SiS mette un po' di pepe nel suo chip 3D

Il chipmaker taiwanese ha lanciato un nuovo modello di chip grafico Xabre, il 600, che incrementa le prestazioni e introduce il supporto ai vertex shader, funzione ormai largamente sfruttata dai più recenti videogiochi

Taipei (Taiwan) - Dopo lunga attesa, SiS ha rilasciato il suo ultimo chip grafico, lo Xabre 600, una GPU che va ad aggiornare le caratteristiche tecniche del precedente Xabre 400, uscito la scorsa primavera, collocandosi al vertice nella gamma di processori grafici offerto dal chipmaker taiwanese.

Xabre 600 ha l'ambizione di battagliare, nella fascia medio-bassa del mercato, con Radeon 7500 e GeForce4 MX: i suoi nuovi punti di forza sono un incremento del clock, passato da 250 MHz a 300 MHz, il supporto all'AGP 8X e il nuovo Hardware-Optimized Vertexlizer Engine, un motore in grado di eseguire i vertex shader appoggiandosi alla CPU di sistema. Com'è possibile intuire, le prestazioni in questo caso sono direttamente dipendenti dalla potenza del processore principale.


Come il modello precedente, anche la Xabre 600 supporta i pixel shader in hardware, le DirectX 8.1 e le memorie DDR con frequenza di clock pari a 600 MHz (300 MHz DDR). Il processo produttivo si basa sulla tecnologia a 0,13 micron, che dovrebbe garantire ampia scalabilità e bassi consumi.
Nei driver della Xabre 600, SiS integrerà la nuova versione della sua tecnologia Xmart, un sistema in grado di riconoscere e configurare di conseguenza la velocità dello slot AGP su cui si installa la scheda, ottimizzare automaticamente la configurazione del chip in base al tipo di ambiente grafico attivo (2D o 3D) e ridurre automaticamente la frequenza di clock nel 2D al fine di tagliare i consumi e la produzione di calore.

L'ultimo chip di SiS equipaggerà presto nuovi modelli di schede grafiche costruite dallo stesso chipmaker taiwanese e da altri produttori del settore: i primi esemplari dovrebbero raggiungere il mercato entro la fine dell'anno.
TAG: hw