Athlon 64, 64 bit in formato desktop

AMD conserva l'ormai ben conosciuto marchio Athlon per la sua futura generazione di chipponi a 64 bit dedicati ai PC desktop e dei notebook. Già mostrata una versione di Unreal Tournament 2003 che gira su Athlon 64

Las Vegas (USA) - "Athlon 64". Questo il nome di battesimo ufficiale che AMD ha dato a Clawhammer, la versione per PC desktop e notebook della sua futura e ormai imminente famiglia di chip a 64 bit. Il chipmaker ha dunque preferito continuare ad identificare le sue CPU dedicate al mercato di massa con un marchio, Athlon, ormai largamente conosciuto in tutto il mondo.

?Il marchio AMD Athlon 64 sfrutta la conoscenza e la reputazione dei processori AMD Athlon e fa immediatamente comprendere agli utenti le prestazioni e la superiorità tecnica di una potenza di elaborazione a 64-bit? ha affermato Ed Ellett, vice presidente client business segment di AMD Computation Products Group.

Com'è noto, i processori Hammer dedicati ai server e alle workstation hi-end porteranno invece il nome di Opteron e, a differenza degli Athlon 64, supporteranno il multiprocessing.
Mentre l'Opteron andrà a rivaleggiare più o meno direttamente con l'Itanium di Intel, l'Athlon 64 non trova eguali nell'offerta della concorrenza: come afferma AMD, il suo nuovo chip si prospetta infatti come "il primo e il solo processore x86 a 64 bit per desktop e notebook".

Come gli Opteron, anche gli Athlon 64 saranno basati sulla nuova architettura ibrida di AMD a 32/64 bit denominata "x86-64", una tecnologia che, come in passato si è più volte detto, consente di eseguire contemporaneamente applicazioni a 64 e 32 bit "senza - sostiene AMD - alcuna diminuzione delle prestazioni".

?Sta diventando inevitabile - ha affermato Ellett - l?introduzione di sistemi di calcolo a 64-bit, che superano le limitazioni intrinseche dei sistemi da 32-bit".

Ecco quali sono, secondo AMD, i vantaggi che gli utenti desktop possono trarre dal passaggio verso i 64 bit.
TAG: hw
28 Commenti alla Notizia Athlon 64, 64 bit in formato desktop
Ordina
  • Sono sempre Gianluca volevo dirvi se volete notizie più dettagliate scrivete pure cosa volete sapere. CIAO
    non+autenticato
  • Io sono un' appassionato di microelettronica penso che i microprocessori rivoluzioneranno molto il mondo dell'informatica e delle telecomunicazioni; se noi pensiamo che avere 64 bit vuol dire che il nostro microprocessori accettere un numero di combinazioni altissimo circa 2elevato alla 64 = 2^64. inoltre quando noi salveremo un'immagine dovremo fare dei nuovi calcoli per sapere quanto occupa un'immagine che è la seguente es. schermo 800X600 si dovra fare 800X600X8 è si avranno i Megabyte di spazio che occupa un'immagine; avrendo così immagini mai viste una cosa megagalattica come qualità d'immagini.
    E' inoltre si avrà un computer SUPERVELOCE e tante altre prestazioni in più.
    CIAO A TUTTI GIANLUCA   
    non+autenticato
  • A parte che il 64 bit di intel non è retrocompatibile con il 32bit, mi interessava sapere se i due 64 bit di Amd e Intel saranno compatibili oppure se chi fara i sistemi operativi dovra farne due per entrambi i processori.
    Ci troveremo per l'ambiente home con tre architetture differenti una mac e due di origine x86 che pero sul 64 hanno preso strade divergenti?
    Via e transmeta quando passeranno ai 64 bit chi seguiranno intel o amd?
    non+autenticato


  • - Scritto da: yuptost
    > A parte che il 64 bit di intel non è
    > retrocompatibile con il 32bit, mi
    > interessava sapere se i due 64 bit di Amd e
    > Intel saranno compatibili oppure se chi fara
    > i sistemi operativi dovra farne due per
    > entrambi i processori.
    > Ci troveremo per l'ambiente home con tre
    > architetture differenti una mac e due di
    > origine x86 che pero sul 64 hanno preso
    > strade divergenti?
    > Via e transmeta quando passeranno ai 64 bit
    > chi seguiranno intel o amd?

    Se si usasse solo opensource non avremmo problemi del genereTriste((
    non+autenticato


  • - Scritto da: Piratone
    >
    >
    > - Scritto da: yuptost
    > > A parte che il 64 bit di intel non è
    > > retrocompatibile con il 32bit, mi
    > > interessava sapere se i due 64 bit di Amd
    > e
    > > Intel saranno compatibili oppure se chi
    > fara
    > > i sistemi operativi dovra farne due per
    > > entrambi i processori.
    > > Ci troveremo per l'ambiente home con tre
    > > architetture differenti una mac e due di
    > > origine x86 che pero sul 64 hanno preso
    > > strade divergenti?
    > > Via e transmeta quando passeranno ai 64
    > bit
    > > chi seguiranno intel o amd?
    >
    > Se si usasse solo opensource non avremmo
    > problemi del genereTriste((

    Ma che c'entra perchè l'open source se ci sono due architetture vdiverse non deve fare il porting per entrambe?
    non+autenticato
  • infatti! cosa c'entra l'open source?? se compili un kernel linux per un architettura intel x86 non ti girerà mai su un'altro processore.Io ammiro molto il mondo dell'open source ma mi sembra che qui lo sbandierate stupidamente come la panacea di tutti i mali..
  • Penso che il tizio si riferisse al fatto che avendo i sorgenti a disposizione è molto più semplice e veloce fare un porting al volo che non aspettare che lo faccia una ditta closed-source.
    non+autenticato
  • no, io credo invece che il tipo desiderasse un chip la cui architettura è diffusa con una licenza open-source..

    solo che le licenze open-source sono nate per la peculiarità dell'informazione digitale di poter essere replicata all'infinito senza nessuna spesa.. mentre fare una cpu costa... non funzionerebbe imo.


    credo invece che amd+intel+via+transmeta ecc ecc si dovrebbero metteree d'accordo su di un'architettura a 64bit compatibile..


    se non accadrà penso che gli utenti home saran tutti fermi ai 32bit... tanto non credo sentiranno a breve l'esigenza di + di 4gb di ram..
  • penso che per adesso i 64 bit siano inutili, ma è probabile che in futuro anche i desktop monteranno più di 4 gb. tra qualche anno però, secondo me non meno di tre. voglio credere che amd si sia voluta portare avanti (e non sarò malizioso pensando che invece vuole usare l'hype dei 64 bitOcchiolino
    nel frattempo HyperTransport e le altre ottimizzazioni lo rendono cmq una cpu interessante.
    non+autenticato
  • AMD spiega che alcuni dei più importanti benefici apportati dalla sua tecnologia a 64 bit consisteranno in "un più rapido download delle applicazioni
    [...]
    ...e io che credevo che la velocita` del dowload dipendesse dalla larghezza di banda del canale...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bho?
    > AMD spiega che alcuni dei più importanti
    > benefici apportati dalla sua tecnologia a 64
    > bit consisteranno in "un più rapido download
    > delle applicazioni
    > [...]
    > ...e io che credevo che la velocita` del
    > dowload dipendesse dalla larghezza di banda
    > del canale...

    ma guarda che ti sbagli! (Occhiolino )
    se scarichi una applicazione in un ora e poi la lanci ci mette un paio di minuti ad installarsi, invece con la nuova tecnologia si installa in appena un minuto!
    quindi 61 min < di 62 min, AMD ha troppo ragione!

    scherzi a parte, se devi scaricare una pagina ben fatta (termine quasi equivalente a leggera, di pochi kb) il tempo di reperimento delle informazioni non è molto maggiore del tempo di renderizzazione da parte di un browser... se poi pensi alla prima pagina che apri, devi anche avviare il browser (e tutti i produttori sono ottimamente riusciti a renderli dei pachidermi) quindi una cpu più veloce concorre sensibilmente a migliorare la navigazione se si tratta di siti leggeri o se stai aprendo il browser.
    In realtà per scaricare (come da articolo) di solito si intende scaricare parecchi 100k o MB, quindi in pratica la differenza che fa la cpu è ridicola rispetto alla differenza che fa il tipo di connessione... anche qui attenzione, se navigo a 10.000 Gb al sec dal computer dell'Enterprise e dall'altra parte il server ti risponde a 1 k, finisco per navigare a 1 k quindi i soldi per adsl, hdsl, fibra, banda minima garantita e amenità varie se è solo per navigare li ho buttati via (so che alcuni provider e nodi intermedi fanno dei mirror delle risorse più richieste, ma ovviamente questa copertura è molto molto parziale).
    Poi se i contenuti che navigo sono in cache sul hd (e magari sono paginati in ram in quel momento) li reperisco a velocità stratosferica (centinaia di MB o qualche GB di banda), ma qui c'entra in primis la quantità di dati tenuti in cache, la velocità del sw/os a richiederli e se e come vengono paginati, poi c'entra la velocità del disco e/o ram...
    dire che un processore in grado di gestire più ram e dischi più grandi migliori questo dato oggi come oggi mi sembra pura pubblicità... in 4 Gb ce ne stanno di file temporanei internet!
    non+autenticato
  • - Scritto da: webb
    > scherzi a parte, se devi scaricare una
    > pagina ben fatta (termine quasi equivalente
    > a leggera, di pochi kb) il tempo di
    > reperimento delle informazioni non è molto
    > maggiore del tempo di renderizzazione da
    > parte di un browser... se poi pensi alla
    > prima pagina che apri, devi anche avviare il
    > browser (e tutti i produttori sono
    > ottimamente riusciti a renderli dei
    > pachidermi) quindi una cpu più veloce
    > concorre sensibilmente a migliorare la
    > navigazione se si tratta di siti leggeri o
    > se stai aprendo il browser.

    Una cpu più veloce ti aiuta si, ma in che cosa una cpu a 64 guadagni su una a 32 nel download resta un mistero.Quanti caspita di inidrizzamenti servono nel download?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)