Vincenzo Gentile

SMS troppo cari, interviene il Garante

In vista della riforma dei prezzi voluta dalla UE, l'Authority caldeggia un intervento anche in Italia. Il rischio è pagare meno i servizi per l'estero di quelli italiani

Roma - Dopo anni di malcontento e lamentele degli utenti, finalmente qualcosa sembra muoversi, in linea con le nuove direttive europee volte a riformare i costi della telefonia mobile: in un'analisi fatta in Italia dal Garante delle Comunicazioni sono stati messi sotto osservazione i costi degli SMS, giudicati troppo cari per chi non decidesse di correre ai ripari aderendo a promozioni in grado di mitigare i costi di invio dei messaggini di testo.

Secondo le trenta pagine del report redatto da Agcom, che verrà vagliato dall'Antitrust, nonostante un buon 75 per cento degli utenti ricorra a piani promozionali o offerte fatte dai provider che garantiscono un qualche tipo di sconto sugli SMS, il restante quarto dell'utenza italica, costituito in gran parte dalle fasce d'età più alte della popolazione, continua a pagare a prezzo pieno ogni singolo SMS inviato con un costo medio di 15 centesimi circa. Valore che pone l'Italia ai vertici della classifica dei paesi europei con i messaggi brevi più cari.

Secondo il Garante delle Comunicazioni è tempo di agire: e occorre farlo in fretta, dal momento che a breve entrerà in vigore la nuova normativa europea volta a uniformare il prezzo dei servizi di telefonia mobile in roaming: come noto, i costi verranno unificati e abbassati sino al prezzo standard di 11 centesimi, ritenuto sufficiente per un SMS transeuropeo. Per questo motivo, il ricorso all'Antitrust appare secondo le associazioni a tutela del consumatore più che necessario.
Seppure sia vero che nel corso del tempo sono nate soluzioni alternative che permettono di inviare SMS a costi più contenuti, come fanno ad esempio Skype e Skebby, è anche vero che soluzioni simili vengono adottate solo da utenti con un minimo di esperienza in fatto di tecnologia, e dotatisi di un apparecchio tecnologicamente compatibile. Inoltre, così come lamentato da numerosi utenti, quello che manca al mercato italiano è la presenza di una soluzione flat per il web mobile in grado di competere con quelle offerte in altri paesi non troppo distanti.

Da verificare, inoltre, sono anche le posizioni degli operatori virtuali, i quali utilizzano le infrastrutture fisiche di altri provider affittando la banda utile al traffico dei propri utenti: un costo che si riflette, in media, su ogni SMS inviato con un sovrapprezzo di quasi 6 centesimi. Dall'intervento dell'Antitrust ci si aspetta maggiore chiarezza anche su questo aspetto della faccenda: il rischio è che i consumatori italiani finiscano per pagare un SMS nazionale più di uno inviato all'estero.

Vincenzo Gentile
24 Commenti alla Notizia SMS troppo cari, interviene il Garante
Ordina
  • si fa presto a fare i conti: ipoteticamente nella PEGGIORE delle ipotesi vengono inviati 60.000.000 (uno a testa in italia)di sms al giorno, per un valore di (x0,15cents)= 9milioni di € al giorno! per spedire in giro, facendo conto grossolano, 12gb al giorno, cioè una frazione infinitesimale dei dati che vengono spostati nella rete gsm per la voce...
    stiamo parlando di calcoli moooolto grossolani e generosi nei confronti dei gestori di telefonia

    se questi fossero i prezzi reali, converrebe fare una infrastruttura di antenne ecc anche solo per gli sms!!! 9 milioni di euro al giorno!un affare da 3,5 miliardi di euro l'anno!!!
    non+autenticato
  • Chissà perché, ogni tanto le authority italiane si svegliano dal loro lungo sonno. Stavolta tocca all’sms. Pare sia troppo caro. Ma va’? Che bella novità, peccato siano ormai 15 anni che i gestori lucrano alla grande sugli sms. La notizia dell’Authority che insorge improvvisamente contro il costo eccessivo degli sms è un po’ su tutti i giornali.

    E’ assodato tuttavia, e non da ieri, che il loro costo reale è infinitesimale rispetto a quanto ci viene fatto pagare. Secondo uno studio di Tele2, il costo di un sms per i gestori è quasi zero: a farla grossa, dovrebbero costare al massimo circa un centesimo di euro. Eppure tutti i gestori ce li fanno pagare circa 15 centesimi di euro, con ricavi di oltre il 90% che non hanno corrispettivo in nessun altro prodotto industriale. Un business gonfiato quindi oltre i limiti della decenza.

    Qualcuno ricorderà che all’inizio della telefonia mobile, gli sms erano addirittura gratis. Poi i gestori hanno intuito il business, e li hanno fatti pagare 250 lire. Con l’euro, hanno “arrotondato” a 15 centesimi, 300 lire. Prezzi gonfiati all’inverosimile e un evidente cartello tra gestori che dura da oltre un decennio. Eppure le authority non si sono mai accorte di nulla, hanno dormito per anni in un sonno profondo. A che si deve allora questo improvviso risveglio?

    Leggendo meglio gli articoli dei giornali, si scopre che la causa è una direttiva europea: dal primo luglio infatti il costo di un sms in ambito UE non potrà superare gli 11 centesimi. Potevano le nostre authority, le nostre belle addormenate, farsi sorprendere così in malomodo? Saremmo arrivati al ridicolo che un sms spedito nella città di Milano o Roma, sarebbe costato più di uno spedito da Atene a Londra o da Madrid a Berlino. La domanda allora sorge spontanea: a che servono le Authority?

    http://aghost.wordpress.com/2009/05/07/il-risvegli.../
  • >La domanda allora sorge spontanea: a che
    > servono le Authority?

    Servono a:
    1. parcheggiarci politici trombati (Vedi Rodota'), "amici degli amici",
    2. Creare un centro di potere (puo sempre tornare utile)
    3. farsi belli davanti agli elettori (L'autority non ha detto ninete e allora vuol dire che va bene)
    4. Sottostare alle direttive Europee che impongono 'ste cose.
    non+autenticato
  • Servono come tutte le altre cariche pubbliche: ad ingrassare nullafacenti.

    Per togliere il costo delle ricariche c'è voluta una petizione che, guarda caso, è stata quasi inutile visto che hanno aumentato le tariffe TUTTI e il garante non ha fatto nulla.
    Lo stesso succederà con questi sms, pagheremo più care le telefonate.

    Non si parla degli MMS che costano uno sproposito, non si parla delle videochiamate che costano un fottìo, non si parla del traffico dati che equipararlo ad un dissanguamento è riduttivo.

    Bella l'italia.

    - Scritto da: aghost
    > Chissà perché, ogni tanto le authority italiane
    > si svegliano dal loro lungo sonno. Stavolta tocca
    > all’sms. Pare sia troppo caro. Ma va’? Che bella
    > novità, peccato siano ormai 15 anni che i gestori
    > lucrano alla grande sugli sms. La notizia
    > dell’Authority che insorge improvvisamente contro
    > il costo eccessivo degli sms è un po’ su tutti i
    > giornali.
    >
    > E’ assodato tuttavia, e non da ieri, che il loro
    > costo reale è infinitesimale rispetto a quanto ci
    > viene fatto pagare. Secondo uno studio di Tele2,
    > il costo di un sms per i gestori è quasi zero: a
    > farla grossa, dovrebbero costare al massimo circa
    > un centesimo di euro. Eppure tutti i gestori ce
    > li fanno pagare circa 15 centesimi di euro, con
    > ricavi di oltre il 90% che non hanno
    > corrispettivo in nessun altro prodotto
    > industriale. Un business gonfiato quindi oltre i
    > limiti della
    > decenza.
    >
    > Qualcuno ricorderà che all’inizio della telefonia
    > mobile, gli sms erano addirittura gratis. Poi i
    > gestori hanno intuito il business, e li hanno
    > fatti pagare 250 lire. Con l’euro, hanno
    > “arrotondato” a 15 centesimi, 300 lire. Prezzi
    > gonfiati all’inverosimile e un evidente cartello
    > tra gestori che dura da oltre un decennio. Eppure
    > le authority non si sono mai accorte di nulla,
    > hanno dormito per anni in un sonno profondo. A
    > che si deve allora questo improvviso
    > risveglio?
    >
    > Leggendo meglio gli articoli dei giornali, si
    > scopre che la causa è una direttiva europea: dal
    > primo luglio infatti il costo di un sms in ambito
    > UE non potrà superare gli 11 centesimi. Potevano
    > le nostre authority, le nostre belle addormenate,
    > farsi sorprendere così in malomodo? Saremmo
    > arrivati al ridicolo che un sms spedito nella
    > città di Milano o Roma, sarebbe costato più di
    > uno spedito da Atene a Londra o da Madrid a
    > Berlino. La domanda allora sorge spontanea: a che
    > servono le
    > Authority?
    >
    > http://aghost.wordpress.com/2009/05/07/il-risvegli
    non+autenticato
  • ...sarebbe arrivata prima.
    Si svegliano solo ora? poverini, hanno sempre tanto da fare, capiamoli, su'!
    non+autenticato
  • Come mai proprio adesso un'analisi fatta dal Garante delle Comunicazioni in cui sono stati messi sotto osservazione i costi degli SMS, giudicati troppo cari?

    Proprio adesso che a livello europeo si sta facendo qualcosa per ridurli?

    Forse sarbbe stato insostenibile da parte dell'autority il fatto che un SMS per la Francia costasse meno meno che uno fatto all'interno dell'Italia.

    Alora l'autority cerca solo di salvare la sua credibilita', gia' sotto zero.

    Mi dispiace solo pagare per avere una autority che fa il gioco dell'avversario...
    non+autenticato
  • Hai centrato in pieno, stavo per scrivere la stessa cosa!

    Qui in Polonia (si, ho preferito emigrare io che far venire la mia ragazza in itaglia) gli sms si pagano circa 0.04 euro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Patrizio
    > Hai centrato in pieno, stavo per scrivere la
    > stessa
    > cosa!
    >
    > Qui in Polonia (si, ho preferito emigrare io che
    > far venire la mia ragazza in itaglia) gli sms si
    > pagano circa 0.04
    > euro.
    Eh si, ma ci dovresti anche dire quanto guadagna un'operaio in Polonia.
    non+autenticato
  • Perchè? Ci sono forse rimasti degli operai in Italia con cui fare un confronto?
    non+autenticato
  • Và, che anche se ci sono tutti i presupposti per lamentarsi/incavolarsi, nel resto del mondo va peggio (a parte alcune isole felici).
    Loro fanno i propri interessi, e noi dobbiamo trovare il punto dove premere al fine di rendere i governi più sensibili.
    "http://salsadibit.blogspot.com/2009/05/tariffe-per..."
    ufo1
    183
  • - Scritto da: Andonio
    > Alora l'autority cerca solo di salvare la sua
    > credibilita', gia' sotto
    > zero.
    >
    > Mi dispiace solo pagare per avere una autority
    > che fa il gioco
    > dell'avversario...

    mi ricorda i sindacati.....A bocca storta
  • Fino a luglio 2001 c'era un fiorire di servizi sms web gratuiti. Visto la perdita, che stavano subendo, in termini economici, gli operatori hanno fatto cartello è hanno istituito l'interconnessione.

    Esempio:
    Luigi -> vodafone
    Marco -> tim
    Lara -> wind

    luigi -sms> marco   parte del costo pagato da luigi (vodafone) va nelle casse di tim.

    insomma a meno che non inviate sms nella stessa rete... si deve pagare un pedaggio. così i siti web hanno chiuso perchè non potevano più sopportare le spese di invio con i banner pubblicitari.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)