Microsoft ha 120 giorni per tornare a Java

Questo il termine che il giudice ha concesso per introdurre in Windows la versione di Java sviluppata da Sun. Ma il big di Redmond spera in un prossimo appello che ribalti la sentenza

Baltimora (USA) - Quattro mesi. Questo il tempo che il giudice distrettuale americano J. Frederick Motz ha dato a Microsoft per reintrodurre all'interno del proprio sistema operativo la tecnologia Java.

L'ordinanza è arrivata dopo che lo scorso dicembre Motz aveva emanato un'ingiunzione con cui obbligava Microsoft, pur senza specificare i termini e i modi per l'adempimento, ad includere la versione di Java sviluppata da Sun in ogni futura copia di Windows XP e nel prossimo Service Pack 2.

Visto che durante le festività e le prime due settimane di gennaio Sun e Microsoft non erano riuscite a trovare un accordo, Motz si è visto costretto a riascoltare entrambe le parti e valutare le rispettive proposte. Se da un lato Sun aveva chiesto che la propria rivale fosse costretta a reintrodurre Java in Windows entro 90 giorni, Microsoft aveva chiesto le fossero concessi almeno 12 mesi: secondo quest'ultima, infatti, l'operazione è meno semplice di quanto appaia e costringerà i propri sviluppatori ad apportare modifiche anche sostanziali ad un certo numero di applicazioni.
Mediando fra le due posizioni, Motz ha ritenuto ragionevole stabilire un termine temporale, affinché Microsoft adempia all'ingiunzione, di 120 giorni: dunque una scadenza ben più breve di quella chiesta da Microsoft ma, in ogni caso, meno stringente di quella avanzata da Sun.

Motz si è comunque detto favorevole a concedere a Microsoft 2 settimane di rinvio in attesa che il colosso del software presenti il previsto appello.

Come noto, i legali di Sun accusano Microsoft di aver tentato di "avvelenare" Java, sviluppandone una versione incompatibile, con l'intento di dominare il mercato con la piattaforma concorrente MS.NET. Da parte sua Microsoft si difende sostenendo che non è corretto obbligarla ad integrare nel suo sistema operativo una tecnologia rivale e del codice che, a suo dire, "non funziona".

Per maggiori dettagli sulla disputa legale in corso clicca qui.
TAG: microsoft
96 Commenti alla Notizia Microsoft ha 120 giorni per tornare a Java
Ordina
  • Il fatto non è tanto che M$ possa non installare la JVM o meglio JSE nei suoi sistemi operativi, questo dovrebbe essere una prerogativa del produttore di un SO.

    Ma il problema (e la scorrettezza di M$) stanno nel fatto di aver fatto credere ai suoi utenti di avere Java sotto Windows quando in realtà propinava una versione taroccata di Java.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Il fatto non è tanto che M$ possa non
    > installare la JVM o meglio JSE nei suoi
    > sistemi operativi, questo dovrebbe essere
    > una prerogativa del produttore di un SO.
    >
    > Ma il problema (e la scorrettezza di M$)
    > stanno nel fatto di aver fatto credere ai
    > suoi utenti di avere Java sotto Windows
    > quando in realtà propinava una versione
    > taroccata di Java.

    e' come dire che gcc propone una versione taroccata del C++, perche' se compili usando le estensioni proprietarie, sugli altri compilatori quel codice non va...
    non+autenticato
  • Java è una grandissima puttanata che non serve ad un cazzo e rompe solo i c. Sono contento di non averla più installata e che vadano tutti "in te casen"
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Java è una grandissima puttanata che non
    > serve ad un cazzo e rompe solo i c. Sono
    > contento di non averla più installata e che
    > vadano tutti "in te casen"

    Chiedilo a un qualsiasi commercialista ....
    se serve ..........
    INTELLIGENTONE !!!
    non+autenticato
  • > Chiedilo a un qualsiasi commercialista ....
    > se serve ..........
    > INTELLIGENTONE !!!

    i commercialisti sono un'altra cosa inutile...
    e' ovvio che usino cose inutili...
    non+autenticato
  • > i commercialisti sono un'altra cosa
    > inutile...
    > e' ovvio che usino cose inutili...

    Non è che sono inutili, ma proprio dannosi!!! E sicuramente è peggio...
    non+autenticato
  • Certo che funziona, va così bene che si caXano sotto dalla potenza che la piattaforma Java ha rispetto al loro giocattolino .NET . Ma avete visto mai le librerie standard del JDK c'e praticamente tutto per non parlare poi di quanta roba si trova in giro free ed a pagamento.
    Un po' lentuccio per via della VM ma funziona, e Java insieme a Linux è l'altro incubo di M$.........peccato che sto povero ragazzo ormai non dorme più sogni tranquilli......
    non+autenticato

  • > Certo che funziona, va così bene che si
    > caXano sotto dalla potenza che la
    > piattaforma Java ha rispetto al loro
    > giocattolino .NET . Ma avete visto mai le

    ... ma esiste ancora .NET ?
    non+autenticato

  • > funziona, e Java insieme a Linux è l'altro
    > incubo di M$.........peccato che sto povero
    > ragazzo ormai non dorme più sogni
    > tranquilli......

    La solita sindrome del linuxaro frustrato....
    Il framework .NET è superiore a Java fin da la versione 1
    (e considera che Java è in giro da una vita)

    non+autenticato

  • > Il framework .NET è superiore a Java fin da
    > la versione 1
    > (e considera che Java è in giro da una vita)


        certo, perche' e' una versione di java ottimizzata
        per windows.
    non+autenticato
  • io direi piu' che e' una cosa diversa...

    si somigliano solo per la struttura, ma credo proprio che siano decisamente diverse.

    Questo non toglie che entrambe siano ottime.

    Alex
    non+autenticato

  • >
    >     certo, perche' e' una versione di java
    > ottimizzata
    >     per windows.

    Considera due cose principali....

    - .NET non è un linguaggio ... meglio .NET sono più linguaggi.
    - la specifiche del CLI sono pubbliche

    Gia a livello concettuale è grandemente superiore.....
    non+autenticato
  • Considera una cosa: tutto quanto proposto da Microsoft è stato già visto mille altre volte (ti elenco le tecnologie veramente innovative, copiate in .net):

    * CORBA (per gli utenti java si chiama RMI), ossia la struttura innovativa che permette di chiamare funzioni di un programma remoto
    * Single sign-on (inventata da ORACLE) ossia il fatto che ti registri una volta e sei identificato per sempre (Microsoft Passport)
    * x86: ossia la creazione di un set di istruzioni uguali per tutti, in modo che diversi compilatori di diversi linguaggi possano scrivere codice per lo stesso calcolatore
    * Java (la creazione di un eseguibile su tutte le piattaforme). Se lo unisci al punto precedente, ottieni la grandiosa innovatività: puoi usare più linguaggi di programmazione per fare la stessa cosa. (ma imparare un linguaggio di programmazione bene è già difficile, perché dovrei sviluppare con un insieme eterogeneo di linguaggi? Per permettere al povero impiegato che non sà programmare di sentirsi utile con Visual Basic.NET (e poi creare 1000000 problemi di stabilità al software) ? )

    altre cose innovative? (SCORDATEVI XML, che è nato in seno a Java)
    non+autenticato

  • il fatto che non mi commenti che sia per il CLI sia il per c# siano disponibile le specifiche al contrario di Java (assolutamente closed) mi fa pensare che la tua sia la solita esternazione da frustrato Linuxaro.....

    Il fatto che .NET non rappresenti nulla di nuovo e che condensi diverse tecnologie già esistenti è solare....il fatto è che l'integrazione è fatta dannatamente bene.....





    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > il fatto che non mi commenti che sia per il
    > CLI sia il per c# siano disponibile le
    > specifiche al contrario di Java
    > (assolutamente closed) mi fa pensare che la
    > tua sia la solita esternazione da frustrato
    > Linuxaro.....

    A parte che non capisco
    1) perché dovrei essere fustrato
    2) perché dovrei essere un linuxaro
    3) perché le specifiche siano assolutamente closed, e poi esistano diverse versione della jvm: Microsoft (che poi ha fatto puttanate, ma questi sono affari suoi), IBM, sun, Koffee (o come diavolo si scrive, ed è open-source)

    >
    > Il fatto che .NET non rappresenti nulla di
    > nuovo e che condensi diverse tecnologie già
    > esistenti è solare....il fatto è che
    > l'integrazione è fatta dannatamente
    > bene.....
    >

    Prova a guardarti i thread in c# e in Java (o ada)... poi ne riparliamo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Considera una cosa: tutto quanto proposto da
    > Microsoft è stato già visto mille altre
    > volte (ti elenco le tecnologie veramente
    > innovative, copiate in .net):
    >

    Questo e' indubbio....

    > * CORBA (per gli utenti java si chiama RMI),
    > ossia la struttura innovativa che permette
    > di chiamare funzioni di un programma remoto

    No, mi spiace ma CORBA non e' RMI, sono proprio due cose differenti; CORBA infatti permette di effettuare chiamate remote tra oggetti scritti in linguaggi differenti (C++ e Java ad esempio) mentre RMI funziona solo per invocazione di metodi remoti remoti di oggetti Java. Cmq anche MS aveva la sua tecnologia per sistemi distribuiti (direi forse da prima di CORBA): DCOM, diventato COM+ diventato .NET.

    > * Single sign-on (inventata da ORACLE) ossia
    > il fatto che ti registri una volta e sei
    > identificato per sempre (Microsoft Passport)

    Non son un'esperto di Oracle, un dominio NT funziona analogamente

    > * x86: ossia la creazione di un set di
    > istruzioni uguali per tutti, in modo che
    > diversi compilatori di diversi linguaggi
    > possano scrivere codice per lo stesso
    > calcolatore

    Non capisco cosa vuoi dire...

    > * Java (la creazione di un eseguibile su
    > tutte le piattaforme). Se lo unisci al punto
    > precedente, ottieni la grandiosa
    > innovatività: puoi usare più linguaggi di
    > programmazione per fare la stessa cosa. (ma
    > imparare un linguaggio di programmazione
    > bene è già difficile, perché dovrei
    > sviluppare con un insieme eterogeneo di
    > linguaggi? Per permettere al povero
    > impiegato che non sà programmare di sentirsi
    > utile con Visual Basic.NET (e poi creare
    > 1000000 problemi di stabilità al software) ?
    > )

    Si' in effetti la portabilita' del bytecode java costituisce una grande innovazione, per quanto riguarda i differenti linguaggi...esistono compilatori di linguaggi differenti da java che producono bytecode jvm? Il vero vantaggio di avere piu' linguaggi che producono lo stesso bytecode (cosa che in .NET esiste) consiste nel permettere ad ogni menbro di un team di sviluppo di sviluppare l'applicazione nel linguaggio che gli e' piu' congeniale. Ad es il fatto che esista un Cobol.NET facilita la migrazione a questa piattaforma perche non costringe lo sviluppatore cobol ad impararsi un nuovo linguaggio (anche se cmq differenze sintattiche ci sono)

    >
    > altre cose innovative? (SCORDATEVI XML, che
    > è nato in seno a Java)

    A memoria mi sembra che XML sia nato prima di java, e' solo ritornato in auge con questo linguaggio; ora e' uno standard di comunicazione (SOAP)

    Ciao
    non+autenticato
  • > Considera una cosa: tutto quanto proposto da
    > Microsoft è stato già visto mille altre
    > volte (ti elenco le tecnologie veramente
    > innovative, copiate in .net):
    >

    sentiamo....

    > * CORBA (per gli utenti java si chiama RMI),
    > ossia la struttura innovativa che permette
    > di chiamare funzioni di un programma remoto

    si come no...
    innovativo rispetto a cosa?
    a parte che Corba non l'ha inventato Sun per java...
    ma e' nato insieme a COM di MS
    tanto e' vero che i componenti vengono descritti entrambi con lo stesso meta-linguaggio l'IDL

    > * Single sign-on (inventata da ORACLE) ossia
    > il fatto che ti registri una volta e sei
    > identificato per sempre (Microsoft Passport)

    e questa sarebbe una novita?

    > * x86: ossia la creazione di un set di
    > istruzioni uguali per tutti, in modo che
    > diversi compilatori di diversi linguaggi
    > possano scrivere codice per lo stesso
    > calcolatore

    questa spiegamela...
    intendi dire il byecode con macchina virtuale?
    o intendi dire che il set di istruzioni x86 Microsoft lo ha copiato a qualcuno? (a chi poi, che l'ha inventato INTEL per i suoi processori?)
    se intendi il bytecode e' in giro dagli anni '70 con smalltalk, lisp e tanti altri...


    > * Java (la creazione di un eseguibile su
    > tutte le piattaforme). Se lo unisci al punto
    > precedente, ottieni la grandiosa
    > innovatività: puoi usare più linguaggi di
    > programmazione per fare la stessa cosa. (ma
    > imparare un linguaggio di programmazione
    > bene è già difficile, perché dovrei
    > sviluppare con un insieme eterogeneo di
    > linguaggi? Per permettere al povero
    > impiegato che non sà programmare di sentirsi
    > utile con Visual Basic.NET (e poi creare
    > 1000000 problemi di stabilità al software) ?
    > )

    perche' allora non portiamo tutti le stesse scarpe, gli stessi vestiti e non leggiamo gli stessi libri?
    e perche' parliamo lingue diverse?
    poi spiegami perche' vb.net == instabilita' del software
    perche' in C++ o in C o in ASM posso crearti tante di quelle instabilita' che ti passera' la voglia di usare il pc...
    e soprattutto sara' molto piu' difficile correggerle

    >
    > altre cose innovative? (SCORDATEVI XML, che
    > è nato in seno a Java)

    EHHHHHHH??????????
    dove l'hai letta questa?
    sul corriere dei piccoli adoratori di java
    non+autenticato
  • Sono convinto che alla SUN oramai il numero di avvocati abbia di gran lunga superato quello dei programmatori.....

    Che si mettesse a sviluppare seriamente anzichè andare in giro a piangere che MS gli danneggia Java.

    Aggiungo, visto che non uso Java perchè un giudice americano mi deve imporre di installare un software inutile?
    E la liberta dove è finita?


  • Invece di pensare questo mi ha fatto quello, incominciasserò a creare programmi utili e correggere i problemi dei propri programmi, nessuno e dico nessuno può impormi di installare qualcosa che non voglio, e poi Microsoft perchè dev'essere obbligata ha implementare qualcosa di non suo. Scusate ma chi vuole può benissimo installarsela a parta la java di Sun, non sarebbe più corretto.
    Allora anche la Nullsoft-Winamp player può fare causa alla Microsoft perchè in Windows è installato di default il windows media player e quindi può danneggiarla.
    Ma finiamola, invece di sprecare soldi per niente, incominciassero ha realizzare prodotti validi.
    Io non li capisco proprio.

    Ciao e buona giornata
  • >>>Invece di pensare questo mi ha fatto quello, >>>incominciasserò a creare programmi utili e correggere i >>>problemi dei propri programmi

    appunto ....parli di Microsoft

    >>>, nessuno e dico nessuno
    >>>può impormi di installare qualcosa che non voglio

    tipo il client di posta elettronica (Outlook espress)
    il browser internet (Internet explorer)
    ....tanto per citare i più noti......però....che sciocco...dimenticavo che sono software fondamentali per il corretto funzionamento di un sistema operativo.

    Bye
    non+autenticato

  • > noti......però....che sciocco...dimenticavo
    > che sono software fondamentali per il
    > corretto funzionamento di un sistema
    > operativo.
    >

    Il sistema operativo è mio e decido cosa integrare oppure no... cosa ben diversa integrare software di terzi...........

    Di questo passo l'occupazione minima di un SO sarà di una cinquantina di GB......
  • Se solo iniziassero a far scegliere all'utente (un po' come succede con le installazioni di Linux).
    Potrebbero fare un paio di CD con software gratuito, e poi chiedere all'utente COSA vuole installare (Winamp, OpenOffice, Mozilla, Internet Explorer, Outlook)

    Questo è un'utopia in quanto la gente preferirebbe i prodotti di terze parti ai suoi, (provate a installare Mozilla (Mail) ad un utente di Outlook... )

    Secondo me questa è trasparenza,
    quello che fa ora la Microsoft è abuso di monopolio. (e infatti è stata riconosciuta COLPEVOLE)
    non+autenticato

  • - Scritto da: matteooooo
    > Il sistema operativo è mio e decido cosa
    > integrare oppure no... cosa ben diversa
    > integrare software di terzi...........

    sei Bill Gates? A bocca aperta

    > Di questo passo l'occupazione minima di un
    > SO sarà di una cinquantina di GB......

    questo discorso vale per Windows: se io voglio il SO E BASTA non posso: devo beccarmi tutto quello che ci integra...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: matteooooo
    > > Il sistema operativo è mio e decido cosa
    > > integrare oppure no... cosa ben diversa
    > > integrare software di terzi...........
    >
    > sei Bill Gates? A bocca aperta

    mi basterebbe il suo conto in banca.....
    anzi un millesimo del conto in banca.....

    > > Di questo passo l'occupazione minima di un
    > > SO sarà di una cinquantina di GB......
    >
    > questo discorso vale per Windows: se io
    > voglio il SO E BASTA non posso: devo
    > beccarmi tutto quello che ci integra...

    Microsoft non ti obbliga ad usare Windows....


  • - Scritto da: matteooooo
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: matteooooo
    > > > Il sistema operativo è mio e decido
    > cosa
    > > > integrare oppure no... cosa ben diversa
    > > > integrare software di terzi...........
    > >
    > > sei Bill Gates? A bocca aperta
    >
    >   mi basterebbe il suo conto in banca.....
    > anzi un millesimo del conto in banca.....
    Facciamo un millesimo x uno? Con la lingua fuori
    > > > Di questo passo l'occupazione minima
    > di un
    > > > SO sarà di una cinquantina di GB......
    > >
    > > questo discorso vale per Windows: se io
    > > voglio il SO E BASTA non posso: devo
    > > beccarmi tutto quello che ci integra...
    >
    > Microsoft non ti obbliga ad usare Windows....
    Beh quasi dato che praticamente obbliga i grossi rivenditori a preinstallare Win (e' storia recente, ora non ricordo i link ma se non sbaglio si parlava di Dell e Compaq)

  • > Beh quasi dato che praticamente obbliga i
    > grossi rivenditori a preinstallare Win (e'
    > storia recente, ora non ricordo i link ma se
    > non sbaglio si parlava di Dell e Compaq)

    non obbliga nessuno
    li obbliga solo a ripsettare i contratti che i rivenditori hanno stipulato (e vorrei vedere, con quello che ci guadagnano) oppure a pagare le penali previste dal mancato rispetto degli accordi.
    Sarebbe comodo per Dell comprare windows scontato, a patto di non rivendere altri OS, poi accoirgersi che lindows costa meno e allora cambiare idea...
    Potevano pensarci prima.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Beh quasi dato che praticamente obbliga i
    > > grossi rivenditori a preinstallare Win (e'
    > > storia recente, ora non ricordo i link ma
    > se
    > > non sbaglio si parlava di Dell e Compaq)
    >
    > non obbliga nessuno
    > li obbliga solo a ripsettare i contratti che
    > i rivenditori hanno stipulato (e vorrei
    > vedere, con quello che ci guadagnano) oppure
    > a pagare le penali previste dal mancato
    > rispetto degli accordi.
    > Sarebbe comodo per Dell comprare windows
    > scontato, a patto di non rivendere altri OS,
    > poi accoirgersi che lindows costa meno e
    > allora cambiare idea...
    > Potevano pensarci prima.


    Se non ci fosse un monopolio, M$ non potrebbe pretendere l'esclusiva.
    Se non ci fosse un monopolio Dell & C. potrebbero anche mandare la M$ a dar via il culo, invece che doverne sopportare le angherie.
    In parole povere si chiama abuso di posizione dominante.
    non+autenticato

  • > Se non ci fosse un monopolio, M$ non
    > potrebbe pretendere l'esclusiva.
    > Se non ci fosse un monopolio Dell & C.
    > potrebbero anche mandare la M$ a dar via il
    > culo, invece che doverne sopportare le
    > angherie.
    > In parole povere si chiama abuso di
    > posizione dominante.

    Con tutte le distribuzioni linux che ci sono non vedo nessun obbligo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)