AIIP: occhio, il mercato si turba

L'associazione giudica per molti versi positiva la relazione annuale dell'Authority TLC, ma ribadisce la necessità di una maggiore attenzione ai numerosi fattori distorsivi della concorrenza

Roma - Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dall'AIIP sulla relazione annuale alle Camere del Presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Corrado Calabrò, evidenziando che il mercato italiano delle TLC ha un vitale bisogno di un sano regime di concorrenza e di elementi che lo favoriscano.

Nella relazione annuale alle Camere, il Presidente dell'Autorità Corrado Calabrò ha affrontato lo stato odierno del mercato delle telecomunicazioni italiane cimentandosi nell'arduo compito di illuminare il percorso verso un mercato realmente competitivo ed innovativo, percorso che contribuisca alla crescita del PIL così come auspicato dalla
Commissione UE.

Nell'analizzare le argomentazioni proposte, AIIP non può che plaudere alla visione che rende necessaria la stesura di un codice unico dei media, come soluzione del nuovo scenario che vede integrare i mezzi tradizionali con Internet. Allo stesso modo, accoglie con grande favore la visione del nuovo ruolo delle Autorità, secondo cui si intende promuovere la creazione di reti oggi non esistenti in tutte le tecnologie trasmissive e ad altissima capacità ­ le NGN - ma nel contempo evitando nuove forme di concentrazione del settore in senso monopolistico. Anche AIIP vede il modello portato avanti in alcuni Paesi del Nord Europa (segnatamente la Svezia e l'Olanda, citati nella relazione) come un esempio virtuoso di coinvolgimento del pubblico e del privato; AIIP osserva però che il modello virtuoso vede un ruolo delle municipalità nella realizzazione delle reti "dark fiber", ma presuppone anche la presenza di più operatori di servizi wholesale che affittano tali infrastrutture, e soprattutto un numero consistente di operatori che hanno la possibilità di acquistare in wholesale servizi di accesso e competono per offrire al consumatore servizi diversificati.
In un giudizio complessivamente favorevole, però, AIIP è preoccupata da alcuni passaggi; per esempio quando si affronta la telefonia mobile: avendo riconosciuto che esiste una distorsione nel mercato delle tariffe di terminazione, prima vi si pone rimedio, meglio è per i consumatori, ponendo un termine all'ingiustificato extra flusso di alcuni miliardi di Euro dalle tasche dei consumatori verso gli operatori mobili che, quando non sono distribuiti gli azionisti esteri, sono impiegati per acquisire quote di mercato nella telefonia fissa. Allo stesso modo non si può condividere l'opinione che l'ingresso di alcuni "rivenditori di servizi di telefonia mobile" - gli operatori virtuali di fatto non esistono ancora in Italia - renda competitivo un mercato del mobile oligopolistico le cui tariffe per le chiamate da fisso a mobile trovano pochissimi eguali all'interno dell'Unione
Europea.

AIIP accetta l'invito alla consultazione pubblica sugli impegni che l'incumbent intende prendere. Osserva, però, che i 72 impegni presentati da Telecom Italia sono volti a rispettare le regole a cui oggi l'incumbent è già assoggettato per garantire parità di trattamento interno-esterno. Il fatto che l'operatore dominante si proponga di rispettare quanto è stato violato innumerevoli volte in passato non può e non deve essere condizione sufficiente per dare il via ad un alleggerimento della regolamentazione.
Pertanto AIIP ribadisce che la regolamentazione nella larga banda non può essere alleggerita a fronte dei soli impegni fin qui proposti.