WD allo stato solido

Western Digital ha acquisito una start up del settore, SiliconSystems, specializzata soprattutto nella produzione di SSD per il settore embedded

Roma - Western Digital era rimasto l'unico produttore di hard disk ad essere rimasto fuori dal mercato dei dischi a stato solido. Con l'acquisizione del giovane produttore californiano di SSD SiliconSystems, anche il gigante americano degli hard drive si tuffa ora nel promettente business dei drive flash.

Acquisita per una somma di 65 milioni di dollari, SiliconSystems è uno dei più importanti produttori di SSD per il mercato embedded. Ha iniziato le sue attività nel 2002 con il marchio SiliconDrive, e da allora ha prodotto milioni di drive flash con interfaccia SATA, EIDE, PC Card, USB e Compact Flash e con formati 2,5 pollici, 1,8 pollici e CompactFlash.

"Diamo il benvenuto con grande piacere al team di SiliconSystems", ha affermato John Coyne, presidente e CEO di WD. "L'acquisizione accrescerà, in maniera lieve, fatturato e margini grazie all'ottimo posizionamento di SiliconSystems nel mercato delle memorie integrate allo stato solido, dal valore stimato in 400 milioni di dollari. Ma le proprietà intellettuali e le competenze tecniche di SiliconSystems accelereranno fortemente i piani di sviluppo WD per memorie allo stato solido, destinate ai mercati netbook, client ed enterprise, fornendo al tempo stesso ai nostri clienti una maggiore possibilità di scelta per le proprie esigenze di storage".
L'integrazione in WD è immediata, con SiliconSystems che diventa la business unit Solid-State Storage di WD, affiancandosi così alle altre business unit dell'azienda: Branded Products, Client Storage, Consumer Storage ed Enterprise Storage.

"La solidità finanziaria, l'estensione della rete commerciale e l'ampiezza delle attività operative e logistiche di WD ci permetteranno di accelerare significativamente la penetrazione nei mercati in cui siamo già attivi. Inoltre, abbinando la nostra expertise tecnologica con quella di WD, saremo in grado di sviluppare nuovi modelli di SSD che ci permetteranno di ampliare il nostro portfolio generale e soddisfare le possibili esigenze di storage allo stato solido che si potranno presentare tra i clienti di WD", ha affermato Michael Hajeck, fondatore e CEO di SiliconSystems, ora dirigentee della business unit Solid-State Storage di Western Digital. "Siamo entusiasti del nostro ingresso in WD che garantirà al nostro team un futuro ancor più positivo".

WD ha pubblicato qui maggiori informazioni sull'acquisizione di SiliconSystems.
23 Commenti alla Notizia WD allo stato solido
Ordina
  • Non credo che le memorie allo stato solido prenderanno il sopravvento TOTALE sui dischi rigidi: magari nei portatili ed in certe classi di computer fissi si, ma non ovunque.
    I nastri magnetici sono molto piu' vecchi, ma sopravvivino.
    Credo incece che in dischi rigidi supiranno una riduzione e riposizionamento sul mercato, ma non credo scompariranno del tutto.
    non+autenticato
  • A parte i tuoi "credo", riusciresti a spiegare il perchè?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mattia
    > A parte i tuoi "credo", riusciresti a spiegare il
    > perchè?

    Si, posso, o almeno, credo.

    Si tratta di un discorso di densita' di registrazione, velocita' di accesso ai dati, e convenienza economica.

    I nastri sono LENTI, ECONOMICI e MOLTO CAPIENTI. Ottimi per backup notturno di grande masse di dati.
    Le memorie allo stato solido sono MOLTO VELOCI, COSTOSE e POCO CAPIENTI. Vano bene per portatili.
    I dischi rigiti sono VELOCI, RELATIVAMENTE ECONOMICI e ABBASTANZA CAPIENTI. Ci stanno su un desktop carrozzato.

    Come vedi, nessuno dei tre sistemi di memorizzazione eccelle in tutti e tre i campi, ecco perche' ci sono spazi per tutti e tre i sistemi.
    Qeusto, allo stato ATTUALE della tecnologia. Domani, non so.
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > - Scritto da: Mattia
    > > A parte i tuoi "credo", riusciresti a spiegare
    > il
    > > perchè?
    >
    > Si, posso, o almeno, credo.
    >
    > Si tratta di un discorso di densita' di
    > registrazione, velocita' di accesso ai dati, e
    > convenienza
    > economica.
    >
    > I nastri sono LENTI, ECONOMICI e MOLTO CAPIENTI.
    > Ottimi per backup notturno di grande masse di
    > dati.
    > Le memorie allo stato solido sono MOLTO VELOCI,
    > COSTOSE e POCO CAPIENTI. Vano bene per
    > portatili.
    > I dischi rigiti sono VELOCI, RELATIVAMENTE
    > ECONOMICI e ABBASTANZA CAPIENTI. Ci stanno su un
    > desktop
    > carrozzato.
    >
    > Come vedi, nessuno dei tre sistemi di
    > memorizzazione eccelle in tutti e tre i campi,
    > ecco perche' ci sono spazi per tutti e tre i
    > sistemi.
    > Qeusto, allo stato ATTUALE della tecnologia.
    > Domani, non
    > so.


    Si devo dargli ragione, per mia opinione i nastri ci saranno sempre ad uso backup, gli hard disk per la loro affidabilità saranno sempre nei server e in qualche pc prestazionale per database, mentre gli ssd monopolizzeranno la fascia portatili addentrandosi anche nei desktop comuni.
    Ricordiamoci che i dischi magnetici hanno sempre trovato la soluzione alla necessità di una maggior densità di dati per pollice quadrato, non staranno a dormire, se mi permettete il paragone io vedo i nastri come i camion, lenti robusti e capienti, gli hard disk come un'auto diesel, affidabile e mediamente veloce, gli ssd come una potente ferrari ma allo stesso tempo delicata, esistono tutti e tre da tempo, continueranno a esistere, basterà solo usarli per lo scopo più adatto, usare un ssd per fare l'unità da backup è come usare una ferrari per trasportare fieno....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Beppe
    > - Scritto da: attonito
    > > - Scritto da: Mattia
    > > > A parte i tuoi "credo", riusciresti a spiegare
    > > il
    > > > perchè?
    > >
    > > Si, posso, o almeno, credo.
    > >
    > > Si tratta di un discorso di densita' di
    > > registrazione, velocita' di accesso ai dati, e
    > > convenienza
    > > economica.
    > >
    > > I nastri sono LENTI, ECONOMICI e MOLTO CAPIENTI.
    > > Ottimi per backup notturno di grande masse di
    > > dati.
    > > Le memorie allo stato solido sono MOLTO VELOCI,
    > > COSTOSE e POCO CAPIENTI. Vano bene per
    > > portatili.
    > > I dischi rigiti sono VELOCI, RELATIVAMENTE
    > > ECONOMICI e ABBASTANZA CAPIENTI. Ci stanno su un
    > > desktop
    > > carrozzato.
    > >
    > > Come vedi, nessuno dei tre sistemi di
    > > memorizzazione eccelle in tutti e tre i campi,
    > > ecco perche' ci sono spazi per tutti e tre i
    > > sistemi.
    > > Qeusto, allo stato ATTUALE della tecnologia.
    > > Domani, non
    > > so.
    >
    >
    > Si devo dargli ragione, per mia opinione i nastri
    > ci saranno sempre ad uso backup, gli hard disk
    > per la loro affidabilità saranno sempre nei
    > server e in qualche pc prestazionale per
    > database, mentre gli ssd monopolizzeranno la
    > fascia portatili addentrandosi anche nei desktop
    > comuni.
    > Ricordiamoci che i dischi magnetici hanno sempre
    > trovato la soluzione alla necessità di una
    > maggior densità di dati per pollice quadrato, non
    > staranno a dormire, se mi permettete il paragone
    > io vedo i nastri come i camion, lenti robusti e
    > capienti, gli hard disk come un'auto diesel,
    > affidabile e mediamente veloce, gli ssd come una
    > potente ferrari ma allo stesso tempo delicata,
    > esistono tutti e tre da tempo, continueranno a
    > esistere, basterà solo usarli per lo scopo più
    > adatto, usare un ssd per fare l'unità da backup è
    > come usare una ferrari per trasportare
    > fieno....


    Gli SSD saranno tutto tranne che delicati, non avendo parti in movimento e resistendo a urti ben più rilevanti potrebbero in futuro soppiantare del tutto gli HD, dipende tutto dal costo a Gb che riusciranno ad avere, faccio osservare che sembra che la tecnologia degli HD abbia trovato un limite verso i 2/4 Tb invalicabile per i prossimi almeno 4-5 anni, se riusciranno a produrre SSD a costi non lontani dagli HD tradizionali li soppianteranno in breve tempo anche nel settore storage... diverso è il discorso dei nastri magnetici, il grande vantaggio che hanno sulla quantità di dati memorizzabili consentirà loro di sopravvivere ancora...
  • Hahahaha, lo so che non sono delicati come meccanica, non hanno parti meccaniche!!
    Per delicati intendo i cicli di scrittura, un server se lo disfa in due mesi un ssd, ci puoi mettere tutti gli algoritmi che vuoi per la scrittura ma il limite è fisico, quindi sono delicati o se preferisci inaffidabili, a scarsa longevità o per un uso "low level", sempre della stessa cosa si parla.
    non+autenticato
  • ma esattamente come sono comparabili con gli hard disk?

    ho visto che gli SSD enterprise dichiarano MTBF di 2 milioni di cicli r/w, contro i 500.000 degli hard disk più robusti
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > ma esattamente come sono comparabili con gli hard
    > disk?
    >
    > ho visto che gli SSD enterprise dichiarano MTBF
    > di 2 milioni di cicli r/w, contro i 500.000 degli
    > hard disk più
    > robusti

    Gli HDU serie Enterprise hanno 1.200.000 ore MTBF :

    --
    http://www.seagate.com/www/en-us/products/servers/.../

    Constellation™ ES Hard Drives

    null
    The Constellation ES drive extends the industry’s leading enterprise-based 3.5-inch with it’s field-proven reliability into a high-capacity (up to 2 TB) nearline drive. Based on Seagate’s superior enterprise experience, this drive is designed and built for the data center with an MTBF of 1.2 million hours for enterprise-grade reliability.

    Constellation ES drives offer the world's highest capacity at 2TB while providing enterprise robustness for Tier 2/nearline environments. They are differentiated from 3.5-inch desktop drives by offering enterprise-class reliability and superior data integrity with a UER of 1E10-15. Enterprise-class rotational vibration tolerance provides robust protection from chassis and fan vibrations (RV 12.5 rad/sec 20 to 1500Hz). The drives are offered with either a 3-Gb/s SATA interface or a 6-Gb/s SAS 2.0 interface for superior data protection at industry-leading speeds, along with optional power saving modes with PowerChoice™ and government-grade security with an SED-option.

    -----
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > ma esattamente come sono comparabili con gli hard
    > disk?
    >
    > ho visto che gli SSD enterprise dichiarano MTBF
    > di 2 milioni di cicli r/w, contro i 500.000 degli
    > hard disk più
    > robusti


    Gli MTBF sono una truffa, sai come li raggiungono certi valori? Semplice sostituiscono l'HD alla fine della vita operativa utile con uno identico e continuano così finchè non capita un guasto imprevisto...
  • infatti rimane il problema che dopo mezzo milione di cicli r/w l'hard disk è fritto

    sembra che invece gli SSD raggiungano senza problemi i 2 milioni
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > - Scritto da: pabloski
    > > ma esattamente come sono comparabili con gli
    > hard
    > > disk?
    > >
    > > ho visto che gli SSD enterprise dichiarano MTBF
    > > di 2 milioni di cicli r/w, contro i 500.000
    > degli
    > > hard disk più
    > > robusti
    >
    >
    > Gli MTBF sono una truffa, sai come li raggiungono
    > certi valori? Semplice sostituiscono l'HD alla
    > fine della vita operativa utile con uno identico
    > e continuano così finchè non capita un guasto
    > imprevisto...

    Ma che cavolo dici?
    non+autenticato
  • ... mi sebra chiaro che il momento dell'adozione di massa degli SSD è ormai questione di qualche mese, penso che già nel corso del prossimo anno gli SSD guadagneranno una quota significativa dello storage mobile, altrimenti perchè mai Toshiba e WD starebbero facendo simili acquisizioni? Non dimenticatevi che Toshiba addirittura di recente ha venduto la sua divisione di storage "convenzionale"
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > ... mi sebra chiaro che il momento dell'adozione
    > di massa degli SSD è ormai questione di qualche
    > mese, penso che già nel corso del prossimo anno
    > gli SSD guadagneranno una quota significativa
    > dello storage mobile, altrimenti perchè mai
    > Toshiba e WD starebbero facendo simili
    > acquisizioni? Non dimenticatevi che Toshiba
    > addirittura di recente ha venduto la sua
    > divisione di storage
    > "convenzionale"

    Continua a sognare. Gli SSD prima di 20 anni da ora non sostituiranno gli HDU.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > ... mi sebra chiaro che il momento dell'adozione
    > > di massa degli SSD è ormai questione di qualche
    > > mese, penso che già nel corso del prossimo anno
    > > gli SSD guadagneranno una quota significativa
    > > dello storage mobile, altrimenti perchè mai
    > > Toshiba e WD starebbero facendo simili
    > > acquisizioni? Non dimenticatevi che Toshiba
    > > addirittura di recente ha venduto la sua
    > > divisione di storage
    > > "convenzionale"
    >
    > Continua a sognare. Gli SSD prima di 20 anni da
    > ora non sostituiranno gli
    > HDU.


    20 anni? Ha Ha Ha buona questa.... fra venti anni potrebbero non esistere i pc (almeno come li intendiamo oggi)... altro che gli HD!
  • tra 20 anni ci saranno le colonie su marteA bocca aperta

    comunque guardando ai trend di mercato la tua affermazione è totalmente campata in aria

    secondo te le aziende spendono quattrini ( in tempo di crisi poi ) per sport?

    hai notato che negli ultimi 6 mesi tutti gli SSD di fasci medio-alta hanno raggiunto le prestazioni degli Intel? cioè 200 MB/s e oltre

    ed inoltre la capacità è praticamente raddoppiata

    solo i prezzi resistono ma quello dipende dal fatto che gli SSD non si vendono in grandi quantità....con l'aumento della domanda i prezzi crolleranno
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > tra 20 anni ci saranno le colonie su marteA bocca aperta

    50 anni fa dicevano che dovevano esserci 40 anni fa ^_^

    > solo i prezzi resistono ma quello dipende dal
    > fatto che gli SSD non si vendono in grandi
    > quantità....con l'aumento della domanda i prezzi
    > crolleranno

    Prima di raggiungere i costi per giga degli HD ci vuole ancora un po' di avanzamento tecnologico, non penso che basti l'economia di scala.
    Funz
    13000
  • Hei, ve li ricordate i famosi articoli sulle innovazioni nel campo dalla memorizzazione hd, verO?
    I prossimi hd saranno enormemente capienti a costi irrisori e con velocita' di tutto rispetto,tanto che se e' lo STORAGE che ti serve, gli SSD resterano in coda ancor aper un po.
    Per tutto il resto, bhe, le varie acquisizioni sono li ad indicare la palese tendenza prossima.
    WD faceva resistenza ma solo per marketing,adesso e' in pista e produrra' come le altre in massa,abbassando i costi ed aumentando prestazioni e capienza, come al solito.
    Il mercato fara' il resto, tanta domanda,prezzi che si abbassanoSorride
    Al momento per uso personale 2 hd da 7200 o da 10K rpm in raid 0 sono il massimo, preso saranno gli ssd a prendere il loro posto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: pabloski
    > > tra 20 anni ci saranno le colonie su marteA bocca aperta
    >
    > 50 anni fa dicevano che dovevano esserci 40 anni
    > fa
    > ^_^
    >

    eh ma adesso c'abbiamo ObamaA bocca aperta

    > > solo i prezzi resistono ma quello dipende dal
    > > fatto che gli SSD non si vendono in grandi
    > > quantità....con l'aumento della domanda i prezzi
    > > crolleranno
    >
    > Prima di raggiungere i costi per giga degli HD ci
    > vuole ancora un po' di avanzamento tecnologico,
    > non penso che basti l'economia di
    > scala.

    a dirla tutta i prezzi degli attuali SSD sono superpompati, negli SSD si ritrova tutta la normale tecnologia dei semiconduttori, con possibilità di riutilizzare gli stessi macchinari usati per produrre ram, processori, ecc...

    il costo per produrli non dev'essere eccessivamente elevato visto che startup con pochi soldi si buttano sull'affare e riescono a produrli, così come mega-aziende tipo Intel che riescono, senza eccessivi investimenti, a trovare spazio e tempo da dedicare alla loro produzione
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > - Scritto da: Funz
    > > - Scritto da: pabloski
    > > > tra 20 anni ci saranno le colonie su marteA bocca aperta
    > >
    > > 50 anni fa dicevano che dovevano esserci 40 anni
    > > fa
    > > ^_^
    > >
    >
    > eh ma adesso c'abbiamo ObamaA bocca aperta
    >
    > > > solo i prezzi resistono ma quello dipende dal
    > > > fatto che gli SSD non si vendono in grandi
    > > > quantità....con l'aumento della domanda i
    > prezzi
    > > > crolleranno
    > >
    > > Prima di raggiungere i costi per giga degli HD
    > ci
    > > vuole ancora un po' di avanzamento tecnologico,
    > > non penso che basti l'economia di
    > > scala.
    >
    > a dirla tutta i prezzi degli attuali SSD sono
    > superpompati, negli SSD si ritrova tutta la
    > normale tecnologia dei semiconduttori, con
    > possibilità di riutilizzare gli stessi macchinari
    > usati per produrre ram, processori,
    > ecc...
    >
    > il costo per produrli non dev'essere
    > eccessivamente elevato visto che startup con
    > pochi soldi si buttano sull'affare e riescono a
    > produrli, così come mega-aziende tipo Intel che
    > riescono, senza eccessivi investimenti, a trovare
    > spazio e tempo da dedicare alla loro
    > produzione

    Hai perfettamente ragione, Intel ha dimostarto che semplicemente lavorando al controller puoi ottenere prestazioni di rilievo anche utilizzando le memorie più scadenti, peggio di quelle che trovi anche sulle chiavette USB per intenderci... e allora se trovo SD o chiavette da 8 Gb a 12 euro o giù di la come mai un SSD da 80 Gb deve costare più di 120 euro? E perchè mai dovrebbe occupare lo spazio di un 2.5 pollici? Avete mai visto lo spazio che occupano 10 SD? Ecco mi sembra un tantino più contenuto...
    Ecco perchè già dal prossimo anno gli SSD avranno un ruolo importante nel settore mobile visto che è ampiamente probabile che con la produzione di massa verranno commercializzate unità da 80-160 Gb a prezzi inferiori ai 100 euro, quindi non lontani da soluzioni tradizionali da 1.8 pollici, ma molto molto più veloci!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > - Scritto da: pabloski
    > > - Scritto da: Funz
    > > > - Scritto da: pabloski
    > > > > tra 20 anni ci saranno le colonie su marte
    >A bocca aperta
    > > >
    > > > 50 anni fa dicevano che dovevano esserci 40
    > anni
    > > > fa
    > > > ^_^
    > > >
    > >
    > > eh ma adesso c'abbiamo ObamaA bocca aperta
    > >
    > > > > solo i prezzi resistono ma quello dipende
    > dal
    > > > > fatto che gli SSD non si vendono in grandi
    > > > > quantità....con l'aumento della domanda i
    > > prezzi
    > > > > crolleranno
    > > >
    > > > Prima di raggiungere i costi per giga degli HD
    > > ci
    > > > vuole ancora un po' di avanzamento
    > tecnologico,
    > > > non penso che basti l'economia di
    > > > scala.
    > >
    > > a dirla tutta i prezzi degli attuali SSD sono
    > > superpompati, negli SSD si ritrova tutta la
    > > normale tecnologia dei semiconduttori, con
    > > possibilità di riutilizzare gli stessi
    > macchinari
    > > usati per produrre ram, processori,
    > > ecc...
    > >
    > > il costo per produrli non dev'essere
    > > eccessivamente elevato visto che startup con
    > > pochi soldi si buttano sull'affare e riescono a
    > > produrli, così come mega-aziende tipo Intel che
    > > riescono, senza eccessivi investimenti, a
    > trovare
    > > spazio e tempo da dedicare alla loro
    > > produzione
    >
    > Hai perfettamente ragione, Intel ha dimostarto
    > che semplicemente lavorando al controller puoi
    > ottenere prestazioni di rilievo anche utilizzando
    > le memorie più scadenti, peggio di quelle che
    > trovi anche sulle chiavette USB per intenderci...
    > e allora se trovo SD o chiavette da 8 Gb a 12
    > euro o giù di la come mai un SSD da 80 Gb deve
    > costare più di 120 euro? E perchè mai dovrebbe
    > occupare lo spazio di un 2.5 pollici? Avete mai
    > visto lo spazio che occupano 10 SD? Ecco mi
    > sembra un tantino più contenuto...
    >
    > Ecco perchè già dal prossimo anno gli SSD avranno
    > un ruolo importante nel settore mobile visto che
    > è ampiamente probabile che con la produzione di
    > massa verranno commercializzate unità da 80-160
    > Gb a prezzi inferiori ai 100 euro, quindi non
    > lontani da soluzioni tradizionali da 1.8 pollici,
    > ma molto molto più
    > veloci!

    80-160GB di SSD a 100euro ?
    Scordateli, prima del 2012 non accadrà. E per allora gli HDU da 2.5" da 100euro saranno da 2TB minimo.
    non+autenticato