Vincenzo Gentile

Nel search non Ŕ stata detta ancora l'ultima parola

A Redmond sono pronti a scommettere su un prodotto alternativo che possa guadagnare consensi. Il piatto Ŕ consistente: 100 milioni sono i dollari che Microsoft sembra pronta a riversare nel settore per rilanciare la sfida

Roma - Nonostante la partita con Google nel campo del search sembri persa già in partenza, Microsoft vuol proseguire a tutti i costi la strada che porta ad un rinnovato motore di ricerca: il tutto partendo da un investimento pari a 100 milioni di dollari ed un accordo siglato con JWT, agenzia pubblicitaria che sarà incaricata di promuovere il servizio. Nonostante ciò, sembrano ancora lontani dall'essere spenti gli echi delle polemiche relative all'affaire browser.

Il progetto, denominato Kumo in attesa di una denominazione ufficiale, verrà alla luce entro l'estate 2009, anche se alcuni dei dettagli salienti delle nuove feature offerte dal search engine di BigM sono state rivelate grazie al ratto di un memo. Attualmente il sistema è in fase di test all'interno dell'azienda, una strategia non nuova a Microsoft che è alla base anche delle recenti modifiche apportate alla UI di Windows Mobile 6.5.

L'accordo con JWT è stato fatto per pubblicizzare il servizio, i cui promo partiranno presumibilmente dal prossimo giugno. Nonostante l'entità dell'investimento, sembrerebbe che per questa volta Microsoft abbia deciso di abbandonare gli spot comparativi: Kumo non sarà mai l'anti-Google, per ammissione della stessa società, che vuol piazzare il suo rinnovato motore di ricerca come alternativa al duopolio Google-Yahoo. L'unica via per insidiare il re delle ricerche secondo gli esperti sarebbe quella di proporre qualcosa di differente da quanto già visto e già fatto sino ad oggi: occorrerà tuttavia che Kumo arrivi sul mercato per sapere se saprà soddisfare questo tipo di aspettative.
Come se non bastasse la nuova sfida, non sembrano placarsi le polemiche suscitate dalla vicenda che ruota intorno ai browser, soprattutto intorno ad Internet Explorer e alla sua tendenza di rimanere profondamente legato agli OS di casa Microsoft. Anche questa volta a riaccendere la fiamma è Opera, l'azienda che ha dato il via con la sua denuncia all'operato dell'antitrust europeo. Secondo il CEO Jon von Tetzchner, nonostante i segni di apertura dimostrati con i programmi futuri di Microsoft, che partono anche dalle direttive europee e che quindi vedranno IE meno legato ai sistemi operativi di casa Redmond, tutto il tempo necessario a questa epocale svolta lascerà dei segni evidenti: "Microsoft ha violato le regole per oltre 10 anni e non dovrebbe trarre ulteriore beneficio da ciò, anche se accade l'opposto" tuona il dirigente.

"Ci sono delle regole che dovrebbero essere applicate quando si è nella posizione di leader di mercato in termini di sistemi operativi - spiega - regole che dovrebbero impedire di fornire software, in questo caso un browser che ti permetta di surclassare altri mercati". Secondo Opera, tale posizione dominante avrebbe instillato nella mente di molti utenti la convinzione che non vi siano alternative a quelle offerte da Microsoft, generando un enorme guadagno per quest'ultima ed incalcolabili danni per i concorrenti. Così come Mozilla e Google, gli altri contendeti nella guerra dei browser, Opera spera che le sentenze dell'antitrust segnino una svolta. A prova di ciò vi sarebbe l'ennesima beta di Windows 7 finita sul circuito del P2P, libera del tutto o quasi del browser di casa Mircosoft.

Vincenzo Gentile
25 Commenti alla Notizia Nel search non Ŕ stata detta ancora l'ultima parola
Ordina
  • Non si dice "nonostante sembrerebbe", ma "nonostante sembri" oppure, per attenuare maggiormente i toni, "nonostante possa sembrare".
    non+autenticato
  • E non ti sei accorto di "gli echi" --> "le eco"?

    P.S.: Io mi sono fermato lÝ, magari c'é altro.
  • Il search conta come il 2 di coppe con briscola a denari!
    Il problema è la raccolta delle informazioni (aka base di dati) e la loro catalogazione (aka categorizzazione) il "search" può essere più o meno veloce ma senza le due operazioni precedenti la qualità del risultato è infima!
    Nella migliore delle ipotesi il search è la parte più irrilevante.
    non+autenticato
  • direi che piuttosto il problema è la catalogazione

    MS di certo ha le risorse per spiderizzare tutto il web, il problema è che non hanno algoritmi di clustering e retrieval avanzati come quelli di Google
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > il problema è che non hanno algoritmi di
    > clustering e retrieval avanzati come quelli di
    > Google

    beata ignoranza
    non+autenticato
  • EPIC FAIL Imbarazzato
    MeX
    16902
  • a questo punto però bisogna stilare una classifica

    Vista, Live search e Zune sono 3 EPIC FAIL, ma in quale ordine?A bocca aperta
    non+autenticato
  • > a questo punto però bisogna stilare una classifica
    >
    > Vista, Live search e Zune sono 3 EPIC FAIL, ma in
    > quale ordine?
    considerando che:
    - vista, post service pack 1, funziona in modo soddisfacente
    - Live Search prende bastonate da google e non vedo come MS possa nel breve (o anche medio) periodo cambiare questa situazione
    - posseggo uno zune (seconda serie) e IMHO non ha nulla da invidiare ad iPod, tantomeno la spocchia del "apple fanboy" medio

    direi che la classifica si restringe al solo Live Search <g>
    non+autenticato
  • > - posseggo uno zune (seconda serie) e IMHO non ha
    > nulla da invidiare ad iPod, tantomeno la spocchia
    > del "apple fanboy"
    > medio
    Infatti, cioè è stato sfortunato come aggeggio e da possessore di Ipod non mi spiego per quale motivo
    non+autenticato
  • beh insomma, Live Search un 4-5% di share ce l'ha....

    Vista è arrivato a mala pena al 20% con tutto il preinstallato e Zune è stato un flop epocale ( segno evidente che copiare non paga )
    non+autenticato
  • > Zune è stato un flop epocale (
    > segno evidente che copiare non paga)
    non discuto il flop commerciale, ma ti assicuro che l'aggeggio è velidissimo: io ho acquistato (negli USA, perchè in Italia non è venduto) uno zune 8Gb e non tornerei "indietro" ad iPod. Ad esempio, è comodissimo scambiarsi direttamente tra i player le canzoni via wi-fi
    non+autenticato
  • e con chi ti scambi le canzoni se in Italia manco lo vendono????A bocca aperta
    MeX
    16902
  • > e con chi ti scambi le canzoni se in Italia manco
    > lo vendono????
    >A bocca aperta
    facile: con i miei amici che erano in vacanza con me negli states ed hanno comprato lo zune A bocca aperta
    non+autenticato
  • giß... mandare 3 mega di email da casa é probitivoA bocca aperta

    Ma poi come funziona la storia del DRM nel trasferimento dei file?
    MeX
    16902
  • > giß... mandare 3 mega di email da casa é
    > probitivo
    >A bocca aperta
    e perchè dovrei tornare a casa per spedire l'email se posso copiarmi le canzoni per strada in wi-fi da zune a zune?A bocca aperta

    > Ma poi come funziona la storia del DRM nel
    > trasferimento dei
    > file?
    in teoria, puoi ascoltare solo 3 volte un brano copiato via wi-fi, in pratica... http://www.megalab.it/1247/microsoft-zune-aggirato...
    non+autenticato
  • > e perchè dovrei tornare a casa per spedire
    > l'email se posso copiarmi le canzoni per strada
    > in wi-fi da zune a zune?
    >A bocca aperta

    di solito quando incontro i miei amici non mi porto il player mp3 per ascoltare la musica per i fatti miei con le cuffiette... mi viene pi˙ comodo scambiare per email/IM/FTP

    > > Ma poi come funziona la storia del DRM nel
    > > trasferimento dei
    > > file?
    > in teoria, puoi ascoltare solo 3 volte un brano
    > copiato via wi-fi, in pratica...
    > http://www.megalab.it/1247/microsoft-zune-aggirato

    ahahhaha
    "Basta infatti rinominare temporaneamente il/i file da trasferire tra gli Zune con l'estensione .jpg per dare scacco matto all'ennesima DRM nata morta: Zune non applica le restrizioni ai file immagine, e una volta trasferite le risorse sarà possibile restituire loro i nomi originali e impiegarle senza limitazione alcuna. Perché il trick funzioni, ad ogni modo, è necessario rispettare due precise condizioni:

        * nella stessa cartella contenente i file da trasferire occorre che sia presente almeno un'immagine autentica per ingannare il software di controllo del lettore;
        * prima di procedere al trasferimento sarà necessario abilitare la funzionalità disco fisso degli Zune, seguendo le istruzioni pubblicate a questo indirizzo."

    dio mio son dei grandi!
    MeX
    16902
  • a google basta lasciar vivacchiare la nuova creatura di MS per i primi sei mesi, poi, prima che la gente si stufi o che MS cominci a mungere il prodotto per tirarne fuori quattrini, comprarsi yahoo visto che non sussistono più problemi di monopolioA bocca aperta
    non+autenticato
  • la smettesse di elemosinare e si concentrasse sul modo di rendere il suo browser più diffuso, assisteremmo ad una guerra aperta.

    E BtW, per anni nessuno ha offerto un'alternativa valida a ie.
    non+autenticato
  • A dire il vero, Netscape è sempre esistito e faceva impallidire IE.
  • - Scritto da: Blackstorm

    > E BtW, per anni nessuno ha offerto un'alternativa
    > valida a
    > ie.

    eh????

    netscape lo era, prima che ie nascesse addirittura, apple non ha certo dormito....

    konqueror all'epoca bruciava i peli del **** a ie, poi venne firefox...

    mi sa che l'unico browser invalido è stato proprio ie e fin dalla nascita
    non+autenticato
  • > > E BtW, per anni nessuno ha offerto
    > > un'alternativa valida a ie.
    > eh????
    > netscape lo era, prima che
    decidesse di sbattersene del nascente standard "css" per focalizzarsi sui "jss" mentre IE faceva esattamente l'opposto. Che poi IE abbia "deragliato" è noto, ma netscape si è affossata da sola, punto.
    non+autenticato
  • all'epoca di netscape i css manco si usavano, mi ricordo che era il periodo in cui tutti, ma proprio tutti, usavano le tabelle e i tag html per fare pure la parte di presentazione

    ie ha vinto perchè era gratis e preinstallato con windows
    non+autenticato
  • > all'epoca di netscape i css manco si usavano, mi
    > ricordo che era il periodo in cui tutti, ma
    > proprio tutti, usavano le tabelle e i tag html
    > per fare pure la parte di
    > presentazione
    >
    scusami, avrei dovuto capire che sei niubbo ed evitare di andare sul tecnico. <g>
    In ogni caso, ecco la pagina di wikipedia che perla dei JSS e di come netscape si sparò nei piedi da sola: http://en.wikipedia.org/wiki/JavaScript_Style_Shee...
    ed anche la pagina del sito del w3c con la proposta di relativa alla standardizzazione dei jss, fortunatamente rifiutata: http://www.w3.org/Submission/1996/1/WD-jsss-960822

    > ie ha vinto perchè era gratis e preinstallato con
    > windows
    e la marmotta incartava la cioccolata <g>
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > ie ha vinto perchè era gratis e preinstallato con
    > windows

    guarda, non parlo in termini assoluti ma di esperienza personale... io scelsi IE perchè si caricava in un nanosecondo e netscape non offriva niente di più a parte il newsreader ma scoprii presto il mitico agent
    -ToM-
    4532