UnitedLinux infila il Pinguino nelle telecom

UnitedLinux ha annunciato una piattaforma Linux specificamente pensata per il mercato degli operatori telefonici e la creazione di servizi voce, dati e wireless. Dietro c'è lo zampino di HP, IBM e Intel

CastelNuovo Rangone (Mo) - UnitedLinux, la joint-venture dei distributori Linux Conectiva, SCO Group, SuSE Linux e Turbolinux, ha presentato quella che definisce la prima piattaforma basata su Linux dedicata agli operatori di telefonia mobile per creare sistemi voce, dati e wireless avanzati.

La piattaforma, sviluppata da SuSE in collaborazione con HP, IBM e Intel, è il risultato dell'integrazione in UnitedLinux 1.0 dell'intero set di caratteristiche del Carrier Grade Linux (CGL) 1.1 e dell'integrazione di una serie di strumenti avanzati per lo sviluppo e la distribuzione di applicazioni avanzate per la telefonia e le telecomunicazioni in grado di girare su di un ambiente Linux standard.

CGL è una specifica sviluppata dal Carrier Grade Linux Working Group, un'iniziativa degli Open Source Development Labs tesa a definire quei requisiti che possano fare di Linux una valida opzione per i provider di servizi e apparecchiature di telecomunicazione: fra i requisiti vi sono quelli di piattaforma, high availability, livello di servizio, supporto per strumenti di sviluppo, prestazioni e sicurezza.
Le caratteristiche di CGL saranno disponibili sotto forma di service pack nel primo trimestre 2003: il prodotto e i relativi servizi verranno forniti tramite i partner UnitedLinux.

UnitedLinux sostiene che la nuova piattaforma girerà inizialmente su hardware Intel-based e consentirà ai provider di telecomunicazioni di sviluppare e distribuire nuovi prodotti e servizi su piattaforme di comunicazione modulari.

"Il mercato delle telecomunicazioni - si legge in una nota di UnitedLinux - è regolato da standard elevati e molto specifici e richiede prestazioni, affidabilità e disponibilità dell'infrastruttura IT: per le applicazioni esistenti, tra cui sistemi di supporto gestionali e operativi, gateway, server di gestione e segnalazione, oltre che per le soluzioni vocali, dati e wireless di prossima generazione, le caratteristiche di CGL consentiranno un impiego più rapido ed economico di applicazioni avanzate e affidabili con prestazioni potenziate e costi significativamente inferiori".

"La disponibilità di caratteristiche OSDL Carrier Grade Linux per UnitedLinux consente a carrier e produttori di apparecchiature per le telecomunicazioni di passare a soluzioni commerciali preconfigurate che riducono i costi di sviluppo e il time-to-market", ha dichiarato Boris Nalbach, CEO di SuSE Linux. "Grazie a una scalabilità che spazia da sistemi software real-time all'elaborazione backend, i clienti ora possono utilizzare un'unica piattaforma per la maggior parte delle applicazioni di telecomunicazione, limitando in modo significativo il TCO attraverso la riduzione delle competenze tecniche IT richieste".
10 Commenti alla Notizia UnitedLinux infila il Pinguino nelle telecom
Ordina
  • Ciao,
    il sw e hw usato dalle Telecom è notoriamente quanto di più proprietario, customizzato, chiuso e controllato esista.
    La migrazione dal circuito al pacchetto richiederebbe quindi enormi investimenti di riconversione, ecco quindi l'idea di utilizzare quanto già esiste per non reinventare la ruota.
    La scelta più logica è scegliere Linux, piuttosto che un OS commerciale, in quanto molto diffuso, aperto e modificabile secondo le esigenze dell'industria Telecom, oltre che fondato su UNIX.
    Per cui, la creazione di un Linux adatto per questo contesto, e quindi con elevatissime caratteristiche di disponibilità (sei 9, cioè 99.9999), robustezza, performance, realtime, disponibilità di tool di sviluppo e validazione, può dare un'enorme spinta alla penetrazione nei più diversi contesti, non solo Telecom e Metalmeccanico, ma anche Corporation e PMI tradizionali, dove il predominio di Microsoft è ancora, purtroppo, elevato.
    non+autenticato
  • La sua duttilita' non ha praticamente eguali e l'accesso al codice gli consente di essere buono per qualunque potenziale applicativo industriale
    non+autenticato
  • Puo' dilagare quando si troveranno programmi e giochi da scaricare dai siti warez. Io non ho problemi a cambiare SO, ma se devo rebootare ogni volta che mi voglio fare una partita.....

    Ciaooooo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Puo' dilagare quando si troveranno programmi
    >   e giochi da scaricare dai siti warez. Io
    > non ho problemi a cambiare SO, ma se devo
    > rebootare ogni volta che mi voglio fare una
    > partita.....
    >
    > Ciaooooo


    onestamente il signore precedente credo intendesse il dilagare in senso di sostituire gli attuali so per dispositivi embedded, non certo in ambito desktop dove non avrà mai sviluppo, visto anche il dietro front di molte distro orientate ormai al server, e il fallimento di quelle che si orientano al desktop.
    non+autenticato
  • Essendo il software libero, non è il caso di andare sui siti warez, bastano le home pages ufficiali.
    Inoltre dopo aver istallato QUALUNQUE cosa, non è MAI necessario reboottare
  • - Scritto da: Vaira
    > Essendo il software libero, non è il caso di
    > andare sui siti warez, bastano le home pages
    > ufficiali.

    Mi dai il link per Fifa2003?

    > Inoltre dopo aver istallato QUALUNQUE cosa,
    > non è MAI necessario reboottare

    Sempre che non devi far ripartire Windows per giocare......
    non+autenticato
  • il link per fifa2003?
    www.xbox.com

    no, seriamente... se prendi il PC solo per giocare... beh, fa molto tristezza!

    E poi non credo che alla telecom interessi fifa2003, quindi sei OTOcchiolino
    non+autenticato


  • > E poi non credo che alla telecom interessi
    > fifa2003, quindi sei OTOcchiolino

    Non sai rispondere e glissi......
    pagliaccio.......
    non+autenticato
  • si, io sarò pure pagliaccio... ma tu sei maleducato che metà basta!Triste

    io una risposta te l'ho data, ossia che trovo triste usare solo il PC per giocare, poi se tu ti accontenti di usare in questo modo il PC, beh, è un altro discorsoSorride

    Dal lato mio io ho acquisto un xbox per giocare, il PC con su Linux lo uso per le cose serie... e di warez non ho bisogno. byeZ!Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > > E poi non credo che alla telecom interessi
    > > fifa2003, quindi sei OTOcchiolino
    >
    > Non sai rispondere e glissi......
    > pagliaccio.......

    Io ti posso rispondere.
    Tu dici "hey, se non ci sono giochi per Linux, ogni volta che ho voglia
    di giocare devo riavviare e usare Windows!" Il che implica dover avere
    per forza un sistema dual boot.
    Non è un'argometazione incongrua, poiché è questo fattore che ostacola
    la diffusione di Linux sui desktop casalinghi (oltre al fatto che la gente
    se ne frega perché tanto Windows, MS Office, ecc. se li pirata).

    Io ti posso rispondere che questo è vero, ma non al 100%, perché
    alcuni giochi ci sono anche per Linux (intendo senza emulazione).
    Per esempio: Quake III, Unreal Tournament, Retur to Castle
    Wolfenstein, UT 2003 ... anche altri che non ricordo, ma in rete
    si trovano le informazioni. Non c'è FIFA 2003, sorry.
    Comunque non è esatto dire che Linux = no games.

    Saluti

    Prospero
    non+autenticato