Hollywood: distruggete quel software!

L'unica arma che rimane in mano ai grandi studios è prendersela con chi produce un software per fare il backup dei DVD. Un programma da cancellare dalla storia

Roma - Appaiono sempre più spuntate le armi in mano agli studios di Hollywood che negli USA, con la complicità della criticatissima legge sul copyright DMCA, stanno tentando di tenere la storia fuori dalla porta. L'ultima novità è la causa intentata contro la piccola 321studios.com, softwarehouse colpevole di voler dare con i propri programmi la possibilità a chi possiede un DVD di farne una copia, come previsto dal "fair use".

Secondo i sette grandi studios hollywoodiani che hanno denunciato l'azienda, invece, i suoi programmi XCopy e Copy Plus sono illegali sotto la DMCA e causano "enorme e irreparabile danno" ai legittimi interessi economici dei produttori cinematografici. Si tratta di due software che consentono, in particolare XCopy, di ottenere la riproduzione esatta di un DVD a chi possiede un masterizzatore adatto.

Gli studios ora vogliono i computer, i dischi e qualsiasi altro materiale informatico sui quali si trovino questi software in modo che possano essere distrutti. La speranza è che, distruggendo quei supporti, si distrugga anche l'ispirazione dell'azienda o di altre parti dal realizzare questo genere di software. Il fatto che i DVD si possano copiare anche in molti diversi modi a fini di pirateria è, evidentemente, del tutto secondario nel caso specifico affrontato dalle majors del cinema.
Va detto che, però, gli studios hanno molte frecce nel loro arco. A cominciare proprio dal DMCA, una legge che rende illegale la creazione di strumenti o di software che possano violare i sistemi di protezione antipirateria, anche quando questi tool siano realizzati allo scopo di permettere copie personali di supporti regolarmente acquistati.

Proprio agitando il DMCA, il Ministero della Giustizia nei mesi scorsi aveva portato in giudizio l'azienda russa ElcomSoft, produttrice di un software capace di superare le protezioni di un reader di ebook di Adobe. Ma, almeno in quel caso, il DMCA ha perso.
54 Commenti alla Notizia Hollywood: distruggete quel software!
Ordina
  • ...e forse tutti quei soldi gli sono andati alla testa...
    non+autenticato
  • Ci sono tonnellate di programmi per copiare DVD.
    Io personalmente preferisco la via HW con una bella scheda della Dazzle collegata ad un DVD player stand-alone dal quale copio il DVD direttamente sull'HD nel formato che mi pare (VCD, SVCD, DVD, compressioni in MPG 1 o 2 nel bit-rate che voglio, etc.)
    Comunque ieri ho provato sul mio portatile (P4 1700 RAM 512) il programma EasyDivX; in 3 ore e mezzo mi ha creato un DivX da DVD senza tante "pugnette" cioè senza utilizzare vari programmi come si faceva "una volta" (un anno fa).
    Io mi chiedo se tra i dirigenti Hollywoodiani non ci sia un alto tasso di malattie degenerative del sistema nervoso centrale, non so: Creuzfeldt Jakob, Kuru, Corea di Huntigton , Alzheimer etc.
    non+autenticato
  • > Io mi chiedo se tra i dirigenti Hollywoodiani non ci sia un alto >tasso di malattie degenerative del sistema nervoso centrale, >non so: Creuzfeldt Jakob, Kuru, Corea di Huntigton , Alzheimer >etc.

    No, nessuna di queste malattie. Soffrono "solo" di avidità.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    ...
    > Io personalmente preferisco la via HW con
    > una bella scheda della Dazzle collegata ad
    > un DVD player stand-alone dal quale copio il
    > DVD direttamente sull'HD nel formato che mi
    > pare (VCD, SVCD, DVD, compressioni in MPG 1

    Ancora per poco purtroppo. Ti dce niente il nome Palladium?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > ...
    > > Io personalmente preferisco la via HW con
    > > una bella scheda della Dazzle collegata ad
    > > un DVD player stand-alone dal quale copio
    > il
    > > DVD direttamente sull'HD nel formato che
    > mi
    > > pare (VCD, SVCD, DVD, compressioni in MPG
    > 1
    >
    > Ancora per poco purtroppo. Ti dce niente il
    > nome Palladium?

    Certo, ma chi ci obbliga ad acquistare un HW che va a braccetto con tale tecnologia (sempre che M$ riesca ad imporla)? Nel frattempo saremo tutti passati a Linux o chissà cos'altro, oppure mi terrò il mio povero P3 (che per inciso fa molto di più di ciò che gli chiedo) fino al decesso.
    Comunque credo che non esista protezione digitale che tenga e questo non lo vogliono capire; la loro unica via di salvezza (si fa per dire...) è calmierare quei prezzi assurdi che praticano, ma questa è una storia arcinota.
    Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    ...
    > Certo, ma chi ci obbliga ad acquistare un HW
    > che va a braccetto con tale tecnologia
    > (sempre che M$ riesca ad imporla)?

    Ad un certo punto sarai costretto. Quando ti si sfascia il tuo pc 'non omologato' sarai costretto ad acquistare hardware che avra` una qualche forma di drm inclusa.
    ...
    > Comunque credo che non esista protezione
    > digitale che tenga e questo non lo vogliono

    Purtoppo non si tratta di semplice protezione hardware. Se i sistemi di drm si diffonderanno (Palladium e` solo il drm targato m$) si potra` fare ben poco in digitale. Pensa all'equivalente di pgp in hardware. L'unica via restera` l'analogico con qualita` buona ma non come il digitale.

    L'unica arma che il mondo ha e` quella di evitare come la peste ogni componente hardware che ha una forma di drm. Ma per fare questo bisognerebbe organizzare una campagna mediatica fortissima per informare il mondo sulla perdita di liberta` che il drm comporta. Purtroppo chi puo` organizzare questa campagna (cioe` i produttori) non ha nessun interesse a farlo.
    non+autenticato
  • ...datemela voi care major!
    Ho 150 CD orginali, di vari tipi di musica. Se uno di questi si graffia in modo irreperabile, io ho il diritto (l'hanno scritto loro, non io Occhiolino di avere una copia funzionante. Dovrebbero essere loro a dire: se il vostro CD non va, vi facciamo noi una copia! La scusa del backup casalingo andrebbe a farsi benedire e le major ci guadagnerebbero sul lato della popolarità. Tu porti il tuo vecchio e rovinato CD orginale, loro se lo prendono e, nel giro di una settimana te ne danno uno nuovo. Credo che in molti sarebbero anche disponibili a pagare una cifra simbolica (diciamo 50 centesimi?) e avere una copia perfetta, originale e non masterizzata.
    Era così difficile pensarci?
    Uhm... se lo fanno, gli chiedo la percentuale per la mia idea. Occhiolino)
    non+autenticato
  • Peccato che sia davvero utopia la tua idea.
    Ti si rovina il tuo CD da 40K? ZZi tuoi! Te ne compri un altro!
    Alla fine tu paghi per il supporto e se te lo rovini ti arrangi, un pò come se ti compri una Punto, esci dal concessionario e sbatti contro il primo palo che trovi. Mica è colpa della Fiat, loro non ti restituirebbero 2 lire!
    Sono tutte palle che paghi la musica, tu paghi il supporto!!!
    E non sono io a dirlo, ma la prova dei fatti...conosci qualcuno a cui abbiano sostituito un CD perchè dopo 15 anni gli si era rovinato?

    Ciao
    non+autenticato
  • > Peccato che sia davvero utopia la tua idea.

    Lo so, purtroppo abbiamo a che fare con dei ladri patentati (il bollino siae, secondo me, è come le lettere di corsa che davano i re ai pirati)

    > Ti si rovina il tuo CD da 40K? ZZi tuoi! Te ne compri un >altro! Alla fine tu paghi per il supporto e se te
    > lo rovini ti arrangi, un pò come se ti compri una Punto, esci dal concessionario e sbatti contro il primo palo che trovi. Mica
    > è colpa della Fiat, loro non ti restituirebbero 2 lire!
    > Sono tutte palle che paghi la musica, tu paghi il supporto!!!

    La tua analogia mi pare un po' esagerata. In teoria i CD non si dovrebbero rovinare. Va inserito nel lettore e basta, mica bisogna usarlo come sottobicchiere! Occhiolino Però, visto che può capitare di rovinarlo in modo irreparabile, perchè non far pagare la copia? Il supporto costa, sì e no, 1000 lire. Ecco perchè potrebbero far pagare 50 cent la copia di "backup". Loro non ci perdono, noi siamo contenti per il nostro redivivo Ciddone, e la legge è stata salvata. Sorride
    Cazzarola, siamo nel 2000 D.C. , mica nel 2000 A.C.

    > E non sono io a dirlo, ma la prova dei fatti...conosci qualcuno a cui abbiano sostituito un CD perchè dopo 15 anni gli si era rovinato?

    Uhm... no! Sorride

    Ciao
    non+autenticato
  • > Lo so, purtroppo abbiamo a che fare con dei
    > ladri patentati (il bollino siae, secondo
    > me, è come le lettere di corsa che davano i
    > re ai pirati)

    E' piuttosto come uno che ti punta una pistola addosso e gli devi mollare tutto.

    > La tua analogia mi pare un po' esagerata. In
    > teoria i CD non si dovrebbero rovinare. Va
    > inserito nel lettore e basta, mica bisogna
    > usarlo come sottobicchiere! Occhiolino Però, visto
    > che può capitare di rovinarlo in modo
    > irreparabile, perchè non far pagare la
    > copia?

    Intanto i CD sono in giro da quasi 20 anni e se li presti ad amici e parenti come capita ti si rovinano in meno di 2 anni, ma in ogni caso capita che ti si graffino e che saltino...se sei un appassionato di Hi-Fi ci fai molto caso a queste cose.
    E pensi che il supporto costi 1000 lire? ahahah lo pagheranno 100 lire ma a dir tanto...sai quanti ne stampano??? 100000000000000 mi sembra un numero adeguato (0 in + 0 in -)

    > Cazzarola, siamo nel 2000 D.C. , mica nel
    > 2000 A.C.

    Per questo abbiamo internet e ci scarichiamo l'inferno. Sono loro che adesso devono piangere. 5 anni fa tribolavo perchè per comprarmi 4 CD ci volevano 150K lire e adesso se vogliono che ascolti i loro "sporchi CD" mi devono pure pagare perchè se no si attaccano al ca...rro.
       
    > Uhm... no! Sorride

    In effetti se facessimo un sondaggio sfido a trovarne 1 che si è fatto sostituire in garanzia un CD.

    In ogni caso secondo me andrà a finire che convertiranno le flat "flat" a quelle con tariffa payperdownload e ci fregheranno anche sotto questo punto di vista. Sarebbe davvero una disfatta, speriamo non accada (ma accadrà... la "banda" non è aggratisse).

    Ciao
    non+autenticato
  • > E pensi che il supporto costi 1000 lire?
    > ahahah lo pagheranno 100 lire ma a dir
    > tanto...sai quanti ne stampano???
    > 100000000000000 mi sembra un numero adeguato
    > (0 in + 0 in -)

    100000000000000 = 10^14
    sono 100.000 miliardi, 100 mila miliardi!
    Siccome sulla terra siamo + o - 6 miliardi (terzomondo compreso), sono 16666,(6) cd a testa!
    E dove li metto sedici mila cd in camera mia???
  • Ok, forse ho esagerato, ma al di là del mero numero di CD stampati che ne pensi del resto del discorso del mio messaggio precedente? Puo' filare?
    non+autenticato
  • Tutto quello che vuoi, ma non facciamo le verginelle.
    Il problema per loro non sono le nostre copie personali ma tutto quello che copiamo senza acquistare nulla. Almeno cerchiamo di non prenderci in giro tra di noi.
    non+autenticato
  • > Tutto quello che vuoi, ma non facciamo le
    > verginelle.
    > Il problema per loro non sono le nostre
    > copie personali ma tutto quello che copiamo
    > senza acquistare nulla. Almeno cerchiamo di
    > non prenderci in giro tra di noi.

    il problema per loro e' mantenere insieme i carrozzoni che hanno creato...
    ci vogliono 100 persone per produrre un disco, delle quali 95 non fano nulla e prendono uno stipendio da leccarsi le orecchie..

    le vendite sono crollate a picco, sia per gli mp3, ma soprattuto perche' la gente ha cominciato a spostare le proprie spese verso altri lidi..
    oggi a imperare e' il cellulare... se e' vero come e' vero che i maggiori fruitori di musica "da banco" sono i giovani, se questi spendono 50 euro al mese per il cellulare, non li possono spendere per un cd, che gli costa quanto 2 o 300 SMS...
    tanto la musica, volendo, poi la scarico...
    il download di mp3 e' conseguenza diretta del prezzo gonfiato a sproposito dei ciddi e del fatto che ormai ci sono cose che tirano di piu'.. a prezzi mediamente piu' accessibili..
    e' inutile che questi si arroccano...
    bisognerebbe che giustificassero una spesa di 20 euro con qalcosa di meglio dei 45-50 minuti di musica (mediamente) contenuti in un ciddi

    ciao
    maks
    179
  • Visto che non vogliono che altri violino le protezioni e quant'altro hanno messo su questi dvd, perche' non forniscono loro i tools per farsi la copia personale del dvd?
    O non è concesso farsi la copia per uso personale? E il fair use?

    Ho un sacco di cd originali che si sono rovinati e di cui nn ho fatto la copia... ora incomincio a farmi le copie anche di quelli originali, dopo queste esperienze. E nn mi sembra di violare nessuna legge, visto che quando acquisti un cd in realtà paghi per poter ascoltare della musica. Ho pagato (caro), e adesso ascolto.

    Anzi, mi stavo chiedendo... se ho il cd originale rovinato, posso scaricarmi i brani del cd in questione con qualche programma di file sharing?

    Cmq, tornando al discorso, non mi sembra onesto che uno non si possa nemmeno fare una copia del proprio dvd. E se questo si rovina? paga 2 volte?

    Paguro
    non+autenticato
  • Nel mio negozio vendo questo programma della questar che permette di copiare il DVD sul disco fisso, sceglier la lingua e di quanti mega si vuole e con la pressione del start in 3-4 ore il cd e' pronto....
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)