Gaia Bottà

Olimpiadi, vietato copiare

Le autorità cinesi annunciano pene severe per coloro che rilanceranno in rete materiale su cui non detengono diritti. Le Olimpiadi saranno solo per i canali autorizzati

Roma - Le Olimpiadi cinesi non si clonano, le trasmissioni degli eventi e delle imprese atletiche saranno riservati all'emittente di stato e a coloro che ne acquisiranno regolarmente i diritti. Chi avesse intenzione di trasmettere immagini ottenute illecitamente è stato avvertito: multe cospicue e severe pene si abbatteranno senza pietà sui pirati.

ManifestazioniLe autorità di Pechino giocano d'anticipo: "Nessun sito web, nessuna piattaforma mobile, nessun individuo potrà trasmettere entro i confini cinesi materiale audio e video relativo ai Giochi Olimpici di Pechino o alle manifestazioni correlate senza aver ottenuto l'autorizzazione del detentore dei diritti" ha annunciato un portavoce dell'ente che si occupa di vigilare sul copyright in Cina.

Le punizioni saranno esemplari: dagli avvertimenti si passerà alle richieste di rimozione e alle multe da oltre 9mila euro, alle quali potrebbero seguire oscuramenti e sequestri. Se si verrà colti in flagrante nella trasmissione di eventi per trarre profitti superiori ai 2700 euro, scatteranno le pene carcerarie: si rischierà da uno a sette anni.
A vigilare sulle trasmissioni abusive ci saranno la Commissione Olimpica Internazionale, i detentori dei diritti, le autorità statali e gli stessi cittadini della rete: 20 siti sono già stati raggiunti dalle diffide. (G.B.)

(fonte immagine)
3 Commenti alla Notizia Olimpiadi, vietato copiare
Ordina