Polimi: online si può

Il Politecnico di Milano punta a promuovere la formazione a distanza anche tra i lavoratori. E vuole che stiano al passo degli esami di ammissione, continuando a studiare da casa

Roma - Capita di lavorare qualche tempo, magari subito dopo il diploma, e poi di non essere più al passo con quanto servirebbe per rientrare nel circuito accademico. Da qualche anno poi è obbligatorio un test di ingresso a certe facoltà: ma chi può studiare mentre lavora per mantenersi? Per aiutare i giovani (e meno giovani) che avessero voglia di tornare in pista, il Politecnico di Milano ha ideato un apposito canale di riqualificazione: si chiama CorsoZero, e consente di preparare (o ripreparare) al meglio il test di ammissione alla Facoltà di Ingegneria Informatica Online.

"Ci siamo resi conto - spiega il presidente di Metid e responsabile del Corso di Laurea Online del Politecnico, Alberto Colorni - che per la nostra utenza, solitamente fatta di persone già da tempo inserite nel mondo del lavoro e quindi lontane dai percorsi scolastici, poteva essere utile un corso di avvio che permettesse di entrare nel clima della laurea online e consentisse un'opzione meno fredda per coprire le lacune evidenziate nel test".

Certo non siamo ancora al livello delle università USA che propinano lezioni via iPod, né si parla di università totalmente cyber come quella di Fukuoka (Giappone). Ma si tratta senz'altro di un importante passo in avanti nell'ammodernamento dell'offerta formativa digitale (e-learning), che seppure non consentirà di laurearsi via avatar consentirà per lo meno di aumentare la fiducia degli studenti nelle non proprio apprezzate infrastrutture telematiche degli atenei.
CorsoZero è pensato per chi ha ottenuto la maturità da almeno 4 anni e che non ha avuto il tempo e il modo di preparasi adeguatamente per le selezioni: "Il percorso - spiegano dal PoliMI - è rivolto a chi decide di riprendere gli studi dopo anni di lavoro, ed è interamente online". In cinque settimane, gli aspiranti futuri ingegneri rispolverano le materie alla base del loro impegno futuro: fisica e matematica, dunque, attraverso diversi moduli e specifiche attività di collaborazione online da svolgere attraverso sessioni di discussione dal vivo su alcuni forum dedicati.

Solo l'esame di ammissione finale, da svolgersi presso la sede di Como del Politecnico, va sostenuto di persona. Argomento della prova stessa un test scritto e una discussione su quanto svolto durante la formazione. Dal PoliMI precisano che verranno tenute in conto anche le presenze all'attività online, nonché la qualità dell'attività svolta da remoto. Se poi si supera il test, tutti gli OFA (Obblighi Formativi Aggiuntivi) vengono cancellati dal carico da svolgere dopo l'iscrizione, "eccetto la parte relativa all'inglese".
52 Commenti alla Notizia Polimi: online si può
Ordina
  • E' vero che le università Italiane insistono troppo sulla teoria e troppo poco sulla pratica.

    Ma come qualcuno ha detto, Ingegneria è Ingegneria ed è naturale che ci siano matematica, fisica, elettronica ed elettrotecnica in dosi massicce.

    Se uno preferisce approcci più pratici può scegliere un corso di Laurea come Informatica Applicata oppure Sicurezza Informatica.

    http://e-learning.sti.uniurb.it/acs/it/
    http://cdlonline.dti.unimi.it/

    Se un Ingegnere Informatico vuole imparare a programmare sul serio lo deve fare come attività complementare oppure con specializzazioni post-laurea. Ancor meglio se entrambe le cose. E non è poi detto che un Ingegnere Informatico vada a fare il programmatore. Anzi.

    Forse ora come ora di matematica ce n'è ancora un po' troppa, ma delle solide basi matematiche sono secondo me un bagaglio culturale indispensabile.

    Io a mio tempo ho mollato Scienze dell'Informazione dopo un anno e 4 esami per andare a lavorare, ma è da un po' di anni che sento l'esigenza di recuperare ed approfondire le basi della matematica.

    Ragion per cui, forse, alla fine sceglierò proprio Ingegneria Informatica online.
    non+autenticato
  • Da quello che dici si evince che non fai o hai fatto il cdl online.
    Li' si che c'e' la matematica, e di quella discreta, non la semplice analisi (si... anche questa).Occhiolino
    non+autenticato
  • Peccato che il Corso Zero lo eroghino DOPO il fallimento del test e dopo l'immatricolazione.

    Non mi sembra ideale inseguire il test d'ammissione dopo l'immatricolazione, a ridosso dei corsi regolari.

    Mi risulta che l'anno scorso, con il progetto NoSTOP erogassero il corso in preparazione all'esame di ammissione PRIMA dell'iscrizione. Non come recupero dopo l'eventuale fallimento.

    Io sto accarezzando l'idea di iscrivermi ad Ingegneria On Line ma non credo che lo farò se fallisco il Test a Settembre. Ho iniziato il ripasso ad inizio Luglio ed approfitterò delle ferie in Agosto. Poi andrà come andrà.

    Un consiglio: chi è interessato si legga bene questa pagina:

    http://www.orientamento.polimi.it/ammissione/test_...

    e si procuri questo volumetto:

    http://www.orientamento.polimi.it/ammissione/test_...

    per avere un'ide realistica di cosa lo aspetta all'esame di ammissione.
    non+autenticato
  • ... e come tale tenta di MASSIMIZZARE I PROFITTI e MINIMIZZARE I COSTI.

    Ormai nelle Uni si fa solo formazione standard su materie spesso OBSOLETE e non al passo col reale sviluppo dell'informatica.

    Utilizzare questi stratagemmi per accaparrarsi più studenti possibili è nel BUSINESS PLAN delle Università che formano sempre più spesso laureati incompetenti e lacunosi per potersi immettere direttamente nel mondo del lavoro !

    Conosco gente laureata con la specialistica che non conosce un linguaggio di programmazione e non sa cos'è un ciclo for !

    Ci si limita a sfracellarsi il cranio su materie "base" come algebra ed analisi e gente che non ha mai messo mano ad un sistema Unix o non sa scrivere una riga di C.

    Ovviamente questo non è un discorso universale ma valido per la realtà che ho avuto modo di sperimentare costituita da Dott. che perdono anni a parlare del più e del meno e a creare centinaia di slide PowerPoint ultrafighe e colorate ma che NON HANNO UN MINIMO VALORE PRATICO in quanto mancano le basi tecniche per realizzare quelle POCHE IDEE valide che si partoriscono !
    non+autenticato
  • Quoto Marcoaldi.
    L'Uni è sempre stata così (da noi almenno), e non mi è affatto dispiaciuto quandoa suo tempo, ormai nauseato, l'ho abbandonata, in realtà per motivi di famiglia, ma lo avrei fatto comunque senza rimpianti (e parlo col senno di poi)!
  • mi spiace contraddirti...

    sono uno che la IOL (Ingegneria On Line) del POLIMI la frequento e ti posso garantire che non si tratta di uno "stratagemma"... anzi! percui, se agendo "da azienda" l'università fa queste cose... ben vengano!

    I docenti sono sempre disponibili e rispondono ai dubbi anche di notte, il sabato e la domenica quando possono...
    Si tratta di un sistema per dare la possibilità di prendere la laurea in ingegneria anche a chi, come me, lavora.

    Le materie sono le stesse, i docenti, le modalità di esame e gli esami sono gli stessi di quelli del corso "in presenza", si tratta solo di fruire delle lezioni in una modalità alternativa.

    Ora scappo visto che, proprio tra un'ora, ho un esame, proprio al POLISorride

    saluti a tutti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alex
    > mi spiace contraddirti...
    >
    > sono uno che la IOL (Ingegneria On Line) del
    > POLIMI la frequento e ti posso garantire che non
    > si tratta di uno "stratagemma"... anzi! percui,
    > se agendo "da azienda" l'università fa queste
    > cose... ben
    > vengano!
    >
    > I docenti sono sempre disponibili e rispondono ai
    > dubbi anche di notte, il sabato e la domenica
    > quando
    > possono...
    > Si tratta di un sistema per dare la possibilità
    > di prendere la laurea in ingegneria anche a chi,
    > come me,
    > lavora.

    Che è, sei un markettaro che deve piazzare il prodotto?
    Ma per favore! Le mucche volano e sono tutte rosa...ehh!
    Professori disponibili, anche di notte? Roba da far ridere i polli. Ma pensi pure di essere credibile?
    Certo, ti telefonano pure, ti vengono a casa e cucinano, lavano e stirano...ehh!

    > Le materie sono le stesse, i docenti, le modalità
    > di esame e gli esami sono gli stessi di quelli
    > del corso "in presenza", si tratta solo di fruire
    > delle lezioni in una modalità
    > alternativa.
    >
    > Ora scappo visto che, proprio tra un'ora, ho un
    > esame, proprio al POLI
    >Sorride
    >
    > saluti a tutti

    Sì, vabbè. Le stesse modalità significa proprio che non lo passi l'esame senza farti il mazzo o avere una raccomandazione per non studiarlo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin
    > Professori disponibili, anche di notte? Roba da
    > far ridere i polli. Ma pensi pure di essere
    > credibile?
    A me che seguo le lezioni regolarmente è capitato di vedere esercitatori che ti rispondono a dubbi spediti via mail LA DOMENICA. Penso che basti, no?

    > > Le materie sono le stesse, i docenti, le
    > modalità
    > > di esame e gli esami sono gli stessi di quelli
    > > del corso "in presenza", si tratta solo di
    > fruire
    > > delle lezioni in una modalità
    > > alternativa.
    > Sì, vabbè. Le stesse modalità significa proprio
    > che non lo passi l'esame senza farti il mazzo o
    > avere una raccomandazione per non
    > studiarlo.

    Fammi indovinare, tu vieni dal CEPU vero? Perchè lì funziona così, noi siamo messi un po' meglio, sai?
    Se uno studente ha _seguito_ le lezioni _impegnandosi_come_gli_altri_ e ha chiarito eventuali dubbi col prof, come mai non dovrebbe passare secondo te?
  • - Scritto da: kattle87
    > - Scritto da: chojin
    > > Professori disponibili, anche di notte? Roba da
    > > far ridere i polli. Ma pensi pure di essere
    > > credibile?
    > A me che seguo le lezioni regolarmente è capitato
    > di vedere esercitatori che ti rispondono a dubbi
    > spediti via mail LA DOMENICA. Penso che basti,
    > no?
    >
    > > > Le materie sono le stesse, i docenti, le
    > > modalità
    > > > di esame e gli esami sono gli stessi di quelli
    > > > del corso "in presenza", si tratta solo di
    > > fruire
    > > > delle lezioni in una modalità
    > > > alternativa.
    > > Sì, vabbè. Le stesse modalità significa proprio
    > > che non lo passi l'esame senza farti il mazzo o
    > > avere una raccomandazione per non
    > > studiarlo.
    >
    > Fammi indovinare, tu vieni dal CEPU vero? Perchè
    > lì funziona così, noi siamo messi un po' meglio,
    > sai?
    > Se uno studente ha _seguito_ le lezioni
    > _impegnandosi_come_gli_altri_ e ha chiarito
    > eventuali dubbi col prof, come mai non dovrebbe
    > passare secondo
    > te?

    Il CEPU ed il legame con le Università è tutto meno che trasparente. Ma le Università di loro di trasparente non hanno nulla.

    Tu continui a parlare di mucche volanti. Io al CEPU non ci sono mai stato, ma forse tu li conosci bene.
    non+autenticato
  • Io mi sono laureato al poli e posso dire che quasi tutti i docenti si sbattono per aiutarti in ogni modo, inoltre gli esami sono tuttaltro che una passeggiata.
    Parli di cose che non conosci, faresti una figura migliore a tacere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: stfu
    > Io mi sono laureato al poli e posso dire che
    > quasi tutti i docenti si sbattono per aiutarti in
    > ogni modo, inoltre gli esami sono tuttaltro che
    > una
    > passeggiata.
    > Parli di cose che non conosci, faresti una figura
    > migliore a
    > tacere.

    Sì, vabbè. E' un paradiso terrestre. Ma falla finita!
    Se si prodigavano tanto ad aiutarti significa solo che eri raccomandato. Le persone comuni in una qualsiasi Università vengono tratti da schifo. Il resto sono favole.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin
    > Sì, vabbè. E' un paradiso terrestre. Ma falla
    > finita!

    Di quale paradiso parli? Qui si tratta di farsi il cu*o e studiare.

    > Se si prodigavano tanto ad aiutarti significa
    > solo che eri raccomandato. Le persone comuni in
    > una qualsiasi Università vengono tratti da
    > schifo. Il resto sono
    > favole.

    Le favole le racconti tu.
    Ma come tutti sanno, quelli che parlano di "trattamento da schifo" sono quelli più scarsi, che danno 1 esame ogni 2 anni.
    Rassegnati, una laurea non è per tuttiOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: TrollMan
    > - Scritto da: chojin
    > > Sì, vabbè. E' un paradiso terrestre. Ma falla
    > > finita!
    >
    > Di quale paradiso parli? Qui si tratta di farsi
    > il cu*o e
    > studiare.
    >
    > > Se si prodigavano tanto ad aiutarti significa
    > > solo che eri raccomandato. Le persone comuni in
    > > una qualsiasi Università vengono tratti da
    > > schifo. Il resto sono
    > > favole.
    >
    > Le favole le racconti tu.
    > Ma come tutti sanno, quelli che parlano di
    > "trattamento da schifo" sono quelli più scarsi,
    > che danno 1 esame ogni 2
    > anni.
    > Rassegnati, una laurea non è per tuttiOcchiolino

    Parli da classico raccomandato saputello. Comodo blaterare quando si hanno le chiappe coperte e pavoneggiarsi dei voti alti rubacchiati,eh?
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin
    > Parli da classico raccomandato saputello. Comodo
    > blaterare quando si hanno le chiappe coperte e
    > pavoneggiarsi dei voti alti
    > rubacchiati,eh?

    Io l'università l'ho mollata perchè non faceva per me (modo elegante per dire che ero una schiappaA bocca aperta).

    A differenza tua però non muoio di invidia e non accuso gli altri di essere raccomandati.

    Dai, fattene una ragione, vivrai meglioA bocca aperta
    non+autenticato