Gates: cercheremo il compromesso

Rassicura gli azionisti che lo accolgono con una ovazione ma è fermo sulla "libertà di innovazione". Intanto si affilano le armi

Gates: cercheremo il compromessoRedmond - Quando lui e gli altri dirigenti Microsoft sono apparsi la platea è esplosa in un lungo applauso, una vera e propria standing ovation: così Bill Gates è stato accolto dalla platea degli azionisti dell'azienda da lui fondata.

Gates ha parlato all'assemblea delineando subito la strategia di Microsoft per combattere la più difficile battaglia della sua storia, quella giudiziaria contro l'antitrust americano. Il manager ha spiegato di "essere disponibile ad andare fino in fondo" sulla via del compromesso con il Dipartimento di giustizia ma ha anche messo in chiaro che sulla libertà di innovare Microsoft ha intenzione di spingere fino in fondo.

Su questo contestato principio che Microsoft lega alla propria libertà di ampliare Windows come ritiene utile si è fin qui giocata una parte importante del procedimento che ha avuto il suo momento clou la settimana scorsa con la pubblicazione della pre-sentenza da parte del giudice che presiede il dibattimento.
Il direttore operativo dell'azienda, Bob Herbold, ha spiegato agli azionisti che niente delle parole scritte dal giudice Thomas Penfield Jackson fa ritenere che quest'ultimo pensi ad una suddivisione di Microsoft in più aziende come risultato del procedimento. Questa ipotesi è stata ventilata da molti avvocati ed esperti di diritto interpellati negli ultimi giorni dai media di tutto il mondo. Ma né Herbold né Gates sono sembrati in qualche modo timorosi che, alla fine di tutto, Microsoft perderà..

Intanto, fanno notare gli analisti, le azioni Microsoft al Nasdaq continuano a scendere: non molto, non vistosamente, ma in modo quasi regolare ormai da qualche giorno.
TAG: microsoft