Office XP, fine dei lavori

Il big di Redmond mette la parola fine alla sua ultima fatica, Office XP, e inizia la distribuzione delle prime copie definitive ai produttori. Il lancio è atteso in primavera ma c'è chi dice che saranno pochi gli utenti del nuovo Office

Redmond (USA) - Con inusuale puntualità, Microsoft ha ufficialmente annunciato il completamento dello sviluppo e del testing di Office XP ed il rilascio delle prime versioni Released to Manufacturing (RTM).

Office XP, formalmente conosciuto come Office 10, arriverà sul mercato al dettaglio verso la tarda primavera: la data del lancio potrebbe cadere il 31 maggio. Nel frattempo Microsoft ha dato il via al suo Corporate Preview Program per il rilascio, a chi ne farà richiesta, di 500.000 copie della versione Release to Candidate 1 (RC1) di Office XP, ad un prezzo di circa 20$ ad ordine.

Microsoft sostiene che questa nuova versione di Office sia la "più importante mai rilasciata". In parte questo viene legato al fatto che come Windows XP, anche Office 10 rappresenta il primo passo verso.NET, quella strategia che vede il software trasformarsi in un servizio e migrare verso il Web.
E proprio sul Web si fonderanno alcune delle funzionalità aggiuntive di questo Office XP, come l'instant messaging di MSN e la Web-mail di Hotmail.
TAG: microsoft
45 Commenti alla Notizia Office XP, fine dei lavori
Ordina

  • Questo è il punto 5 delle buone ragioni per acquistare Office XP , tratto dal sito della Microsoft:

    "Lavorare con strumenti su cui puoi contare
    Impiega il tuo tempo per creare, non per ri-creare. Con il Ripristino Documenti, puoi sfruttare l?opzione di salvare automaticamente il documento corrente, un foglio elettronico o una presentazione, nel momento in cui un?applicazione si blocca ? così non perdi il lavoro che hai svolto fino a quel momento. Puoi ulteriormente proteggere il tuo documento utilizzando la caratteristica di ripristino automatico in Word, PowerPoint e Excel per salvare automaticamente il documento su cui stai lavorando in intervalli specifici."


    PERDINDIRINDINA! L'autosave esiste dal 1700 su qualsiasi versione di Office. Se non bastasse esisteva anche su "Multi Edit" per DOS e mille altri programmi prima.
    Ce l'hanno tutti.
    E dovrebbe essere una new-feature per acquistare un bombolone del genere? TSK!!!

    E inoltre c'è questa grandissimo concetto: adesso invece di "Ignora, Chiudi ecc" ci sarà anche "rischi quasi di non perdere il documento".

    insomma... danno per scontato che le applicazioni si devono piantare, che normalmente si perde tutto.
    Io lavoro con AS400 e non perdo niente.
    MAI.
    Quando salta la corrente non perdiamo niente.
    Quando arriva il tecnico a modificare i oprogrammi lo fa qui, mentre noi lavoriamo e se salta la corrente non glie ne frega niente. Non si piantano i programmi per colpa del sistema.
    MAI.
    non è MAI successo nulla di quello che succede normalmente su Windows.
    La loro filosofia è "QUANDO SI PIANTA"
    e non "NELLA IMPOSSIBILE SITUAZIONE CHE..."



    non+autenticato
  • Bravo. Continua a lavorare con AS/400. Farai la fine di quelli che continuano a chiedersi perché OS/2, il miglior sistema operativo del mondo, è stato abbandonato anche da chi lo costruisce.

    - Scritto da: GF
    >
    > Questo è il punto 5 delle buone ragioni per
    > acquistare Office XP , tratto dal sito della
    > Microsoft:
    >
    > "Lavorare con strumenti su cui puoi contare
    > Impiega il tuo tempo per creare, non per
    > ri-creare. Con il Ripristino Documenti, puoi
    > sfruttare l?opzione di salvare
    > automaticamente il documento corrente, un
    > foglio elettronico o una presentazione, nel
    > momento in cui un?applicazione si blocca ?
    > così non perdi il lavoro che hai svolto fino
    > a quel momento. Puoi ulteriormente
    > proteggere il tuo documento utilizzando la
    > caratteristica di ripristino automatico in
    > Word, PowerPoint e Excel per salvare
    > automaticamente il documento su cui stai
    > lavorando in intervalli specifici."
    >
    >
    > PERDINDIRINDINA! L'autosave esiste dal 1700
    > su qualsiasi versione di Office. Se non
    > bastasse esisteva anche su "Multi Edit" per
    > DOS e mille altri programmi prima.
    > Ce l'hanno tutti.
    > E dovrebbe essere una new-feature per
    > acquistare un bombolone del genere? TSK!!!
    >
    > E inoltre c'è questa grandissimo concetto:
    > adesso invece di "Ignora, Chiudi ecc" ci
    > sarà anche "rischi quasi di non perdere il
    > documento".
    >
    > insomma... danno per scontato che le
    > applicazioni si devono piantare, che
    > normalmente si perde tutto.
    > Io lavoro con AS400 e non perdo niente.
    > MAI.
    > Quando salta la corrente non perdiamo niente.
    > Quando arriva il tecnico a modificare i
    > oprogrammi lo fa qui, mentre noi lavoriamo e
    > se salta la corrente non glie ne frega
    > niente. Non si piantano i programmi per
    > colpa del sistema.
    > MAI.
    > non è MAI successo nulla di quello che
    > succede normalmente su Windows.
    > La loro filosofia è "QUANDO SI PIANTA"
    > e non "NELLA IMPOSSIBILE SITUAZIONE CHE..."
    >
    >
    >
    non+autenticato

  • Scommetto che tu li hai usati tutti quanti, per lavorare eh?
    Qui intorno fior fiore di ditte molto grosse usano AS400. Certo non è per il mercatino consumer.
    Un sistema ultra stabile. Non lo faccio di certo io. Lo uso. Come lo usano molti grossi enti.
    Di fianco ho qui il mio bel pc ... ma quando il pc si pianta, l'as400 è sempre in piedi, i dati ci sono sempre.
    Sistemi vecchi, ma perfettametne funzionanti.
    Fa anche da webserver, volendo ed è scalabile al 200%.
    Certo, non è usato come i PC ... ma se i pc fossero stabili un miliardesimo di questo coso...
    Java, C, vecchi linguaggi, nuovi linguaggi. E' tutto supportato.


    Comunque sei liberissimo di farti del male come vuoi, in maniera sempre aggiornata.
    Di essere obbligato a scaricarti patch all'infinito, che tanto non risolvono mai i problemi. Di avere un'assistenza che paghi e non ti serve a nulla.

    Anche la IBM, come sai, sta appoggiando linux... di sicuro sarà più che possibile dialogare come si deve, altrimenti non si muoverebbero nemmeno.





    - Scritto da: Darth Vader
    > Bravo. Continua a lavorare con AS/400. Farai
    > la fine di quelli che continuano a chiedersi
    > perché OS/2, il miglior sistema operativo
    > del mondo, è stato abbandonato anche da chi
    > lo costruisce.
    >
    non+autenticato
  • MS WINDOW............(FINESTRA) APRITE LA FINESTRA E BUTTATELO FUORI, RISPARMIERETE I QUATTRINI.
    non+autenticato
  • - L'automazione OLE è già offerta da Office 2000, quindi niente di nuovo, escludendo ovviamente il fatto che con XP ci saranno nuove funzionalità, di cui dubito però faranno realmente la differenza.
    - integrazione con l'OS... mhà, che vuol dire? Forse che se io voglio scrivere un documento di testo con Word devo avere installato sul sistema anche il Paintbrush altrimenti non funziona nulla? Questa integrazione di XP, qualunque cosa sia, sarà utilizzata raramente mi sa...
    - scriptabile con vbs... questo lo è già il 2000, e rientra comunque nell'automazione OLE!!!
    - Varie altre cose... mah, quali?? Forse qualche bug in meno rispetto al 2000? Od in più?

    Credo che Office XP sarà un mezzo flop, l'unica diffusione che avrà sarà probabilmente legata ai programmatori che ricevono puntualmente gli aggiornamenti del software Microsoft con un abbonamento MSDN. Dubito che gli utenti domestici spenderanno centinaia di migliaia di lire per un aggiornamento che non serve a nulla, e la diffusione di questo prodotto sarà limitata anche dal suo stesso meccanismo di protezione.

    Concedetemi una riflessione, forse OT.

    Signori aprite bene le orecchie: la vera anima di Microsoft sono i programmatori. Sono anche loro infatti che contribuiscono alla diffusione del suo software, e non è un caso che ogni prodotto Microsoft offra un modello ad oggetti per la sua programmazione. Che poi quello funzioni o meno, o che serva per soddisfare le reali esigenze, o che sia un potenziale mezzo di trasmissione virus o che rappresenti un punto debole nella protezione del computer, tutto ciò dicevo è un'altra questione.
    L'integrazione di Windows è bellissima, ma solo a prima vista. Visual Studio è bellissimo, e quello targato .NET lo sarà ancora di più. Visual Basic poi è favoloso, ti permette di fare cose nella metà del tempo che impiega un programmatore C++ skillato, ma... è davvero oro tutto ciò che luccica?
    Tutta questa integrazione tra prodotti e prodotti, e tra prodotti e SO porta sempre nella stessa direzione, la Microsoft, legandovi sempre più le mani. Per tornare al paragone del programmatore Visual Basic che sviluppa una applicazione in metà tempo di uno che usa il C++ provate a dirgli di realizzare la stessa applicazione su Linux! Non sarà in grado di farlo, perchè lui nella migliore delle ipotesi si definirà un esperto della sola piattaforma Windows. Il suo destino sarà quindi legato al destino della Microsoft. Bene, ma siamo sicuri che non sia la stessa cosa anche sviluppando anche con il Visual C++ per esempio?
    Torniamo a Visual Studio .Net. Anche questo è favoloso, perchè ti permetterà di avere un team di programmatori che lavorano allo stesso progetto e tutti indipendenti dal linguaggio che adottano. Il Visual Basic .NET però sarà diverso dal VB tradizionale, il C++ conterrà delle estensioni che lo renderanno sempre meno familiare a chi conosce solamente il C++, e ci sarà il terzo incomodo, il C#, un ibrido tra VB e C++, tanto per confondere ancor di più le idee, e magari convincere qualche programmatore C++ a passare a questo linguaggio e sviluppare quindi solo per Microsoft. Si, perchè sviluppare è sinonimo di supportare.
    Tutti questi linguaggi si poggeranno sulla stessa libreria di classi comune, che dovrà essere studiata per lavorare bene con questo nuovo ambiente.

    Quali saranno quindi le prospettive di un programmatore dopo che avrà speso un sacco di ore per studiare la nuova architettura? Per lui sarà facile sviluppare programmi per Windows e avrà forse meno noie di ora, ma sarà inesorabilmente legato a questo ambiente monocromatico, e dovrà subirne tutti i suoi limiti.

    Dove sta la libertà quando una sola persona definisce il tuo standard?

    Per finire: Office ed OLE automation... che bello, puoi programmare il tuo wordprocessor come ti pare...
    Risposta: falso. Puoi solo fare ciò che ti hanno permesso di fare con il paradigma ad oggetti esposto. Oro che vale briciole in confronto alla disponibilità dei sorgenti di un prodotto...


    Spartaco, MCP





    - Scritto da: giorgio83
    >
    >
    > - Scritto da: uno qualunque
    > > 1) OLE Automation/ Esposizione di una API
    > > Object Oriented
    > Ma sai almeno di cosa stai parlando o spari
    > a caso da bravo trinariciuto (la definizione
    > di trinariciuto la trovi qui :
    > http://www.punto-informatico.it/pol.asp?fid=3
    >
    > > 2) alta integrazione con l'OS
    > OK cosi' BUG TOTALI = (BUG OS) x (BUG
    > OFFICE). Cacchio un word processor deve fare
    > da owrd processor e BASTA!!
    >
    > > 3) scriptabile con un linguaggio
    > > diffusissimo (VBS)
    >
    > Evvai nuove possibilta' di virus da macro!!
    > norton e mcafee ci godono
    >
    > > 4) varie altre cose (come le precedenti)
    > che
    > > fanno la differenza in ambito aziendale. A
    > > casa, poi, ognuno faccia un po' quel che
    > gli
    > > pare.
    >
    > Ma scusami tanto una volta che hai un woprd
    > processor per scirvere e formattare
    > decentemente, magari la possibilita' di
    > aggiungere delle immagini che te ne fai di
    > tutto il resto??
    > >
    > > - Scritto da: Topoldo
    > > > "Un nuovo sistema per la salvaguardia
    > ed
    > > il
    > > > recupero dei documenti permetterà poi
    > di
    > > > evitare la perdita dei dati nel caso si
    > > > verifichi un crash"? StarOffice già lo
    > fa
    > > da
    > > > un pezzo. Ma cos'ha questo Office da
    > > > meritare la spesa di centinaia di mila
    > > lire
    > > > che StarOffice ancora non fa, e gratis?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Spartaco (MCP)


    > Tutta questa integrazione tra prodotti e
    > prodotti, e tra prodotti e SO porta sempre
    > nella stessa direzione, la Microsoft,
    > legandovi sempre più le mani. Per tornare al
    > paragone del programmatore Visual Basic che
    > sviluppa una applicazione in metà tempo di
    > uno che usa il C++ provate a dirgli di
    > realizzare la stessa applicazione su Linux!
    > Non sarà in grado di farlo, perchè lui nella
    > migliore delle ipotesi si definirà un
    > esperto della sola piattaforma Windows.

    Che comunque copre una fetta significativa del mercato. Scusa se è poco.

    > Il Visual Basic
    > .NET però sarà diverso dal VB tradizionale,

    Ti garantisco che per chi come me programmava sotto VB2 il VB6 è veramente un'altra cosa. Soprattutto se vuoi fare cose serie: tutto l'object model, per esempio è da imparare se vuoi programmare seriamente.

    > il C++ conterrà delle estensioni che lo
    > renderanno sempre meno familiare a chi
    > conosce solamente il C++, e ci sarà il terzo
    > incomodo, il C#, un ibrido tra VB e C++,

    In realtà C# raccoglie il meglio di VB, C++ e Java. Comunque secondo le idee di Microsoft solo pochi sviluppatori saranno costretti a sviluppare in C# e saranno coloro che dovranno scrivere pezzi di sistema come i driver etc.


    >
    > Quali saranno quindi le prospettive di un
    > programmatore dopo che avrà speso un sacco
    > di ore per studiare la nuova architettura?
    > Per lui sarà facile sviluppare programmi per
    > Windows e avrà forse meno noie di ora, ma
    > sarà inesorabilmente legato a questo
    > ambiente monocromatico, e dovrà subirne
    > tutti i suoi limiti.

    Questo è l'errore più grosso in quello che hai scritto. L'idea di fare un Common Language Runtime è analoga a quella di fare una VM che fa girare le applicazioni su qualunque piattaforma. Questo significa che nel momento in cui svilupperai in .NET il tuo applicativo potrà girare su tutte le piattaforme su cui gira il Common Language Runtime di .NET. E non saranno poche (Windows, sì, ma anche palmari, telefoni e appliance in generale e perché no pure altre piatttaforma come Mac o Linux).
    >
    > Dove sta la libertà quando una sola persona
    > definisce il tuo standard?
    >
    Perché non è la stessa cosa per Java? E gli standard verso i quali va Linux non li decide in ultima istanza Torvalds?
    non+autenticato
  • Finalmente.
    A ributtatelo dalla FINESTRA.
    non+autenticato
  • "Un nuovo sistema per la salvaguardia ed il recupero dei documenti permetterà poi di evitare la perdita dei dati nel caso si verifichi un crash"? StarOffice già lo fa da un pezzo. Ma cos'ha questo Office da meritare la spesa di centinaia di mila lire che StarOffice ancora non fa, e gratis?
    non+autenticato
  • 1) OLE Automation/ Esposizione di una API Object Oriented
    2) alta integrazione con l'OS
    3) scriptabile con un linguaggio diffusissimo (VBS)
    4) varie altre cose (come le precedenti) che fanno la differenza in ambito aziendale. A casa, poi, ognuno faccia un po' quel che gli pare.

    - Scritto da: Topoldo
    > "Un nuovo sistema per la salvaguardia ed il
    > recupero dei documenti permetterà poi di
    > evitare la perdita dei dati nel caso si
    > verifichi un crash"? StarOffice già lo fa da
    > un pezzo. Ma cos'ha questo Office da
    > meritare la spesa di centinaia di mila lire
    > che StarOffice ancora non fa, e gratis?
    non+autenticato


  • - Scritto da: uno qualunque
    > 1) OLE Automation/ Esposizione di una API
    > Object Oriented
    Ma sai almeno di cosa stai parlando o spari a caso da bravo trinariciuto (la definizione di trinariciuto la trovi qui : http://www.punto-informatico.it/pol.asp?fid=35317&... )

    > 2) alta integrazione con l'OS
    OK cosi' BUG TOTALI = (BUG OS) x (BUG OFFICE). Cacchio un word processor deve fare da owrd processor e BASTA!!

    > 3) scriptabile con un linguaggio
    > diffusissimo (VBS)

    Evvai nuove possibilta' di virus da macro!! norton e mcafee ci godono

    > 4) varie altre cose (come le precedenti) che
    > fanno la differenza in ambito aziendale. A
    > casa, poi, ognuno faccia un po' quel che gli
    > pare.

    Ma scusami tanto una volta che hai un woprd processor per scirvere e formattare decentemente, magari la possibilita' di aggiungere delle immagini che te ne fai di tutto il resto??
    >
    > - Scritto da: Topoldo
    > > "Un nuovo sistema per la salvaguardia ed
    > il
    > > recupero dei documenti permetterà poi di
    > > evitare la perdita dei dati nel caso si
    > > verifichi un crash"? StarOffice già lo fa
    > da
    > > un pezzo. Ma cos'ha questo Office da
    > > meritare la spesa di centinaia di mila
    > lire
    > > che StarOffice ancora non fa, e gratis?
    non+autenticato


  • - Scritto da: giorgio83
    >
    >
    > - Scritto da: uno qualunque
    > > 1) OLE Automation/ Esposizione di una API
    > > Object Oriented
    > Ma sai almeno di cosa stai parlando o spari
    > a caso da bravo trinariciuto (la definizione
    > di trinariciuto la trovi qui :
    > http://www.punto-informatico.it/pol.asp?fid=3
    >
    Visto cosa scrivi più sotto probabilmente lo sa meglio di te.



    >
    > Ma scusami tanto una volta che hai un woprd
    > processor per scirvere e formattare
    > decentemente, magari la possibilita' di
    > aggiungere delle immagini che te ne fai di
    > tutto il resto??
    >
    Ecco perché molti di quelli che usano Linux e StarOffice pensano di aver scoperto (o peggio inventato) il mondo dell'informatica.

    La gara delle suite Office è stata vinta da MS Office proprio in virtù di queste numerose funzionalità che tutti oggi considerano inutili orpelli.

    Per tutti quelli che non hanno bisogno di questi orpelli e non vogliono pagarli ci sono suite come Works.

    Il problema è che Works non è tanto diffuso perché le aziende lo usano poco (viste le sue caratteristiche tipicamente home) e quindi c'è meno opportunità di rubarlo. Teniamo conto che la maggior parte della violenza verbale contro MS e office è fatta da gente che office manco l'ha pagato: lo ha rubato in azienda oppure dall'amico o dall'amico dell'amico.
    non+autenticato

  • > La gara delle suite Office è stata vinta da
    > MS Office proprio in virtù di queste
    > numerose funzionalità che tutti oggi
    > considerano inutili orpelli.

    Balle!
    Mi sai dire quante AZIENDE che comprano MSOffice usano davvero quelgi orpelli?
    Meno del 10%

    > Per tutti quelli che non hanno bisogno di
    > questi orpelli e non vogliono pagarli ci
    > sono suite come Works.

    Che comunque è molto + cara di StarOffice o non ha molti orpelli [Con la lingua fuori] che StarOffice ha.

    non+autenticato


  • - Scritto da: Salkaner
    >
    >
    > Balle!
    > Mi sai dire quante AZIENDE che comprano
    > MSOffice usano davvero quelgi orpelli?
    > Meno del 10%
    >   

    Scusa ma insisto. Che cazzo ne sai? Io faccio consulenza in grandi aziende (oltre 5000 posti di lavoro) da 10 anni. Ti posso garantire che sono proporio le esigenze delle grandi aziende che hanno spinto le varie Microsoft, Wordperfect e Lotus a darsi battaglia a suon di funzionalità.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Darth Vader
    >
    >
    > - Scritto da: Salkaner
    > >
    > >
    > > Balle!
    > > Mi sai dire quante AZIENDE che comprano
    > > MSOffice usano davvero quelgi orpelli?
    > > Meno del 10%
    > >   
    >
    > Scusa ma insisto. Che cazzo ne sai? Io
    > faccio consulenza in grandi aziende (oltre
    > 5000 posti di lavoro) da 10 anni. Ti posso
    > garantire che sono proporio le esigenze
    > delle grandi aziende che hanno spinto le
    > varie Microsoft, Wordperfect e Lotus a darsi
    > battaglia a suon di funzionalità.


    Io lavoro in una grande azienda e posso garantire che il 10% di utilizzo degli "orpelli" e' una percentuale del tutto fasulla.

    Probabilmente e' piu' indicata 1%.



    non+autenticato
  • > Scusa ma insisto. Che cazzo ne sai?

    Abbastanza, abbastanza...
    Non credere di essere il solo conoscitore del mercato. Fly down, plz

    >Io
    > faccio consulenza in grandi aziende (oltre
    > 5000 posti di lavoro) da 10 anni.

    Lo faccio anch'io, anche se solo da 2 anni. E prima, ho lavorato in diverse aziende di piccole e medie dimensioni.


    > Ti posso
    > garantire che sono proporio le esigenze
    > delle grandi aziende che hanno spinto le
    > varie Microsoft, Wordperfect e Lotus a darsi
    > battaglia a suon di funzionalità.

    Evidentemente abbiamo visitato aziende MOLTO diverse.
    In quelle che conosco io, il 10% che ho fatto è una stima ottimistica.

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)