ePlanet, sciopero contro i licenziamenti

Planetwork Spa parla di 99 esuberi ma i dipendenti non ci stanno e preparano nuove agitazioni. La prima manifestazione due sere fa

Roma - I lavoratori di Planetwork SpA (ePlanet) non hanno intenzione di mollare e stanno pianificando nuove manifestazioni sindacali che seguono quella che si è tenuta due sere fa. Scioperi di protesta per gli esuberi che l'azienda ha individuato come inevitabili per portare avanti il proprio progetto di ristrutturazione.

Planetwork, azienda impegnata da tempo nel complesso e affollato settore della connettività e delle TLC, ha recentemente spiegato ai propri dipendenti che 99 di loro avrebbero perso il posto di lavoro. Una situazione di cui non si parla sul sito dell'azienda ma che è facilmente imputabile ai cambiamenti, talvolta drammatici, avvenuti negli ultimi due anni nel settore, cambiamenti che hanno pesato vistosamente su numerosi provider.

La manifestazione di due sere fa ha visto riunirsi i dipendenti dinanzi alla sede dell'azienda presso Rozzano e decidere nel corso di un'assemblea di muoversi in corteo per le strade del quartiere MilanoFiori (vedi immagine).
la manifestazione"La partecipazione allo sciopero ed al corteo - spiegano fonti sindacali - è stata molto alta. In concomitanza con la ripresa della trattativa (lunedì 2 dicembre alle ore 14) è stato proclamato un ulteriore sciopero di 4 ore con manifestazione e presidio dei lavoratori davanti all'Unione del Commercio e del Turismo di C.so Venezia 47/49 a Milano".
TAG: italia
11 Commenti alla Notizia ePlanet, sciopero contro i licenziamenti
Ordina
  • Gradiremmo essere contattati da dipendenti delle Società di ePlanet e Think srl per essere informati sulla problematica ed intraprendere iniziative in merito. Inviare a mail a anlui@anlui.org
    non+autenticato
  • sciacalli
    non+autenticato
  • Sono un Ex dipendente di ePlanet.
    Fortunatamente e anche con una certa dose
    di previsione me ne sono andato quando
    si e' rischiato il primo botto...stiamo
    parlando del 2001 ... precisamente giugno/luglio...
    Si vedeva che l'azienda era malata,non per colpa
    dei dipendenti che fidatevi sono persone che
    hanno competenze veramente alte ... ma colpa
    dei Manager di quei tempi e ora di tutti quelli attuali che non sanno fare soldi...
    Il vero problema in italia non e' il costo del lavoro ... o dipendenti sfaticati.
    Sono i Manager FANTOCCI che non sanno fare il proprio lavoro.
    non+autenticato
  • E' facile parlare col senno di poi, amico!
    Il fatto è che IL BUSINESS NON C'ERA!!!
    Hai fatto bene a ciucciare la tetta finché era piena e hai fatto bene ad andartene quando hai notato che si stava prosciugando. Fermati lì e non dispensare facili giudizi.

    Buona fortuna


    KK

    - Scritto da: LaForge
    > Sono un Ex dipendente di ePlanet.
    > Fortunatamente e anche con una certa dose
    > di previsione me ne sono andato quando
    > si e' rischiato il primo botto...stiamo
    > parlando del 2001 ... precisamente
    > giugno/luglio...
    > Si vedeva che l'azienda era malata,non per
    > colpa
    > dei dipendenti che fidatevi sono persone che
    > hanno competenze veramente alte ... ma colpa
    > dei Manager di quei tempi e ora di tutti
    > quelli attuali che non sanno fare soldi...
    > Il vero problema in italia non e' il costo
    > del lavoro ... o dipendenti sfaticati.
    > Sono i Manager FANTOCCI che non sanno fare
    > il proprio lavoro.
    non+autenticato
  • Parole sagge. Da aggiungere a "non sputare nel piatto in cui hai mangiato abbondantemente".
    non+autenticato


  • - Scritto da: KaluzaKlein
    > E' facile parlare col senno di poi, amico!
    > Il fatto è che IL BUSINESS NON C'ERA!!!
    > Hai fatto bene a ciucciare la tetta finché
    > era piena e hai fatto bene ad andartene
    > quando hai notato che si stava prosciugando.
    > Fermati lì e non dispensare facili giudizi.
    >
    > Buona fortuna
    >
    Caro amico,
    chi lavora non sta "ciucciando la tetta". Esser costretti a cercare un altro lavoro mentre gia' si e' sotto contratto non e' opportunismo come il tuo post, dai facili giudizi davvero, vuole insinuare. Inoltre da persona coinvolta credo che un opinione la possa dare...l'incompetenza di molti "manager", al di la di questo caso specifico su cui ammetto di conoscer poco, e' comunque un fatto reale.
    non+autenticato

  • - Scritto da: LaForge
    > Il vero problema in italia non e' il costo
    > del lavoro ... o dipendenti sfaticati.
    > Sono i Manager FANTOCCI che non sanno fare
    > il proprio lavoro.

    concordo e aggiungo che stessa sorte tocca ora al 55% dei dipendenti di CHL SpA (www.chl.it).

    Sembra che in Italia esistano solo i dipendenti FIAT: tutti gli altri sono dipendenti di serie B.
    non+autenticato
  • Questo è il risultato dei grandi esperti di marketing e dei project manager delle aziende italiane.
    non+autenticato
  • Comunicato stampa
    New-economy:nuove adesioni allo sciopero di Milano della Planetwork contro i licenziamenti

    Anche i lavoratori di Think Srl aderiscono allo sciopero di 4 ore,con manifestazione alle ore 14 davanti all'Unione del Commercio di Milano(C.so Venezia 47/49),proclamato per la giornata di lunedì 2 dicembre contro i 99 licenziamenti alla Planetwork(ePlanet).
    I lavoratori di Think srl(Via Boiardo,6-Milano)sono in lotta da alcune settimane perché l'azienda non paga le retribuzioni da mesi e contro la minaccia incombente di licenziamento collettivo.
    Anche Think,come Planetwork,opera nell'ambito del settore new-economy.
    La manifestazione di lunedì si configura,quindi,come una protesta contro i licenziamenti nel settore della nuova economia.
    non+autenticato
  • Bene!è ora di finirla con queste aziende usa e getta.
    Assumono la gente,la spremono per bene,poi,quando gli pare,chiudono e licenziano tutti.
    E sono anche quotate in borsa!
    non+autenticato
  • Gisuto. Teniamo tutti anche quando siamo sull'orlo del fallimento, dai.
    non+autenticato