Avanza il diritto all'accesso nella PA

Sono ormai più di 80 i parlamentari che hanno sottoscritto il progetto di legge Campa - Palmieri che intende rendere obbligatorio per i siti della Pubblica Amministrazione l'adozione di criteri di accessibilità

Roma - Il progetto di legge 3486 Campa - Palmieri avanza negli interessi degli esponenti politici italiani se si considera che proprio in questi giorni è salito oltre quota 80 il numero di parlamentari che lo hanno sottoscritto.

La proposta di legge viene considerata da più parti di grande interesse perché mira a vincolare la Pubblica Amministrazione ai criteri di accessibilità delle risorse informatiche nel predisporre la propria presenza in rete e nella fornitura di servizi telematici. Si tratta di parametri che, come noto, possono consentire l'accesso anche a chi deve utilizzare software specializzati di supporto, come i non vedenti o gli ipovedenti.

Le firme finora raccolte sono tutte di esponenti di Forza Italia, partito a cui appartengono i proponenti. "Da oggi - ha però affermato Cesare Campa - sottoporremo il testo alla firma di tutti gli altri deputati di tutti gli schieramenti".
A fine febbraio si terrà un seminario pubblico sulla proposta di legge. "Con queste iniziative - hanno dichiarato Campa e Antonio Palmieri - vogliamo aumentare la sensibilità dell'opinione pubblica, del Parlamento e dei responsabili dei siti internet della Pubblica Amministrazione in merito a questo tema. Siamo convinti che questo sia il modo migliore per preparare il terreno a una rapida approvazione della legge: il nostro obiettivo, pienamente condiviso dal ministro Stanca, è di vedere approvata definitivamente la legge entro la fine del 2003".
1 Commenti alla Notizia Avanza il diritto all'accesso nella PA
Ordina