In Sudafrica il Governo è open source

Lo Stato formerà sviluppatori sull'open source e metterà al bando il più possibile il software proprietario. Si punta sul risparmio investendo subito in software libero. Microsoft avverte: sul lungo periodo il modello open non può reggere

In Sudafrica il Governo è open sourceRoma - La marcia del Sudafrica verso l'impiego di software libero nelle strutture informatiche pubbliche ed istituzionali, una marcia cominciata già diverso tempo fa, si sta concretizzando in queste settimane in una serie di nuovi investimenti e progetti che tendono a mettere decisamente da parte il software proprietario.

Stando alle notizie diffuse da alcuni quotidiani economici locali, infatti, l'Agenzia statale dell'IT ritiene che utilizzando ampiamente i programmi aperti nelle infrastrutture pubbliche si possa risparmiare l'equivalente di almeno 90 milioni di euro all'anno.

Il nuovo orientamento dell'Agenzia, che si riserva di preferire le soluzioni libere a quelle proprietarie in ogni occasione possibile, mira anche a dare un impulso alla formazione e alla creazione di schiere di sviluppatori capaci di realizzare e personalizzare gli applicativi aperti.
Secondo Mojalefa Moseki, boss dell'Agenzia intervistato dalla stampa locale, se si aggiunge alla spesa delle licenze anche il costo degli aggiornamenti e del supporto, alla fine dell'anno il conto per il software proprietario fin qui utilizzato raggiunge i 1100 milioni di euro. "Meno di un centesimo di questa somma - ha spiegato - viene spesa in Sudafrica perché tutte le imprese come Microsoft, Sun, IBM e Lotus sono multinazionali, e quindi i soldi vanno all'estero. Il Sudafrica è un consumatore di software, ma lo possiamo sviluppare da soli".

"La logica dell'open source è così stringente - ha sottolineato Moseki - che dopo un anno di discussioni abbiamo deciso di smettere di parlarne e dichiarare la Pubblica Amministrazione una zona open source".

Per gestire questa transizione, comunque, l'Agenzia sta realizzando in collaborazione con esperti e università un centro studi che dovrà valutare l'impatto dell'open source sulle infrastrutture informatiche pubbliche. L'idea è quella di spingere per la creazione di imprese e centri di produzione del tutto sudafricani e legati all'economia locale.

Microsoft, che in Sudafrica già fornisce software gratuito alle scuole, ha ammesso da parte sua che il software libero è una "tecnologia oggi molto popolare ma non è un modello di business che può reggere sul lungo periodo". Gordon Frazer, country manager dell'azienda in Sudafrica, ha insistito: "Cosa accadrà quando gli sviluppatori che lo trovano oggi entusiasmante domani andranno verso qualcosa che consenta loro di essere pagati?"

Secondo Frazer i costi di gestione, aggiornamento e sicurezza del software open source sono più alti di quanto accada con le soluzioni proprietarie. Non solo, formare sviluppatori dedicati al software libero è poco utile perché non si farà che rimpiazzare migliaia di sviluppatori che già oggi sono impegnati con il software proprietario.
164 Commenti alla Notizia In Sudafrica il Governo è open source
Ordina
  • Se avete una qualsiasi domanda del tipo "ma come si può fare soldi con l'open source", oppure "che vantaggi ci sono", o ancora "ma il costo di manutenzione non è superiore" consiglio la lettura del libro "open source" edito da Apogeo.

    Molto istruttivo!
    non+autenticato
  • [...]
    Gordon Frazer, country manager dell'azienda in Sudafrica, ha insistito: "Cosa accadrà quando gli sviluppatori che lo trovano oggi entusiasmante domani andranno verso qualcosa che consenta loro di essere pagati?"
    [...]

    Si potrebbe arrivare ad un modello di società in cui il software, prevalentemente open, verrebbe sviluppato da programmatori pagati dallo stato mediante l'imposizione di una tassa, come oggi la paghiamo per la sanità pubblica o per altri servizi. Chi volesse del software a pagamento se lo pagherebbe a parte.

  • - Scritto da: Bigfoot
    > Si potrebbe arrivare ad un modello di
    > società in cui il software, prevalentemente
    > open, verrebbe sviluppato da programmatori
    > pagati dallo stato mediante l'imposizione di
    > una tassa, come oggi la paghiamo per la
    > sanità pubblica o per altri servizi. Chi
    > volesse del software a pagamento se lo
    > pagherebbe a parte.

    ...e come abbiamo gli ospedali fatiscenti, i treni sporchi e in ritardo, avremo pure software di stato di infima qualità che ci aiuterà a passare dal terzo mondo al quarto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...e come abbiamo gli ospedali fatiscenti, i
    > treni sporchi e in ritardo, avremo pure
    > software di stato di infima qualità che ci
    > aiuterà a passare dal terzo mondo al quarto.

    complimenti, due luogni comuni in una sola risposta!Triste

    Per la cronaca: le ferrovie sono privatizzateTriste
    ....e non credere che all'estero la sanità vada meglio.
    non+autenticato


  • > Per la cronaca: le ferrovie sono
    > privatizzateTriste

    A totale controllo dello stato.......
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > ...e come abbiamo gli ospedali fatiscenti, i
    > treni sporchi e in ritardo, avremo pure
    > software di stato di infima qualità che ci
    > aiuterà a passare dal terzo mondo al quarto.

    Non so se lo sai, ma secondo uno studio dell'Oms (penso che sia competente in materia) la sanità italiana risulta seconda soltanto alla francia (gli stati uniti sono al 37 posto!):
    http://www.cnnitalia.it/2000/SALUTE/06/21/ospedali/
    quindi prima di sparare luoghi comuni inutili vediamo di conoscere i fatti. Inoltre le ferrovie sono state privatizzate e lo stesso vale per la telecom (è migliorata percaso ??) ecc..ecc...
    non+autenticato
  • > Si potrebbe arrivare ad un modello di
    > società in cui il software, prevalentemente
    > open, verrebbe sviluppato da programmatori
    > pagati dallo stato mediante l'imposizione di
    > una tassa, come oggi la paghiamo per la
    > sanità pubblica o per altri servizi.

    Ma che bella idea!!!!
    Già abbiamo troppi statali a carico ed in tutto il mondo si cerca di contrarre le spese il più possibile, ora come se non bastasse anche i programamtori ci tocca accollarci!

    Traformiamo un settore che genera reddito e produce ricchezza ad uno che la ciuccia.
    Geniale, direi!!!

    Meno Marte e più Pianeta Terra, please!
  • "Cosa accadrà quando gli sviluppatori che lo trovano oggi entusiasmante domani andranno verso qualcosa che consenta loro di essere pagati?"

    Come gia` detto da qualcuno, semplicemente svilupperanno e si faranno pagare. Per es. se sviluppano in Java oppure usano librerie grafiche come OpenGL non avranno grossi problemi a sviluppare su Mac o Win. E anche il C# lo vedo bene da questo punto di vista (multipiattaforma) almeno quando Mono arrivera` ad una versione completa. E chi si e` fatto le ossa in C++ col gcc non si puo` dire che non sa scrivere nulla per Win o Mac (al massimo deve studiarsi un po` le API del sistema).

    Inoltre usando librerie con licenza LGPL o FreeBSD si possono sviluppare applicazioni closed source anche per i sistemi open (un es.: Mathematica), quindi qualcuno potrebbe ritrovarsi a programmare sulla stessa piattaforma open!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Come gia` detto da qualcuno, semplicemente
    > svilupperanno e si faranno pagare.

    Se posso trovare il codice sotto gpl, mica vengo a pagarti, caro sviluppatore.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Come gia` detto da qualcuno, semplicemente
    > > svilupperanno e si faranno pagare.
    >
    > Se posso trovare il codice sotto gpl, mica
    > vengo a pagarti, caro sviluppatore.

    Se ti _serve_ qualcosa che non c'e' (o che non ti piace come e' implementato) mi paghi eccome.

    D'altra parte pagheresti per comprare un programma che _non_ ti serve ? mi sembra di no.


  • - Scritto da: KerNivore

    > Se ti _serve_ qualcosa che non c'e' (o che
    > non ti piace come e' implementato) mi paghi
    > eccome.

    Esattamente. Pero' se io sviluppo e penso di vendere a 1000 ti faccio pagare (Costo_sviluppo+20%)/1000. Se invece dopo che ti ho dato quello che ti server altri 999 lo copieranno senza darmi una lira, te lo faro' pagare (Costo_sviluppo+20%). Ovvero qualunque soluzione commerciale e' vantaggiosa, a meno che tu ogni giorno non ne vegna fuori con esigenze pazze.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "Cosa accadrà quando gli sviluppatori che lo
    > trovano oggi entusiasmante domani andranno
    > verso qualcosa che consenta loro di essere
    > pagati?"

    eccone un'altra:

    " Non solo, formare sviluppatori dedicati al software libero è poco utile perché non si farà che rimpiazzare migliaia di sviluppatori che già oggi sono impegnati con il software proprietario."

    Forse ci si riferisce alle migliaia di sviluppatori visual basic?
    Che disdetta...





    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > "Cosa accadrà quando gli sviluppatori che
    > lo
    > > trovano oggi entusiasmante domani andranno
    > > verso qualcosa che consenta loro di essere
    > > pagati?"
    >
    > eccone un'altra:
    >
    > " Non solo, formare sviluppatori dedicati al
    > software libero è poco utile perché non si
    > farà che rimpiazzare migliaia di
    > sviluppatori che già oggi sono impegnati con
    > il software proprietario."
    >
    > Forse ci si riferisce alle migliaia di
    > sviluppatori visual basic?
    > Che disdetta...
    >
    Ma ci sei, o ci fai? Sorride
    Pensi che gli sviluppatori che oggi lavorano nei software "closed", siano solo VB?
    Oppure pensi che per sviluppare sia necessario sposare la causa dell'OpenSource?
    non+autenticato
  • > Ma ci sei, o ci fai? Sorride

    io ci faccio e tu?

    > Pensi che gli sviluppatori che oggi lavorano
    > nei software "closed", siano solo VB?
    > Oppure pensi che per sviluppare sia
    > necessario sposare la causa dell'OpenSource?

    tu ci sei
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Ma ci sei, o ci fai? Sorride
    >
    > io ci faccio e tu?
    >
    > > Pensi che gli sviluppatori che oggi
    > lavorano
    > > nei software "closed", siano solo VB?
    > > Oppure pensi che per sviluppare sia
    > > necessario sposare la causa
    > dell'OpenSource?
    >
    > tu ci sei
    >
    Mancanza di argomenti eh?
    Non ti preoccupare, capita spesso...
    non+autenticato
  • Prima sfidano le multinazionali farmaceutiche e vincono

    Ora decidono di passare al Software Libero

    il BRASILE
    decide di usare l'esercito per fare le strade
    cosi risparmia e usa i soldi nel sociale sembra
    che decidano di usare FREE SW

    in VENEZUELA c'e' un tentativo di golpe in corso
    perche si vuole sfidare l'oligarchia petrolifera speriamo vinca
    il governo Bolivariano...e perdano le oligarchie

    Non perdete la speranza compagni
    si puo costruire un altro mondo....
    da domani Inizia il Forum Social Mundial

    Salvador Allende
    non+autenticato
  • > Non perdete la speranza compagni...

    Chi è che ha detto che il linuxari non sono comunisti?!?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Non perdete la speranza compagni...
    >
    > Chi è che ha detto che il linuxari non sono
    > comunisti?!?
    e' un caso..diciamo che un comunista deve sostenere il sw libero ma uno che sostiene il sw libero puo non essere comunista
    non+autenticato
  • Sbagliato,
    io sono comunista e NON sostengo il software libero (e' una forma di sfruttamento del lavoro gratuito dei programmatori secondo me...).

    ZioBill
    ***no linux and no open source software were used to write this post***

    - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > Non perdete la speranza compagni...
    > >
    > > Chi è che ha detto che il linuxari non
    > sono
    > > comunisti?!?
    > e' un caso..diciamo che un comunista deve
    > sostenere il sw libero ma uno che sostiene
    > il sw libero puo non essere comunista
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sbagliato,
    > io sono comunista e NON sostengo il software
    > libero (e' una forma di sfruttamento del
    > lavoro gratuito dei programmatori secondo
    > me...).
    >
    > ZioBill
    > ***no linux and no open source software were
    > used to write this post***
    >
    quindi supporti le multinazionale dell' IMPERO americano
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > quindi supporti le multinazionale dell'
    > IMPERO americano

    Occhio a non confondere "comunista" e "fanatico", la posizione di ZioBill, anche se non la condivido minimamente, ha una sua logica.

    Saluti,
        Ryo Takatsuki

    Mai e poi mai mi sarei aspettato di dar ragione a ZioBill su PI... il mondo va alla rovescia.

  • - Scritto da: Jabbawack
    > - Scritto da: Anonimo
    > > quindi supporti le multinazionale dell'
    > > IMPERO americano
    >
    > Occhio a non confondere "comunista" e
    > "fanatico", la posizione di ZioBill, anche
    > se non la condivido minimamente, ha una sua
    > logica.
    >
    > Saluti,
    >     Ryo Takatsuki
    non sono un fanatico anzi spesso son considerato poco ortodosso...
    ma sono un buon provocatoreSorride a volte troppo... lo so
    ma comunque sostenere che il sw libero
    sfrutti i lavoratori e' folle anche perche sostiene un'azienda che sfrutta i programmatori che rilasciano sw su licenza BSD
    senza ricopensarli ne economicamente ne restituendo conoscenze...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Jabbawack
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > quindi supporti le multinazionale dell'
    > > > IMPERO americano
    > >
    > > Occhio a non confondere "comunista" e
    > > "fanatico", la posizione di ZioBill, anche
    > > se non la condivido minimamente, ha una
    > sua
    > > logica.
    > >
    > > Saluti,
    > >     Ryo Takatsuki
    > non sono un fanatico anzi spesso son
    > considerato poco ortodosso...
    > ma sono un buon provocatoreSorride a volte
    > troppo... lo so
    > ma comunque sostenere che il sw libero
    > sfrutti i lavoratori e' folle anche perche
    > sostiene un'azienda che sfrutta i
    > programmatori che rilasciano sw su licenza
    > BSD
    > senza ricopensarli ne economicamente ne
    > restituendo conoscenze...
    >
    Sai qual'e' secondo me il discorso?
    Se io decido di sviluppare software sotto licenza BSD, di sicuro e' una mia scelta, dettata dal desiderio ( e sotto certi aspetti dalla presunzione ), che il mio codice possa risultare utile ad altri, oltre che a me. Se lo faccio e' per pura passione, e di sicuro mi importa poco se questo si rivela vantaggioso per altri, anzi, era il mio scopo.
    Se su di un mio prodotto ci voglio "guadagnare", di sicuro "scelgo" di non renderlo disponibile. Poi magari lo faccio in un secondo momento, quando per mia coscienza, decido che mi sono ripagato lo sforzo, o magari voglio solo dedicarmi ad altro.
    In un certo senso, la GPL a me toglie queste scelte, e paradossalmente, mi espone al rischio che il mio lavoro possa essere preso portato avanti da realta', che avendo piu' risorse di me, mi impedirebbero di fatto di poterci anche solo guadagnare quel poco che basterebbe per andare a pari con il tempo che ho speso. E' vero che anche le eventuali modifiche al codice, sarebbero comunque disponibili, ma sinceramente credo che nessuno, da solo, possa competere, magari con un centinaio di programmatori assoldati ( facciamo un nome a caso ), dall'IBM ( alla quale non mancano certo le fonti di guadagno necessarie per poter investire in una azione del genere )...
    non+autenticato

  • > Sai qual'e' secondo me il discorso?
    > Se io decido di sviluppare software sotto
    > licenza BSD, di sicuro e' una mia scelta,
    > dettata dal desiderio ( e sotto certi
    > aspetti dalla presunzione ), che il mio
    > codice possa risultare utile ad altri, oltre
    > che a me. Se lo faccio e' per pura passione,
    > e di sicuro mi importa poco se questo si
    > rivela vantaggioso per altri, anzi, era il
    > mio scopo.
    questo vale anche per la licenza GPL ma non permette agli altri di modificarlo chiudemdo e guadagnandoci
    > Se su di un mio prodotto ci voglio
    > "guadagnare", di sicuro "scelgo" di non
    > renderlo disponibile.
    non te lo impedisco
    > Poi magari lo faccio
    > in un secondo momento, quando per mia
    > coscienza, decido che mi sono ripagato lo
    > sforzo, o magari voglio solo dedicarmi ad
    > altro.
    intendi render elibero..nessuno te lo impedisce
    > In un certo senso, la GPL a me toglie queste
    > scelte, e paradossalmente, mi espone al
    nessuno ti obbliga a usare la gpl come licenza
    ma secondo me un governo se decide di sviluppare dovrebbe usarla per eviitare che le multinazionali se ne impossessino
    > rischio che il mio lavoro possa essere preso
    > portato avanti da realta', che avendo piu'
    > risorse di me, mi impedirebbero di fatto di
    > poterci anche solo guadagnare quel poco che
    > basterebbe per andare a pari con il tempo
    > che ho speso. E' vero che anche le eventuali
    > modifiche al codice, sarebbero comunque
    > disponibili, ma sinceramente credo che
    > nessuno, da solo, possa competere, magari
    > con un centinaio di programmatori assoldati
    > ( facciamo un nome a caso ), dall'IBM ( alla
    > quale non mancano certo le fonti di guadagno
    > necessarie per poter investire in una azione
    > del genere )...
    una grossa azienda non fa personalizzazioni che interessano a soli 1000 persone (chesso un ente ) ma tu puoi personalizzare il sw a piacimento del cliente (ma qui nn vi e' cliente ma datore di lavoro parlando di PA eprogrammatori assunti dalla PA)
    non+autenticato
  • Hehehe... pure il SudAfricaSorride))

    Nel '96 la ms aveva il totale controllo dell'informatica casa/ufficio. Sotto Mac c'erano ormai solo quei 4 programmi di nicchia ed i sistemi Unix "open" erano ancora ostica robaccia per cervelloni. Amiga, e tutto il resto erano ormai alla fruttaTriste

    Oggi, dati alla mano, la situazione sembrerebbe addirittura migliore per ms...

    Non ha perso percentuali nei settori che gia' occupava ed ha invaso altri mercati, dai server ai videogiochi rafforzando la sua presenza nel campo degli applicativi (anche su altre piattaforme, vedi msoffice ed explorer per Mac).

    Se lasciassimo parlare i numeri le societa' che distribuiscono Linux dovrebbero essere date per spacciate, se guardassimo i diagrammi a torta sembrerebbe ovvio che non ha senso parlare di software open o libero...

    Solo mi piacerebbe sapere perche':

    - le societa', piccole e grandi che ruotano intorno all'open source sono in costante aumento?

    - perche', eccetto ms, tutti i grossi nomi dell'informatica, chi piu' chi meno, si stanno aprendo all'open source, finanziando spesso progetti che sembrano inghiottire risorse senza produrre utili?

    - perche' i progetti open nascono come funghi e danno sostanziosi frutti soffiando in brevissimo tempo "sul collo" della concorrenza?

    - perche' i governi di mezzo mondo (anche il mondo che appoggia gli USA... figuriamoci il resto) valutano seriamente quello che la ms invece definisce "il cancro" dell'informatica?

    - perche' in ms si stanno ca%ando sotto?Sorride) (vedi l'ammorbidimento del programma licenze, il rilascio "read only" dei sorgenti...)


    Stando ai dati, dovrebbero dormire placidi come bambini... invece, da un po' di tempo a questa parte sembrano aver perso il sonno...

    Mah... la mia e' solo curiosita'...

    (PS: sto scaricando OpenOffice 1.0.2!!!Sorride
    Terra2
    2332

  • Hehehe...
    Ogni giorno sei più divertente!

    non+autenticato

  • - Scritto da: Terra2

    > Solo mi piacerebbe sapere perche':
    >
    > - le societa', piccole e grandi che ruotano
    > intorno all'open source sono in costante
    > aumento?

    Qualche cifra? Fonti? Fatturati? Perdite di capitale?

    > - perche', eccetto ms, tutti i grossi nomi
    > dell'informatica, chi piu' chi meno, si
    > stanno aprendo all'open source, finanziando
    > spesso progetti che sembrano inghiottire
    > risorse senza produrre utili?


    Perche' fa figo essere pinguinaro. E come gia' si vede, finita la campagna pubblicitaria, i riflettori si sono spenti. Adesso mi citerai le solite 2 o 3 aziende (che tra l'altro investono nell'uccellaccio piu' o meno l'equivalente dei fogli di carta nelle loro fotocopiatrici).

    > - perche' i progetti open nascono come
    > funghi e danno sostanziosi frutti soffiando
    > in brevissimo tempo "sul collo" della
    > concorrenza?

    Dimmi qualche prodotto messo in crisi dal suo copione open. Windows? (linux viaggia all1%) Office con Open Office? (dai un'occhiata al fatturato e ne riparliamo)


    > - perche' i governi di mezzo mondo (anche il
    > mondo che appoggia gli USA... figuriamoci il
    > resto) valutano seriamente quello che la ms
    > invece definisce "il cancro"
    > dell'informatica?

    Perche' e' giusto valutare. Risultati concreti? Pochini pochini.


    > - perche' in ms si stanno ca%ando sotto?Sorride)
    > (vedi l'ammorbidimento del programma
    > licenze, il rilascio "read only" dei
    > sorgenti...)

    Ti assicuro che gli fa piu' paura l'oroscopo letto alla mattina sul giornale, che la concorrenza open.



    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Terra2
    >
    > > Solo mi piacerebbe sapere perche':
    > >
    > > - le societa', piccole e grandi che
    > ruotano
    > > intorno all'open source sono in costante
    > > aumento?
    >
    > Qualche cifra? Fonti? Fatturati? Perdite di
    > capitale?
    >
    secondo me toppi nel considerare come unico criterio di valutazione (o per lo meno, il più importante) il fatturato guadagno pecunia lucro grano fruscio contanti liquidi o che dir si voglia.

    ti faccio capire brevemente con un solo esempio, ma che vale per l'intero post

    > > - perche' i progetti open nascono come
    > > funghi e danno sostanziosi frutti
    > soffiando
    > > in brevissimo tempo "sul collo" della
    > > concorrenza?
    >
    > Dimmi qualche prodotto messo in crisi dal
    > suo copione open. Windows? (linux viaggia
    > all1%) Office con Open Office? (dai
    > un'occhiata al fatturato e ne riparliamo)

    ecco.
    hai detto (involontariamente credo) una cacchiata. Open Office star office Cacca office e che dir si voglia stanno facendo concorrenza a Ms office, erodendo a quest'ultimo quote di mercato.
    Il fatturato delle rispettive aziende non serve come parametro per confrontare ciò.


    avvelenato che pensa "ok chiamateli anche c0gli0ni quelli che regalano le cose, io li ringrazio".

  • - Scritto da: avvelenato
    > avvelenato che pensa "ok chiamateli anche
    > c0gli0ni quelli che regalano le cose, io li
    > ringrazio".
    >
    Magari ( ed e' una delle possibili ipotesi ), quando avranno ottenuto il loro risultato ( e mi riferisco a quelle societa' che attualmente "sembrano" aver capito e sostengono il mondo Open ), farti abituare hai loro prodotti regalati e togliere quote di mercato a M$, se ne usciranno fuori come a suo tempo fece Suse, mettendoti nelle condizioni di ricominciare nuovamente a pagare... in quel caso, forse non gli ringrazierai piu'...
    non+autenticato
  • > se ne usciranno fuori come
    > a suo tempo fece Suse, mettendoti nelle
    > condizioni di ricominciare nuovamente a
    > pagare... in quel caso, forse non gli
    > ringrazierai piu'...

    mio caro Windowsauro, io SuSE "gli ringrazio" ogni giorno!
    La ringrazio perché molti suoi sviluppatori (uno dei quali è un mio carissimo amico telematico) scrivono ogni giorno centinaia di righe di codice sotto GPL, ad esempio questo tizio che ho accennato ha scritto moltissimo codice legato ai driver USB del kernel...... e pure io che sono Debianista posso usarli!

    Ciao ciao trollone!
    non+autenticato


  • ......ooooooooOOOOOOOOOOHHHHH!!!!!!
    Il driver usb... novita' mondiale!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > ......ooooooooOOOOOOOOOOHHHHH!!!!!!
    > Il driver usb... novita' mondiale!
    Perchè M$ non mantiene più i drivers per l'USB? lo considera già superato?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > ......ooooooooOOOOOOOOOOHHHHH!!!!!!
    > Il driver usb... novita' mondiale!

    e con questo commento cosa vorresti dire? Che l'usb non serve a nulla? Che quindi dovrei sbeffeggiare il mio buon amico che mantiene i driver dicendogli "stai scrivendo codice inutile"?
    O ancora che Ekleptilamma ha ragione?

    Insomma, con un commento del genere ci si rende conto di quanto sei drogato dal closed!Triste

    Spero per te che un giorno crescerai e capira...

    ciao ciao trollone!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > se ne usciranno fuori come
    > > a suo tempo fece Suse, mettendoti nelle
    > > condizioni di ricominciare nuovamente a
    > > pagare... in quel caso, forse non gli
    > > ringrazierai piu'...
    >
    > mio caro Windowsauro, io SuSE "gli
    > ringrazio" ogni giorno!
    > La ringrazio perché molti suoi sviluppatori
    > (uno dei quali è un mio carissimo amico
    > telematico) scrivono ogni giorno centinaia
    > di righe di codice sotto GPL, ad esempio
    > questo tizio che ho accennato ha scritto
    > moltissimo codice legato ai driver USB del
    > kernel...... e pure io che sono Debianista
    > posso usarli!
    >
    > Ciao ciao trollone!
    >
    Lo pagano? presumo di si....
    Di chi sono i soldi? sono forse quelli provenienti dalle vendite? Uhm... io non sono in grado di risponderti, dato che non ho tale informazione, e mi sembra anche stupido fare delle assurde supposizioni, ma viste le ultime vicende di Mandrake, e i parner alle spalle di RedaHat ( notoriamente anti-microsoft )

    http://www.redhat.com/partners/

    mi sembra abbastanza probabile ( e devo essere sincero, spero di sbagliarmi ), non e' solo m$ a muovere le sue pedine. L'unica differenza, a me sembra stia nella consapevolezza di esserlo o meno.
    non+autenticato

  • - Scritto da: avvelenato

    > secondo me toppi nel considerare come unico
    > criterio di valutazione (o per lo meno, il
    > più importante) il fatturato guadagno
    > pecunia lucro grano fruscio contanti liquidi
    > o che dir si voglia.

    Concordo con te, ma il mondo gira cosi', purtroppo.


    > hai detto (involontariamente credo) una
    > cacchiata. Open Office star office Cacca
    > office e che dir si voglia stanno facendo
    > concorrenza a Ms office, erodendo a
    > quest'ultimo quote di mercato.
    > Il fatturato delle rispettive aziende non
    > serve come parametro per confrontare ciò.

    Statistiche? Dati? Diffusione inferiore a quella di linux, ti assicuro.
    Prova a parlare di OpenOffice al tuo vicino di casa e vedrai che ti dira' "Microsoft ha fatto una nuova versione?"

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)