Occhio bionico più vicino

Lo dicono studiosi americani

Roma - Un occhio bionico, figlio dell'ingegneria elettronica e della neurologia, potrebbe consentire a molte persone di tornare a vedere con una qualità accettabile. La méta non sembra così lontana: gli studiosi che stanno lavorando sul progetto parlano di un possibile risultato entro tre anni.

Il nuovo impianto oculare si basa su di un microprocessore che stimola l'apparato cellulare che circonda la retina e che è quindi in grado di stimolare le cellule cerebrali. Risultati positivi in questo senso sono stati ottenuti sui cani.

Per completare il progetto i ricercatori possono contare su finanziamenti per nove milioni di dollari ai quali potrebbero aggiungersi nuovi fondi nel momento in cui fossero ancora più concrete le ipotesi di successo.
TAG: ricerca
2 Commenti alla Notizia Occhio bionico più vicino
Ordina