markvp

USA, patria dei cell sbloccati

Bande di sbloccatori proliferano dall'altra parte dell'Atlantico. E gli operatori grandi e piccoli li tempestano di denunce. Ma i furboni rispuntano come funghi: ci si guadagna, tanto

Roma - L'iniziativa parte da Florida, New York, California, Georgia, Texas ed alcuni altri stati, ma sta rapidamente diffondendosi: quella di recuperare quei cellulari usa-e-(quasi)getta - in genere disponibili per una quindicina di dollari - ed alterarne il firmware, così da poterli rivendere come veri e propri cellulari, in cui inserire qualunque SIM card, di qualunque operatore. Con profitti alti e sicuri.

Ormai gestita da veri e propri cartelli, quest'attività impiega una sorta di pusher, nel campo chiamato runner, che trascorre il proprio tempo acquistando facendo incetta di tali cellulari nei grandi magazzini e portandoli ai "capibanda". Questi cellulari nascono SIM locked, così da costringere il compratore ad acquistare altri "minuti" dallo stesso operatore: ed è questa l'unica fase dalla quale l'operatore trae profitto poiché spesso, inizialmente, i telefoni sono venduti in perdita.

Ma sbloccare i cellulari è un affare davvero invitante: "Ci si guadagna moltissimo", dice James Baldinger, avvocato di West Palm Beach che rappresenta TracFone Wireless. "Anche se continuiamo ad arrestare trafficanti, ne troviamo sempre di nuovi. TracFone intende continuare a perseguirli".
Una volta craccati, questi telefoni vengono rivenduti a prezzi che oscillano tra 40 e 60 dollari in meno rispetto al prezzo di vendita già scontato della stessa TracFone. La loro distribuzione avviene generalmente in lotti da 10mila pezzi o anche di più: è frequente trovare siti che propalano la disponibilità di grandi quantità di apparati già sbloccati.

Dal punto di vista normativo, negli States non è illegale sbloccare un cellulare. Ma le aziende sperano di arginare il fenomeno, stanche di vedersi risucchiare grandi quantità di margini. I costruttori stessi, usando come portabandiera proprio TracFone Wireless, stanno distribuendo denunce a tutto spiano ma c'è persino chi ha rifiutato di obbedire all'ordine di sospendere la vendita dei cellulari sbloccati, segno evidente del grande profitto che offre l'attività.

TracFone - ma sembra lo abbiano fatto anche AT&T, Nokia e Virgin Mobile - ha presentato sinora 39 denunce negli ultimi mesi, di cui oltre la metà in Florida, nel tentativo di porre un freno a questo traffico.

Marco Valerio Principato
9 Commenti alla Notizia USA, patria dei cell sbloccati
Ordina
  • La stessa cosa capita in italia con la 3 oppure anche la sbrandizzazione perchè spesso rompono le scatole i temi e si cambia il firmware per uno nobrand.

    Questo fa partire la garanzia ma si ha un cell "libero". Secondo me dovrebbero farli meno i telefoni e darli liberi.

    Poi è l'utente che sceglie ecc.Io prima ne avevo uno della 3 e anche se nella mia zona è piena di segnale ecc non riuscivo a ricevere le chiamate.Cambiato cell stesso discorso, cambiato operatore stesso discorso(sempre con lo stesso numero).

    Cambiato numero funziona tutto. Fate voiA bocca aperta
    non+autenticato
  • CIAO A TUTTI
    Io negli USA ci vivo, e qui in America i telefoni bloccati sono ben differenti da quelli Italiani.
    Voglio dire: qui quando un telefono e` bloccato, non lo si trova da tutte le compagnie.
    Supponiamo che ti piaccia il Telefono Motorola XYZ, la AT&T prende un contratto di esclusiva per il Motorola XYZ e non c'e` modo di trovare quel Telefono in nessuna altra maniera se non sottoscrivendo un contratto di 2 anni con la AT&T.
    Le altre compagnie Telefoniche non possono vendere il Motorola XYZ e non si trova in vendita non bloccato almeno per 1 anno da quando e` uscito.
    Quindi, se a te piace il Motorola XYZ devi per forza fare il contratto con la AT&T.
    Ora, supponiamo che un anno dopo viene fuori un nuovo telefono che ti piace, il Nokia JWK, e la Verizon si prende il contratto di esclusiva con Nokia per il JWK... tu il JWK te lo sogni perche` sei incastratop dentro i 2 anni di contratto con AT&T, la AT&T non puo` vendere il JWK perche` la Verizon ha l'esclusiva, quindi, l'unica maniera di prenderti sto Nokia JWK sarebbe quella di rompere il contratto con AT&T pagandone le dovute penali, e sottiscrivere un nuovo contratto con la Verizon che cosi` ti da il JWK.
    NON TI VENDONO IL TELEFONO SE NON FAI IL CONTRATTO, O SE NON SEI ALMENO GIA` UN LORO CLIENTE
    Se sei gia` cliente Verizon sotto contratto, puoi prendere il telefono senza rinnovarlo per altri 2 anni, ma ti fanno pagare un casino.
    Se non sei gia` sotto contratto con la compagnia, non ti vendono il Telefono.
    E ti tocca aspettare un anno o anche piu` prima di trovarlo in vendita sbloccato.
    Io sono Cliente AT&T, sotto contratto, ma ho chiesto alla AT&T stessa di sbloccarmi il mio BlackBerry Curve perche`, dato che viaggio molto per lavoro, ci metto SIM straniere... ebbene, la AT&T stessa, che e` colei che blocca il Telefono, me lo ha sbloccato... che gliene frega, tanto sono legato a loro per 2 anni comunque... quindi i loro soldi se li beccano lo stesso... e` assurdo il livello di vincoli contrattuali a cui si e` arrivati qui negli USA, ma e` questo il bello del libero mercato
    DOSTINTI SALUTI
    Crazy
    1945
  • Bene, grazie, adesso è tutto più chiaro!
    non+autenticato
  • Se la pratica negli states non è illegale, cosa vanno a denunciare? Violazione del DMCA? A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cassio
    > Se la pratica negli states non è illegale, cosa
    > vanno a denunciare? Violazione del DMCA?
    >A bocca storta
    No, violazione dei diritti dei ricchi:
    Per un reato così, negli USA ti bombardano.
    non+autenticato
  • Se qualche giudice desse ragione a queste denunce, si creerebbe il precedente! Ecco che diventerebbe illegale!
    non+autenticato
  • "Roma - L'iniziativa parte da Florida, New York, California, Georgia, Texas ed alcuni altri stati, ma sta rapidamente diffondendosi: quella di recuperare quei cellulari usa-e-(quasi)getta - in genere disponibili per una quindicina di dollari - ed alterarne il firmware, così da poterli rivendere come veri e propri cellulari, in cui inserire qualunque SIM card, di qualunque operatore. Con profitti alti e sicuri.
    Una volta craccati, questi telefoni vengono rivenduti a prezzi che oscillano tra 40 e 60 dollari in meno rispetto al prezzo di vendita già scontato della stessa TracFone. La loro distribuzione avviene generalmente in lotti da 10mila pezzi o anche di più: è frequente trovare siti che propalano la disponibilità di grandi quantità di apparati già sbloccati."

    Se questi cellulari bloccati li vendono a 15 dollari come fa l'organizzazione a rivenderli a 40 - 60 dollari in meno una volta sbloccati?
    Non capisco!
  • Non sono informatissimo sull'argomento (non sono mai stato negli USA) ma cerco di intuire dall'articolo:
    le aziende ti tirano dietro il cellulare bloccato a 15$, andandoci in perdita, ma poi contano di guadagnarci vendendoti il traffico telefonico.
    Se invece acquisti il cellulare NON bloccato, costa il suo prezzo pieno, che sarà di sicuro molto di più, presumibilmente sull'ordine dei 100$ e oltre.
    Quindi queste bande di runner comprano i telefoni bloccati, li sbloccano e poi li rivendono a poche decine di dollari, guadagnandoci parecchio ma facendo comunque risparmiare l'acquirente finale.
    E il bello è che tutto questo non è nemmeno illegale!
    Questo almeno è ciò che ho capito io, se qualcuno ha notizie più precise accetto qualsiasi rettifica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Might
    > Non sono informatissimo sull'argomento (non sono
    > mai stato negli USA) ma cerco di intuire
    > dall'articolo:
    > le aziende ti tirano dietro il cellulare bloccato
    > a 15$, andandoci in perdita, ma poi contano di
    > guadagnarci vendendoti il traffico
    > telefonico.
    > Se invece acquisti il cellulare NON bloccato,
    > costa il suo prezzo pieno, che sarà di sicuro
    > molto di più, presumibilmente sull'ordine dei
    > 100$ e
    > oltre.
    > Quindi queste bande di runner comprano i telefoni
    > bloccati, li sbloccano e poi li rivendono a poche
    > decine di dollari, guadagnandoci parecchio ma
    > facendo comunque risparmiare l'acquirente
    > finale.
    > E il bello è che tutto questo non è nemmeno
    > illegale!
    > Questo almeno è ciò che ho capito io, se qualcuno
    > ha notizie più precise accetto qualsiasi
    > rettifica.

    Immagino anche io che quello sia il senso dell'articolo, ma da come lo hanno scritto sembra che rivendano il cellulare sbloccato a -45 dollari (15 - 60)!