Gaia Bottà

RIAA, 7mila dollari per anni di processi

I figli di Patti Santangelo, accusata di essere una mamma pirata e poi assolta, hanno accettato di patteggiare. Non si dichiarano colpevoli, ma rassegnati

Roma - Hanno trascorso l'adolescenza dentro e fuori le aule di tribunali, hanno combattuto contro un'industria dei contenuti che li accusava di aver condiviso illecitamente materiale protetto dal diritto d'autore. I figli di Patti Santangelo si sono accordati con i colossi dei contenuti: se il giudice apporrà il sigillo alla proposta di accordo corrisponderanno 7mila dollari a titolo di risarcimento.

Patti Santangelo incarna appieno l'archetipo della mamma pirata tratteggiato dall'industria della musica: quarantenne, divorziata, cinque figli da mantenere. La donna era stata contattata dall'industria dei contenuti nel 2005: le era stata contestata la violazione del diritto d'autore commessa a mezzo Kazaa. Santangelo aveva negato: incapace di districarsi fra le basi dell'informatica di servizio, assicurava di non essere in grado di attingere alla rete per scaricare o caricare materiale protetto.

Per questo motivo la donna aveva deciso di non rassegnarsi a chiudere il caso con un patteggiamento e con 4mila dollari di compensazione: l'industria aveva fatto la propria proposta, Santangelo aveva ribattuto decidendo di affrontare il caso di fronte a un magistrato. Aveva sostenuto 24mila dollari di spese legali nel tentativo di dimostrare la propria innocenza, aveva ottenuto il supporto dei cittadini della rete. Il caso era stato chiuso nel 2006. Lo aveva riconosciuto lo stesso giudice incaricato di valutare il caso: Patti Santangelo sarebbe stata troppo digitaldivisa per potersi intrattenere con il file sharing.
Ma l'industria della musica si era scagliata contro i figli della donna, Michelle e Robert, rispettivamente, all'epoca della violazione contestata, di 15 e di 11 anni. Sarebbero stati loro ad aver insinuato nella macchina della famiglia Santangelo il client di condivisione e il materiale pirata, un migliaio di brani. La figlia avrebbe ammesso timorosa la propria colpevolezza, il figlio sarebbe stato tradito da un amichetto delatore.

Robert aveva mostrato la stessa tempra della madre: aveva puntato il dito contro le rappresaglie deterrenti dell'industria, aveva accusato i suoi accusatori di aver macchiato la propria reputazione, di aver divelto la propria attenzione dagli impegni scolastici, di aver prosciugato le finanze familiari con un'estorsione in piena regola. Ma il processo nei confronti dei giovani figli di Patti Santangelo si è dipanato per anni senza che l'autorità giudiziaria abbia decretato vinti e vincitori.

I due giovani hanno ora ceduto le armi, si sono dimostrati disponibili a patteggiare: si sono accordati con l'accusa per un pagamento di 7mila dollari, poco più di 5mila euro, da versare nell'arco di sei mesi; sono in attesa che il giudice approvi la proposta di accordo.

Il legale dei ragazzi ha spiegato che la negoziazione fra le parti è stata necessaria per contenere le spese legali, per evitare che il muro contro muro si trascinasse ancora per mesi. RIAA rifiuta di parlare di vittorie o di degni risarcimenti: nonostante l'industria dei contenuti abbia cambiato strategia nelle proprie battaglie, un proceso che si chiude per patteggiamento riuscirebbe in ogni caso a dimostrare che violare la legge comporta delle conseguenze.

Gaia Bottà
60 Commenti alla Notizia RIAA, 7mila dollari per anni di processi
Ordina
  • Io non vi capisco... Se i prezzi dei cd sono troppo alti nessuno vi obbliga mica a comprarli... accendete la radio e avete tutta la musica che volete a gratis se proprio non volete spendere... Volete scaricare da emule e affini??? Va bene ma poi non vi lamentate se poi quando vi beccano vi fanno il culo...
  • Ti dico solo una cosa: le rare volte che scarico qualcosa da internet, si tratta solo ed unicamente di file che in ogni caso non sarei andato a comprare...
    Quindi dal mio punto di vista, trovo estremamente scandaloso e immorale che le major pretendano risarcimenti "per mancato guadagno". Mancato guadagno di che? Se nn potessi scaricarlo non lo comprerei, quindi...
    Tutto il resto lo compro normalmente nei negozi, aprire un cd/dvd nuovo e sentirne l'odore non ha prezzo Sorride
    non+autenticato
  • comprare qualsiasi CD, DVD originale.

    Dico sul serio:
    se in un caso rubi soldi dal copyright, dall'altro comprandoli finanzi gente che vuole mettere le mani sull'unico mezzo democratico di diffusione dell'informazione che abbiamo.

    Quale delle due è più "immorale"?

    Io non gli compro più niente.
    non+autenticato
  • vergognoso, eppure succede sempre. in tribunale vince chi riesce a trascinare le cose allo sfinimento dell'avversario.

    Senza un sistema giudiziario equo, non siamo in democrazia. Siamo semplicemente repubbliche delle banane con una facciata piu' rispettabile dei vari dittatori... con cui peraltro facciamo affari.
    non+autenticato
  • Prima la baia,
    poi questa.

    E' una lotta persa contro le major! Loro hanno centinaia di avvocati, un casino di soldi e la legge dalla loro parte e voi il vostro pensiero comunista e la maglietta di che guevara.

    Se volete veramente danneggiare le major non dovete ne' comprare la loro musica, ne' scaricarla e protestare attivamente. Scaricare non fate altro che farli incazzare sempre di piu'.

    Scendete in piazza, bruciate una montagna di cd originali (il falo' delle major.. vedo gia' i titoli sui giornali), mettetevi davanti ai carrarmati con il cd pirata in mano, incatenatevi davanti alla casa di pupo.. insomma fate qualcosa invece di starvene dietro al pc e lamentarvi ogni giorno su PI.


    ah.. oops forse ho detto una stronzata... come si fa a vivere rinunciando al cinema o al torrent di Sbirri con Roul Bova.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chobin
    > Prima la baia,
    > poi questa.
    >
    > E' una lotta persa contro le major! Loro hanno
    > centinaia di avvocati, un casino di soldi e la
    > legge dalla loro parte e voi il vostro pensiero
    > comunista e la maglietta di che
    > guevara.
    >   
    > Se volete veramente danneggiare le major non
    > dovete ne' comprare la loro musica, ne'
    > scaricarla e protestare attivamente. Scaricare
    > non fate altro che farli incazzare sempre di
    > piu'.
    >
    > Scendete in piazza, bruciate una montagna di cd
    > originali (il falo' delle major.. vedo gia' i
    > titoli sui giornali), mettetevi davanti ai
    > carrarmati con il cd pirata in mano, incatenatevi
    > davanti alla casa di pupo.. insomma fate qualcosa
    > invece di starvene dietro al pc e lamentarvi ogni
    > giorno su
    > PI.


    Sarebbe piu' utile magari comprare solo quello che merita
    e non volere sempre tutto e tutto come ci pare e quando ci pare.
    Forse sarebbe meglio. Il mercato si screma da solo. Chi merita e piace
    resta, gli altri no.


    >
    >
    > ah.. oops forse ho detto una stronzata... come si
    > fa a vivere rinunciando al cinema o al torrent di
    > Sbirri con Roul
    > Bova.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chobin
    > Prima la baia,
    > poi questa.

    > E' una lotta persa contro le major! Loro hanno
    > centinaia di avvocati, un casino di soldi e la
    > legge dalla loro parte e voi il vostro pensiero
    > comunista e la maglietta di che guevara.

    > Se volete veramente danneggiare le major non
    > dovete ne' comprare la loro musica, ne'
    > scaricarla e protestare attivamente. Scaricare
    > non fate altro che farli incazzare sempre di
    > piu'.

    Va bene non comprare, ma che c'entra il non scaricare ? S noi se s'incazsno che ne cale ? Meglio si
    spenderanno un po' di soldi in medicine.

    > Scendete in piazza, bruciate una montagna di cd
    > originali (il falo' delle major.. vedo gia' i
    > titoli sui giornali), mettetevi davanti ai
    > carrarmati con il cd pirata in mano, incatenatevi
    > davanti alla casa di pupo.. insomma fate qualcosa
    > invece di starvene dietro al pc e lamentarvi ogni
    > giorno su PI.

    Ma anche no, perche' mai ? Non siamo noi popolo quelli degli spot in tv, possiamo permetterci di vincere rimanendo passivi : sembra sempre che ci non compra debba perderci qualcosa, ma non e' vero, e' chi non vende che perde.

    > ah.. oops forse ho detto una stronzata... come si
    > fa a vivere rinunciando al cinema o al torrent di
    > Sbirri con Roul Bova.
    krane
    22544
  • - Scritto da: chobin

    > Scendete in piazza, bruciate una montagna di cd
    > originali (il falo' delle major.. vedo gia' i
    > titoli sui giornali),

    io vedo solo tanta diossina nell'aria.
    non+autenticato
  • Si potrebbe comprare "quel che vale", a patto che quest'ultimo costi il giusto.

    Ma dato che anche quello che "qualcosa vale" costa piu' di quanto realmente vale, che si fa?
    Non si compra nulla?

    Io faccio cosi da almeno 8 anni e non uso il p2p per scaricare film, musica etc.etc.

    Mi bastano le radio su internet quando lavoro e quando proprio vale, un bel noleggio o un film al cinema ( lasciando i pargoli da qualcuno per evitar di compilare una richiesta di finanziamento per i biglietti.... )
    non+autenticato
  • non esiste un gruppo musicale che tu senti per la prima volta solo dopo aver comprato il CD

    e spessissimo lo conosci non dalla radio o da MTV, ma ascoltandolo a casa degli amici (illegale!!!)... se non.... ORRORE ORRORE.... avendo fattoti prestare il CD originale.


    quindi poche cazzate
    siamo (siete) tutti PIRATI!

    piaccia o meno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: antonio
    > non esiste un gruppo musicale che tu senti per la
    > prima volta solo dopo aver comprato il
    > CD
    >
    > e spessissimo lo conosci non dalla radio o da
    > MTV, ma ascoltandolo a casa degli amici
    > (illegale!!!)... se non.... ORRORE ORRORE....
    > avendo fattoti prestare il CD
    > originale.
    >
    >
    > quindi poche cazzate
    > siamo (siete) tutti PIRATI!
    >
    > piaccia o meno.

    Ti quoto, viva la sincerità, senza contare che il termine pirata non è adeguato alla classe, in quanto il pirata si appropriava delle "merci" altrui, invece utente che scarica non toglie niente a nessuno, lo copia o lo repplica e nellla stra grande maggioranza dei casi, trattandosi di opere schifose se ne libera cancellandole senza produrre alcun inquinamento per l'ambiente.
    Se invece le si acquistasse, le stesse facendo ugualmente schifo, le si getterebbe nella spazzatura, quindi "piratare" risulta pure ecologico!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: erbeppe
    > - Scritto da: antonio
    > > non esiste un gruppo musicale che tu senti per
    > la
    > > prima volta solo dopo aver comprato il
    > > CD
    > >
    > > e spessissimo lo conosci non dalla radio o da
    > > MTV, ma ascoltandolo a casa degli amici
    > > (illegale!!!)... se non.... ORRORE ORRORE....
    > > avendo fattoti prestare il CD
    > > originale.
    > >
    > >
    > > quindi poche cazzate
    > > siamo (siete) tutti PIRATI!
    > >
    > > piaccia o meno.
    >
    > Ti quoto, viva la sincerità, senza contare che il
    > termine pirata non è adeguato alla classe, in
    > quanto il pirata si appropriava delle "merci"
    > altrui, invece utente che scarica non toglie
    > niente a nessuno, lo copia o lo repplica e nellla
    > stra grande maggioranza dei casi, trattandosi di
    > opere schifose se ne libera cancellandole senza
    > produrre alcun inquinamento per
    > l'ambiente.

    E' arrivato lo sveglione.... non paghi per quello che stai scaricando,
    lo utilizzi senza averne diritto, lo duplichi senza averne diritto, lo diffondi,
    senza averne diritto. Ma soprattutto danneggiando quello che può essere il
    tuo artista preferito, che non ti ha autorizzato (e con lui i detentori di diritti connessi)
    ad autilizzare il suo materiale.
    Ma svegliati vah, che è meglio.... (per te)



    > Se invece le si acquistasse, le stesse facendo
    > ugualmente schifo, le si getterebbe nella
    > spazzatura, quindi "piratare" risulta pure
    > ecologico!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enry
    > E' arrivato lo sveglione.... non paghi per quello
    > che stai scaricando,
    > lo utilizzi senza averne diritto, lo duplichi
    > senza averne diritto, lo
    > diffondi, senza averne diritto. Ma soprattutto
    > danneggiando quello che può essere il
    > tuo artista preferito, che non ti ha autorizzato
    > (e con lui i detentori di diritti
    > connessi)
    > ad autilizzare il suo materiale.
    > Ma svegliati vah, che è meglio.... (per te)

    Sua maesta "Il Fubbo" ha concesso udienza...

    1°) Neppure acquistare un cd originale ti permette di :
    - Diffondere musica in pubblico ( es. nelle vicinanze di finestre e balconi )
    - Prestare il _tuo_ cd ad un amico o alla ragazza
    2°) Attualmente, si pagano degli "oboli" ( tasse ) sui supporti di memorizzazione vergini ( hard disk, cd, dvd ) per "compensare" i mancati introiti. Quindi il tizio del p2p ha il _diritto_ di scaricare in quanto ha pagato la tassa sull'hard disk
    3°) Non so come si sia potuto "vendere" il diritto d'autore a societa'. Non so chi sia stato il genio che ha reso possibile cio'. Se tu crei, TU devi goderne i diritti e non la società XXX.
    4°) Lo Stato paga diversi milioni di euro a favore di artisti ogni anno, pertanto, se lo Stato ( anche io ) finanzia il cinema o la musica, allora lo Stato ( anche io ), deve usufruirne.

    Chi e' che si deve svegliare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mi scoccio di loggare

    > 1°) Neppure acquistare un cd originale ti
    > permette di
    > :
    > - Diffondere musica in pubblico ( es. nelle
    > vicinanze di finestre e balconi

    Fonte legale? Non si può ascoltare musica vicino ad un balcone aperto per motivi di copyright? La diffusione è altra cosa...

    > - Prestare il _tuo_ cd ad un amico o alla ragazza

    Ri-fonte legale?

    > 2°) Attualmente, si pagano degli "oboli" ( tasse
    > ) sui supporti di memorizzazione vergini ( hard
    > disk, cd, dvd ) per "compensare" i mancati
    > introiti.

    Grandissima ingiustizia, tutta italiana.

    > Quindi il tizio del p2p ha il _diritto_
    > di scaricare in quanto ha pagato la tassa
    > sull'hard
    > disk

    LOL, rispondere ad una ingiustizia con un'altra fa DUE INGIUSTIZIE. Nient'altro.

    > 3°) Non so come si sia potuto "vendere" il
    > diritto d'autore a societa'. Non so chi sia stato
    > il genio che ha reso possibile cio'. Se tu crei,
    > TU devi goderne i diritti e non la società
    > XXX.
    > 4°) Lo Stato paga diversi milioni di euro a
    > favore di artisti ogni anno, pertanto, se lo
    > Stato ( anche io ) finanzia il cinema o la
    > musica, allora lo Stato ( anche io ), deve
    > usufruirne.

    Quindi un'azienda agricola che usufruisce dei finanziamenti europei a fondo perduto dovrebbe poi regalare i suoi prodotti a qualunque cittadino europeo che lo desideri?
  • - Scritto da: antonio
    > non esiste un gruppo musicale che tu senti per la
    > prima volta solo dopo aver comprato il
    > CD
    Esiste il fattore stupidità ed esistono le mode ma, a parte quello, a logica si dovrebbe comprare avendo idea del contenuto.

    > e spessissimo lo conosci non dalla radio o da
    > MTV, ma ascoltandolo a casa degli amici
    > (illegale!!!)... se non.... ORRORE ORRORE....
    > avendo fattoti prestare il CD
    > originale.
    Beh, qui mischi canali legali e canali non legali.
    Non è che avanzi molto (il semilegale non mi pare che esista).

    > quindi poche cazzate
    > siamo (siete) tutti PIRATI!
    Ma anche no?
    Se sento una canzone alla radio e compro il CD direi che sono in regola.
    E posso presentarti persone che comprano solo originale, dai SW (tutti) a CD/DVD.

    Che poi ci siano anche casi diversi non lo metto in dubbio, anzi.
    E l'idea di dover pagare 30 euro per una raccolta o un CD di un decennio fa mi irrita parecchio.
  • - Scritto da: Valeren
    > - Scritto da: antonio
    > > non esiste un gruppo musicale che tu senti per
    > la
    > > prima volta solo dopo aver comprato il
    > > CD
    > Esiste il fattore stupidità ed esistono le mode
    > ma, a parte quello, a logica si dovrebbe comprare
    > avendo idea del
    > contenuto.

    Vero, anche se spesso compri il cd che contiene quel pezzo bello unitamente a 11 brani schifosi, quindi cosa fai?
    Copi l'unico brano ascoltabile su un cd che contiene altri brani ascoltabili, questo è illegale, tu non lo hai fatto?


    > > e spessissimo lo conosci non dalla radio o da
    > > MTV, ma ascoltandolo a casa degli amici
    > > (illegale!!!)... se non.... ORRORE ORRORE....
    > > avendo fattoti prestare il CD
    > > originale.
    > Beh, qui mischi canali legali e canali non legali.
    > Non è che avanzi molto (il semilegale non mi pare
    > che
    > esista).

    Legale è quello che la maggior parte della gente ritiene che lo sia, non quello che ti dice chi ci lucra sopra

    > > quindi poche cazzate
    > > siamo (siete) tutti PIRATI!
    > Ma anche no?

    MA anche si, basta ammeterlo, non ci lucriamo sopra, ma che viviamo in modo "illegale" è indiscutibile.

    > Se sento una canzone alla radio e compro il CD
    > direi che sono in
    > regola.
    > E posso presentarti persone che comprano solo
    > originale, dai SW (tutti) a
    > CD/DVD.

    Perchè io non li compro se meritano?
    MA anche si "per citarti",però pur comprandoli mi faccio dei cd con solo quello che mi piace,questo è illegale anche se ho pagato i diritti per tutte le canzoni.

    > Che poi ci siano anche casi diversi non lo metto
    > in dubbio,
    > anzi.
    > E l'idea di dover pagare 30 euro per una raccolta
    > o un CD di un decennio fa mi irrita
    > parecchio.

    A me irrita di più comprare in digitale ciò che avevo in analogico, non parlo del costo del supporto in se, ma del fatto che pago i diritti due volte per la stessa cosa.

    Poi mi fa letteralmente incazzare, che voi paghiate la tassa sulla pirateria anche su supporti vergini che usate per fare il backup o per le foto delle vacanze.

    Dico voi, perchè io li compro dove tale tassa assurda non esiste "all'estero".

    un ottimo sito dove acquistare è questo: http://www.luxdisc.com/index.php
    Non è illegale comprare all'estero, quindi non si infrange nessuna legge, la si aggira e basta!!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)