Alfonso Maruccia

Zillion TV, la tv via Internet non è neutrale?

TV on demand, gratis al prezzo di un po' di pubblicità. Per funzionare, però, forse ha bisogno di un aiutino: che, visti i precedenti, potrebbe non essere troppo ben visto dall'authority USA per le comunicazioni

Roma - Zillion TV, vale a dire la trasmissione di programmi simil-televisivi passando dalla rete. Il nuovo servizio, lanciato ufficialmente la settimana scorsa, offre agli utenti l'accesso a un ricco set di contenuti cinematografici e televisivi al modico prezzo di 50 dollari, costo di attivazione e acquisto del dispositivo "Z-bar", e di alcuni messaggi pubblicitari all'inizio e alla fine dello show. Unico neo la criptica politica di partnership della società con gli ISP statunitensi, che potrebbe nascondere ben più di quello che sembra a una prima occhiata in superficie.

La Z-bar funziona da filtro tra la connessione Internet (Ethernet o Wi-Fi) e il televisore, occupandosi di trasferire i contenuti sullo schermo e prevedendo l'utilizzo di un telecomando per navigare nei menu e controllare il dispositivo.

Per quanto riguarda i contenuti disponibili agli abbonati, Zillion TV parla di 15mila diversi show e dice di aver siglato accordi con alcuni tra i maggiori publisher del settore inclusi Disney, 20th Century Fox (Television), NBC, Universal, Sony Pictures e Warner Bros. Nulla che non possa insomma essere recuperato altrove, ma la forza del nuovo servizio sta nel suo modello di business free-per-advertising, e sul fatto di sfruttare Internet per fare concorrenza diretta a chi usa infrastrutture dedicate per la distribuzione dei contenuti.
Il "trucco" di Zillion TV sta infatti nel fornire il servizio solo agli utenti di quegli ISP con cui è già attiva una collaborazione, necessaria per trasferire al televisore il flusso di dati a 2,7 Megabit al secondo necessario senza degradazioni, artefatti e latenze eccessive nella trasmissione.

Al che viene naturale pensare alla necessità, per Zillion TV, di affidarsi ai provider per prioritizzare il traffico video e garantire così i parametri di fruizione simil-televisiva di cui sopra. La startup si muoverebbe insomma su un terreno minato, dove la FCC statunitense avrà sicuramente da ridire visti i precedenti del caso Comcast e tutto il gran discutere di net neutrality che si sta facendo di questi tempi in Nordamerica.

Alfonso Maruccia
5 Commenti alla Notizia Zillion TV, la tv via Internet non è neutrale?
Ordina
  • Ciao,

    venerdì scorso al Cebit ho provato la Blobbox (ne avevo letto su Engadget, Gizmodo e Wired; come mai PI non ne ha parlato? è italiana!).
    Oltre a tutte le funzioni tipo Popcorn, hanno messo il DVB-T HD con hard disk recording (ahi ahi non hanno EPG).
    Mi è piaciuta molto la semplicità di gestione del download manager, basta aprire un messaggio Gmail o una qualunque pagina web e cliccare su un link html che punta a un file video o un Torrent; la Blobbox lo aggiunge alla lista dei download e poi è tutto automatico.
    Diversamente dal Popcorn hanno messo un browser standard W3C che fa girare anche webapp AJAX complesse.
    Hanno messo anche un portale TV ma posso inserire una URL qualunque e farmi la mia lista di preferiti (che userei come homepage).

    E' il primo aggeggio che darei in mano ai miei (avevo visto la AppleTV ma non potevo metterci la roba che volevo, con questa mi basta fare una paginetta html)

    la vendono solo qui, dategli un'occhio: www.tecnologiecreative.it

    Edo
    non+autenticato
  • caspita!!

    veramente notevole: NON ha ancora il supporto al 1080p (loro dicono fine marzo) e NON legge i container mkv (dicono in lavorazione ma non c'è nella roadmap 2009).

    Tutto quello che non ha alla modica cifra di 369EuroSorride

    Almeno monta il Sigma Design 8634, che ad es. è presente nella WD HD TV e si sa che supporta quanto sopra.


    mah!
    non+autenticato
  • > Almeno monta il Sigma Design 8634, che ad es. è
    > presente nella WD HD TV e si sa che supporta
    > quanto sopra.

    Sbagliato, il WD HD TV monta il Sigma 8635LF. Occhiolino
    non+autenticato
  • il fututo è streaming ondemand (con un po di pubblicità)
    non+autenticato
  • - Scritto da: IlDeMo
    > il fututo è streaming ondemand (con un po di
    > pubblicità)

    Possono mettere tutta la pubblicita' che vogliono.

    L'importante e' che i contenuti siano salvabili localmente su hard disk, e la pubblicita' sia filtrabile.

    Altrimenti non avranno futuro.