Pirateria, arresti a Napoli

Scoperto laboratorio

Roma - Sono quattro gli arrestati dagli agenti della Questura di Napoli per pirateria musicale dopo la scoperta di un laboratorio illegale con 44 masterizzatori collocati in una casetta preffabbricata lungo la linea ferroviaria. Ne informa in una nota la F.P.M.- Federazione contro la pirateria musicale.

Si tratta di 4 napoletani che avevano allestito una struttura per riprodurre cd musicali, DVD e giochi per playstation. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati anche 8 computer, 6.250 cd musicali, 18 mila locandine e atro materiale per l'assemblaggio dei falsi.
1 Commenti alla Notizia Pirateria, arresti a Napoli
Ordina
  • Non capisco come si possa pensare prima di tutto di combattere la pirateria innalzando i prezzi dei cd vuoti ( e di conseguenza i prezzi in genere ) ed in secondo luogo di punire con pene così severe chi in fondo esercita la propria scelta in otica di mercato concorrenziale.
    E' innegabile infatti che il vero motore della pirateria sono non i produttori e consumatori di cd e dvd masterizzati ma le case produttrici dei cd originali che ci costringono a pagare prezzi esorbitanti per un prodotto di qualita' variabile tra il medio-alto ( sempre più spesso nei nostri album preferiti contengono pochi brani interessanti e tuto il resto sono meri riempitivi) e la spazzatura ( leggasi le raccolte di musica commerciale o x es. i cd di Sanremo) .
    Da consumatore sarei disposto a pagare fino a 10-13 eur. per un cd originale ,ma non di più , mentre il prezzo per un cd nuovo viaggia sempre intorno ai 20 eur. e più.
    Francamente mi pare che in Italia sia illegale vendere ed acquistare cd masterizzati ma non unirsi in un cartello per mettere prezzi ben al di sopra della media europea.
    I veri ladri sono i produttori ma nessuno dice niente.
    non+autenticato