UnitedLinux lancia la sfida a Red Hat

Il consorzio UnitedLinux rilascia la prima versione finale di quel sistema operativo basato su Linux che, da oggi, costituirà la base dei futuri prodotti rilasciati dalle quattro alleate. Obiettivo: insidiare Red Hat sul mercato aziendale

UnitedLinux lancia la sfida a Red HatLas Vegas (USA) - UnitedLinux, l'alleanza composta da SuSE Linux, Turbolinux, SCO Group (ex Caldera) e Conectiva per la realizzazione di un sistema operativo comune basato su Linux, ha dato il suo primo frutto. Ieri, con la benedizione di due paladini del Pinguino come IBM e HP, le quattro aziende hanno infatti annunciato il rilascio del codice definitivo di UnitedLinux 1.0 e la disponibilità delle prime distribuzioni commerciali basate sul nuovo sistema operativo di classe enterprise.

"Il lancio della versione 1.0 di UnitedLinux - ha detto Paula Hunter, general manager di UnitedLinux - è un tributo alle capacità di collaborazione e all'esperienza tecnica delle quattro aziende fondatrici, come anche alla visione che ha portato alla nascita dell'organizzazione UnitedLinux".

L'obiettivo del consorzio è quello di riuscire, attraverso lo sviluppo e l'adozione di una distribuzione Linux uniforme e aderente agli standard LSB 1.2 and OpenI18N del Free Standards Group, a penetrare con maggior efficacia sul mercato aziendale e rendere più semplice, per i produttori di hardware e software, la certificazione dei prodotti compatibili con UnitedLinux.
Uniti, i quattro distributori di Linux sperano di acquistare forza sufficiente per attaccare la posizione dominante di Red Hat, un'azienda che lo scorso anno, secondo IDC, ha generato circa i tre quarti del fatturato complessivo legato al mercato Linux.

Sebbene le partner dell'alleanza adotteranno progressivamente, con il rilascio delle loro prossime distribuzioni, lo stesso sistema operativo, ognuna avrà l'opportunità di distinguersi dalle altre per quel che riguarda il target di utenti, le strategie di vendita e l'integrazione di prodotti di fascia alta come i software di amministrazione.

UnitedLinux 1.0 al momento supporta i processori di Intel e AMD, i PowerPC (IBM eServer iSeries and pSeries) e i mainframe IBM eServer zSeries. E' già disponibile un kit di sviluppo che include librerie, compilatori, sorgenti, interfacce grafiche e tutto ciò che server per sviluppare applicazioni per UnitedLinux.

I primi due membri dell'alleanza a lanciare nuovi prodotti basati su UnitedLinux 1.0 sono SuSE e SCO Group, che ieri hanno rispettivamente annunciato Linux Enterprise Server 8.0 e SCO Linux 4.0. Entrambi i sistemi operativi puntano al mercato dei server hi-end e dei sistemi mission-critical.
60 Commenti alla Notizia UnitedLinux lancia la sfida a Red Hat
Ordina
  • .........dell'utente comune, lo smanettone o il professionista, non ne può fregare di meno.

    A loro interessa giustamente far cassetta vendendo alle grandi aziende; dello sviluppo di KDE, GNOME e GNUSTEP (FAVOLOSO) non frega nulla.

    Saluti
    non+autenticato
  • Per chi è interessato, ecco una recensione con tanto di installazione illustrata:

    http://www-106.ibm.com/developerworks/linux/librar...
    non+autenticato
  • Già, perchè sul sito www.unitedlinux.com il link non ci sta...
    non+autenticato
  • Cazzo ma le leggete le notizie?!?!?!?

    "I primi due membri dell'alleanza a lanciare nuovi prodotti basati su UnitedLinux 1.0 sono SuSE e SCO Group, che ieri hanno rispettivamente annunciato Linux Enterprise Server 8.0 e SCO Linux 4.0".

    Quindi:

    1) non devi guardare sul sito unitedlinux.com (del resto è risaputo che UL NON è una distro ma una base su cui gli altri faranno una distro);

    2) Troverai qualcosa sul sito SuSe e SCO quando verranno rilasciate le loro nuove versione (nella notizia c'e' scritto che le hanno annunciate, non rilasciate).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ecchepalle!!
    > Cazzo ma le leggete le notizie?!?!?!?
    >
    echeppalle un par di palleA bocca aperta
    questi stanno gettando una marea di fumo negli
    occhi su quel catorcio di unitedinux.
    le paroline magiche "enterprise e business"
    fanno sempre effetto a quanto pare.
    ho letto l'articolo su ibm e non mi pare
    tutto sto granche' una redhat o debian configurata e' molto piu performante di
    unitedlinux powered.
    tze .)D

    non+autenticato
  • - Scritto da: Unitario
    > configurata e' molto piu performante di
    > unitedlinux powered.

    Ci spieghi com'è possibile visto che il kernel è lo stesso per tutte le distrib?
    Non è certo il sistema di pacchettizzazione o di configurazione che da più o meno performance al sistema operativo.

    > tze .)D

    Appunto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Amon
    > Ci spieghi com'è possibile visto che il
    > kernel è lo stesso per tutte le distrib?
    > Non è certo il sistema di pacchettizzazione
    > o di configurazione che da più o meno
    > performance al sistema operativo.
    >
    > > tze .)D
    >
    > Appunto.

    Appunto visto che il kernel e' lo stesso se io lo configuro a mo di guru e' piu performante
    rispetto alla fumata di unitedlinux.A bocca aperta
    tze tze tze
    Ciao
    non+autenticato


  • - Scritto da: Unitario_no grazie
    > Appunto visto che il kernel e' lo stesso se

    se?

    > io lo configuro a mo di guru e' piu
    > performante
    > rispetto alla fumata di unitedlinux.A bocca aperta

    ma cosa fumi, se il kernel è lo stesso lo configuri come vuoi "a mo di guru" su qualsiasi distrib, UL compresa.
    non+autenticato
  • Quindi avevo capito bene: United Linux è una NON distribuzione:
    -NON si scarica
    -NON ha un suo "profilo"
    -NON ha neanche un suo sito (perchè quello che ho visto NON lo posso definire un sito)...
    Insomma, avrà successo?
    Me lo auguro.
    E se si, perchè avrà successo?
    Sinceramente non lo so, una ragione plausibile non la riesco a trovare...
    non+autenticato
  • Ma allora non ha proprio capito niente!!! neanche dopo tutte le risposte!!!
    non+autenticato
  • Mi sembra una iniziativa fallimentare. Vedremo con il tempo, ma di fatto tradisce tutti i principi dell'Open Source. In pratica questa gente vuole creare un sistema proprietario, ne più ne meno di windows.

    Suse e altri già hanno perso soldi nel momento in cui hanno rese le proprie distribuzioni "solo a pagamento", mentre (per ora) Red Hat affianca una distribuzione tutta open e free ad una a pagamento che offre in più supporto, assistenza e manualistica varia (cioè valore aggiunto).

    United Linux cosa offre? Standards? Mah, direi che offre la posizione alla pecorina per le necessità di HP e IBM e non da niente di veramente corposo. Poi, magari, la gente si troverà United Linux sui serverono IBM e HP, come prima si trovava HP UX o quantaltra porcheria (sistemi insomma proprietari, poco innovativi e pachidermici, che non parlano a favore dei loro creatori).

    Poi se vogliamo vedere, affrontare Windows sul campo della pecunia (io offro la mia porcheria a questo prezzo tu a quest'altro) mi sembra un suicidio. Pagare per pagare tanto vale tenersi winzoz che tanto sempre di monopolio si parla. Eggià, perchè quello che vogliono fare Suse & C. è quello che si chiama TRUST, la stessa porcheria che si critica a Microsoft. Ovviamente dei vecchi marpioni (che il TRUST l'hanno inventato, cresciuto e vezzeggiato) come HP e IBM non possono che guardare di buon occhio tutto ciò. Salvo poi abbandonare la barca se inizia a fare acqua. Non dico che Red Hat sia senza colpe, ma per ora onora i principi di Open Source. Io credo proprio che nessuno sviluppatore Open Source si senta di contribuire ad un sistema proprietario se la condizione è che quello che fa non lo può più condividere. Inoltre, è probabile che Suse & C. inizino a minacciare con azioni legali chiunque voglia vagamente usare un pezzetto del loro codice.

    Vedremo, vedremo... ma io direi che si può già preparare a bara per questo abortinoCon la lingua fuori

    Ciao!

    p.s.: gli standards sono importanti ma devono nascere dal contributo libero e aperto di tutti, non dalle necessità di pochiCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • Bello parlare senza aver minimamente letto i documenti e gli annunci ufficiali de UL, vero? Chissà se hai almeno letto l'articolo di PI oppure ti sei limitato al solo occhiello (come tanti altri fanno prima di sparare a zero sulle cose).....
    non+autenticato
  • > United Linux cosa offre? Standards? Mah, direi che offre la posizione alla pecorina per le necessità di HP e IBM e non da niente di veramente corposo.

    Anche RH gira su questi server ed è proprio stata la prima ad assumere questa ipotetica "posizione alla pecorina".

    > Poi, magari, la gente si troverà United Linux sui serverono IBM e HP, come prima si trovava HP UX o quantaltra porcheria (sistemi insomma proprietari, poco innovativi e pachidermici, che non parlano a favore dei loro creatori).

    HP vende i server senza sistema operativo, però puoi scegliere tra windows, hpux e rh. Quindi secondo te ..

    > Pagare per pagare tanto vale tenersi winzoz che tanto sempre di monopolio si parla. Eggià, perchè quello che vogliono fare Suse & C. è quello che si chiama TRUST, la stessa porcheria che si critica a Microsoft.

    .. microsoft va bene tanto è già monopolista. Hpux no perchè è proprietario, pachidermico e poco innovativo. RH va bene, mentre UL no perchè a mire monopolistiche?

    Non ho mai sentito niente di più ridicolo. Cosa ti posso dire, l'importante è crederci.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Amon
    > Anche RH gira su questi server ed è proprio
    > stata la prima ad assumere questa ipotetica
    > "posizione alla pecorina".

    Il primo ad assumere la posizione da pecorina è stato il buon Torvalds, da persona intelligente quale in effetti è.
    Poi il resto è il solito sparlare di 'sistemi operativi proprietari' Rotola dal ridere senza essersi minimamente informati prima, tanto per dare aria alla bocca.
    Solite cose insomma, utonti qua e utonti la, gente che usa Linux per configurare Linux e poi cambia distribuzione (rigorosamente Debian o Slackware, sono lo più c00l e Hax0r, Red Hat è troppo l33t). In questo ha ragione il Billo, certa gente ha una paura matta di perdere quell'alone di 'esperto' solo per essersi installata una Debian.
    De gustibus... per fortuna che solitamente sono le stesse persone che non fanno testing, non scrivono codice, non spendono mezza lira per prendere una distro, ecc.
    non+autenticato
  • mi sa che te non hai capito proprio un cazzo di Opene Source, di GPL, e di United Linux.
    non+autenticato
  • ...mi faccio: i linuzzari si stanno annientando tra loro. Eheheh...

    ZioBill
    ***no linux and no open source software were used to write this post***
    non+autenticato
  • gente allegra dio l'aiuta...
    non+autenticato


  • - Scritto da: ZioBill
    > ...mi faccio

    Su questo non avevamo alcun dubbio.....
    non+autenticato
  • Io non so se si stiano annientando tra di loro , ma si dice CRASSE risate con la "C", bestia ignorante
    non+autenticato

  • > ma si dice CRASSE risate con la "C",
    > bestia ignorante

    Crasso sara' l'intestino e fors'anche la tua ignoranza, ma fossi in te tornerei a scuola
    non+autenticato


  • - Scritto da: precisino
    >
    > > ma si dice CRASSE risate con la "C",
    > > bestia ignorante
    >
    > Crasso sara' l'intestino e fors'anche la tua
    > ignoranza, ma fossi in te tornerei a scuola
    No, c'ha ragione anche lui: si puo' dire in tutti e due i modi, ma il suo e' piu' arcaico...

    ZioBill
    ***La lingua italiana cambia...***
    non+autenticato


  • - Scritto da: ZioBill
    > ...mi faccio: i linuzzari si stanno
    > annientando tra loro. Eheheh...

    Brav ocontinua a farti mentre noi ci mettiamo d'accordo, sperando che nel frattempo ci restiSorride
    Oh, senza offesa, è solo un augurioSorride

    > ***no linux and no open source software were
    > used to write this post***

    Io sono pronto a scommettere le palle (tue) che hai una quantità di merda crackata sulle tue macchine da fare invidia al centro bruciato olandese... ma niente opensource! Solo genuine cracks vero?Occhiolino
    Coglionazzo, migliori con il tempo ZiuBello.. ma quando torni in brasile?
    non+autenticato
  • http://digilander.libero.it/caricacell/

    ZioBill
    ***la mamma dei... e' sempre incinta***
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)