Alfonso Maruccia

Bufala dal web ai giornali, fino alla denuncia

Sesso, alcol e un bravissimo DJ. Tutto falso o quasi, ma la news passa dal social networking ai giornali. La madre della festeggiata, infuriata, trascina tutti in tribunale

Roma - Nell'epoca in cui se la rete non è "social" non ha visibilità, oltre che con Photoshop i falsi si costruiscono con il "buzz". Il problema si scatena quando a quel chiacchiericcio incontrollato e incontrollabile abboccano testate giornalistiche variamente importanti, che rischiano poi di rimetterci la faccia e i soldi in tribunale.

Jodie Hudson festeggiava i suoi 16 anni il 3 maggio scorso, nella villa spagnola della famiglia in Inghilterra. Il party era stato presentato come "la festa dell'anno" su Bebo, e i messaggi successivi pubblicati da presunti partecipanti all'happening parlavano di alcool, sesso e persino atti di violenza avvenuti nella villa, e descrivevano quest'ultima come un edificio da almeno "8 milioni di dollari".

Un boccone ghiotto per sei quotidiani inglesi in crisi estiva, che hanno dato per vera la storia e l'hanno pubblicata con tanto di reportage fotografico estratto dalle immagini pubblicate sull'account Bebo della sedicenne. Un boccone che gli è poi andato di traverso perché Amanda Hudson, la madre della ragazza, ha smascherato la montatura, chiarito che si tratta di una bufala e ha denunciato le testate per diffamazione e violazione della privacy.
Tutto quello che la figlia ha raccontato sul web è falso e il party, dice Amanda Hudson, si è svolto in forma privata con tanto di guardie di sicurezza assunte dalla famiglia per tenere sotto controllo la situazione. La polizia non è mai stata chiamata in causa né sono stati denunciati furti in occasione della festa.

Secondo i legali della famiglia il fatto che quotidiani e fonti di informazione blasonate come TimesOnline, Sky News o The Register abbiano pubblicato la vicenda solleverebbe non solo problemi di privacy ma sarebbe anche diffamante e persino violerebbe certi copyright dell'azienda. E tutto per le informazioni pubblicate, un tempo private, a cui è stata data una visibilità senza precedenti.

I racconti della rampolla di casa Hudson saranno anche stati "coloriti", dice l'avvocato Price, ma nessuno si è degnato di contattare la ragazza o chiunque altro per avere conferme dirette dell'accaduto. Rimane da stabilire ancora il perché Jodie Hudson si sia inventata la storia, e perché i suoi "amici" su web abbiano contribuito raccontando di sesso, alcool e quant'altro.

Alfonso Maruccia
68 Commenti alla Notizia Bufala dal web ai giornali, fino alla denuncia
Ordina
  • Ma no, la prendono come fonte affidabile, indiscriminatamente!
    Ma se è come in un bar o una piazza, dove chiunque può dire qualunque cosa, cioè più o meno affidabile? Cambia solo che, a differenza del bar o della piazza, il messaggio raggiunge (o è raggiungibile) da una massa di persone.
    Non è che se qualcosa è scritta sul "mass media" Internet, allora questa è affidabile (ma neanche in TV, eh?), come non è detto che lo sia se si sente qualcosa detto in giro, che può essere vero, ma anche una bufala o una leggenda metropolitana. Dipende dove (qui in che sito/fonte). Un po' di spirito critico non guasterebbe.
    Quindi questi giornalisti scrivono articoli praticamente sul sentito dire... e si copia/incollano fra loro. E non solo loro purtroppo, basti pensare alla traccia d'inglese degli esami di maturità di quest'anno...
    non+autenticato
  • nel tuo pensiero c'è un piccolo bug (x restare in ambiente informatico), non hai contato il fatto che in rete le notizie si possono anche verificare andando dritto alle fonti più vicine alla notizia (se riguarda il web).

    Però hai completamente ragione quanod dici che un po di senso critico non guasterebbe.
  • "Se gli abitanti di Creta sono bugiardi..." diceva il buon Epimenide che penso tutti conosciate...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Epimenide
    http://it.wikipedia.org/wiki/Paradosso_del_mentito...
    (Senza alcuna offesa per i cretesi, e' solo un famoso paradosso!)

    I "cretini" che hanno raccontato questa storia pretendono di dire il vero. Questo vale per i giornalisti (noti mentitori), per i ragazzini (possibili mentitori) che hanno scritto nei blogs, ma perche' non dovrebbe valere anche per i genitori della ragazza, che possono aver concepito per interesse una seconda versione dei fatti? Lasciatemi osservare che come lettori di PI non abbiamo ricevuto alcun elemento dallo stesso autore, il caro Alfonso, che ci indichi che la seconda versione sia piu' veritiera della prima. Egli si e' basato sull'opinione scritta da altri fino a che non provi il contrario. Non voglio qui difendere, ne' accusare alcuno se non riflettere sulla questione e sulla delicatezza su cui si regge la relazione notizia-lettore.

    "Dubito ergo sum"

    Questa e' logica!
  • guardate che la maggiorparte delle notizie sono false, servono solo a metterci paura, o servono solo a fare ascolti,maledetti ascolti, spengete la tv, staccate il pc,leggete un libro, uscite, parlate con le persone, tra breve il mondo finirà e noi ancora a rimbarbirci davanti la tv, continuate a credere a tutto quello che dice. Usate la testa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: naruto
    > staccate il pc

    staccalo va!
    non+autenticato
  • Sembra che troppo poca gente qui conosca la
                                                 
    ________ _______     _____     _____   
    / _____/ \     \    / _ \    / _ \ (tm)
    /   \ ___ /   |   \ / /_\ \ / /_\ \
    \    \_\ \/    |    \/    |    \/    |    \
    \______ /\____|__ /\____|__ /\____|__ /
            \/         \/         \/         \/
                                                


    Aprite li occhi!Ficoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: FdT Reclutator e
    > Sembra che troppo poca gente qui conosca la
    >
                                               
    ________ _______   
    / _____/ \     \
    /   \ ___ /   |   \
    \    \_\ \/    |    \
    \______ /\____|__ /
            \/         \/
       _____     _____   
    / _ \    / _ \(tm)
    / /_\ \ / /_\ \
    /    |    \/    |    \
    \____|__ /\____|__ /
            \/         \/
                                                
    >

    >
    > Aprite li occhi!Ficoso


    IL CAMPO CODE ╚ INUTILIZZABILE, ELIMINATELO!!!1!


    /caps-lock
    non+autenticato
  • che cos'è? arte moderna?A bocca aperta
    lo so che è ASCII art, ma non mi sembra tanto chiara...
  • Quale diffamazione? Ha scritto tutto l'interessata.
    Tordi i giornalisti a credergli ma, se c'è una colpevole di diffamazione è la ragazzina imbecille.
    non+autenticato
  • - Scritto da: lufo88
    > Quale diffamazione? Ha scritto tutto l'interessata.
    > Tordi i giornalisti a credergli ma, se c'è una
    > colpevole di diffamazione è la ragazzina imbecille.

    I giornalisti hanno pubblicato notizie diffamatorie e del tutto false su minori e sulle loro famiglie. Il fatto che l'invenzione sia partita dai minori stessi non è una giustificazione: sarebbe bastato verificare la notizia contattando i genitori, ma hanno preferito pubblicare le bugie di qualche bambino.
    Da qualunque parte la si guardi, questa vicenda rivela la mancanza di professionalità dei giornalisti coinvolti. I bambini non fanno informazione.
  • - Scritto da: www.aleksfalcone.org
    > - Scritto da: lufo88
    > > Quale diffamazione? Ha scritto tutto
    > l'interessata.
    > > Tordi i giornalisti a credergli ma, se c'è una
    > > colpevole di diffamazione è la ragazzina
    > imbecille.
    >
    > I giornalisti hanno pubblicato notizie
    > diffamatorie e del tutto false su minori e sulle
    > loro famiglie. Il fatto che l'invenzione sia
    > partita dai minori stessi non è una
    > giustificazione: sarebbe bastato verificare la
    > notizia contattando i genitori, ma hanno
    > preferito pubblicare le bugie di qualche bambino.
    >
    > Da qualunque parte la si guardi, questa vicenda
    > rivela la mancanza di professionalità dei
    > giornalisti coinvolti. I bambini non fanno
    > informazione.

    Bambini? Sono 16 e 17enni, non bambini, in caso di reati la legge li considererebbe responsabili e punibili, perché non dovrebbero essere almeno responsabili delle loro stesse affermazioni?
    In questo caso poi, nessuno vuole punire loro, casomai sono loro e le loro famiglie che vogliono fare i furbetti, il giudice non dovrebbe dargliela vinta, sarebbe altamente diseducativo, fra le altre cose, oltre che una forzatura della legge molto opinabile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: lufo88
    > Quale diffamazione? Ha scritto tutto
    > l'interessata.
    > Tordi i giornalisti a credergli ma, se c'è una
    > colpevole di diffamazione è la ragazzina
    > imbecille.

    Quoto e sottoscrivo.

    La madre dovrebbe denunciare di diffamazione la ragazzina e non i giornali che hanno fatto (male) il loro lavoro.
    non+autenticato
  • ma come per quella storie delle figlie di un politico russo, o notizie sulle feste dei vari vipss, servono solo per carta straccia come 9lla2k, quindi amio parere, benvengano gli sputtani ai giornalisti, così forse si impegneranno per argomenti degni di essere trattati.
    perchè, IMHO, non frega a nessuno sapere quando xyz ha la diarrea e come ci insegna studio aperto, andare col microfono nel citofono a rompere alla gente.
  • Se Studio Aperto prosegue in quell'ottica, significa che lo share è abbastanza alto e quindi, al popolino interessa quanto tizio ha la diarrea.

    Premesso questo, non ci sono solo i giornalisti professionisti, ma anche quelli "agli inizi" ai quali viene data una mezza paginetta, un quarto di paginetta, 20 righe... per riempire il giornale.

    A quel punto, il giornalista principiante, naviga il web, trova uno scoop e si lancia.
    Fesso il direttore del giornale a non verificare la notizia, ma da qui a sborsare soldi per una cavolata detta/fatta dalla figlia dell'interessata che pretende soldi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mi scoccio di loggare
    > - Scritto da: lufo88
    > > Quale diffamazione? Ha scritto tutto
    > > l'interessata.
    > > Tordi i giornalisti a credergli ma, se c'è una
    > > colpevole di diffamazione è la ragazzina
    > > imbecille.
    >
    > Quoto e sottoscrivo.
    >
    > La madre dovrebbe denunciare di diffamazione la
    > ragazzina e non i giornali che hanno fatto (male)
    > il loro
    > lavoro.

    come no! Io sbatterei in mezzo alla strada quella sottospecie di giornalisti. Fanno proprio schifo.
    non+autenticato
  • ti consiglio di non sparare cose del genere, alcune situazioni giudiziare sarebbe meglio lasciarle a persone esperte che conoscono la legge (del paese della ragazza).
    Io personalmente non conosco nemmeno cosa prevede la legge delnostro paese, ma credo che bisogna scavare nei famosi cavilli legislativi per fare chiarezza.
    Molte volte non puoi pensare che il tuo senso critico venga seguito dalla legge.
    Può essere che adesso hai ragione tu, ma potrebbe anche averla www.aleksfalcone.org.

    P.S. Aspetto il parere di una avvocato.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)