Il Wiesenthal avverte della jihad elettronica

Secondo gli esperti del Centro un appello di Hamas appare su alcuni siti internet ed invita ad aggredire web israeliani o legati ad Israele. Una tre giorni di e-war

Roma - I tecnici del Simon Wiesenthal Center, probabilmente il più noto centro operativo e di studio sulle attività anti-ebraiche, non hanno dubbi: su alcuni siti internet è apparso un appello firmato dall'organizzazione militante islamica di Hamas, un appello che invita ad una sorta di "jihad elettronica".

La battaglia da combattersi a suon di bit, spiegano gli esperti in una nota, è una tre giorni che si conclude proprio in queste ore e che vuole prendere di mira gli interessi israeliani in rete, dunque i siti ebraici o altri spazi web comunque legati ad Israele.

Il Wiesenthal monitora da anni il web e ha più volte denunciato la presenza dei cosiddetti "siti dell'odio" in mezzo mondo richiedendo misure talvolta giudicate eccessive per frenare la diffusione di teorie razziste e antisemite. Proprio grazie a questo monitoraggio sarebbe incappato in particolare in due siti in lingua araba che fanno esplicito riferimento ad una campagna di cracking contro i siti ebraici.
Il rabbino Abraham Cooper, che fa parte del Center, ha spiegato in una breve intervista alla Reuters come uno di questi siti offra anche informazioni tecniche su come agire per provocare il maggior numero possibile di danni.

Va detto, però, che non è chiaro e non si sa quanto l'appello apparso online sia stato effettivamente letto né se abbia davvero spinto molti ad agire in quella direzione.
TAG: mondo
11 Commenti alla Notizia Il Wiesenthal avverte della jihad elettronica
Ordina
  • Come il Wiesenthal, per l'appunto.
    Al secondo posto metterei www.honestreportingitalia.com
    Testate di propoganda di stati e associazioni criminali peggiori di Hamas.
    non+autenticato
  • che dire, evidentemente hamas si diverte a incitare alla rivolta tutti gli antiisraeliani del mondo... quale orrore!!!
    gli isrealiani invece bombardano semplicemente i territori palestinesi da anni, li occupano, demoliscono i campi profughi con i bulldozer e giocano a fare i cecchini...
    certo che quelli di hamas sono proprio dei terroristi!!!! ;-P
  • Che fai, prendi in giro?
    Da quando in qua Hamas si limita all'e-war? Apri gli occhi, bambino.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Che fai, prendi in giro?
    > Da quando in qua Hamas si limita all'e-war?
    > Apri gli occhi, bambino.

    il commento era specifico alla notizia... e cmq apri gli occhi anche tu, apriamo gli occhi tutti quanti... Hamas e' l'espressione di un disagio, disagio di cui soffre un popolo che si e' visto recapitare in casa per decisione presa dall'alto un altro popolo che pretendeva di comandare... non sono per niente favorevole all'uso della violenza ma se devo scegliere con chi stare tra israeliani e palestinesi non ho dubbi nello stare con i secondi...

    la violenza alimenta la violenza
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Che fai, prendi in giro?
    > Da quando in qua Hamas si limita all'e-war?
    > Apri gli occhi, bambino.

    infatti non ho mai detto che *si limita* a questo...
    solamente sto pensando ai palestinesi che hanno subito la decisione (presa da altri) di costituire uno stato ebraico sul 78% del suo territorio (ergo, rubandoglielo), rimanendo confinati sul restante 22%, che poi non è così visto che i tank israeliani scorrazzano di qua e di la.
    Appena qualcuno fa notare che in fondo gli israeliani non sono poi quegli angioletti che dicono, ecco che c'è una levata di scudi, tutti subito a definirlo razzista e antisemita...
    L'altro giorno partecipavo ad una conferenza sul problema palestinese e un giornalista che era intervenuto sottolineava proprio questo, che gli israeliani usano a iosa la SCUSA, il PRETESTO dell'antisemitismo per fare quel cacchio che vogliono...

    mi pare sia ora di finirla, anche solamente per giustizia, per garantire a un popolo (palestinese) la pace che avevano e che gli abbiamo tolto.

    cordialmente
  • > questo, che gli israeliani usano a iosa la
    > SCUSA, il PRETESTO dell'antisemitismo per
    > fare quel cacchio che vogliono...

    Consiglio a tutti di leggere L'industria dell'olocausto di Norman Fielkenstein

    UN GRANDE EBREO
    Bruco
    2098

  • - Scritto da: Bruco
    > > questo, che gli israeliani usano a iosa la
    > > SCUSA, il PRETESTO dell'antisemitismo per
    > > fare quel cacchio che vogliono...
    >
    > Consiglio a tutti di leggere L'industria
    > dell'olocausto di Norman Fielkenstein
    >
    > UN GRANDE EBREO
    non+autenticato

  • - Scritto da: Bruco
    > > questo, che gli israeliani usano a iosa la
    > > SCUSA, il PRETESTO dell'antisemitismo per
    > > fare quel cacchio che vogliono...
    >
    > Consiglio a tutti di leggere L'industria
    > dell'olocausto di Norman Fielkenstein
    >
    > UN GRANDE EBREO
    Scusa ma se non ricordo male erano i tedeschi a massacrare gli ebrei, non i palestinesi...
    ...eppoi avrebbero dovuto imparare qualcosa dall'olocausto, gli israeliani, a voler bene al prossimo non a rubare ucciderere.....
    non+autenticato
  • > ...eppoi avrebbero dovuto imparare qualcosa
    > dall'olocausto, gli israeliani, a voler bene
    > al prossimo non a rubare ucciderere.....

    hanno imparato si qualcosa dall'olocausto, gli ebrei...
    hanno imparato come si fa, e lo stanno applicando ben bene sui palestinesi
    non+autenticato
  • Ho letto quel libro, ma non è questo il punto.

    Il punto è che al termine della seconda guerra mondiale l'ONU ha decretato la creazione dello stato di israele in quel territorio. La decisione fu presa sopratutto a causa del fortissimo senso di colpa per la cecità del mondo di fronte al tremendo olocausto messo in piedi da Hitler. Ma non solo. Agli stati uniti era indispensabile una testa di ponte nei paesi arabi per tutti i motivi che sappiamo.

    Ora tu immaginati una cosa. Un tuo coinquilino ammazza sua moglie e lo fermano prima che ammazzi tutto il resto della famiglia. Chi lo ha fermato decide che il resto della famiglia deve venire a stare a casa tua e tu devi abitare sul balcone. Tanto di spazio ce n'è. Ah, naturalmente non puoi uscire dal balcone e ogni tanto quelli dell'altra famiglia vengono in balcone a randellarti. Tu come la vedi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Che fai, prendi in giro?
    > Da quando in qua Hamas si limita all'e-war?
    > Apri gli occhi, bambino.

    infatti non ho mai detto che *si limita* a questo...
    solamente sto pensando ai palestinesi che hanno subito la decisione (presa da altri) di costituire uno stato ebraico sul 78% del suo territorio (ergo, rubandoglielo), rimanendo confinati sul restante 22%, che poi non è così visto che i tank israeliani scorrazzano di qua e di la.
    Appena qualcuno fa notare che in fondo gli israeliani non sono poi quegli angioletti che dicono, ecco che c'è una levata di scudi, tutti subito a definirlo razzista e antisemita...
    L'altro giorno partecipavo ad una conferenza sul problema palestinese e un giornalista che era intervenuto sottolineava proprio questo, che gli israeliani usano a iosa la SCUSA, il PRETESTO dell'antisemitismo per fare quel cacchio che vogliono...

    mi pare sia ora di finirla, anche solamente per giustizia, per garantire a un popolo (palestinese) la pace che avevano e che gli abbiamo tolto.

    cordialmente