Alfonso Maruccia

Cellulari e tumori, l'accademia si allarma

Viene preso sul serio un nuovo warning statunitense sulle possibili conseguenze dell'uso del cellulare. La prudenza - dicono i ricercatori - ne impone un uso limitato. Anzi, meglio non usarlo proprio

Roma - Fanno male, non fanno male, di certo continuano a essere sulla graticola di un dibattito senza fine: i telefonini cellulari tornano nel mirino perché le onde che emettono avrebbero le potenzialità per causare tumori, anche solo a chi si trovi nei paraggi dell'utilizzatore. Questo almeno è quello che teme il dottor Ronald B. Herberman, direttore dell'Istituto dei Tumori presso l'Università di Pittsburgh. Ha invitato senza mezzi termini a interrompere l'uso di smartphone all'orecchio. Gli adulti devono cambiare abitudini e ancor di più giovani e teenager.

effetti


Herberman va contro l'opinione comune dei circuiti scientifici, tendente a sdrammatizzare in assenza di prove scientifiche le temute conseguenze dell'utilizzo di dispositivi elettromagnetici ad alta frequenza a distanza ravvicinata dell'encefalo. L'esperto ora cita non solo studi noti ma anche "dati non ancora pubblicati", e afferma che ci sono tutti gli elementi per consigliare prudenza e possibilmente astinenza.
"Alla base delle mie preoccupazioni c'è il fatto che non dovremmo aspettare l'apparizione di uno studio definitivo, ma piuttosto peccare di precauzione invece di pentirci dopo" dice Herberman alla Associated Press. Tali preoccupazioni sono state espresse dallo scienziato in un memo a uso interno inviato a 3mila persone, facenti parte dello staff e della facoltà del Cancer Institute.

Sul sito dell'UPCI è poi disponibile una nota precauzionale contenente 10 regole da rispettare, incluso il divieto tassativo per i bambini di utilizzare il cellulare se non per le emergenze, servirsi di headset Bluetooth e dispositivi simili per tenere il telefonino lontano dalla testa e dal corpo quanto più è possibile, usare gli SMS al posto delle chiamate e via di questo passo.

"Gli studi sugli esseri umani non indicano che i telefoni cellulari sono sicuri, né mostrano chiaramente che siano pericolosi. Ma un numero crescente di dimostrazioni suggeriscono che dovremmo ridurre l'esposizione, mentre la ricerca continua su questa importante questione" recita la nota dell'UPCI, che a corredo pubblica la figura (vedi più sopra) del livello di penetrazione stimato dei campi elettromagnetici a 900 MHz (GSM a singola banda) nel cervello di ragazzi e adulti.

Secondo Herberman ci sono insomma prove sufficienti per preoccuparsi, ma la sua è una posizione che non va d'accordo con quella della Food and Drug Administration, organismo che negli Stati Uniti ha il compito di valutare la pericolosità per la salute di beni di uso comune. Nel suo Q&A tematico sui cellulari, la FDA riporta a chiare lettere che manca l'evidenza scientifica di una loro eventuale pericolosità, e se c'è un rischio questo "è probabilmente molto basso".

Ma per quanto questa evidenza non sussista, l'appello alla precauzione comincia a fare breccia in un numero crescente di ambienti scientifici e accademici. Devra Lee Davis, direttrice del centro universitario dell'UPCI e supporter del memo di Heberman, arriva ad affermare che la questione è "se si vuole giocare alla roulette russa con il proprio cervello". In una intervista telefonica con la AP, Davis ricorda che venti differenti gruppi appoggiano le note e le raccomandazioni dell'UPCI, e le autorità inglesi, francesi e indiane hanno già provveduto ad avvertire i genitori sui rischi dell'uso dei cellulari da parte dei figli.

Alfonso Maruccia
56 Commenti alla Notizia Cellulari e tumori, l'accademia si allarma
Ordina
  • ho sentito fior di campagne contro gli 'antennoni' piazzati sui tetti e tra le case.

    E poi la gente passa la giornata con il telefono a pochi millimetri dal cervello ...

    Occorrerebbe un ripasso per ricordarsi che l'energia aumenta con il quadrato dell'inverso della distanza dalla fonte ...

    il ché significa che il campo elettromagnetico di un cellulare aumenta di 100 volte se il cellulare lo tengo appoggiato alla testa piuttosto che ad un centimetro di distanza.

    Ma se andiamo a raccondarlo in televisione, si vendono meno cellulari.

    Arriveremo un giorno ad una situazione simile a quella delle sigarette, ove sulla confezione del nuovo cellulare sarà obbligatoriamente riportato, in bella evidenza funebre, un messaggio sui danni arrecati alla salute dall'apparecchietto.
  • quoto in generale, ma il centimetro di distanza non e' esatto perche l'antenna e', sperabilmente, gia mezzo centimetro dal bordo del telefono, non 1 mm; ovviamnete il problema e' la trasmissione, non la ricezione. comunque sono disponibili i valori di emissione dei cellulari.
    non+autenticato
  • speriamo che si sbagli, perche' di onde elettromagnetiche siamo gia' strapieni, e tra poco arrivera' lo tsunami WiMAX...

    speriamo che si sbagli... o dovremo costruire nuovi centri per tumori.
    non+autenticato
  • In cambio di licenze Vista e Office, le famiglie dei paesi in via di sviluppo cedono figli in affitto che, a distanza di sicurezza, maneggiano per noi i cellulari, ripetendo ad alta voce le frasi ricevute e comunicando ai nostri interlocutori le risposte... E vengono pure comodi per le faccende domestiche o in caso servisse qualche organo di ricambio!!! Idea!AngiolettoA bocca aperta
    non+autenticato
  • Siamo in un mondo immerso nei veleni!
    Scorie radioattive
    Benzene
    varie altre sostanze sicuramente cancerogene e comunque tollerate

    Ma senza alcuna prova bisogna bandire le radiazioni elettromagnetiche!

    Non c'è nessuno studio epidemiologico che abbia evidenziato nel mondo un aumento di qualsivoglia tipo di tumore/leucemia correlabile ad emissioni elettromagnetiche!

    Ma continuano ad insistere sulla loro supposta pericolosità!

    Strano di qualsiasi altro agente mutageno se ne sono dimostrati gli effetti negativi in tempi assai più brevi!

    Evidentemente queste onde elettromagnetiche se sono pericolose lo sono al livelli veramente molto bassi, così bassi che la loro pericolosità è prossima allo zero!

    Per dire quanto siano pericolose le onde elettromagnetiche tenete presente che vengono impiegate nelle RMN ad intensità che sono milioni di volte superiori a quelle generate da un qualsiasi cellulare, esistono prove della pericolosità della RMN NO! Anche se è in grado di strapparti dal corpo un qualsiasi oggetto metallico magnetosensibile con una forza tale da ucciderti!

    Quindi smettiamola di lanciare allarmi assurdi e concentriamoci ad eliminare quelle sostanza che sappiamo invece essere nocive, come ad esempio il Benzene della Benzina Verde!

    P.S. Il pericolo del cellulare ai bambini non è quello della esposizione alle onde elettromagnetiche, ma dell'uso che ne fanno, tipo la dodicenne di Treviso che vendeva le sue foto hard ai compagni di scuola!
  • Non esisteva nessuna prova che l'amianto fosse mortale, così come non esisteva nessuna prova che le radiografia fosse nocive, così come non esisteva nessuna prova che l'aspartame fosse tossico !!!!!!

    Le prove nel 90 % dei casi esistono ma sono messe a TACERE da chi detiene il controllo dei media per ovvi motivi commerciali ! A volte addirittura alcuni media stessi hanno partecipazioni in borsa con la ditta produttrice di questi veleni !!!!

    Se ti fidi delle prove e di quello che dicono i media non vai più da nessuna parte ! Ci vuole perspicacia e BUON SENSO !!!!

    Se non mi sono mai allarmato per la mucca pazza, l'aviaria o la sars è perchè ovviamente HO SAPUTO DISTINGUERE VERITA' DA FESSERIE MANIPOLATRICI, ma ti assicuro che non bisognerebbe sottovalutare l'effettiva nocività del Cellulare, che se anche non fosse mortale SICURAMENTE BENE NON FA !!!!!!

    PREVENIRE E' MEGLIO CHE CURARE !
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco Marcoaldi
    > Non esisteva nessuna prova che l'amianto fosse
    > mortale, così come non esisteva nessuna prova che
    > le radiografia fosse nocive, così come non
    > esisteva nessuna prova che l'aspartame fosse
    > tossico
    > !!!!!!

    Guarda che in letteratura scientifica la prova che i raggi X fossero nocivi si è avuta fin dai tempi di Madame Curie! Cioè dalla stessa scopritrice agli inizi del '900


    >
    > Le prove nel 90 % dei casi esistono ma sono messe
    > a TACERE da chi detiene il controllo dei media
    > per ovvi motivi commerciali ! A volte addirittura
    > alcuni media stessi hanno partecipazioni in borsa
    > con la ditta produttrice di questi veleni
    > !!!!
    >

    Queste sono affermazioni ridicole e prive di qualsiasi fondamento

    > Se ti fidi delle prove e di quello che dicono i
    > media non vai più da nessuna parte ! Ci vuole
    > perspicacia e BUON SENSO
    > !!!!
    >

    Se non mi fido dell'evidenza scientifica e di quanto pubblicato sulle rivistite scientifiche internazionali di chi mi devo fidare, di Te?

    > Se non mi sono mai allarmato per la mucca pazza,
    > l'aviaria o la sars è perchè ovviamente HO SAPUTO
    > DISTINGUERE VERITA' DA FESSERIE MANIPOLATRICI, ma
    > ti assicuro che non bisognerebbe sottovalutare
    > l'effettiva nocività del Cellulare, che se anche
    > non fosse mortale SICURAMENTE BENE NON FA
    > !!!!!!
    >

    Altro esempio di quello che ti sto dicendo se qualche cosa fa male prima o poi la comunità scientifiaca lo viene a sapere e vengono pubblicati studi controllati in cui si verifica il quanto e il perchè una sostanza sia nociva!
    Come appunto è avvenuto per la mucca pazza nonostante i rilevanti interessi economici a tenere nascosta la cosa!
    E tieni presente che nel caso della mucca pazza sono bastati pochi mesi dai primi allarmi per giungere all'identificazione corretta della fonte di rischio e come arginarla, nel caso delle radiazioni ionizzanti (raggi X Gamma ecc...) la loro nocività si è resa manifesta praticamente da subito
    I campi elettromagnetici, tutti non solo quelli generati dai cellulari sono indagati approfonditamente perlomeno dagli anni 70 e a tutt'oggi non è emerso ancora nulla!

    > PREVENIRE E' MEGLIO CHE CURARE !

    Prevenire si, ma inventarsi situazioni di pericolo, dove questo non c'è no!
  • Sai quante cose che noi usiamo quotidianamente bene non fanno? Credi che mangiare frutta fresca faccia bene, ma pensi mai a quanti pesticidi e veleni dovuti all'inquinamento del terreno, delle falde acquifere e dell'aria sono in quella frutta? In via precauzionale non dovremmo mangiare né bere più niente e nemmeno respirare. Purtroppo non abbiamo altro che il parere degli scienziati e dobbiamo rimetterci ad essi perché non abbiamo alternative. A meno che non ci si voglia fidare del "si dice". La scienza si basa sul positivismo, che non è una religione come dissero ieri sera nel documentario su RAI3 prodotto dal Vaticano, ma è un metodo razionale che riduce le possibilità di errore. Non vedo altri criteri che valga la pena seguire. Certamente non i dogmi della religione o dei detti popolari.
    non+autenticato
  • scienza e positivismo non hanno niente a che fare...
    se dicevi scienza e realismo ci poteva stare...
  • No, meglio NEOREALISMOA bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • Tu la mettersti la tua testa dentro un forno a microonde? Rispetto a questi, nei telefoni cellulari cambia solo la potenza, per il resto è praticamente identico. Fai tu.
  • La potenza diminuisce col quadrato della distanza, con progressione geometrica quindi, cioè non lineare, cioè rapidissimamente. Mettere l'orecchio vicino al cellulare è come metterlo a grande distanza da un microonde. Tu usi il microonde e poi hai paura del cellulare? Ma il cellulare ti riscalda effettivamente la testa? Assai poco. Quindi perché dovrebbe far male? Se le microonde fossero ionizzanti allora ci sarebbe qualche rischio, ma anche la luce del sole contiene radiazioni ionizzanti, quindi tutto dipende dalla loro intensità. In definitiva se si dimostra che fanno male allora ok, ma altrimenti dovremmo evitare qualunque cosa.
    non+autenticato
  • tutto dipene dalla frequenza...

    prova a mettere un criceto per 10 minuti nel forno miroonde, poi prova a chiedergli se le onde elettromanetiche fanno male...
  • - Scritto da: otacon87
    > tutto dipene dalla frequenza...
    >
    > prova a mettere un criceto per 10 minuti nel
    > forno miroonde, poi prova a chiedergli se le onde
    > elettromanetiche fanno
    > male...


    Infatti le potenze in gioco sono esattamente le stesse 800W Vs 1 Watt e solo quando vi è una conversazione!
    Prova a far bollire una pentola d'acqua con 1 watt, poi ne riparliamo!
  • secondo te "effetti a lungo termine" lo scrivono per hobby?
  • Bell'organismo di controllo in un paese con un quinto di persone obese e in cui sono le corporazioni a dettare legge!
    L'opinione della FDA sulla pericolosità di un bene vale quanto la mia... sulle donne|
  • Per non parlare del Vioxx, del Lipobay, delle vicende sull'aspartame !!!

    FDA = Associazione a delinquere !
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco Marcoaldi
    > Per non parlare del Vioxx, del Lipobay, delle
    > vicende sull'aspartame
    > !!!
    >
    > FDA = Associazione a delinquere !

    Be', ma in un modo o nell'altro col Lipobay il numero di persone con ipercolesterolemia è stato ridotto, insomma, FUNZIONA!!! A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • Tu sei una di quelle persone che vedono il mondo tutto bianco o tutto nero, senza sfumature. Fai affermazioni da Bar Sport. Invece dovresti avere la capacità di valutare le cose singolarmente, caso per caso senza fare d'ogni erba... un fascio.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)