Nintendo svela i piani della riscossa

Nintendo sembra ammettere di aver già perso la partita con Sony, la cui PlayStation 2 sembra andare a gonfie vele, ma sostiene che tra pochi anni una superconsole farà vedere i sorci verdi ai rivali

Kyoto (Giappone) - Durante l'importante stagione natalizia le vendite del GameCube non sono andate come sperato da Nintendo, e lo stesso presidente del colosso giapponese, Satoru Iwata, ammette ora che le stime per il 2003 dovranno essere necessariamente ridimensionate.

Ma la mamma di Pokemon e Mario non si è certo persa d'animo. Secondo quanto riportato da Reuters, la storica casa ha infatti già pianificato il lancio, per il 2005 o il 2006, di una console da gioco di nuova generazione che possa competere testa a testa con le future versioni di Xbox e PlayStation.

"Stiamo sviluppando una console da gioco per la casa con la previsione di rilasciarla più o meno nello stesso periodo dei prodotti rivali", ha affermato Iwata.
Proprio di recente Sony, annunciando l'ottimo trend nelle vendite della PlayStation 2, ha festeggiato il raggiungimento dei 50 milioni di unità vendute, un successo che surclassa persino quello della prima PlayStation.

"La PlayStation 2 - ha affermato il boss di Nintendo - ha debuttato con un anticipo di un anno e mezzo rispetto al GameCube. Se avessimo lanciato il GameCube nello stesso periodo della PlayStation 2, il risultato sarebbe potuto essere differente".

Nintendo sembra ora decisa a non ripetere gli errori del passato e fare in modo di lanciare la sua prossima console in contemporanea o addirittura in anticipo rispetto alle rivali.

Nel frattempo, però, l'azienda dovrà fare di tutto per sostenere le vendite del GameCube, una console che, a differenza delle avversarie, ha puntato meno sulle doti hardware e molto di più su di un'attenta selezione dei giochi.

"Il nostro obiettivo, per il 2003, è quello di offrire nuovi tipi di gioco che consentano ai nostri utenti di giocare sia sul GameCube che sul Game Boy Advance", ha detto Iwata.

Il presidente di Nintendo ha poi ventilato l'ipotesi di un ulteriore ribasso del prezzo del GameCube senza però specificare alcuna data.
TAG: mercato
7 Commenti alla Notizia Nintendo svela i piani della riscossa
Ordina
  • >Secondo quanto riportato da Reuters, la storica casa ha
    >infatti già pianificato il lancio, per il 2005 o il 2006, di una
    >console da gioco di nuova generazione che possa
    >competere testa a testa con le future versioni di Xbox e
    >PlayStation.

    Perchè nel 2000 non ha pianificato lo stesso per il 2002 o il 2003?

    >"La PlayStation 2 - ha affermato il boss di Nintendo - ha
    >debuttato con un anticipo di un anno e mezzo rispetto al
    >GameCube. Se avessimo lanciato il GameCube nello
    >stesso periodo della PlayStation 2, il risultato sarebbe
    >potuto essere differente".

    E perchè mai uno se ha li un prodotto da vendere dovrebbe aspettare un anno e mezzo a buttarlo fuori? Per avere una console con dell' hardware vecchio di un anno e mezzo?
  • "La PlayStation 2 - ha affermato il boss di Nintendo - ha debuttato con un anticipo di un anno e mezzo rispetto al GameCube. Se avessimo lanciato il GameCube nello stesso periodo della PlayStation 2, il risultato sarebbe potuto essere differente".

    Non è assolutamente vero, basti guardare il dreamcast.
    Console perfetta.. ma non alla moda come la playstation 2.
    W il popolo BUE!
    non+autenticato
  • A natale è andata male ma in Europa ha venduto più di XBox. Diciamo pure che è andata così così perché le novità Nintendo le ha tirate molto prima di Natale e che le prossime sono previste in primavera. Ma come mai sembra che Nintendo reciti il mea culpa e tutte le volte che si citano i commenti di Microsoft a proposito di XBox sembrano tutt'altro che negativi? O l'articolo è pessimista, o lo sono alla Nintendo, oppure alla Nintendo fanno considerazioni realistiche e in Microsoft sono dei poveri illusi? Boh!
    FDG
    10933
  • No, è che sono commenti "differenziali", sono relativi al trend di vendite, non alle vendite assolute.
    Nintendo parte da una penetrazione di mercato molto alta, Microsoft dallo 0%. Se Nintendo perde il 2% del mercato passando (ipotizziamo) dal 38% al 36% è una grossa perdita, se MS guadagna il 2% del mercato passando dallo 0% al 2% è un grosso guadagno.

    Ciao
    Luigi Torino

    > in Europa [GameCube] ha
    > venduto più di XBox.
    > come mai sembra che Nintendo reciti il mea culpa
    > e tutte le volte che si citano i commenti di
    > Microsoft a proposito di XBox sembrano
    > tutt'altro che negativi?
    non+autenticato
  • Nintendo sotto Natale e' andata bene solo in Giappone.

    Nel resto del mondo e' andata male ovunque. Questo per delle scelte discutibili, soprattutto in Europa.

    Inoltre non vi sono stati tagli di prezzo ne' bundle, come per l'X-box. Nintendo corre i ripari da Febbraio, offrendo un gioco gratis (e di qualità) con l'acquisto della consolle. Forse dovevano anche qui svegliarsi prima Occhiolino

    Intanto pero' il Gameboy advance vende molto bene, il gioco dei Pokemnon arrivera' in un paio di mesi a 4.000.000 di copie vendute solo in Giappone.
    In piu' vi e' il lancio del nuovo gameboy.

    In Europa questa primavera usciranno i titoli di punta, ma non penso solleveranno le vednite del Cubo. Quello che tuttavia e' certo e' che coloro che hanno la consolle di certo non hanno da fare pentimenti sulla scelta fatta, di titoli ottimi ce ne sono e ne devono ancora scire parecchi.

    Quindi il pessimismo e' giustificato, ma esagerato Occhiolino

    Ciao!
    Tacchan
    non+autenticato

  • - Scritto da: FDG
    > A natale è andata male ma in Europa ha
    > venduto più di XBox. Diciamo pure che è
    > andata così così perché le novità Nintendo
    > le ha tirate molto prima di Natale e che le
    > prossime sono previste in primavera.

    I commenti sono negativi perchè per Nintendo si profila nuovamente l'ipotesi di un mezzo flop, come il Nintendo 64, nonché la possibilità di essere relegata nientemeno che al terzo posto del mercato videoludico, dietro Xbox, mentre negli anni d'oro si occupava il primo ex-equo con Sega. Insomma, esiste la probabilità concreta di finire in un mercato di nicchia (solo Giappone, solo dopo PS2) che non è esattamente il posto cui aspirava Nintendo. D'altraparte i tempi sono cambiati e anche il pubblico lo e', adesso la maggior parte dei giocatori sono giovani fra i 15 e i 25 anni, e non più bambini fra i 7 e i 15, quindi il mercato di Nintendo si è progressivamente assottigliato. Certo, esistono anche giochi che non sono nè Mario nè Yoshi, ma è innegabile che la console, con il suo stesso aspetto, le sue speficihe e la sua classe di prezzo, vuole attrarre soprattutto i giovanissimi, altrimenti non avrebbe senso lanciare una macchina con le caratteristiche tecniche del Cubo nel 2002.

    A ogni modo Nintendo non si deve preoccupare, alla fine le saghe famose come i Pokemon, le royalties altissime che impone alle terze parti e i cartelli per tenere alti i prezzi dei giochi per cui è già stata condannata gli salveranno i bilanci, ma la popolarità mainstream, a quella forse deve dire addio fin da adesso.

    Alberto Scala

    non+autenticato
  • - Scritto da: FDG
    > O l'articolo è
    > pessimista, o lo sono alla Nintendo, oppure
    > alla Nintendo fanno considerazioni
    > realistiche e in Microsoft sono dei poveri
    > illusi? Boh!

    Garantendoti piena ragione sulle considerazioni fatte da MS e da Nintendo, rimango comunque della mia personale idea, dubbioso sul punto in cui Nintendo cercherebbe di conquistare il mercato, come riportato nell'articolo (e come in effetti succede) puntanto su un'accurata selezione dei giochi. Secondo me e` proprio quella selezione, l'errore palese. Come ho detto in altri thread, Nintendo: se vuoi avere gran bei giochi nel tuo parco software, forse dovresti accettare anche un po' di spazzatura... in favore della varieta`. Non tutti hanno gli stessi gusti, e diversi ormai si saranno annoiati di Mario e di Yoshi...
    non+autenticato