Licenze Microsoft, cosa cambia con Win.NET

Con l'arrivo sul mercato di Windows .NET Server Microsoft introdurrà importanti modifiche al suo programma di licensing, fra cui la possibilità di acquistare le licenze client per utente. Ecco i dettagli di una piccola revolution

Redmond (USA) - In concomitanza con il rilascio della seconda Release Candidate di Windows.NET Server 2003, Microsoft ha presentato alcune importanti modifiche al modello di licenza che il prossimo anno accompagnerà questo sistema operativo.

Secondo gli esperti, i cambiamenti al programma Licensing 6.0, introdotto questa estate potrebbero radicalmente cambiare le modalità attraverso cui gli utenti aziendali possono ottenere le cosiddette "Client Access Licenses" (CAL), le licenze che danno il diritto di accedere ad un sistema con Windows.NET Server da uno o più client.

Fino ad oggi le aziende avevano una sola scelta: acquistare una licenza per ogni computer o dispositivo client che accedeva al server. A partire da Windows.NET Server e Terminal Server, il cui rilascio è stato fissato per il prossimo aprile, i clienti aziendali avranno finalmente la possibilità di acquistare le CAL non più solo in base al numero di dispositivi che si connettono al server (Per Device), ma anche in base al numero di utenti (Per User).
"Avendo a disposizione due tipi di CAL oggi potete scegliere il modello (di licensing, NdR) più adatto per la vostra organizzazione", spiega Microsoft nella sua pagina Web dedicata al licensing di Windows.NET Server. "Per esempio, comprare una Windows User CAL potrebbe essere sensato nel caso in cui la vostra azienda abbia dei dipendenti che hanno la necessità di cambiare postazione e accedere al server da più dispositivi. Windows Device CAL può invece avere maggior senso nel caso in cui la vostra azienda abbia diversi impiegati che condividono gli stessi dispositivi".

In linea di massima è dunque possibile dire che la licenza "Per User" diviene vantaggiosa quando in un'azienda il numero di utenti che accede al server sia inferiore al numero di dispositivi client.

Altre novità che accompagneranno la licenza di Windows.NET Server sono date dall'introduzione della "External Connector License", una licenza che va a rimpiazzare le precedenti "Internet Connector" e "Terminal Server Internet Connector" e va acquistata per ogni server Windows che sia accessibile dai così chiamati "utenti esterni": questi sono in genere rappresentati da persone che lavorano al di fuori dell'azienda e che accedono al server o al Terminal Server attraverso Internet o una extranet.

Microsoft ha anche eliminato l'equivalenza fra una Terminal Server (TS) CAL e la licenza che accompagna la più recente versione desktop di Windows. Con l'arrivo di Windows.NET Server l'acquisto di una TS CAL si renderà necessario per ogni device o utente che accede alle funzionalità del Terminal Server, e questo a prescindere da quale sistema operativo desktop esso utilizzi. Per agevolare il passaggio a queste nuovo modello di licensing, Microsoft offrirà una licenza TS CAL a chiunque possieda, entro la data di rilascio di Windows.NET Server, una copia di Windows XP Professional.
TAG: mercato
7 Commenti alla Notizia Licenze Microsoft, cosa cambia con Win.NET
Ordina