Vincenzo Gentile

Apple brevetta il distributore di contenuti

L'azienda di Cupertino ha depositato un brevetto relativo ad un chiosco per la fornitura di contenuti multimediali. Nel mentre, iPhone e iPod Touch diventano dispositivi didattici

Roma - Una delle aziende più prolifiche nel depositare brevetti in materia di innovazione tecnologica è senz'altro Apple, azienda che punta ora alla distribuzione dei contenuti del suo iTunes Store in tutta mobilità. L'idea è quella di combinare la fisicità di un jukebox con la connettività e la filosofia dei player multimediali: verrà così realizzato un vero e proprio chiosco in grado di distribuire contenuti on the go per iPod e iPhone, dispositivi sempre più presenti e richiesti sul mercato, al punto di divenire parte indispensabile del corredo accademico di un'università statunitense.

L'hub multimediale descritto nelle 19 pagine del testo del brevetto depositate dall'azienda di Cupertino si configura come un dock in grado di rifornire di video, musica e applicazioni in luoghi pubblici quali stazioni ferroviarie, aeroporti e centri commerciali. Il cuore dell'intero brevetto è proprio il sistema di connessione tra chiosco e dispositivo, che la Mela descrive come una virtual physical connection, in grado di riconoscere i dispositivi nei paraggi e stabilire una connessione wireless cifrata per distribuire i contenuti scelti dall'utente.

Il chiosco permette inoltre, grazie alla tastiera integrata, l'accesso al proprio account di iTunes Store, in modo da garantire la rapidità delle procedure d'acquisto. Lo stoccaggio dei contenuti è volutamente sdoppiato, e si configura in un server locale in grado di ospitare le novità del momento, i classici e i best seller e nel già citato collegamento ad iTunes per una ricerca più approfondita e vasta. Nonostante ciò, per chi non dovesse possedere un account sullo store online di iTunes dovrebbe essere implementato il pagamento via carta di credito.
Apple motiva la scelta di questo metodo alternativo poiché ritiene poco funzionali i connettori fisici, soggetti sia al deterioramento che al guasto senza un'adeguata manutenzione. Diverso il discorso, invece, per la distribuzione via WiFi, ritenuta scomoda poiché facilmente saturabile o soggetta a tentativi di hacking. Comunque, una configurazione siffatta riduce ampiamente la lista di dispositivi compatibili ai soli device dotati di modulo wireless, quindi iPhone, iPod Touch e, ovviamente i laptop. Per questo motivo, chi dovesse essere dotato di un player multimediale privo di WiFi necessita di passare prima da un laptop.

Nonostante ciò, è anche vero che Apple punta alla diffusione massima dei suoi dispositivi più avanzati, che hanno indubbiamente avuto un notevole impatto sul mercato consumer. In tal senso non stupisce che la Missouri School of Journalism abbia inserito nel corredo didattico dei suoi studenti sia l'iPod Touch che il cugino iPhone. La decisione è stata motivata dalla dirigenza dell'istituto poiché si crede fermamente nell'utilizzo del podcast come strumento di apprendimento più efficace dei normali libri di testo. "Alcuni studi hanno dimostrato che se agli studenti viene data la possibilità di ascoltare una seconda volta la lezione, sono in grado di assimilare il triplo delle informazioni fornite" dichiara Brian Brooks, decano dell'istituto.

Nonostante non si tratti di un vero obbligo, dal momento che la scuola rende comunque possibile l'utilizzo del più classico laptop, la decisione ha generato alcune polemiche anche tra gli alunni stessi, spingendo alcuni di loro ad istituire un gruppo di protesta su Facebook chiamato Rotten Apple, in cui la scuola viene accusata di forzare gli studenti a comprare dispositivi di un marchio specifico, a discapito della libera scelta. A sua volta la scuola si difende dalle accuse ribadendo che non si tratta affatto di un obbligo, ma solo di un consiglio, dal momento che a loro giudizio iPhone e iPod sono strumenti molto in voga tra i giovani, invocandone quindi la semplicità di utilizzo. L'unico vero problema per molti potrebbe essere rappresentato dal prezzo non proprio popolare dei dispositivi: per questo potrebbero risultare utili le varie promozioni fatte dall'azienda di Cupertino per gli studenti, che godono di condizioni agevolate per l'acquisto di prodotti tecnologici utilizzati per fini didattici.

Vincenzo Gentile
69 Commenti alla Notizia Apple brevetta il distributore di contenuti
Ordina
  • Non contento di aver bloccato un altro 3ad con un intervento senza né capo né coda, insisti pure?
    Continua a girare le frittate e ad alimentare le tue paranoie, abbiamo tutti bisogno di ridere e fortunatamente ci pensi tu. Grazie di trollare per noi.

    PS: a questo punto salutaci pure Jerry.
    non+autenticato
  • per essere riuscito a far bloccare il 3ad.

    Quando sarai moderatore potrai gestire il forum a tuo piacimento. Dato che non lo sei e mai lo sarai,impara la cosa più semplice e democratica che vi possa essere: tollerare opinioni diverse dalle tue.

    Lasci tutti senza parole con questi atteggiamenti puerili e malsani.

    La domanda che sorge spontanea è la seguente: è mai possibile che utenti registrati si possano comportare in questo modo?
    non+autenticato
  • io invece credo che la redazione veda gli IP degli utenti.

    oh alexjenn, in simpatia eeeeeh!Occhiolino
    -ToM-
    4532
  • Ovvio, solo che è così gentile da non farti rimediare pubbliche figure.


    - Scritto da: -ToM-
    > io invece credo che la redazione veda gli IP
    > degli
    > utenti.
    >
    > oh alexjenn, in simpatia eeeeeh!Occhiolino
    non+autenticato
  • Eh non pensavo che ci fosse bisogno di scrivere "a buon intenditor poche parole"...

    Considerando che non ci siamo ne offesi e che l'OT è tollerato perchè qui è tutto OT, non abbiamo violato nessuna regola di comportamento quindi:

    NON TI RENDI CONTO CHE MOLTO PROBABILMENTE HANNO BLOCCATO IL THREAD PERCHE' TI CLONI?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 maggio 2009 16.43
    -----------------------------------------------------------
    -ToM-
    4532
  • Considerato che lo hanno stranamente bloccato dopo i tuoi interventi d'alto rango; considerato che sei noiosamente monotono e totalmente fuori strada, direi che continui a prendere grandi abbagli; ma continua pure, oggi ho bisogno di sorridere.
    non+autenticato
  • http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2619129&m=261...

    alexjenn offende.


    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2619129&m=261...

    una semplice divergenza di opinioni


    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2619129&m=261...

    alexjenn offende
    "blah blah blah non avevo capito che sei tu"


    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2619129&m=261...

    parlo di alternative, attacchi ancora MS con il suo sistema di diffusione, ma rimane il fatto che le PA e gli esercizi di PI possono scegliere sempre fra più competitors. Poi puntualmente come tutti questi utenti che passano e se ne vanno, difendi alex.


    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2619129&m=261...

    dico una sacrosanta verità che è ampiamente documentata (google) ed invece di smentire con solide argomentazioni mi rispondi così http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2619129&m=261... manipolando le mie parole al reply successivo rimpastando il discorso http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2619129&m=262... e concludendo con una frase fin troppe volte usata da alexjenn nei miei confronti.

    Poi, ciliegina sulla torta ritorni a firmarti alexjenn facendo una arrampicata sul fatto che taglio quando quoto e cutto esattamente come si deve fare e nessuno si è mai lamentato tranne lui (perchè non conosce bene come si cutta e come si quota).

    Mi assumo la mia rsponsabilità e chiedo scusa al forum per aver alimentato un mezzo flame con due troll, uno ben noto ed una new entry, Tex, che dopo aver dato supporto a se stesso alexjenn (perchè da solo non ce la fa e CVD finisce i reply sempre con le solite tre frasi a rotazione) sparirà come hanno fatto i vari Giov, Edo/Ciro ecc. ecc.

    Non sei capace di fare il giochino del clone e ti freghi sempre con le solite tecniche.
    Magari io sarò paranoico ma è già la quarta o quinta volta che succede. Concludendo, fino a prova contraria io mi faccio gli affari miei e se intervengo ne offendo e ne giro le frittate, magari posso essere un po provocatorio ma sempre nei limiti del rispetto delle persone, come fanno tantissimi utenti più o meno registrati... nel thread cè scritto nero su bianco (ti basta seguire la ricostruzione che ho fatto sopra) quali reply sono più flammatori.

    Hai torto, fattene una ragione.

    PLONK
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 maggio 2009 17.19
    -----------------------------------------------------------
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: anonimo
    > brevettare i brevetti

    Sicuro che non ci abbiano già pensato? (non è una battuta...)
    non+autenticato
  • Il vero problema è che l'Ufficio Brevetti USA accetta brevetti per cose del genere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: James Kirk
    > Il vero problema è che l'Ufficio Brevetti USA
    > accetta brevetti per cose del
    > genere.

    Di fatti, ci sto gia' provando. Vi terro' aggiornati su q
    non+autenticato
  • - Scritto da: James Kirk
    > Il vero problema è che l'Ufficio Brevetti USA
    > accetta brevetti per cose del
    > genere.

    Di fatti, ci sto gia' provando. Vi terro' aggiornati su quel che succede. Che sia finalmente la fine dei brevetti cosiì come sono oggi?
    Spero vivamente che ci lascino le penne un po' di pezzi grossi, cosi' l'effetto sara' sicuro.
    non+autenticato
  • ... visto che Apple ha difficoltà sempre maggiori a tenere le quote di mercato ora fa accordi con le scuole per obbligare gli studenti a comprare Iphone ed Ipod....
  • diciamo peró che loro studiano anche soluzioni pensate ad hoc per il mondo accademico...
    La Apple non obbliga nessuno, semplicemente offre degli strumenti appetibili...

    http://developer.apple.com/iphone/program/universi...
    MeX
    16902
  • Ehm avevamo già letto negli scorsi giorni la tua teoria delle quote di mercato in caduta libera, ma non avevamo trovato riscontri numerici: ce li fornisci almeno oggi quei link?

    - Scritto da: Enjoy with Us
    > ... visto che Apple ha difficoltà sempre maggiori
    > a tenere le quote di mercato ora fa accordi con
    > le scuole per obbligare gli studenti a comprare
    > Iphone ed
    > Ipod....

    E quindi cattiva apple perché obbligherebbe le scuole? E tu credi che abbia tutto questo potere o magari è anche colpa delle scuole stesse che hanno fatto questa scelta?

    Strano però, quando le scuole puntano su iphone/ipod sono cattive (anzi secondo te è pure colpa della apple), ma quando puntano su MS windows e programmi MS sono invece da lodare.
    non+autenticato
  • lascialo perdere.. è un lecchino M$ che fa sempre il bastian contrario
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > ... visto che Apple ha difficoltà sempre maggiori
    > a tenere le quote di mercato ora fa accordi con
    > le scuole per obbligare gli studenti a comprare
    > Iphone ed
    > Ipod....

    Obbliga?

    http://www.apple.com/it/itunes/whatson/itunesu.htm...

    I podcast sono gratuiti, puoi ascoltarli dove ti pare, o non lo sapevi?

    Pensa invece alle scuole italiane, che presidi "consenzienti" danno sempre appalti ad amici per l'acquisto di computer con licenze di Windows e Office, spendendo bei quattrini (nostri), quando potrebbero acquistarli con Linux e OpenOffice, mentre i provveditorati approvano i loro consuntivi di spesa.

    E tutto per chiedere agli studenti di scrivere, su Uòrd, come hanno trascorso la vacanza o cosa fanno i genitori, oppure per fare qualche somma su Ecsél.

    Pensa pure alla Microsoft che fa accordi con le PA... non dirmi che non sapevi che le nostre tasse servono anche per dare soldi per le licenze dei soliti programmi?
  • - Scritto da: alexjenn

    > Obbliga?
    >
    > http://www.apple.com/it/itunes/whatson/itunesu.htm
    >
    > I podcast sono gratuiti, puoi ascoltarli dove ti
    > pare, o non lo
    > sapevi?
    >

    Domanda, pura curiosità: devo passare per forza via itunes per tirarli giù?
    non+autenticato
  • Francamente non saprei non ho mai consultato podcast ma facendo un giro veloce su podcast.it mi ha aperto tutto quello che viene definito tale con il flash player in streaming, a questo punto chiedo pure io a chi ne sa di più qualche delucidazione.
    mura
    1743
  • E io ti faccio un'altra domanda: iTunes è a pagamento?

    Comunque sì, da iTunes li puoi scaricare o anche abbonarti a un servizio o programma, in modo tale da ricevere in automatico gli ultimi podcast di tale servizio.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 maggio 2009 10.16
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: alexjenn
    > E io ti faccio un'altra domanda: iTunes è a
    > pagamento?

    Ti ha fatto una domanda semplice, perchè rispondere dicendo che iTunes è free come se il tipo insunasse qualcosa sulla possibilità di fruire dei contenuti senza un determinato sw?
    Difendere Apple, sempre e comunque, anche quando non viene accusata. Che tristezza.
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > - Scritto da: alexjenn
    > > E io ti faccio un'altra domanda: iTunes è a
    > > pagamento?
    >
    > Ti ha fatto una domanda semplice, perchè
    > rispondere dicendo che iTunes è free come se il
    > tipo insunasse qualcosa sulla possibilità di
    > fruire dei contenuti senza un determinato
    > sw?

    La sua domanda dalla curiosità e preoccupazione.

    Secondo te per cosa?

    > Difendere Apple, sempre e comunque, anche quando
    > non viene accusata. Che
    > tristezza.

    Ed ecco a voi il pagliaccio Tom che ci allieterà dal grigiore del lunedì. Con la lingua fuori
  • Senza speranza.
    -ToM-
    4532
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)