Alfonso Maruccia

C'è Linux nel micro air vehicle che vola e pensa

Tecnologia integrata per un drone messo a punto in una università californiana. Il MAV è in grado di seguire una rotta prestabilita, mantenere la posizione a lungo e analizzare il circondario. Può anche resistere al lancio di oggetti

Roma - In attesa che i chembot spazzino via qualsiasi ricerca alternativa e/o l'intera razza umana, dal mondo accademico statunitense continuano ad arrivare notizie delle sperimentazioni di micro air vehicle "tradizionali", quelli fatti di circuiti logici discreti, pale in movimento e sensori vari e assortiti.

L'ultimo MAV delle meraviglie arriva dall'unità Hybrid Systems Laboratory della Stanford University e si chiama STARMAC, acronimo che sta per Stanford Testbed of Autonomous Rotorcraft for Multi-Agent Control. Il drone serve a sperimentare le soluzioni automotive finora individuate dai "labs" della California e per "dimostrare nuovi concetti nel controllo multi-fattore in una piattaforma nel mondo reale".

Il risultato è un veicolo capace di seguire un percorso prestabilito codificato all'interno dei suoi circuiti, facendo affidamento sia sul ricevitore di posizione GPS integrato che sulla componentistica di cui è dotato. Componentistica che gli permette anche di avere una "consapevolezza elettronica" del posto e della posizione in cui si trova.

STARMAC vola grazie ai quattro rotori di cui è dotato, e ritorna in posizione se gli viene lanciato qualcosa contro facendolo spostare. Attualmente sono stati costruiti 6 modelli del drone, una vera e propria flotta i cui componenti integrano al proprio interno microcontroller di basso livello, single-board computer PXA270 e il minuscolo PC-104 con Linux Fedora incorporato per il data processing delle informazioni visive catturate dai sensori.

STARMAC è arrivato alla sua seconda revisione, che rispetto alla prima aumenta il tempo di operatività grazie all'inclusione di nuove batterie e il "range" di possibilità di analisi con un numero maggiore di sensori. Il MAV può essere impiegato sia in ambienti outdoor che indoor senza problemi, grazie alla precisione del sistema di guida automatico e alla percezione "sensoriale" dell'ambiente.

Alfonso Maruccia
70 Commenti alla Notizia C'è Linux nel micro air vehicle che vola e pensa
Ordina
  • in questo caso è più appropriato <> invece di !=, per stressare che è < per alcune cose, e > per altre.
    Esempio: ho preso in regalo un sistema P3 e volevo darlo a mia nonna dopo averci installato linux per farla allontanare dalla TV... ebbene, dopo una nottata ed un pomeriggio di smadonnamenti per farlo avviare in modo liscio (dava problemi su un hd, ho dovuto installarlo sull'altro...?), scopro che la ati rage 128 che monta non è supportata se non per un driver xfree di base, cioè niente accelerazione 2d, e nessuna speranza di ottenerla in altro modo. Ditemi voi come si può usare un pc senza accelerazione hardware 2d. E allora ci devo installare XP performance edition, almeno ci sono i driver "legacy" della ATI. E no, non voglio spenderci sopra neppure un centesimo per installarci una vecchia radeon e avere i driver linux accelerati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mauro
    > in questo caso è più appropriato <> invece di !=,
    > per stressare che è < per alcune cose, e > per
    > altre.
    > Esempio: ho preso in regalo un sistema P3 e
    > volevo darlo a mia nonna dopo averci installato
    > linux per farla allontanare dalla TV... ebbene,
    > dopo una nottata ed un pomeriggio di
    > smadonnamenti per farlo avviare in modo liscio
    > (dava problemi su un hd, ho dovuto installarlo
    > sull'altro...?), scopro che la ati rage 128 che
    > monta non è supportata se non per un driver xfree
    > di base, cioè niente accelerazione 2d, e nessuna
    > speranza di ottenerla in altro modo. Ditemi voi
    > come si può usare un pc senza accelerazione
    > hardware 2d. E allora ci devo installare XP
    > performance edition, almeno ci sono i driver
    > "legacy" della ATI. E no, non voglio spenderci
    > sopra neppure un centesimo per installarci una
    > vecchia radeon e avere i driver linux
    > accelerati.

    Per usare i driver legacy di XP tanto vale farlo andare in vga standard con linux.
    krane
    22544
  • sì mi sn laureato senza che mi han mai presentato linux alla triennale... problemi?
    i nonni di sembee son più preparati di me evidentemente...
    e cmq, che vantaggi ne ricaverei nel mio uso? nessuno credo, o ben pochi, quindi non ho motivo.

    "Falso, non sai di cosa parli."
    eeh, vienimelo a dire tu allora!
    solo solo che esistono 100 distribuzioni... questo mi da' fastidio.

    "Ah no? Neanche se ne trarrebbe un netto vantaggio? Al massimo voialtri potete sperare che una persona resti nell'ignoranza."
    netto? voialtri? io uno sono, non sono trino...
    a me non me ne importa un fico secco dell'ignoranza o meno degli altri...

    "Ah, beh, tu si che sei uno preparato"
    eehehehe... conoscere linux vi da' sempre quel senso di onnipotenza... beh nn tutti devono essere sistemisti... mi diverto abbastanza dalla mia ditta individuale... e cmq ho sviluppato anche in java, non solo in .net, ma sempre sotto windows.... e se viene un cliente cn linux? addio, 1 su 100, finora, nn mi cambia nulla... un giorno si vedrà...
    io vado dietro i soldi, non dietro le mode, ancora meno dietro le ideologie... nel mio ambito me lo posso permettere... facessi altri tipo di SW destinati ad altri mercati sarebbe diverso magari... di certo nn vado a dire che io sn "meglio" o "peggio"... impare a essere persona prima di essere programmatatore.

    e infine sì, ho fortuna e anche buon senso ed educazione.

    PS: ovviamente nn sono io ad aver detto di nn saper fare la registrazione nel forum... semplicemente non me ne frega e non la faccio.
    non+autenticato
  • Hanno bloccato il topic più sopra. Per cui se vuoi rispondere puoi farlo qui.

    - Scritto da: rassegnato
    > > Se capita di trovare windows nel mondo della
    > > ricerca è solo per:
    >
    > Purtroppo non è vero.
    > Anche nell'ambito della ricerca si usa quasi
    > esclusivamente Windows e numerosi programmi di
    > interfaccia con strumenti sofisticati sono solo
    > per
    > Windows.
    > Ho provato più volte a "protestare", ma nulla.
    > E ci sono anche programmi che prima avevano la
    > versione anche per Linux e che adesso tengono
    > solo quella per
    > Windows.
    > È molto triste...

    Mi fai qualche esempio? Mi incuriosisce questa storia.

    p.s. Se intendi LabView, esistono versioni aggiornate anche per linux.
    non+autenticato
  • Ancora qualcuno crede di aver visto realmente degli U.F.O.???
    non+autenticato
  • al cotnrario di windows possono customizzarlo a piacere e fare tutte le modifiche che vogliono
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    > al cotnrario di windows possono customizzarlo a
    > piacere e fare tutte le modifiche che
    > vogliono

    Anche con Windows le puoi fare, forse sei tu che non ne sei capace.
    non+autenticato
  • - Scritto da: abc

    > Anche con Windows le puoi fare, forse sei tu che
    > non ne sei
    > capace.

    Lascia stare... non c'è storia.
    non+autenticato
  • a si? dove trovo i sorgenti del kernel per ottimizzarlo per il mio scopo? Come faccio a rimuovere l'inutile interfaccia grafica (inutile in sistemi come questi ad esempio...)
    non+autenticato
  • << i sorgenti del kernel per ottimizzarlo per il mio scopo >>

    notevole questo appunto
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)