Gaia Bottà

Lavoro IT, nel 2009 si licenzierà

A rivelarlo le indagini di Goldman Sachs: i CIO annunciano tagli per i prossimi mesi. Fuori i lavoratori non necessari, depennati i progetti che non garantiscono la massima redditività

Roma - La forza lavoro che le aziende reclutano per vigilare sulle infrastrutture informatiche e sviluppare progetti IT sta diventando superflua, il taglio dei costi taglierà fuori anche l'IT.

Il vuotoI segnali di allarme giungono da due indagini condotte da Goldman Sachs: sono stati consultati 100 manager, per lo più Chief Information Officer di aziende che figurano nella classifica di Fortune. Si tratta di aziende solide, ma temono comunque lo spettro della recessione: nonostante mezzo mondo senta l'esigenza di personale specializzato, nel corso del prossimo anno si sfronderà e i CIO assicurano che i lavoratori IT non faranno eccezione.

A versare nelle peggiori condizioni sono i lavoratori IT esterni a contratto, che gravitano intorno alle aziende per sviluppare applicazioni ad hoc o per vigilare sull'infrastruttura e sui servizi IT: 48 manager su 100 prevedono che nel corso del prossimo anno rinunceranno ai servizi offerti da questa categoria di lavoratori. Non hanno molte prospettive in più i lavoratori reclutati attraverso agenzie interinali: sono il 30 per cento i CIO che ritengono che si dovrà sforbiciare su questo tipo di forza lavoro, assunta per sviluppare applicazioni e mantenere la struttura IT. Migliori prospettive per i lavoratori prestati da fornitori internazionali di servizi: solo il 12 per cento dei dirigenti intervistati ha dichiarato che nel 2009 potrebbe dover decidere di farne a meno.
Ma è possibile che non vengano risparmiati nemmeno i dipendenti delle stesse aziende consultate da Goldman Sachs: 11 CIO su 100 temono di dover sacrificare forza lavoro assunta in tempi migliori. Sono previsioni basate sulle preoccupazioni che si vanno addensando dall'inizio del 2008: ad ottobre dello scorso anno non erano in programma riduzioni dello staff, ad aprile erano il 15 per cento i manager che meditavano di dover licenziare.

Ma non si taglierà sui soli lavoratori IT: saranno ridimensionate anche le attese nutrite nei confronti dei progetti da sviluppare nell'ambito dell'information technology. Si risparmierà sul ricambio del parco macchine: il 47 per cento degli intervistati prevede che la propria azienda non affronterà spese per sostituire server, dispositivi di archiviazione, computer con cui dotare il personale. Sarà denaro investito nella virtualizzazione e nell'ottimizzazione del comparto server: sono queste le due priorità che i manager pongono davanti all'obiettivo del risparmio. Il cloud computing? È un obiettivo che nel 2009 intendono perseguire solo 2 CIO su 100. Forse, suggeriscono gli analisti, perché non intendono fare affidamento su servizi ancora da consolidare, forse perché non ne intuiscono ancora le potenzialità.

Le aziende, spiegano da Goldman Sachs, hanno l'esigenza di monetizzare: "Il ROI è lo scopo del gioco - assicurano - spesso ridimensionano i progetti per rientrare nel budget, stanno cercando le soluzioni con il maggiore e la più veloce redditività". Ma la redditività, si levano voci dalla rete, non è sempre immediatamente calcolabile per quanto riguarda il settore IT, un settore con cui spesso i vertici delle aziende non hanno ancora abbastanza dimesttichezza.

Gaia Bottà

(fonte immagine)
222 Commenti alla Notizia Lavoro IT, nel 2009 si licenzierà
Ordina
  • un analista qualche tempo fa dopo il fallimento della northen rock e della ubs ha detto non imparate un lavoro imparate un mestiere.
    Detto tra noi dopo 12 anni di esperienza penso che mi iscrivero' di nuovo in qualche scuola di mestieri. Dopo una laurea in ingegneria 14 anni fa credo mi mettero' a fare qualcos'altro.
    meccanico, idraulico qualcosa trovero'.
    Sono stanco di essere valutato poco o niente, perche' ci sono catene di parassiti body rental. non ho soldi ne' possibilita' di lavorare in proprio e sinceramente sono davvero scocciato (forse dire avere i testicoli ai piedi) di questa situazione.
    Vogliono piu' tecnici, piu' ingegneri la comunita' europea ha rotto i maroni con questa storia delle figure specializzate.
    Adesso che imbecilli alla guida di aziende quando devono tagliare tagliano noi e non quei cretini che sono al management.
    Perche' guarda caso chi comanda sono proprio quei geni al management che quando ci sono da dividerci i premi produzione se li dividono, quando le cose vanno male perche' ovviamente sono dei pupazzetti inutili ecco che cominciano a tagliare.
    Sono stufo di pagare per colpa di altri. Sono stufo di sentirmi dire che i tagli ce li dobbiamo beccare noi, mentre se mandassero a casa l'80 per cento di questi inutili personaggi non ci sarebbe alcun bisogno di nessun taglio.

    Aspetto il prossimo illuminante post di cubasia, dove con grafici ci venga a spiegare il suo indirizzo cosi' vado a mangiare a casa sua.

    Mi e' bastata la crisi del 2001
    addio
    non+autenticato
  • se pensi che ora vogliono mettere l'obbligo scolastico fino ai 14 anni, tra l'altro espletabili anche con scuole di formazione professionale...............

    Ah, scusa, è proprio vero : è tutto inutile .............
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 24 luglio 2008 11.45
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: luminor
    > se pensi che ora vogliono mettere l'obbligo
    > scolastico fino ai 14 anni, tra l'altro
    > espletabili anche con scuole di formazione
    > professionale...............
    >
    > Ah, scusa, è proprio vero : è tutto inutile


    scusa non vedo il nesso tra il mio discorso e il tuo commento.
    non+autenticato
  • Adottate un disoccupato:


    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 luglio 2008 21.31
    -----------------------------------------------------------
  • mi hanno diagnosticato un tumore, tutte le notizie che prima mi sembravano deprimenti (quasi tutte), come questa, ora mi rallegrano... Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: malato terminale
    > mi hanno diagnosticato un tumore, tutte le
    > notizie che prima mi sembravano deprimenti (quasi
    > tutte), come questa, ora mi rallegrano...
    >Sorride


    se tu sei un malato terminale io sono matusalemme, scherzare su queste cose è abbietto e per persone imbecilli.
    non+autenticato
  • l'IT purtroppo è un "lavoro" instabile e insicuro. Parlarne oggi come una professione in grado di produrre reddito su cui basare la propria esistenza è folle. Le attuali leggi che poi hanno reso il lavoro alla stregua di una merce deperibile a brevissima scadenza, non aiuta di sicuro. Tutto a vantaggio dei nuovi hiuppy filo-berlusca.
    Grazie nano, mi consenta di mandarla ... Arrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Risposta alla notizia
    > l'IT purtroppo è un "lavoro" instabile e
    > insicuro. Parlarne oggi come una professione in
    > grado di produrre reddito su cui basare la
    > propria esistenza è folle. Le attuali leggi che
    > poi hanno reso il lavoro alla stregua di una
    > merce deperibile a brevissima scadenza, non aiuta
    > di sicuro. Tutto a vantaggio dei nuovi hiuppy
    > filo-berlusca.
    > Grazie nano, mi consenta di mandarla ... Arrabbiato

    ... affanculo.

    Ma non si scriveva yuppies?
    non+autenticato
  • I CIO e i dirigenti costano caro alla collettività.

    E se licenziassimo appunto questi costosi orpelli delle società?

    Tanto non producono nulla, mica sono loro che faticano sullo sviluppo del software o sull'integrazione dei sistemi!
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 29 discussioni)