Legittimo il blocco del cellulare

Lo decide la Cassazione, che si è espressa sul caso di un giovane che molestava una ragazza. Il PM può bloccare il telefonino e acquisire i dati delle telefonate

Roma - Non ci sono dubbi per la Corte di Cassazione: il blocco del telefono cellulare può essere legittimamente disposto qualora questo venga utilizzato per molestare qualcuno e, per queste molestie, il suo proprietario sia condannato.

La decisione della Corte, che mette fine a numerose incertezze, riguarda il caso di un giovane di Potenza, N.D., accusato e condannato per aver rivolto "telefonate moleste con minacce" ad una ragazza. Quest'ultima, C.C., accompagnata dal padre aveva denunciato l'accaduto e il ragazzo era stato condannato a 15 giorni di carcere, commutati in sanzione pecuniaria, e al blocco del telefonino.

Il suo appello contro quest'ultimo provvedimento non è stato però accolto dalla Cassazione, per la quale il Pubblico Ministero di Matera responsabile del caso non solo aveva tutto il diritto di chiedere all'operatore telefonico di impedire nuove telefonate da quel cellulare ma anche di autorizzare la verifica dei tabulati delle chiamate. Proprio grazie alla verifica dei tabulati è stato infatti possibile ricostruire la frequenza delle molestie con minacce a danno della ragazza. Da qui la condanna.
Il reato di minacce è contemplato dall'articolo 612 del codice penale. La sentenza della Corte porta il n. 41234.
10 Commenti alla Notizia Legittimo il blocco del cellulare
Ordina