anche a 56K, visto che i dati trasmessi sono pochissimi (unita' e coordinata).
    Senza contare il fatto che per scrivere la percentuale dei giocatori di WoW rispetto agli utenti della rete, non so mica quanti zeri devo scrivere dopo la virgola prima di trovare un numero.

    > Quanto ci metterei a spedire un file di lavoro da
    > 25 Mega con un 56k ?

    Lavoro? Che c'entra il lavoro con l'uso domestico della rete? Forse volevi dire "quanto ci metto a spedire un pps pieno di cazzate grosso 25 mega". Zippalo!

    > E se dovessi scaricarmi
    > l'ultima versione di antivirus Kaspersky dal sito
    > ufficiale (comprando solo la licenza) dovrei
    > accettare di aspettare 6 ore
    > !?!?!?!?

    Oppure ti fai mandare il CD per posta.

    > Nero Burning Rom pesa non so quanti mega. Il sito
    > ti permette il download del pacchetto software e
    > si paga solo la licenza tramite carta di credito.
    > Quanto dovrei aspettare per scaricarlo tutto ? 3
    > giorni
    > ?!?!?!?!?

    Oppure ti fai mandare il CD per posta. (il sito permette pure quello).


    > Ma che e' successo al QI ? E' precipitato nel
    > giro di qualche giorno ?

    Il tuo non credo: per precipitare si presume che si trovasse ad un livello piu' alto, in passato.

    > Sembra che da questo
    > articolo in america si sia predisposto un ritorno
    > a 20 anni fa: "Rifiutiamo la tecnologia, viva il
    > Newage, viva la vita in campagna, meno stress per
    > tutti
    > !!!"

    A me invece sembra che dica: "a noi non ci vendete fumo e lustrini come fate in Italia dove la gente butta via un cellulare motorola da 600 euro nuovo solo perche' deve prendersi l'iPhone"

    > Avanti il prossimo va ...
    Che e' meglio!
    non+autenticato
  • - Scritto da: bash
    > - Scritto da: uranux
    > > Che mi rappresenta questo articolo ? L'apoteosi
    > > dell'inutilita'
    > > ?
    >
    > E adesso vediamo che cosa mi rappresenta il tuo
    > post...
    >
    Bene vediamo.

    > > Andiamo ... come dovrei giocare io a World of
    > > Warcraft con 56k ?
    >
    > Infatti WoW e' la killer application di internet,
    > vero.
    > Fermo restando che si puo' giocare benissimo
    > anche a 56K, visto che i dati trasmessi sono
    > pochissimi (unita' e
    > coordinata).
    > Senza contare il fatto che per scrivere la
    > percentuale dei giocatori di WoW rispetto agli
    > utenti della rete, non so mica quanti zeri devo
    > scrivere dopo la virgola prima di trovare un
    > numero.
    >

    Falsa la prima risposta. Non conosci i giochi online di oggi e personalmente dimostri ignoranza: Un 56k non basta e il fatto che fai questa affermazione dimostra che parli di qualcosa che non conosci.
    Anche il resto dell'opinione è errata. WOW è solo UNO degli N mila giochi di questo mondo fatti in rete. Sul fatto che poi gli utenti di internet siano di piu' .. BEH .. hai scoperto l'acqua calda.

    Il killer use di internet attualmente, almeno per cio' che riguarda i REPORT UFFICIALI è lo spam.
    Il traffico mosso dai giochi online almeno per WOW, visto che tu parli ma dati non ne porti, è di circa 35KBYTE per nodo nei momenti di massima iterazione.
    Il tuo 56kbit fa ridere e pure la tua presunzione.
    Si lo so ti ricordi i giochi sono N mila come ti ho suggerito, ma ti assicuro che per le potenzialita' della rete 35KBYTE a testa sono consumi molto bassi.


    > > Quanto ci metterei a spedire un file di lavoro
    > da
    > > 25 Mega con un 56k ?
    >
    > Lavoro? Che c'entra il lavoro con l'uso domestico
    > della rete? Forse volevi dire "quanto ci metto a
    > spedire un pps pieno di cazzate grosso 25 mega".
    > Zippalo!

    C'e' gente che purtroppo lavora anche da casa talvolta sai ? A me capita di dover spedire delle presentazioni anche al di fuori dell'orario di lavoro e non vedo perchè tu dovresti obiettare.

    Ah dimenticavo .... 25 Mega era gia' zippato.
    Tu non hai la minima idea di quali presentazioni o file di report siano presenti in ambito aziendale. Non hai la benchè minima sensazione di cosa gira in rete per lavoro e soprattutto .. non capisci nemmeno che i 25 mega potrebbero essere anche 50 files spediti ad un cliente.
    Ancora dimostri di parlare senza sapere.
    >
    > > E se dovessi scaricarmi
    > > l'ultima versione di antivirus Kaspersky dal
    > sito
    > > ufficiale (comprando solo la licenza) dovrei
    > > accettare di aspettare 6 ore
    > > !?!?!?!?
    >
    > Oppure ti fai mandare il CD per posta.

    Non sempre ho il tempo di potermelo far spedire per posta. Magari ne ho necessita' subito e non capisco su che cosa obietti. Lo fai tanto per fare ?
    Ti rispondo nel tuo stesso modo. Se il sito da la possibilita' di scaricare perche' dovrei farmelo spedire ?
    Ma ci pensi a cosa dici ? Se tutti cominciassero a farsi spedire ogni prodotto per posta quali sarebbero le conseguenze ? Ancora non hai la benche' minima idea di cio' che dici. Soprattutto per cio' che riguarda la fruibilita' dei contenuti software IL DOWNLOAD LEGALE e' una soluzione al traffico e ai trasporti nelle consegue DI ENORME (E QUI METTICI PURE TUTTI GLI ZERI E VIRGOLE CHE VUOI) IMPATTO.


    >
    > > Nero Burning Rom pesa non so quanti mega. Il
    > sito
    > > ti permette il download del pacchetto software e
    > > si paga solo la licenza tramite carta di
    > credito.
    > > Quanto dovrei aspettare per scaricarlo tutto ? 3
    > > giorni
    > > ?!?!?!?!?
    >
    > Oppure ti fai mandare il CD per posta. (il sito
    > permette pure
    > quello).
    >

    come sopra ... che te lo dico a fare ?

    >
    > > Ma che e' successo al QI ? E' precipitato nel
    > > giro di qualche giorno ?
    >
    > Il tuo non credo: per precipitare si presume che
    > si trovasse ad un livello piu' alto, in
    > passato.
    >
    > > Sembra che da questo
    > > articolo in america si sia predisposto un
    > ritorno
    > > a 20 anni fa: "Rifiutiamo la tecnologia, viva il
    > > Newage, viva la vita in campagna, meno stress
    > per
    > > tutti
    > > !!!"
    >
    > A me invece sembra che dica: "a noi non ci
    > vendete fumo e lustrini come fate in Italia dove
    > la gente butta via un cellulare motorola da 600
    > euro nuovo solo perche' deve prendersi
    > l'iPhone"
    >
    > > Avanti il prossimo va ...
    > Che e' meglio!

    Il paragone del telefonino è un altro campo. E se fai affermazioni approfondiscile senza fare qualunquismo.
    Il paragone sui telefonini e' inutile e non necessario.
    Se una cosa non la vuoi non la compri. La pubblicita' non e' il motivo dell'articolo ma semplicemente la considerazione di quanto sia utile la banda larga.

    Anche tu sembra che posti per la gloria.
    Magari se invece di stare semplicemente a fare la larva che giudica i commenti degli altri esponendo senza fare banale provocazione potresti risultare piu' interessante.

    4 interventi su un post e 4 considerazioni banali.
    - Se mi dimostri che giochi a WOW con un 56k ti stringo la mano. Ma non avverra' mai.
    - Se mi dimostri che spedisci 25 Mega al cliente che alle 7 di sera ti chiama perche' il progetto va discusso in riunione l'indomani ti stringo la mano. Ma non succedera' mai. E non venirmi a parlare di previdenza nel fare le cose, non dipende sempre da te il lavoro degli altri.
    - Dillo tu al tuo capo che al cliente non potrai portare il software domani perchè TE LO SEI FATTO MANDARE PER POSTA !!!! E mi spiace le richieste non arrivano tutte 16 giorni prima. Spesso ti arrivano nell'ultimo istante e devi agire nel modo piu' veloce possibile. Che tu ne possa dire o fare. Non dipendono solo da te gli accordi commerciali e aziendali di un datore come FIAT o SEAT o chiunque tu voglia citare.
    - Il discorso della banda non e' questione di fumo ma semplicemente di chi non ne sente il bisogno ... se leggi l'articolo dice questo.


    Ah dimenticavo. La provocazione patetica sul paragone del QI la salto, dimostra che posti tanto per farlo, fai affermazioni false come quella di cui al punto 1 e non sei cosciente di quanto le soluzioni di banda larga abbiano risolto problemi di costi e trasporti in tutto il mondo oltre che a migliorare la vita di chi ci lavora o necessità di servizi on-demand.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 luglio 2008 13.03
    -----------------------------------------------------------
  • Gia' in passato circolava la notizia che a molti americani addirittura non interessava Internet, altro che banda larga.
    Che per certe applicazioni possa servire la banda larga, sara' anche vero, ma spesso si sono viste innovazioni tecnologiche che erano solo business, sistemi operativi gonfiati con la pompa da bicicletta per costringere a comprare nuovi computer, programmi che su un FD che prima poteva contenere un disegno adesso non ci salvano nemmeno un segmento di retta o una piccola circonferenza, e occorre passare al CD, etc etc.
    Inoltre molte delle applicazioni serie si accontentano di un 486 o poco piu', i computer di ultimissima generazione di regola sono richiesti, apposta, dai giochini.
    E anche riguardo l'Italia certe statistiche lasciano perplessi, prima ti dicono che siamo sul 60% di utilizzatori di Internet, poi dicono solo il 38%, pochi giorni fa sono scesi al 15%, difficile prenderli sul serio.
    Paolo
    non+autenticato
  • Su questo ti appoggio ma come tu stesso dici alcune applicazioni spostano volutamente grosse moli di dati e non solo all'interno della propria intranet.

    I computer di ultima generazione però non sempre sono composti dal processore HyperT. e da schede video da urlo.

    I computer di ultima generazione vivono spesso vicono ai server che si preoccupano di fare la famosa interfaccia DMZ. Frusiscono di processori XEON (oggi sono ancora molto diffusi sebbene l'innovazione in tal senso non si sia certo fermata e vengono impiegati in cluster software o hardware per la gestione di Database di dimensioni mastodontiche.
    In tal senso il numero di interrogazioni effettuate da persone che si trovano all'interno (ma anche all'esterno) di un'azienda, fa si che la macchina lavori spesso a % di CPU che nel tempo aumentano e che in alcuni casi si avvicinano al 100%.
    Parliamo di macchine con 2/4/8 processori (x2 con i core), Giga e Giga di ram e potenza di calcolo elevatissima.
    Queste ... sono le macchine ad alte prestazioni.
    Non quelle citate per i giochini e che si trovano a casa.

    Se parliamo di sprechi poi li c'e' da discutere tantissimo. Per quello sono perfettamente d'accordo con te che rapportando il discorso all'utilizzo della banda di sprechi c'e' ne sono moltissimi.
    Ad esempio talvolta credo che 20 Mega come taglio di ADSL sia realmente molto elvato per essere considerato utile ai fini dell'utilizzo che ne si puo' fare.
    Poi va visto ogni singolo caso per carità.
    Molto spesso andavo dicendo che invece di fare la 20 mega delle balle bastava darne 1 di MB effettivo a tutti.
    Tutti avrebbero avuto abbastanza banda per i tempi nostri.
    Cavolo .. 100Kbyte al secondo e fissi ... ci vai quel che ti pare. 1 MegaByte in 10 secondi. Poi tutto varia e vanno considerate tutte le variabili.

    I 486 li usano ancora si ... ma sono PARTI di un'architettura che non puo' essere considerata quella performante o che investe l'utilizzo da parte di migliaia di utenti.

    Prendi per esempio una farm di un progetto piu' o meno serio. Un 486 per la gestione di un DB aziendale non lo vedrai mai usare. Le aziende ricorrono a meccanismi di Fault Tollerance necessitano di SO che gesticano ampie risorse. Forse puoi usarlo come WEB portal.. visto che il carico di calcolo è affidato appunto ad altre macchine.
    Ma parliamo onestamente di realtà per le quali io non ho visto riscontro pratico. Ormai invece di usare il 486 compro una VM e ci replico tutti gli ambienti (anche a taglio del 486 se mi gira) e ho risolto il problema.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 luglio 2008 15.08
    -----------------------------------------------------------
  • Credete forse che il freno allo sviluppo di Internet sia la banda?
    Dove sono le decine di applicazioni della Pubblica Amministrazione e private che (ormai una decina di anni fa) ci avevano promesso?

    Basta accendere il cervello e vengono in mente decine di applicazioni UTILI che se ci fossero sarebbero fruibili anche con un 56k:
    - spesa on-line
    - anagrafe comunale on-line
    - banking on-line (c'è, ma che vergogna, pago un extra per usarlo invece di avere uno sconto per il lavoro che faccio risparmiare alla banca)
    - accesso on-line alla scuola dei figli (elenco libri, compiti quando sono malati!)

    Invece no, tutti a comprare banda larga per rincoglionirsi con YouTube (ma non bastava la TV?)
    non+autenticato
  • Per certi versi potresti avere ragione IO, ma purtroppo l'indice di funzionalita' della rete è particolarmente legato alla quantià di dati al secondo.
    L'aumento della banda è essenziale se vuoi avere un servizio pratico e veloce.
    L'uso di una normale linea a 56k condizionerebbe l'utente ad attendere spesso manciate di secondi per la navigazione di ogni sito.
    Cerchiamo per favore di mantenere obiettività quando si parla di progresso tecnologico e non leghiamo la cosa al banale esempio di Youtube.

    Youtube puo' essere uno strumento utilissimo se sfruttato a dovere. Dovrebbe essere inutile semplicemente perchè una percentuale di imbecilli lo usa solo per mettersi in mostra ?
  • Mi ricordo una vecchia clip promozionale della minitel francese: un bel terminale a fosfori, interfaccia testuale semplice semplice ((L)eggi, (P)rossimo, ecc) e tutte le info su servizi amministrativi ottenute con pochi tasti...semplice e funzioanle...ma nooo, figuariamoci se la nostra PA può fare qualocsa del genere..troppo complicato, meglio fare il mega portalone col bannerone colorato "plis, visit auar region"...fatto in house ovviamente
    non+autenticato
  • Su questo ti do pienamente ragione. Il problema e' che si tende a voler complicare sempre la vita.
    Probabilmente per una questione di prestigio ( o immagine ) oppure perche' si tenderebbe a voler concedere di piu' senza rendersi conto che pero' l'utente medio poi si trova spaesato e subissato di informazioni non utili.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)