Alfonso Maruccia

Viacom: il copyright è buono solo se è nostro

Il colosso che vuole spolpare Google incappa a sua volta in un caso di leso copyright, sui brevetti di un videogame musicale che Konami sostiene siano stati usati senza autorizzazione

Roma - Tempi duri per Viacom, il gigante statunitense dei media. Dopo aver scatenato un vespaio pungente di polemiche e campagne di boicottaggio su YouTube, a seguito della decisione del giudice che ha concesso al colosso il diritto di ficcare il naso nei dati di accesso al portale di video sharing, Viacom deve ora fronteggiare l'accusa di violazione di brevetto su un gioco musicale sviluppato da un marchio di sua proprietà.

A portare Viacom davanti al giudice è Konami, attiva da anni nel settore con brand quali Dance Dance Revolution e Karaoke Revolution: a suo dire la serie Rock Band sviluppata da Harmonix Music Systems (Viacom) infrange la sua proprietà intellettuale.

Della serie chi la fa l'aspetti: secondo quanto pubblicato su Patent Arcade, il motivo del contendere sono tre brevetti registrati dal produttore giapponese presso lo USPTO statunitense, risalenti al 1998 e piuttosto particolareggiati nel descrivere schemi di gioco, meccanismi di gameplay e controller specifici per il genere dei "rhythm game".
A giudicare il caso sarà la Corte Distrettuale del Distretto Est del Texas, a cui Konami si sarebbe espressamente rivolta visti i precedenti favorevoli per i proprietari di brevetti e marchi registrati. Tra le richieste del publisher figurano una compensazione monetaria e il divieto, per Viacom/Harmonix, di fare uso delle chitarrine, le batterie e i dispositivi USB utilizzati per interagire con la serie di videogame in questione.

Sia come sia la tempistica della denuncia non appare casuale: Konami ha dichiarato di voler distribuire Rock Revolution, il prodotto concorrente di Rock Band teso anch'esso alla "simulazione" di una band in concerto, entro il 2008. Una decisione favorevole del giudice aiuterebbe di certo l'avventura commerciale del nuovo prodotto.

Alfonso Maruccia
8 Commenti alla Notizia Viacom: il copyright è buono solo se è nostro
Ordina