Trojan nei sorgenti di due software free

Alcune distribuzioni contenenti i codici sorgenti di due noti software open source sono state infettate con un cavallo di Troia da un intruso ancora non identificato. Questo è il terzo episodio nel giro di pochi mesi

Trojan nei sorgenti di due software freeRoma - Pochi giorni fa si è ripetuto un episodio che nel recente passato aveva già interessato altri noti software open source. Secondo quanto riportato dal CERT, e prima ancora dall'Houston Linux Users Group, alcuni pacchetti di distribuzione dei codici sorgenti di libpcap e tcpdump, rispettivamente una libreria e un tool open source per il cosiddetto "packet sniffing", sono stati modificati da un intruso e contengono un cavallo di Troia.

Le distribuzioni modificate sono tcpdump-3.6.2.tar.gz, tcpdump-3.7.1.tar.gz e libpcap-0.7.1.tar.gz, tutte apparse per la prima volta l'11 novembre sul server HTTP di www.tcpdump.org. Il CERT riporta che il team di sviluppo di tcpdump ha chiuso il download delle distribuzioni incriminate il 13 novembre, me altre copie di quei file potrebbero ancora essere disponibili su uno dei tanti siti mirror.

Il codice malizioso inoculato nei codici sorgenti di tcpdump viene eseguito al momento della compilazione del pacchetto (eseguita attraverso lo script configure) e tenta di connettersi ad un sito Web con lo scopo di scaricare uno script di shell chiamato services. Se scaricato ed eseguito, questo script compila e lancia il file conftes.c il quale a sua volta si connette ad un indirizzo IP sulla porta 1963/tcp e attende comandi dall'esterno.
Per chi ha scaricato e compilato una versione modificata di libcap o tcpdump il rischio è dunque quello, secondo gli esperti di sicurezza, di consentire l'accesso al proprio sistema ad un aggressore che operi, o finga di operare, attraverso l'indirizzo IP specificato nel codice malevolo.

A mitigare la gravità dell'accaduto interviene il fatto che la stragrande maggioranza degli utenti scarica le versioni binarie dei due pacchetti open source. In ogni caso, gli esperti suggeriscono di controllare sempre che la firma digitale che contrassegna ogni file corrisponda a quella originale: se così non fosse, come nel caso delle versioni modificate di libcap e tcpdump, significa che il file non è autentico.

Ciò che inquieta alcuni esperti di sicurezza è il fatto che nel giro di pochi mesi incidenti simili abbiano interessato alcuni fra i più diffusi pacchetti open source, fra cui OpenSSH e Sendmail.
286 Commenti alla Notizia Trojan nei sorgenti di due software free
Ordina
  • è sicuro il firewall di windows XP?
    non+autenticato


  • - Scritto da: dubbio
    > è sicuro il firewall di windows XP?

    Si', ma opera in base a regole molto semplici. Quello che installi ha diritto di fare quello che vuole, semplicemente ti protegge da attacchi esterni.
    Ha quindi il difetto di essere poco configurabile, ma il pregio di DOVER essere poco configuratoSorride

    Saluti
    non+autenticato
  • e se questo si aggiunge ad un altro, es. il Norton? i due non creano casini assieme?
    non+autenticato


  • - Scritto da: ok
    > e se questo si aggiunge ad un altro, es. il
    > Norton? i due non creano casini assieme?

    No, casini no imho. Al massimo uno lavorera' pocoSorride

    Il mio consiglio come FW alternativo e' outpost firewall comunque. Cerca www.agnitum.com per maggiori dettagli.

    Saluti

    non+autenticato
  • Il MIO consiglio alternativo invece è: il s.o. di plastica ha anche il firewall giocattolo. In casa va benissimo, ma in una azienda meglio un firewall basato su linux a proteggere la rete, se non si vuole vedere aperti proxy e peer to peer di ogni genere.

    E' pure facile che cazz...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Piratone
    > Il MIO consiglio alternativo invece è: il
    > s.o. di plastica ha anche il firewall
    > giocattolo.

    E che consiglio e'? A me pare una trollata. E per giunta fuori tempo massimo, visto che la battuta e' di altri.

    > In casa va benissimo, ma in una
    > azienda meglio un firewall basato su linux a
    > proteggere la rete, se non si vuole vedere
    > aperti proxy e peer to peer di ogni genere.

    Che ovvieta'. Meglio ancora ipfilter.
    Ma se di PC ne hai uno, allora non puoi.
    E il mio consiglio era orientato all'utenza domestica, VISTO CHE XP NON ESISTE IN VERSIONE SERVER.

    Saluti.
    non+autenticato
  • Bè, se fosse cosi sicuro, non si capisce come mai M$ usa FreeBSD per i firewalls.
    OK, era una battuta; XP è orientato all'home, alla workstation e ai server web; non è orientato a fare da firewall "carro armato".
    Però, occorre specificare entro che ambito lo si ritiene sicuro, e per quali usi.
    non+autenticato
  • Che battuta!
    non+autenticato
  • L'ho installato da poco e mi sto trovando bene, ma ho alcune domande da fare agli utenti più esperti:

    1) Posso scaricare un software per linux su windows (FAT32) e poi copiarlo sulla partizione linux per installarlo?

    2) Vorrei conoscere i nomi dei (migliori) programmi per linux che svolgano le stesse funzioni di GetRight e WinMX

    3) E' normale che dopo un po' ci si innamori di linux?
    non+autenticato


  • - Scritto da: niubbi
    ....
    > 1) Posso scaricare un software per linux su
    > windows (FAT32) e poi copiarlo sulla
    > partizione linux per installarlo?

    Si. Senza nessun problema. Basta che la partizione FAT32 sia montata.

    > 2) Vorrei conoscere i nomi dei (migliori)
    > programmi per linux che svolgano le stesse
    > funzioni di GetRight e WinMX

    GetRight -> D4X : www.krasu.ru/soft/chuchelo
    WinMX -> Lopster : lopster.sourceforge.net

    > 3) E' normale che dopo un po' ci si innamori
    > di linux?

    Si.
    non+autenticato


  • - Scritto da: niubbi
    > L'ho installato da poco e mi sto trovando
    > bene, ma ho alcune domande da fare agli
    > utenti più esperti:
    >
    > 1) Posso scaricare un software per linux su
    > windows (FAT32) e poi copiarlo sulla
    > partizione linux per installarlo?
    >

    CertoSorride

    > 2) Vorrei conoscere i nomi dei (migliori)
    > programmi per linux che svolgano le stesse
    > funzioni di GetRight e WinMX
    >

    Non si deve mai chiedere qual'è il migliore ma solo quali usate? se no si generano guerre inutiliSorride))

    Io uso un programma che si chiama "downloader for X", detto d4x. Però siccome quando fu scritto si chiamava nt, alcune distribuzioni chiamano il pacchetto "nt" e altre "d4x". In debian dai "apt-get install d4x". Ma che distribuzione usi?

    E' un bel programma, secondo me superiore a getright e simili.

    > 3) E' normale che dopo un po' ci si innamori
    > di linux?

    Certo ^___^ Se no la gente non lo difenderebbe su questi forum con tanta convinzioneSorride
    non+autenticato


  • - Scritto da: niubbi
    > L'ho installato da poco e mi sto trovando
    > bene, ma ho alcune domande da fare agli
    > utenti più esperti:
    >
    > 1) Posso scaricare un software per linux su
    > windows (FAT32) e poi copiarlo sulla
    > partizione linux per installarlo?

    puoi "montare" la partizione win e copiare la roba, meglio se monti in RO o perlomeno leggi senza cancellare.

    > 2) Vorrei conoscere i nomi dei (migliori)
    > programmi per linux che svolgano le stesse
    > funzioni di GetRight e WinMX

    NTDownloader e D4X sono i miei preferiti...
    Prova anche ARIA e caitoo...

    > 3) E' normale che dopo un po' ci si innamori
    > di linux?

    si, dopo un paio d'oreSorride
    non+autenticato
  • Grazie a tutti!Sorride
    non+autenticato
  • Sapreste anche dirmi come fare a far disconnettere il collegamento ad internet ad una certa ora o come programmare dopo l'esecuzione di una particolare applicazione l'arresto del sistema?
    Grazie a tutti per l'aiuto datomi cosi' gentilmente finoraA bocca aperta
    non+autenticato


  • - Scritto da: niubbi
    > Sapreste anche dirmi come fare a far
    > disconnettere il collegamento ad internet ad
    > una certa ora

    ti consiglio di usare diald. non e' proprio user friendly, pero' fa al caso tuo, e fa molto di piu'.
    altrimenti puoi piu' semplicemente accontentarti di uno script di shell che ammazza il demone pppd, utilizzando cron per farlo partire ad una certa ora.

    > o come programmare dopo
    > l'esecuzione di una particolare applicazione
    > l'arresto del sistema?

    un singolo script di shell, mandato in esecuzione.
    la prima istruzione esegue la tua applicazione, la seconda fa lo shutdown, e viene eseguita quando la prima termina. Per farlo in automatico senza password ti consiglio l'utility sudo, oppure di abilitare la possibilita' di fare lo shutdown da parte dell'utente non privilegiato (non mi ricordo come si fa).
    Se vuoi cose tipo "finito il download spegni tutto" allora allo stato attuale delle cose non ci sono aggeggini grafici che lo fanno, almeno per quanto ne so, sebbene tutto sommato non sia impossibile implementarlo. prova a guardare KGet, forse lo fa...
    non+autenticato


  • - Scritto da: niubbi
    > Sapreste anche dirmi come fare a far
    > disconnettere il collegamento ad internet ad
    > una certa ora o come programmare dopo
    > l'esecuzione di una particolare applicazione
    > l'arresto del sistema?
    > Grazie a tutti per l'aiuto datomi cosi'
    > gentilmente finoraA bocca aperta

    Per eseguire un comando ad una certa ora si usa "at", ma devi aver installato il demone "atd" che comunque di solito viene installato (ma non so che distribuzione usi).

    Per disconnettere internet, devi vedere che programma stai usando per la connessione. Sotto debian "poff" risolve tutto, quindi at ORARIO poff disconnette.

    Per spegnere, si usa il comando halt, quindi per spegnere dopo l'esecuzione di una certa applicazione si fa "COMANDO;halt"

    Quando scoprirai che queste cose le può fare solo rootSorride ti chiederai come farle fare all'utente che usi di solito.

    La risposta non qui ma nella mailing list della tua distribuzione. Sicuramente li trovi gente preparata più specificatamente.
    non+autenticato

  • > 3) E' normale che dopo un po' ci si innamori
    > di linux?

    Io l'ho appena installato e, guardacaso, a poco a poco avvio sempre di più Linux e sempre di meno Windows...

    Anche se mi girano le palle a combattere con il ./configure...

    TAD since 1995
    non+autenticato
  • Linux fa proprio schifo! Addirittura un trojan rifilato nei sorgenti! Ma linuxari, convertitevi a Windows XP, che e' meglio! Volete vedere quant'e' piu' sicuro il sistema operativo della Microsoft? Ci sono tanti siti che lo dimostrano, guardate per esempio questo (e imparate!):

    http://www.xp-antispy.de/

    Salutoni da Greenu
    non+autenticato
  • > http://www.xp-antispy.de/

    la solita fiera delle cazzate....
    MS ha nemici molto potenti, per citarne due a caso, Sun e IBM.
    Se, coe dice quel sito, il servizio di automatic software update, mandasse informazioni riservate a MS, pensi che non verrebbe scatenata una campagna anti MS da mezzo globo??

    il fatto che non succeda, vuol dire che non c'e' una prova che sia una che una cosa del genere sia vera.
    Quando sono stati trovati gli spyware dentro prodotti MS, sono sempre stati costretti ad ammettere che era vero e a tirare fuori delle patch per risolvere il problema.

    ciao
    non+autenticato


  • - Scritto da: maks
    > > http://www.xp-antispy.de/
    >
    > la solita fiera delle cazzate....
    > MS ha nemici molto potenti, per citarne due
    > a caso, Sun e IBM.
    > Se, coe dice quel sito, il servizio di
    > automatic software update, mandasse
    > informazioni riservate a MS, pensi che non
    > verrebbe scatenata una campagna anti MS da
    > mezzo globo??
    >
    > il fatto che non succeda, vuol dire che non
    > c'e' una prova che sia una che una cosa del
    > genere sia vera.

    Ma nessuno può provare che NON SIA VERA. Cosa ne sai di quello che fa autoupdate? Dimmi una tecnica per saperlo che sono curioso.


    > Quando sono stati trovati gli spyware dentro
    > prodotti MS, sono sempre stati costretti ad
    > ammettere che era vero e a tirare fuori
    > delle patch per risolvere il problema.

    Quando sono stati trovati. Il solo fatto che siano stati trovati è già preoccupante. Cosa ti fa credere che non l'abbiano rifatto?
    non+autenticato
  • > > il fatto che non succeda, vuol dire che
    > non
    > > c'e' una prova che sia una che una cosa
    > del
    > > genere sia vera.
    >
    > Ma nessuno può provare che NON SIA VERA.
    > Cosa ne sai di quello che fa autoupdate?
    > Dimmi una tecnica per saperlo che sono
    > curioso.
    >
    >

    io non so se siete normali...
    ma nel mio paese (credo anche nel vostro) quando uno dice qualcosa spacciandola per verita', deve avere delle prove.
    Se XP manda dei dati sensibili verso MS, beh..
    la tecnica piu' idiota del mondo, lo sniffing, lo rivelerebbe.
    In realta' il client di autoupdate sta in attesa che da MS gli arrivi il messaggio "eih, c'e' un aggiornamento XYZ".
    Il client in locale controlla se quell'aggiornamento lo interessa e agisce di conseguenza.
    Lo fanno TUTTI i software del mondo ormai.
    Se lo fa Microsoft, e' uno spyware.
    Se lo fa winmx, invece, non c'e' problema, perche' winmx e' buono e ci permette di scaricare tutti gli mp3 e i pornazzi che ci piacciono... in culo alle major (che anche io non apprezzo affatto...)

    > > Quando sono stati trovati gli spyware
    > dentro
    > > prodotti MS, sono sempre stati costretti
    > ad
    > > ammettere che era vero e a tirare fuori
    > > delle patch per risolvere il problema.
    >
    > Quando sono stati trovati. Il solo fatto che
    > siano stati trovati è già preoccupante. Cosa
    > ti fa credere che non l'abbiano rifatto?

    che non ne sono stati trovati altri.
    I trojan si trovano anche nel software open source come puoi vedere.
    Se qualcuno aveva installato una versione bacata, cosa potrebbe fare?
    aggiornare o patchare.
    Se fosse successo per un prodotto closed cosa avresti potuto fare?
    aggiornare o patchare.
    Dove e' la differenza?
    nel fatto che uno e' stato trovato fra i sorgenti e l'altro con altre tecniche?
    ti rendi conto che l'effetto pratico e' lo stesso? se mi trovassi un trojan sulla macchina, pensi che mi fregherebbe se il software era open source o no?

    ciao
    non+autenticato


  • - Scritto da: maks

    > io non so se siete normali...
    > ma nel mio paese (credo anche nel vostro)
    > quando uno dice qualcosa spacciandola per
    > verita', deve avere delle prove.

    Verissimo, e sarebbe il caso di applicarlo sempre.

    > Se XP manda dei dati sensibili verso MS,
    > beh..
    > la tecnica piu' idiota del mondo, lo
    > sniffing, lo rivelerebbe.

    Si'. Pero', a dire il vero, non puoi sapere se il servizio windowsupdate, alle 13.30 del prossimo venerdi' (e solo in quel giorno), trasmettera' dati personali.
    Con i sorgenti ci arriveresti.

    Pero' e' un attacco facilmente smontabile... smontato dalla base di installazioni di windows, che e' enorme. Di fatto la garanzia e' questa.
    Senza contare che alla peggio e' anche possibile esaminare i binari. Non e' certo il massimo, ma si puo'.

    >
    > che non ne sono stati trovati altri.
    > I trojan si trovano anche nel software open
    > source come puoi vedere.

    La differenza e' il modo in cui e' possibile trovarli. Deterministico uno, casuale l'altro.
    C'e' anche da dire pero' che nel primo caso il sorgente e' anche un'arma a doppio taglio, dato che i trojan ti permette di inserirli. Bisogna vedere chi vince. Personalmente penso che ci sono molti sviluppatori, ma pochi tester.
    E un programma dovrebbe essere testato molto piu' che sviluppato.

    Saluti.
    non+autenticato

  • > io non so se siete normali...
    > ma nel mio paese (credo anche nel vostro)
    > quando uno dice qualcosa spacciandola per
    > verita', deve avere delle prove.
    > Se XP manda dei dati sensibili verso MS,
    > beh..
    > la tecnica piu' idiota del mondo, lo
    > sniffing, lo rivelerebbe.

    Certo come no. E se le informazioni sono scambiate via ssl tu che cosa sniffi? Dove prendi le chiavi? E' un lavoro complicato che nessuno ha ancora fatto.

    > In realta' il client di autoupdate sta in
    > attesa che da MS gli arrivi il messaggio
    > "eih, c'e' un aggiornamento XYZ".
    > Il client in locale controlla se
    > quell'aggiornamento lo interessa e agisce di
    > conseguenza.

    E se lo spyware non è nell'autoupdate? Mi spieghi come fai a saperlo? La storia dei messaggini ti dice nulla? Era un servizio aperto per default del quale la gente non si accorgeva.



    > Se lo fa Microsoft, e' uno spyware.
    > Se lo fa winmx, invece, non c'e' problema,
    > perche' winmx e' buono e ci permette di
    > scaricare tutti gli mp3 e i pornazzi che ci
    > piacciono... in culo alle major (che anche
    > io non apprezzo affatto...)

    Ma tu sei pazzo. Non mi fido nè di winmx nè di qualunque altro sw chiuso. Se sono costretto li uso ma se devo scegliere preferisco un software open source.

    nella fattispecie, non uso winmx. Nessuno può garantirmi che un programma scaricato da chissà dove, per giunta dal palese scopo illegale, non abbia anche l'interesse di monitorare quello che scarico per farmi arrivare poi pubblicità mirate nei canali dei server. Anzi ti dirò, penso che è una cosa che già stanno facendo da un po'.

    Anche in kazaa è noto che c'erano decine di spyware.

    >
    > > > Quando sono stati trovati gli spyware
    > > dentro
    > > > prodotti MS, sono sempre stati
    > costretti
    > > ad
    > > > ammettere che era vero e a tirare fuori
    > > > delle patch per risolvere il problema.
    > >
    > > Quando sono stati trovati. Il solo fatto
    > che
    > > siano stati trovati è già preoccupante.
    > Cosa
    > > ti fa credere che non l'abbiano rifatto?
    >
    > che non ne sono stati trovati altri.

    LOL.

    Quasi una dimostrazione matematica.

    > I trojan si trovano anche nel software open
    > source come puoi vedere.
    > Se qualcuno aveva installato una versione
    > bacata, cosa potrebbe fare?

    Disinstallarla. E ringraziare il fatto che essendo un software open qualcuno più accorto di lui l'ha trovata.

    Se invece prendo un sw freeware ma chiuso da chissà dove per fare quelle banalità che windows non fa di suo (che so menu di avvio o configurazioni varie), per controllare che non faccia anche qualcosa che io non voglio non ho mezzo. E non ho speranze che qualcun altro lo faccia per me.


    > Se fosse successo per un prodotto closed
    > cosa avresti potuto fare?
    > aggiornare o patchare.
    > Dove e' la differenza?

    Che i trojan nel closed sono molto più difficili da trovare. E' così dura da capire sta cosa?

    > nel fatto che uno e' stato trovato fra i
    > sorgenti e l'altro con altre tecniche?

    Ma tu hai idea della differenza fra leggere un sorgente e reversare un exe o sei un ingegnere?

    > ti rendi conto che l'effetto pratico e' lo
    > stesso? se mi trovassi un trojan sulla
    > macchina, pensi che mi fregherebbe se il
    > software era open source o no?
    >

    Ma allora quando ti sei trovato in passato i vari trojan noti di microsoft perchè non hai lasciato perdere windows?

    Ce li aveva messi proprio l'azienda a cui tu HAI PAGATO LA LICENZA!

    Non ti dà un po' di fastidio essere stato truffato?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Piratone
    >
    > Certo come no. E se le informazioni sono
    > scambiate via ssl tu che cosa sniffi?

    Sniffi una sospetta connessione SSL, per cominciare.

    > E se lo spyware non è nell'autoupdate? Mi
    > spieghi come fai a saperlo? La storia dei
    > messaggini ti dice nulla? Era un servizio
    > aperto per default del quale la gente non si
    > accorgeva.

    I messaggini sarebbero l'innocuo servizio di messaging..? Non sono un trojan.

    > > piacciono... in culo alle major (che anche
    > > io non apprezzo affatto...)
    >
    > Ma tu sei pazzo. Non mi fido nè di winmx nè
    > di qualunque altro sw chiuso. Se sono
    > costretto li uso ma se devo scegliere
    > preferisco un software open source.

    Spesso non si puo', e quindi si rischia.
    Relativamente, perche' poi c'e' una letteratura sconfinata su internet.

    > dei server. Anzi ti dirò, penso che è una
    > cosa che già stanno facendo da un po'.

    Tu confondi trojan con ad-ware e spyware. Lo fai anche dopo. Sono due cose diverse.

    >
    > Anche in kazaa è noto che c'erano decine di
    > spyware.

    C'e' kazaalite per questo. Hai detto la parola chiave, e' "noto".

    > > Se fosse successo per un prodotto closed
    > > cosa avresti potuto fare?
    > > aggiornare o patchare.
    > > Dove e' la differenza?
    >
    > Che i trojan nel closed sono molto più
    > difficili da trovare. E' così dura da capire
    > sta cosa?

    Se per ogni software closed ci fosse uno uguale open non staremmo qui a discutere. Ma le cose non stanno cosi'.

    > > nel fatto che uno e' stato trovato fra i
    > > sorgenti e l'altro con altre tecniche?
    >
    > Ma tu hai idea della differenza fra leggere
    > un sorgente e reversare un exe o sei un
    > ingegnere?

    Non ho capito l'aut aut, io sarei un ingegnere, devo ritenermi offeso?Sorride

    > Ma allora quando ti sei trovato in passato i
    > vari trojan noti di microsoft perchè non hai
    > lasciato perdere windows?

    Quali?
    Nome, cognome, e attivita'.

    Saluti
    non+autenticato


  • - Scritto da: Sarge
    >
    >
    > - Scritto da: Piratone
    > >
    > > Certo come no. E se le informazioni sono
    > > scambiate via ssl tu che cosa sniffi?
    >
    > Sniffi una sospetta connessione SSL, per
    > cominciare.
    >

    Ma se la connessione SSL è proprio quella che serve a fare l'aggiornamento? Ora ho chiarito o andiamo avanti per altri tre post?

    > > E se lo spyware non è nell'autoupdate? Mi
    > > spieghi come fai a saperlo? La storia dei
    > > messaggini ti dice nulla? Era un servizio
    > > aperto per default del quale la gente non
    > si
    > > accorgeva.
    >
    > I messaggini sarebbero l'innocuo servizio di
    > messaging..? Non sono un trojan.
    >

    No ma sono un esempio di insicurezza del sistema, di servizio non richiesto e attivato

    Quanti altri ce ne possono essere, e come puoi controllare senza avere il sorgente? Magari sono servizi creati per essere utili, ma possono essere usati contro di te.

    > > dei server. Anzi ti dirò, penso che è una
    > > cosa che già stanno facendo da un po'.
    >
    > Tu confondi trojan con ad-ware e spyware. Lo
    > fai anche dopo. Sono due cose diverse.
    >

    No, facevo l'esempio degli spyware perchè forse più famoso (infatti ci sono veramente stati casi di spyware dentro windows).

    > >
    > > Anche in kazaa è noto che c'erano decine
    > di
    > > spyware.
    >
    > C'e' kazaalite per questo. Hai detto la
    > parola chiave, e' "noto".
    >

    Si ma cosa ne sai se in kazaalite ci sono spywarelite?

    Come fai a saperlo disassembli l'eseguibile?

    > > Che i trojan nel closed sono molto più
    > > difficili da trovare. E' così dura da
    > capire
    > > sta cosa?
    >
    > Se per ogni software closed ci fosse uno
    > uguale open non staremmo qui a discutere. Ma
    > le cose non stanno cosi'.

    Si ma molti (probabilmente anche tu) non si preoccupano di controllare se c'è un equivalente.

    >
    >
    > Non ho capito l'aut aut, io sarei un
    > ingegnere, devo ritenermi offeso?Sorride
    >

    Ihihih. No niente potresti capire se sentissi i discorsi che faccio con alcuni amici ingegneri... lasciamo perdere.

    Però com'è che gli ingegneri difendono sempre windows? Com'è che nelle facoltà di ingegneria non ci sono centri di calcolo unix neanche per quelle macchine che non usano autocad ma vengono usate solo per navigare? Sembra un caso ma non è - al sant'anna di Pisa preferiscono DOS a linux nell'embedded per i robot e poi hanno casini per comunicare via TCP. Assurdo. E' una questione di cultura differente, bisognerebbe tentare una unificazione. Cecchazz..


    non+autenticato


  • - Scritto da: Piratone
    > Ma se la connessione SSL è proprio quella
    > che serve a fare l'aggiornamento? Ora ho
    > chiarito o andiamo avanti per altri tre
    > post?

    Sei tu il client, puoi intercettare e duplicare tutti i pacchetti.
    Mica stai intercettando una trasmissione pirata!
    O mi sono perso qualcosa?

    >
    > No ma sono un esempio di insicurezza del
    > sistema, di servizio non richiesto e
    > attivato

    E comunque disattivabile, se si vuole. Pero' sei andato a prendere proprio la cosa piu' tranquilla...


    >
    > Quanti altri ce ne possono essere, e come
    > puoi controllare senza avere il sorgente?
    > Magari sono servizi creati per essere utili,
    > ma possono essere usati contro di te.

    E' inutile, anche io so che certi controlli non li hai. L'ho scritto anche sopra.
    Nondimeno penso che alla fine siano cose di seconda importanza. E' un falso problema. Puo' esserlo per un'azienda di grandi dimensioni, che deve vagliare attentamente, E DI PERSONA, tutto il software che installa.
    Diversamente tu, come altri, ti devi fidare.

    > > Tu confondi trojan con ad-ware e spyware.
    > Lo
    > > fai anche dopo. Sono due cose diverse.
    > >
    >
    > No, facevo l'esempio degli spyware perchè
    > forse più famoso (infatti ci sono veramente
    > stati casi di spyware dentro windows).

    Eh, quali?


    >
    > Si ma cosa ne sai se in kazaalite ci sono
    > spywarelite?

    E cosa ne sai se nel client Seti ci sono spyware?
    Come mai non ci sono i sorgenti? Eh?
    Alle volte e' necessario rilasciare i files SENZA sorgenti.
    Altrimenti kazaa e la rete fasttrack (per non dire di Napster, che e' nato closed) semplicemente non esisterebbero, e useremmo solo quel ciofecone di Gnutella. Li' l'OS e' arrivato decisamente dopo. (la mia convinzione e' che spesso il closed innova e l'open insegue, specie in settori non classici)

    >
    > Come fai a saperlo disassembli l'eseguibile?

    Si puo' fare. Tanto piu' che per mandare pacchetti sulle porte si usano API ben precise. Di solito un eseguibile PE e' molto piu' facile da capire (e da craccareSorride )di un eseguibile MZ.

    > > Se per ogni software closed ci fosse uno
    > > uguale open non staremmo qui a discutere.
    > Ma
    > > le cose non stanno cosi'.
    >
    > Si ma molti (probabilmente anche tu) non si
    > preoccupano di controllare se c'è un
    > equivalente.

    Probabilmente si'. Pero' i miei test, pochi, li ho fatti.
    Dimmi tu allora.
    Un software open stile Cakewalk.
    Un software open stile kazaa, visto che lo abbiamo citato. Anzi, compatibile. Se me lo trovi lo installo subito, altro che kazaalite.

    > > Non ho capito l'aut aut, io sarei un
    > > ingegnere, devo ritenermi offeso?Sorride
    > >
    >
    > Ihihih. No niente potresti capire se
    > sentissi i discorsi che faccio con alcuni
    > amici ingegneri... lasciamo perdere.

    Ci sono ingegneri e ingegneriSorride

    >
    > Però com'è che gli ingegneri difendono
    > sempre windows? Com'è che nelle facoltà di
    > ingegneria non ci sono centri di calcolo

    No, non e' vero. Dove lavoro io ci sono molti ingegneri che lodano unix.
    Io personalmente mi trovo bene con windows, visto che riesco a fare tutto quello che voglio.
    E anche a divertirmi.

    > sant'anna di Pisa preferiscono DOS a linux
    > nell'embedded per i robot e poi hanno casini
    > per comunicare via TCP.

    Si', e' una scelta che sarebbe motivata SOLO se avessero in quel momento gente che sa solo il DOS, ma non regge.

    > questione di cultura differente,
    > bisognerebbe tentare una unificazione.

    Bisognerebbe che il SO non contasse piu' niente. La stessa MS lo ha capito, e punta da sempre molto piu' sul middleware. Se non fosse chiaro, i soldi se li fa con Office, non con XPSorride

    Saluti
    non+autenticato


  • - Scritto da: maks
    > > http://www.xp-antispy.de/
    >
    > la solita fiera delle cazzate....
    > MS ha nemici molto potenti, per citarne due
    > a caso, Sun e IBM.
    > Se, coe dice quel sito, il servizio di
    > automatic software update, mandasse
    > informazioni riservate a MS, pensi che non
    > verrebbe scatenata una campagna anti MS da
    > mezzo globo??
    >
    Permettimi una cosa:
    se MS piratasse software, non sarebbe una notizia diffusa?
    Ma lo ha fatto e nessuno ha detto nulla (sentenza del Tribunale di Nantes di Ottobre 2001).
    Hanno il potere di comprarsi l'amministrazione degli USA, vuoi che non si possano comprare il silenzio di qualcuno?

    > il fatto che non succeda, vuol dire che non
    > c'e' una prova che sia una che una cosa del
    > genere sia vera.
    E infatti lo e': ti fidi della MS quando dice che preleva solo dati "superficiali quando sei collegato e usi il WMP? Fai male.

    > Quando sono stati trovati gli spyware dentro
    > prodotti MS, sono sempre stati costretti ad
    > ammettere che era vero e a tirare fuori
    > delle patch per risolvere il problema.
    >
    > ciao
    Quando gli altri le trovano. Ma come fai a sapere che ci sono se lo sanno solo loro?
    non+autenticato
  • > http://www.xp-antispy.de/
    >
    > Salutoni da Greenu

    e cosa ti dice che questo fantomatico anti spyware non sia uno spyware a sua volta?
    per caso ci sono i sorgenti?
    come mai siete tutti pronti a credere che windows contenga degli spyware, anche se lo dice il piu' sconosciuto tedesco dell'intero pianeta, e non prendete mai in considerazione l'idea che potrebbero essere tutte boiate?
    non+autenticato
  • Ed eccoci ancora qui. A descrivere i meriti e i pregi di un sistema operativo rispetto ad un altro.
    Ma il vero problema, e' che il vostro e' un sistema operativo DI PLASTICA, di quella plastichetta da due soldi che alla prima flessione si rompe, di quella che invecchia male. Linux sta ai sistemi operativi come il SuperTele sta ad un pallone da calcio vero: tutti si sentono grandi calciatori con ul supertele, ma i calciatori veri vi guardano e ridono.
    Ed e' qui che vi voglio portare: FATE RIDERE.
    Con le vostre elucubrazioni sul perche' nel codice sorgente ci sia arrivato un worm. Ma e' semplice: perche' e' di plastica.
    OPEN non significa che tutti coloro che lo usano sono dei bravi bambini come voi.
    OPEN significa pure che arriva il bulletto che vi prende il supertele e ve lo buca con uno spillone.

    Se volete veramente imparare a giocare, buttate il supertele di PLASTICA e passate a un sistema operativo vero...


    Michele Coppo
    non+autenticato
  • intanto sei OT.
    per continuare sei un trollone di prima categoria.
    concludendo, se ti piace ridere sull'open ridi pure. ma nessuno ti ha chiamato.
    non+autenticato
  • e questo sistema sarebbe?? ne conosci uno?? no perchè se lo conosci INSEGNACI! Sai mai magari si impara pure qualcosa!!

    Sai te non hai capito una cosa della parola OPEN!! Open non significa
    "io sono scemo e prendo un software open così sto tranquillo..."
    OPEN significa anche
    "visto che sono scemo vediamo se GUARDANDO come funziona questo programma riesco a IMPARARE a farlo andare come dico IO!!.. Toh.. un 'bulletto' voleva rubarmi il supertele... ok ci ha provato... aspetta che diffondo la notizia!!"

    Mi sembra molto più profonda la cosa.. parlare di PLASTICA... beh il tuo (suppongo un win a caso..) è fatto di carta velina!!!

    e se lo sai la PLASTICA dura MILLENNI sotto le intemperie...!!! A voi le considerazioni!
    non+autenticato
  • Toglimi una curiosita', quale sarebbe un "sistema operativo vero" per te?



    Ciao
    non+autenticato


  • - Scritto da: Michele Coppo
    > Ed eccoci ancora qui. A descrivere i meriti
    > e i pregi di un sistema operativo rispetto
    > ad un altro.
    > Ma il vero problema, e' che il vostro e' un
    > sistema operativo DI PLASTICA, di quella
    > plastichetta da due soldi che alla prima
    > flessione si rompe, di quella che invecchia
    > male. Linux sta ai sistemi operativi come il
    > SuperTele sta ad un pallone da calcio vero:
    > tutti si sentono grandi calciatori con ul
    > supertele, ma i calciatori veri vi guardano
    > e ridono.
    > Ed e' qui che vi voglio portare: FATE RIDERE.
    > Con le vostre elucubrazioni sul perche' nel
    > codice sorgente ci sia arrivato un worm. Ma
    > e' semplice: perche' e' di plastica.
    > OPEN non significa che tutti coloro che lo
    > usano sono dei bravi bambini come voi.
    > OPEN significa pure che arriva il bulletto
    > che vi prende il supertele e ve lo buca con
    > uno spillone.
    >
    > Se volete veramente imparare a giocare,
    > buttate il supertele di PLASTICA e passate a
    > un sistema operativo vero...
    >
    >
    > Michele Coppo


    Se invece di un forum ci si ritrovasse a parlare ad un tavolino GUARDANDOCI NEGLI OCCHI, probabilmente tu e quella massa di disperati che ti viene dietro non parlereste così... ma qui cè "l'anonimato" della rete ed in virtù di questo, gente come te si sente in diritto di sparare le peggio boiate...
    Mi piacerebbe sapere come ti senti la sera, quando devi fare i conti con te stesso.

    Spero che una di queste notti il vortice dei tuoi deliri ti risucchi un un oblio dove il tormento e l'angoscia non ti permettano neanche di respirare.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Michele Coppo

    > Linux sta ai sistemi operativi come il
    > SuperTele sta ad un pallone da calcio vero:
    > tutti si sentono grandi calciatori con ul
    > supertele, ma i calciatori veri vi guardano
    > e ridono.
    > [...]
    > Se volete veramente imparare a giocare,
    > buttate il supertele di PLASTICA e passate a
    > un sistema operativo vero...
    >
    > Michele Coppo

    Grande Michele! Il paragone tra sistemi operativi e palloni ancora mi mancava: cosa non si fa per trolleggiare ;-D

    Quanto al sistema operativo vero io ho deciso: mi schiero convinto con il CPM della Commodore. Tutti gli altri sono sistemi operativi di plastica e di cartoncino! ;-D

    M.
    non+autenticato
  • > Quanto al sistema operativo vero io ho
    > deciso: mi schiero convinto con il CPM della
    > Commodore.


    Il CPM della Commodore? Forse ti stai riferendo al CP/M, anche conosciuto come CP/M 80, un sistema operativo che girava sul vecchio Z80, quando molti dei sedicenti "esperti" che scrivono qui probabilmente ancora dovevano nascere.
    Sul CP/M ci hanno lavorato tutte le aziende dei primi anni '80, e la Commodore ne fece una implementazione sul Commodore128 nel 1985. Il C128 era un home computer con l'8502 e lo Z80 e su questo faceva girare il CP/M. Bellissimo...

    Ma sicuramente tu non sai neanche di che cosa sto parlando, vero?

    Michele Coppo
    non+autenticato
  • Il C128, oltre all'8502, usato dal 2,5% degli utenti e allo Z80, usato dallo 0,5, aveva anche il 6510, usato dal rimanente 97% per lo scopo che puoi immaginare. Non puoi pretendere che un utente, Windows o Linux che sia, conosca l'esistenza e l'utilizzo di una macchina che, seppur dalle grandi possibilità, è stata usata quasi esclusivamente per giocare.

    Saluti.
    non+autenticato


  • - Scritto da: piwi
    > Il C128, oltre all'8502, usato dal 2,5%
    > degli utenti e allo Z80, usato dallo 0,5,
    > aveva anche il 6510, usato dal rimanente 97%
    > per lo scopo che puoi immaginare. Non puoi
    > pretendere che un utente, Windows o Linux
    > che sia, conosca l'esistenza e l'utilizzo di
    > una macchina che, seppur dalle grandi
    > possibilità, è stata usata quasi
    > esclusivamente per giocare.
    >
    > Saluti.

    Rettifico : non puoi pretendere una cosa simile da chi oggi usa il computer per lavorare e produrre. Non credo sia possibile stabilire la professionalità di una persona tenendo meccanicamente conto delle ore passate davanti ad un monitor, dell'età, o di una conoscenza che rasenta il nozionismo.
    non+autenticato


  • - Scritto da: piwi
    > Rettifico : non puoi pretendere una cosa
    > simile da chi oggi usa il computer per
    > lavorare e produrre. Non credo sia possibile
    > stabilire la professionalità di una persona
    > tenendo meccanicamente conto delle ore
    > passate davanti ad un monitor, dell'età, o
    > di una conoscenza che rasenta il nozionismo.

    quello che gli rode a lui è che quando finalmente ha imparato ad usare il C64 e farci cose un po meno videoludiche ha scoperto che esistavno gli X86, i Ghz, win e linux e tutte le altre cose che fanno parte dell'informatica odierna...

    PS.: non gli dite dei CRAY se no si sparaSorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Michele Coppo
    > > Quanto al sistema operativo vero io ho
    > > deciso: mi schiero convinto con il CPM
    > della
    > > Commodore.
    >
    >
    > Il CPM della Commodore? Forse ti stai
    > riferendo al CP/M, anche conosciuto come
    > CP/M 80, un sistema operativo che girava sul
    > vecchio Z80, quando molti dei sedicenti
    > "esperti" che scrivono qui probabilmente
    > ancora dovevano nascere.
    > Sul CP/M ci hanno lavorato tutte le aziende
    > dei primi anni '80, e la Commodore ne fece
    > una implementazione sul Commodore128 nel
    > 1985. Il C128 era un home computer con
    > l'8502 e lo Z80 e su questo faceva girare il
    > CP/M. Bellissimo...
    >
    > Ma sicuramente tu non sai neanche di che
    > cosa sto parlando, vero?

    Il mitico Michele torna all'attacco ma sbaglia ancora una volta il bersaglio Occhiolino

    Il C=128 e' stato il mio secondo computer: il primo il mitico VIC20 con espansione di memoria.

    Chi si ricorda la schermata di avvio?

    **** CBM BASIC V2 ****
    28159 BYTES FREE
    READY

    1 ? "CIAO!"
    2 GOTO 1
    RUN
    non+autenticato
  • Sono due i punti da discutere. Nel primo affermate che il sorgente non serve una fava... che nessuno lo controlla /etc /etc

    Beh, il fatto che ogni settimana vengono scoperte nuove falle, vulnerabilità, trojan e similia... ma sopratutto che vengono corrette a tempo di record dimostra che il modello OSS (open source software) funziona. Inutile quindi continuare a discutere su questo punto, visto che sono stati spesi interi thread da 10 anni a questa parte... e alla fine tutti, compreso Redmond, ammettono che il modello OSS non ha niente da invidiare al modello CS (closed source), anzi, è vero il contrario.

    A questo proposito voglio ricordarvi che ci sono stati precedenti di software CS che sono poi diventati OSS... e, guarda caso, è stato scoperto che dentro vi erano trojan, backdoor, e robaccia simile. Voi che usate CS non guardate quindi la pagliuzza nel software OSS, visto che molto probabilmente siete già impestati di backdoor ma non lo potete sapere.

    A tal proposito un esempio (ovvero quando interbase divenne OSS):
    http://zdnet.com.com/2100-11-527115.html?legacy=zd...

    Chissà da quanti anni era presente quella backdoor... e tutti si sentivano sicuri solo perché era chiuso!



    Il secondo punto da affrontare è come siano potuti entrare in circolazione delle versioni modificate dei tar.gz originali... beh, sinceramente ho cercato un po' di info, e non ho trovato una sola riga di commento.

    L'unica nota positiva è che anche in questo caso, come in tutti gli altri, "l'infezione" (se così possiamo chiamarla) non è partita da tcpdump.org (cioè dal sito di origine) ma da uno dei mirror. Vi faccio notare che se tutti avessero creato dei mirror che partono sempre dalle pagine del sito originale ciò non sarebbe mai accaduto...
    ...ma questa ovviamente non è una scusante: è stato bucato un server, e anche a me piacerebbe tanto sapere che sistema operativo girava e che falla è stata sfruttata. Quello che non mi va è appunto che si sta cercando di coprire questo fatto... e questa è una cosa tipica da software CS, e mi romperebbe davvero se la famosa trasparenza nei comunicati dell'OSS venisse meno.
    non+autenticato
  • concordo al 100% con quello che hai scritto.

    Sinceramente non capisco in winzozzari che perdono tempo a postare e trollare su PI dicendo che l'OSS (apro posito: bella la sigla OSS per indicare l'open sourceSorride non vale una chiavica, quando loro senza rendersi conto usano ogni giorno programmini OSS o software che ha intere parti rubate dal mondo OSS (vedi lo stack tcp/ip di XP rubato a BSD).

    non+autenticato
  • quello che segnali tu e' un eccesso.
    E come tale, esiste anche l'opposto.
    Molta gente (per non dire quasi tutti) pensa che il software OS sia piu' sicuro perche' il codice qualcuno lo ha controllato.
    E' una falsa sensazione di sicurezza, non sostenuta da prove reali.
    Si pensa che qualcuno lo abbia gia' verificato, ma in proprio alla fine non lo fa quasi nessuno.
    Semplicemente ci si fida... e si installano i binari... rpm o deb che siano
    E non c'e' differenza dal fidarsi di un software closed.
    E comunque alla fine, un trojan in un software MS ce lo puo' aver messo solo MS, in un software OS... boh... puoi scaricare la colpa su chi vuoi, un hacker, uno sviluppatore che voleva fare uno scherzo etc. etc.

    ciao
    non+autenticato


  • - Scritto da: maks
    > quello che segnali tu e' un eccesso.
    > E come tale, esiste anche l'opposto.
    > Molta gente (per non dire quasi tutti) pensa
    > che il software OS sia piu' sicuro perche'
    > il codice qualcuno lo ha controllato.
    e chi controlla il codice di windows , microsoft ?
    adesso si che mi sento sicuro ...
    > E' una falsa sensazione di sicurezza, non
    > sostenuta da prove reali.
    e aloora controlla i sorgenti se non ti fidi
    > Si pensa che qualcuno lo abbia gia'
    > verificato, ma in proprio alla fine non lo
    > fa quasi nessuno.
    > Semplicemente ci si fida... e si installano
    > i binari... rpm o deb che siano
    > E non c'e' differenza dal fidarsi di un
    > software closed.
    la diferenza e' che col software closed non hai
    altra possibilitia' che fidarti ...
    con quello libero puoi fidarti oppure no !
    chiaro il concetto ?


    non+autenticato

  • > altra possibilitia' che fidarti ...
    > con quello libero puoi fidarti oppure no !
    > chiaro il concetto ?
    >

    A patto di essere un buon(issimo) programmatore ed avere tanto(troppo?) tempo da perdere.


    non+autenticato


  • - Scritto da: Matteo
    >
    > > altra possibilitia' che fidarti ...
    > > con quello libero puoi fidarti oppure no !
    > > chiaro il concetto ?
    > >
    >
    > A patto di essere un buon(issimo)
    > programmatore ed avere tanto(troppo?) tempo
    > da perdere.
    >
    >

    Se vuoi puoi fidarti dei controlli che fa la debian, e che fanno tutti gli utenti usando i software, ed usare quindi la debian stable, per fare un esempio.

    Nota che debian sono sviluppatori sparsi in tutto il mondo, se è vero che chiunque può inserire un trojan è anche vero che chiunque lo può scoprire.

    Se hai bisogno di alta sicurezza, puoi commissionare un audit ad una azienda esterna.

    Se usi un prodotto closed non puoi e basta, nè controllare, nè commissionare un audit, nè fidarti del fatto che c'è tanta gente che lavora agli stessi software, quindi se uno inserisce un trojan c'è la possibilità che gli altri sviluppatori (che il codice lo leggono eccome) se ne accorgano.

    Anche in M$ se ne possono accorgere, ma cosa succede se il trojan è sulla circolare del capoufficio che ti dice che sta bene così?

    In GNU il capoufficio non c'èSorride
    non+autenticato
  • > Se vuoi puoi fidarti dei controlli che fa la
    > debian, e che fanno tutti gli utenti usando
    > i software, ed usare quindi la debian
    > stable, per fare un esempio.
    >
    > Nota che debian sono sviluppatori sparsi in
    > tutto il mondo, se è vero che chiunque può
    > inserire un trojan è anche vero che chiunque
    > lo può scoprire.
    >
    > Se hai bisogno di alta sicurezza, puoi
    > commissionare un audit ad una azienda
    > esterna.

    In effetti prodotti come os/2, palmos, forse solaris non puoi controllare il sorgente.

    Teoricamente pagando e firmando qualche licenza, di windows puoi avere il sorgente (al tempo su internet si diceva di questa possibilita', pero' non sono sicuro se fosse vero, se non errore se ne parlo' in it.comp.os.dibattiti).
    non+autenticato

  • > Teoricamente pagando e firmando qualche
    > licenza, di windows puoi avere il sorgente
    > (al tempo su internet si diceva di questa
    > possibilita', pero' non sono sicuro se fosse
    > vero, se non errore se ne parlo' in
    > it.comp.os.dibattiti).
    e' vero, ma _sconsiglio vivamente _ di firmare NDA com M$

    http://msdn.microsoft.com/msdn-files/027/001/901/S...

    esempio di licenza shared source ...
    al confronto la GPL e' uno zucchero !
    non+autenticato
  • chicca finale , alla fine di quella licenza :
       9. Microsoft reserves all rights not expressly granted to you in this license.
    non+autenticato


  • - Scritto da: illegalinstruction
    > chicca finale , alla fine di quella licenza :
    >     9. Microsoft reserves all rights not
    > expressly granted to you in this license.

    non mi metto neanche a leggerla, sicuramente contiene di quelle particolarità di termini cosi' diffuse nei contratti che anche se fosse in italiano bisogna leggerla per svariate volte (figurati in inglese)..

    [Mode OT on]

    non centra con il discorso, sto leggendo alcune clausole che la sun ha messo per la partecipazione al codice di open office, se ho capito bene tutto il codice diviene di loro proprietà e l'autore puo' farne uso solo per scopi personali.

    L'ultima riga (del capovesto2) dovrebbe dire che questo contratto (quello che sto leggendo) dovrebbe dire che questa licenza sostituisce anche le precedenti.

    Sapete se esiste un programma di tipo "office" completamente open e free che giri sotto windows.

    grazie e ciao.
    non+autenticato


  • - Scritto da: pippo75
    >
    >
    > - Scritto da: illegalinstruction
    > > chicca finale , alla fine di quella
    > licenza :
    > >     9. Microsoft reserves all rights not
    > > expressly granted to you in this license.
    >



    > non mi metto neanche a leggerla, sicuramente
    > contiene di quelle particolarità di termini
    > cosi' diffuse nei contratti che anche se
    > fosse in italiano bisogna leggerla per
    > svariate volte (figurati in inglese)..
    >
    > [Mode OT on]
    >
    > non centra con il discorso, sto leggendo
    > alcune clausole che la sun ha messo per la
    > partecipazione al codice di open office, se
    > ho capito bene tutto il codice diviene di
    > loro proprietà e l'autore puo' farne uso
    > solo per scopi personali.
    secondo me ti sbagli ..
    io sapevo che c'e un jca per cui il copyright
    viene asseganto sia alla sun che allo sviluppatore ; la licenza LGPL permette inoltre anche un uso
    commericiale delle modifiche ;
    se non fosse cosi nessuno contribuirebbe (la gente mica e' stupida in fin dei conti)
    per ulteriori informazioni
    http://www.openoffice.org/FAQs/faq-licensing.html?...

    >
    > L'ultima riga (del capovesto2) dovrebbe dire
    > che questo contratto (quello che sto
    > leggendo) dovrebbe dire che questa licenza
    > sostituisce anche le precedenti.
    che licenza ? la SISSL ? ricorda che il codice e'
    anche sotto LGPL (doppia licenza)
    >
    > Sapete se esiste un programma di tipo
    > "office" completamente open e free che giri
    > sotto windows.
    in realta l' openoffice non e' "free" solo perche ' serve il jdk della sun per compilarlo
    >
    > grazie e ciao.
    di niente ,ciao
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 27 discussioni)