Cala l'elettronica italiana

Lo afferma l'ultimo rapporto dell'ANIE, secondo cui la flessione del comparto elettrotecnico ed elettronico è arrivata al 4,8 per cento. Per il momento nessuna conseguenza occupazionale

Roma - Continua la tendenza negativa del settore elettrotecnico ed elettronico. Nel terzo trimestre del 2002 (luglio-settembre) il fatturato ha registrato una flessione del 3,9 per cento, discesa ancor più marcata nel confronto con il trimestre corrispondente del 2001 (- 4,8 per cento). Il calo degli ordini raggiunge gli oltre nove punti percentuali su base tendenziale (- 9,2 per cento), mentre la perdita del dato congiunturale è limitata al 2,5 per cento.

Ad affermare questi dati è l'ultimo rapporto dell'ANIE, Federazione aderente a Confindustria che raggruppa, attraverso 14 associazioni, oltre 850 aziende dei settori elettrotecnico ed elettronico.

Secondo l'ANIE segnali di ripresa arrivano sul fronte delle esportazioni. Queste hanno infatti riportato un lieve incremento rispetto al secondo trimestre dell'anno (+0,1 per cento), e un rallentamento del calo segnato da inizio anno per quanto riguarda il dato tendenziale (-1,7 per cento). Per il momento, comunque, l'occupazione complessiva risulta sostanzialmente stabile.
Stando al rapporto, gli ordini su base tendenziale risentono complessivamente della diminuzione significativa relativa all'elettronica (-10,7 per cento), mentre il livello degli ordini per l'elettrotecnica risulta sostanzialmente stabile.
TAG: mercato
8 Commenti alla Notizia Cala l'elettronica italiana
Ordina
  • Questa sì che è una notizia: in Italia esiste una produzione elettronica. A parte qualche caso eccezionale (Mivar), non esiste un'industria elettronica italiana da almeno 30 anni. Trovatemi un VCR, un televisore o un telefonino prodotto in Italia... sempre se ci riuscite. Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Questa sì che è una notizia: in Italia
    > esiste una produzione elettronica. A parte
    > qualche caso eccezionale (Mivar), non esiste
    > un'industria elettronica italiana da almeno
    > 30 anni. Trovatemi un VCR, un televisore o
    > un telefonino prodotto in Italia... sempre
    > se ci riuscite. Occhiolino

    Cellulari: Télit Sorride
    non+autenticato
  • Forse non si trova molta scelta nel mercato consumer, ma prova a controllare nel mercato industriale:
    Elettronica santerno;
    Ansaldo;
    SIEI sistemi;
    Marelli;
    QEM;
    Sipro;
    ECS;
    ELAP;
    Eltra;
    Merlin;
    Lovato;
    Magrini;
    Ticino;
    ecc.
    Questi sono quelli che sono venuti in mente a me in un paio di minuti, ed io sono solo uno che si occupa di automazione industriale, figuriamoci se domandassimo a tutti quelli che si occupano del settore.
    Come fà l' industria elettronica italiana ad andare bene se solo straniero è bello?
    non+autenticato
  • E' davvero strano che se "affamo" la media borghesia (operai e impiegati con reddito da lavoro dipendente e fisso) il risultato è che questi non comprano più nulla. E' strano non ne trovo il nesso...
    Adesso con la crisi Fiat, chissà se nel territorio siciliano in primis e in quello italiano poi, ci sarà da aspettarsi una ulteriore flessione delle vendite del futil-elettronico?
    Non si riesce a capire. Forse è una congiura.
    Questi cittadini ingrati che egoisticamente pensano prima a riempire il frigo e le dispense invece che comprarsi il telefonino che invia anche le puzzette oltre che le immagini.
    E pensa che scandalo, invece di ammazzare il tempo uccidendo madri e fratelli (che non è grave, basta dichiarare al giudice di aver avuto un infanzia difficile o che in quel momento l'inter si è beccata un gol), fanno (E QUESTO SI CHE E' CRIMINE, ANZI PECCATO MORTALE tanto che è già stato contattato il Vaticano per mettere in piedi e in regime l'unicesimo comandamento) la copia dell'ultimo cd dei PiciuPas Band Rocker! Vergogna! Cattivi!
    ...
    Einstein aveva ragione: si usa solo una piccola parte del nostro potenziale cerebrale.
    non+autenticato
  • bravo, condivido
    e rido, anche se amaramente....
    non+autenticato
  • Forse si sta utilizzando la parte peggiore !! (del cervello).
    Il problema serio è che anche chi dovrebbe invertire questa tendenza non da segno di utilizzarlo in modo diverso (o forse si ?!).
    Comunque la demenza non ha limiti specialmente quando i media ci dicono che " l'economia gira con me ". (a proposito mi piacerebbe sapere nelle tasche di chi ha "girato" questa campagna pubblicitaria !!)
  • Grande! Occhiolino
    non+autenticato

  • - 4,8 per cento

    Altro che - 4,8.... vedrete che BOTTO farete quando inizierete ad introdurre queste tecnologie in massa.

    Manderanno gli speleologi a ricercarvi.

    non+autenticato