Il Trading online, il capital gain e il fisco

Tutto quello che c'è da sapere prima di vendere e acquistare titoli direttamente su Internet, ma non solo.. .

In questi ultimi mesi in Italia si sta assistendo ad un vero e proprio boom del trading online, numerose le società di trading che offrono i loro servizi attraverso internet e ancora di più sono i clienti che attraverso di loro investono i propri risparmi nel mercato borsistico.

Tutto quanto visto fin?ora, anche se siamo solo agli albori, fa pensare che entro breve tempo moltissimi italiani si cimenteranno con il trading online ma, quanti di questi sono a conoscenza di cosa succede una volta che per fortuna o per bravura si ottiene una plusvalenza dalla compravendita di azioni?

Innanzitutto bisogna precisare che effettuare la compravendita di azioni attraverso il classico sportello bancario oppure attraverso una società di trading online non comporta nessun tipo di differenza nel senso che entrambe soggiacciono alla stessa normativa.
Un relativamente recente decreto legislativo, meglio noto come ?riforma Visco? ha portato a partire dal 1/7/98 ad una nuova regolamentazione della tassazione sui guadagni di capitale, da quella data il capital gain viene tassato sulla differenza tra le plusvalenze e le minusvalenze accumulate.

Questa normativa è particolarmente complessa e riguarda ovviamente anche i titoli di stato e i titoli esteri, in questo specifico caso essendo la prerogativa più importante del trading online la possibilità di compravendere, a volte anche nella stessa giornata, titoli prevalentemente italiani, ci occuperemo esclusivamente di questo aspetto.
TAG: