Wireless, il Pentagono fa la pace

Wi-fi e dintorni avranno più frequenze e disponibilità per proporre nuovi servizi commerciali. In cambio dovranno saper tutelare le reti wireless militari

Washington (USA) - C'è un'intesa tra la Difesa americana e i produttori di tecnologie wireless. Lo hanno annunciato nelle scorse ore responsabili del Pentagono e dell'industria che hanno posto fine ad un problema percepito come scottante negli USA perché ha creato non poco scompiglio nei piani di sviluppo dei serizi commerciali wireless, dal wi-fi in poi. Lo scorso dicembre il Pentagono denunciò i pericoli derivanti alla difesa americana dall'avanzare dei sistemi wireless.

La visione di fondo dell'intesa è aumentare il più possibile le frequenze e gli spazi disponibili per gli operatori commerciali, impedendo contestualmente che le reti commerciali possano interferire con quelle militari.

Per ottenere lo scopo, ai costruttori commerciali è richiesto di inserire nelle proprie specifiche ciò che serve per "tutelare" le reti militari ed impedire che i propri strumenti possano interferire con esse. La determinazione delle specifiche avrà naturalmente un ruolo importante nel decidere il successo di una intesa simile.
In questo modo la Difesa conta di poter liberare almeno il doppio delle frequenze attualmente utilizzate, una "mossa" che raccoglie naturalmente il plauso e l'interesse di tutta l'industria di settore.