Vincenzo Gentile

US Army gioca sul serio

L'ente militare statunitense ha commissionato un nuovo fucile disperdi-folla. Che fa di tutto, ma si limita a sparare proiettili non letali

Roma - L'esercito statunitense continua la sua ricerca di soluzioni militari avanzate attingendo da fonti e risorse spesso impensabili: ora anche il paintball, gioco d'azione fatto di fucili ad aria compressa che sparano proiettili di vernice, fa parte del suo arsenale. La U.S. Army ha infatti già mutuato il fucile classico utilizzato in questa disciplina facendolo diventare un'arma utile a disperdere le folle, e lo stesso fucile adesso è soggetto ad un nuovo restyling, con lo scopo di creare un'arma non letale più piccola e leggera da implementare sulle armi già in dotazione ai soldati.

Il nuovo fucile, creato dall'azienda di giocattoli Lund & Company costituirà l'evoluzione del modello FN303, già in uso da parte di Esercito e Polizia statunitense. Spinto da un finanziamento di oltre 700 mila dollari, il progetto ha come scopo finale quello di rilasciare una nuova arma più sicura e più leggera, dotata anche di un nuovo sistema di propulsione. La caratteristica principale di questo tipo di arma è quella di poter sparare colpi ad una velocità variabile, elemento che determina la forza d'impatto del proiettile sia esso fatto di gomma, vernice o ripieno di spray al peperoncino.

L'erede di FN303 sarà in grado di sparare fino ad un massimo di 150 metri, pari al triplo della capacità di lancio del predecessore, e avrà un'autonomia pari a 500 colpi, circa 400 in più rispetto alla versione originale. Sarà inoltre ben più leggero e trasportabile nelle dimensioni, soluzione che dovrebbe evolversi ulteriormente in una versione miniaturizzata in grado da essere adattata sulla canna di un M4, fucile d'assalto tra i più utilizzati. Le intenzioni dell'esercito sarebbero infatti quelle di combinare le due armi in un unico dispositivo ibrido, capace di sparare sia colpi letali che colpi non mortali.
Diverso dovrebbe essere, invece, il sistema di propulsione, che non utilizzerà più l'aria compressa ma una sorta di miscela: nonostante il produttore non abbia fornito indicazioni ufficiali, secondo qualcuno sui nuovi fucili potrebbe essere integrato il sistema già utilizzato da Lund & Company per i propri razzi, sistema che prevede la formazione dei gas utili al lancio dei proiettili per mezzo dell'elettrolisi dell'acqua.

I primi esemplari del nuovo dispositivo sarebbero già pronti per la prima fase di test: "Sono stati fatti dei progressi mostruosi, riducendo il tutto ad un dispositivo portatile che verrà presto testato sul campo di prova" spiega Bruce Lund, CEO dell'omonima azienda.

Altri progressi sarebbero stati fatti in nome della sicurezza: nonostante il nuovo prototipo venga etichettato come arma non letale, su di esso grava la triste eredità del predecessore, messo sotto i riflettori già nel 2004 in seguito ad un'incidente avvenuto a Boston in cui perse la vita Victoria Snelgrove. La giovane fu infatti colpita ad un occhio da una scheggia di proiettile e morì per l'eccessiva perdita di sangue, dovuta anche al ritardo nei soccorsi.

Vincenzo Gentile
13 Commenti alla Notizia US Army gioca sul serio
Ordina
  • ...così alle prossime manifestazioni dei centro sociali, no global e black block ci sarà da ridere...
  • è il solito discorso allarmista:

    non credi che se il solo scopo fosse quello tenere il controllo a tutti i costi non si limiterebbero ad ingegnerizzarsi per trovare alternative non letali, alle vecchie ed efficaci armi tradizionali.

    Attualmente di stati dittatoriali ce ne sono stati tanti, e di certo se c'è da far fuoco lo fanno, non si sono mai preoccupati di sacrificare qualcuno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > è il solito discorso allarmista:
    >
    > non credi che se il solo scopo fosse quello
    > tenere il controllo a tutti i costi non si
    > limiterebbero ad ingegnerizzarsi per trovare
    > alternative non letali, alle vecchie ed efficaci
    > armi
    > tradizionali.
    >
    > Attualmente di stati dittatoriali ce ne sono
    > stati tanti, e di certo se c'è da far fuoco lo
    > fanno, non si sono mai preoccupati di sacrificare
    > qualcuno.


    Appunto. Il problema è riuscire a reprimere il dissenso, senza sembrare dittatoriali.
    Non è cosa da poco.
    Ci sono carriere politiche in ballo.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 febbraio 2009 17.17
    -----------------------------------------------------------
  • Sempre meno discorsi e sempre piu' armi "intelligenti" per la dispersione delle "MASSE"...da quando un cittadino e' considerato una MASSA da disperdere?
    Quando protesta...ma manifestare non e' un diritto?
    Certo, ma se manifesti facendo casino...
    E se io devo fare casino perche' TU mi stai assoggettando e sto' vivendo in una sorta di REGIME!?
    Risposta...AZZI TUOI...
    Interessante...
    non+autenticato
  • Eh temo che tu abbia veramente ragione ...
    Il potere si chiude nella torre di cristallo e si
    separa e difende dalla popolazione da cui trae
    legittimità ...
    Un ossimoro.

    Ovviamente si separa fino alla prossimo appuntamento
    di legittimazione (le vecchie elzioni insomma).

    Poi come dicono alcuni futurologi foschi, il progresso
    potrebbbe mettere il potere nella condizione di NON AVER
    più bisogno della popolazione; e allora ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alessandro

    > Il potere si chiude nella torre di cristallo

    NON è di cristallo.
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    > e si separa e difende dalla popolazione da cui trae
    > legittimità ...

    Da qualche tempo i governi non traggono legittimità dalla popolazione, ma dalle lobby economiche. Dovrebbe dirti qualcosa il fatto che il Parlamento Europeo eletto dal popolo è impotente, mentre la Commissione NON eletta e sensibile agli ordini dell'Economia detta legge.

    > Un ossimoro.

    No, caso mai una contraddizione ma come ti ho già spiegato nemmeno quella. E' la conseguenza inevitabile della preponderante importanza delle necessità dell'Economia rispetto a quelle della popolazione, ridotta a semplice strumento.

    >
    > Ovviamente si separa fino alla prossimo
    > appuntamento
    > di legittimazione (le vecchie elzioni insomma).
    >

    Le elezioni stanno diventando sempre più una scelta tra Kodos e Kang (http://it.wikipedia.org/wiki/Kang_e_Kodos): puoi scegliere solo il tiranno, non di NON farti tiraneggiare. La stagione dell'autodeterminazione dei popoli è conclusa, si torna alla naturale condizione dell'uomo: il servaggio.

    > Poi come dicono alcuni futurologi foschi, il
    > progresso
    > potrebbbe mettere il potere nella condizione di
    > NON
    > AVER
    > più bisogno della popolazione; e allora ...

    Già adesso non ne ha più bisogno se non come consumatori e manovalanza, e grazie alla globalizzazione dell'economia i governi non devono più badare agli interessi delle rispettive popolazioni, irrilevanti nel grande Mercato-Dio che soggioga ogni cittadino-suddito senza speranza di riscatto. Abbiamo voluto il mondo governato dal denaro, e ora ne saremo governati per sempre.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alessandro

    >
    > Ovviamente si separa fino alla prossimo
    > appuntamento
    > di legittimazione (le vecchie elzioni insomma).
    >

    le vecchie elezioni, oppure la prossima rivoluzione VIOLENTA...
    ... ormai è solo da auspicare
    non+autenticato
  • - Scritto da: io io

    > le vecchie elezioni, oppure la prossima
    > rivoluzione
    > VIOLENTA...
    > ... ormai è solo da auspicare

    Davvero? E con quale flotta stellare? I governi dispongono di mezzi pressochè illimitati e impunità totale, la popolazione è disarmata e deve temere conseguenze pesanti per le proprie azioni. Alza un dito contro le istituzioni e non troverai più lavoro, da nessuna parte. Prova a ribellarti con la violenza e un cecchino farà esplodere la tua testa, ma molto più probabilmente verresti arrestato alle due del mattino molto prima di poter mettere in atto i tuoi propositi.

    E poi cosa vuoi fare? La tua esistenza è legata a doppio filo a partiti terzi: non puoi vivere al di fuori dell'interdipendenza che ti è stata imposta. C'è chi ti fornisce l'acqua, c'è che ti fornisce la corrente, chi produce i beni indispensabili e li vende. Se chiudono i rubinetti, siamo morti.

    Sarebbe bello pensare che viviamo con una pistola puntata alla testa: ci sarebbe sempre la possibilità di toglierla di mano al tiranno. Ma non è così: viviamo con un interruttore a uomo morto collegato ai nostri organi vitali. Se mollano la presa, è finita per noi.

    Il tempo delle rivoluzioni è finito per sempre.
    non+autenticato
  • non esagerare! non hanno ancora vinto al 100%.......e poi si sa, la vita è imprevedibile....e poi stiamo parlando di essere umani, mica di macchine....tutti sbagliano,prima o poi...
    non+autenticato
  • è un troll che gira e studia i suoi post al 1000% per far incazzare le persone. Non dargli da mangiare.
    non+autenticato
  • Chissà che succederà il giorno che il soldatino di turno sbaglia grilletto, e invece di sparare con l'arma "non letale" sparerà con quella "letale"...
    non+autenticato
  • Non essere assurdo, non è mai successo in un episodio di Star Trek, vuoi che capiti nella realtà?
    non+autenticato
  • siori e siore arruolatevi nella migliore legione di tutto l'universo. Tutto garantito soddisfatti o -non- rimborsati.


    'ai uant iu' by
    Clicca per vedere le dimensioni originali


    collezione commilitoni 08-09:
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato